GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Category archive

Senza categoria

Pippo Fava: Un giornalista contro Cosa Nostra

Senza categoria di

Il 5 gennaio del 1984 nella città di Catania si verificò un omicidio; al di fuori del Teatro Stabile venne ucciso il giornalista Giuseppe Fava, meglio conosciuto negli ambienti giornalistici con il nome di “Pippo”. Originario della città di Palazzolo Acreide (provincia di Siracusa), decise di intraprendere la carriera giornalistica subito dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Catania; la sua attività giornalistica lo portò a collaborare con molti dei quotidiani più importanti d’Italia; occupandosi di tematiche riguardanti lo sport e il cinema; all’attività giornalistica Fava alternò anche quella teatrale e cinematografica, nelle quali riuscì ad ottenere molti importanti successi a livello nazionale ed internazionale.

Ma tornando all’attività giornalistica, Giuseppe Fava fin dai suoi primi anni di carriera si occupò anche di uno dei temi più discussi in Italia nel dopoguerra, ovvero il fenomeno mafioso in Sicilia. Proprio su questo tema Fava fu uno dei primi giornalisti in Italia a riuscire ad intervistare due dei più importanti boss della mafia siciliana, Calogero Vizzini e Giuseppe Genco Russo, capimafia attivi nella provincia di Caltanissetta, che si suppone abbiano avuto un ruolo nell’Operazione Husky, la quale portò  allo sbarco delle truppe degli Alleati in Italia.

Durante gli anni’80 a Fava  gli venne assegnato il ruolo di direttore di uno dei più importanti quotidiani siciliani, il Giornale del Sud. Per portare avanti questo giornale decise di reclutare dei giovani talenti del giornalismo. Sotto la direzione di Fava il giornale cominciò ad occuparsi di una tematica che fino a quel momento sembrava estranea al capoluogo etneo, ossia la presenza di Cosa Nostra, fenomeno che secondo molti era circoscritto solo alla provincia di Palermo.

A Catania, al contrario di quello che pensavano in tanti, Cosa Nostra era già attiva da molti anni e proprio verso la fine degli anni’80 in città era in corso una guerra di mafia per stabilire la nuova leadership. Nel 1978 venne assassinato colui che era considerato il capomafia della città, Giuseppe Calderone detto “cannarozzu d’argento”, ucciso per volontà dei Corleonesi di Riina e Provenzano, che in quel periodo avevano dato il via ad una guerra di mafia in giro per la Sicilia, con l’obbiettivo di eliminare i vecchi boss o coloro che non volevano sottomettersi al loro potere, per poi rimpiazzarli con uomini a loro fedeli.

Morto Calderone a contendersi la leadership della città rimasero i suoi due luogotenenti, Alfio Ferlito e Benedetto Santapaola; il primo godeva dell’appoggio delle famiglie palermitane Bontate e Inzerillo (in precedenza alleate con Calderone), mentre il secondo godeva dell’appoggio dei Corleonesi, fu proprio Santapaola ad organizzare l’omicidio Calderone su ordine di Riina.

Dopo qualche anno di omicidi e atti intimidatori a prevalere fu Santapaola, che nell’estate del 1982 eliminò il suo rivale durante il suo trasferimento dal carcere di Enna a quello di Trapani. Fava e i suoi ragazzi misero alla luce i fatti. le due figure dei due boss in conflitto e in particolare quella di Benedetto Santapaola, del quale cominciarono a mettere in evidenza i suoi legami col mondo imprenditoriale e politico di Catania. Ovviamente Cosa Nostra decise di reagire mettendo a segno un attentato contro la redazione; oltre a Cosa Nostra questi articoli  non fecero piacere a coloro che finanziavano il giornale, i quali non potendolo più controllare, decisero di licenziare Fava.

Pur di non fermare la sua lotta in favore della verità  Fava e i suoi ragazzi, con non poche difficoltà, decisero di fondare un proprio giornale. Fava cominciò a pubblicare una rivista mensile conosciuta col nome i “Siciliani”. Uno degli articoli che fece parlare di più fu quello intitolato “I quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa”, nel quale denuncio quattro dei più importanti imprenditori del capoluogo etneo, accusandoli pubblicamente di essere collusi col boss Benedetto Santapaola.

La sera del 5 gennaio di trentotto anni fa, Cosa Nostra decise che era giunto il momento di mettere a tacere quello scomodo giornalista. Inizialmente sulla sua morte vennero fatte numerose ipotesi che variavano da motivi passionali fino a quelli economici. Solo al termine del processo “Orsa Maggiore 3” si riuscì a scoprire e condannare i veri mandanti ed esecutori del giornalista; nel 2003 vennero definitivamente condannati: Benedetto Santapaola in qualità di mandante, Aldo Ercolano (nipote di Santapaola) e Maurizio Avola come esecutori materiali del delitto.

Perché la Strategia canadese sullo Sviluppo Sostenibile può diventare un modello

Senza categoria di

In tema di Sviluppo Sostenibile, Canada e Unione Europea condividono principi e obiettivi, sottoscritti formalmente nell’Accordo di Partenariato Strategico. Anche il Canada ha inoltre adottato una Strategia federale, rinnovata ogni 3 anni, che si distingue per efficienza ed efficacia tanto da renderla un esempio da seguire.

Il Canada ha fatto dello sviluppo sostenibile una priorità sin dalla fine del ‘900. Il primo intervento governativo in materia è del 1995 con l’Auditor General Act con il quale a ciascuna amministrazione federale veniva richiesta la predisposizione di una propria strategia di sviluppo sostenibile. Sempre nel 1995 venne creato il Commissariato per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile (CESD) il cui scopo era quello di monitorare in che misura le singole amministrazioni raggiungevano gli obiettivi che si erano posti con la strategia adottata.

Lo scarso successo dell’iniziativa indusse il Governo canadese a cambiare direzione adottando un sistema più pregnante che prese concretezza con la pubblicazione nel 2008 del Federal Sustainable Development Act.  

La mission del FSDA è:

To provide the legal framework for developing and implementing a Federal Sustainable Development Strategy that will make environmental decision-making more transparent and accountable to Parliament.

La definizione di Sviluppo Sostenibile

È sempre l’FSDA a definire cosa si intenda per Sustainable Development:

development that meets the needs pf the present without compromising the abilities of future generations to meet their own needs.

Il richiamo, implicito, alla responsabilità costituisce il principio ispiratore del FSDA, tant’è che nel preambolo della norma si legge chiaramente che:

The Government of Canada accepts the basic principle that sustainable development is based on an ecologically efficient use of natural, social and economic resources and acknowledges the need to integrate environmental, economic and social factors in the making of all decisions by government.

E sempre nel FSDA si legge che:

it is the responsability of the sponsoring minister and ministers to ensure that the enviromental implications of the proposed initiative are fully reflected in their policy, plan or program proposal.

La rilevanza del principio enunciato è evidente e non necessita di ulteriore commento.

La Strategia Federale sullo Sviluppo Sostenibile

Nell’ottobre 2010 il Canada ha quindi adottato la Strategia Federale sullo Sviluppo Sostenibile (FSDS) che in base a quanto previsto dall’Act doveva essere raggiornata, come è peraltro avvenuto, ogni tre anni.

Ad oggi sono state appunto 4 le Strategie attivate dal Governo Federale Canadese, ciascuna delle quali ha integrato il contenuto della successiva:

2010/13

2013/1

2016/19

2019/22

Ciascun documento, all’esito del periodo di vigenza, ha infatti subito una attentata analisi e valutazione che, all’esito, ha prodotto l’evoluzione della successiva strategia.

Esaminando quella 2019/22 si legge, tra l’altro, che:

the government, led by Employment and Social Development Canada, is working with partners to implement the 2030 Agenda for Sustainable Development, particularly through the development of a whole-of- society 2030 Agenda National Strategy. As we implement the Federal Sustainable Development Strategy and future federal strategies, our efforts will continue to align with and contribute to this broader national approach.

 

The 2019–2022 FSDS is organized around 13 aspirational goals that are a Canadian reflection of the SDGs

È evidente pertanto l’esigenza avvertita dal Governo Canadese di coordinare la propria azione con quella degli altri Organismi internazionali attivi nel settore e soprattutto di estrema rilevanza è la consapevolezza che il coinvolgimento di tutti i livelli della società è indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi governativi.A tale proposito, sempre dall’ultima FSDS:

 We acknowledge that we cannot achieve sustainable development alone—partners such as provinces and territories, Indigenous peoples, communities, businesses, scientists, academia and non-governmental organizations all play a role in helping us meet our objectives.

Finally, we need your help—you can make a difference in areas such as addressing climate change, protecting ecosystems and improving air quality. We hope that you’ll take action, and that you’ll continue to provide input and ideas to help us further refine our sustainable development vision and long-term goals. 

La FSDS in quanto normativa Federale è applicata in tutta la Federazione Canadese attraverso le agenzie territoriali ma nulla impedisce che alcune Province abbiano sentito il dovere di predisporre delle proprie Strategie, come nel caso del Quebec, del Manitoba e della Regione dell’Athabaska (nella Provincia dell’Alberta).

A tale livello va aggiunto il richiamato committment delle municipalità che pure hanno un loro ruolo, che può risultare finanziariamente supportato dal Governo Federale

Le aree di intervento della FSDS sono 13 e ciò in linea con l’Agenda 2030 dell’ONU (dove gli obiettivi sono 17).

Gli elementi chiave della Strategia canadese per la sostenibilità

Gli elementi caratterizzanti che emergono dalla lettura della FSDS sono:

An integrated, whole-of-government approach of actions and results to achieve environmental sustainability;

A link between sustainable development planning and reporting and the Government’s score expenditure planning and reporting system;

Effective measurement, monitoring and reporting in order to track and report on progress to Canadians.

Il Sistema di monitoraggio e reporting

Oltre quindi al coinvolgimento dell’intero sistema amministrativo federale, chiamato ad agire in armonia e con scopi condivisi, gli aspetti sintetizzati sub 2 e 3 appaiono meritevoli di particolare attenzione.

Il (2) collegare l’FSDS al Sistema di gestione della Spesa (EMS) garantisce che ogni decisione presa dal Governo Federale tenga in adeguata considerazione le conseguenze di natura ambientale che possono derivare dalla adozione di politiche e programmi, con l’ulteriore conseguenza che a tutto ciò deve fare seguito un aumento della trasparenza e del livello di responsabilità dei decision makers.

Opportuno sottolineare in tal senso il ruolo di monitoraggio operato dal Sistema di Gestione della Spesa.

Esso si articola attraverso due azioni:

da un lato il Report on Plans and Priorities (RPPs) presentato periodicamente da ciascuna amministrazione con il quale vengono delineate, per un periodo di tre anni, le priorità e quali e in che modo vengono allocati i capitoli di spesa outlines, over a three year period, an organization’s priorities and where it will allocate the resources to address those priorities

dall’altro l’adozione di Report sui risultati raggiunti da ciascuna amministrazione Departemental Perfomance Report (DPRs) che vengono presentati periodicamente e che offrono una panoramica sugli obiettivi centrati, comparandoli con quanto proposto nel RPPs provides an overview of the accomplishments achieved by the organization compared to what it proposed in the RPP (Environment Canada, 2011, 8).

Terzo e forse più caratterizzante elemento é quello relativo a:

effective measurement, monitoring and reporting in order to track and report on progress ai cittadini Canadesi.

È questo, insieme al coinvolgimento di tutte le componenti della società, l’elemento che caratterizza la FSDS, non tanto per la previsione in sé e per sé di un monitoraggio dei risultati, ma per la meticolosa pianificazione, esecuzione, monitoraggio e nuova pianificazione sulla base dei risultati raggiunti, il tutto previa verifica, nella fase del controllo e della nuova pianificazione, del  loro carattere SMART, vale a dire della specificità degli obiettivi, misurabilità, raggiungibilità, rilevanza e tempi necessari.

 

La tabella che segue chiarisce lo schema.

The Plan-Do-Check-Improve management model

Source: The 2019–2022 Federal Sustainable Development Strategy Management Framework

Il Green Government Fund

Degno di nota nell’ultima FSDS, nell’ambito dell’obiettivo Greening Governemnt e della Greening Government Strategy, introdotta nel 2017, è la costituzione del Greening Government Fund.  

Tutti i ministeri e le agenzie federali che hanno un consumo di CO2 superiore ad un determinato livello sono chiamati a versare nel fondo un importo proporzionale all’eccesso di consumo.

Quanto raccolto nel fondo verrà a sua volta utilizzato dalle medesime amministrazioni federali che contribuiscono alla sua creazione per la realizzazione di progetti volti a migliorare le proprie performance di sostenibilità.

Inutile dire che i processi di valutazione, approvazione e verifica dei progetti viene puntualmente svolto e reso pubblico.

Sviluppo Sostenibile e relazioni UE-CANADA: lo Strategic Partnership Agreement

Per quanto riguarda specificamente i rapporti tra UE e Canada in tema di sviluppo sostenibile si deve fare riferimento allo Strategic Partnership Agreement, sottoscritto nel 2016 ed entrato in vigore nel 2017.

L’accordo fa del Sustainable Development uno degli elementi portanti dell’accordo stesso. L’intero Titolo IV è dedicato allo Sviluppo Economico Sostenibile e nell’ambito del Titolo IV, l’art. 12 (il più lungo e articolato dell’intero accordo) enuncia principi e impegna i contraenti in modo chiaro e definito.

Si potrà obiettare che tutta la politica, canadese e europea, in materia di sviluppo sostenibile sia una serie di sani principi ben enunciati che rischiano di rimanere fermi e non adempiuti.

Nel caso del Canada, l’esplicita consapevolezza da parte del Governo Federale della necessità di coinvolgere, oltre al Governo stesso, in tutte le sue articolazioni, anche l’intera società civile, in tutte le sue componenti, rendendo tutti direttamente responsabili e attivi, sin dalla determinazione delle priorità alla verifica dei risultati, rende il modello canadese un buon esempio da cui trarre ispirazione per un confronto che guarda in alto.



Di Paolo Quatrocchi

Direttore Centro Studi Italia Canada, Partner Nctm Studio Legale, Vice presidente Camera di Commercio in Canada Ovest.



2021: il Portogallo chiude col carbone e spinge sulle rinnovabili

Senza categoria di

Alla mezzanotte del 14 gennaio 2021 il Portogallo ha chiuso la grande centrale a carbone di Sines da 1296 MW, sulla costa meridionale del paese. I piani iniziali dell’EDP, il colosso energetico portoghese, erano di chiudere Sines nel 2030.  L’impianto era responsabile del 12% di tutte le emissioni di gas serra in Portogallo e la sua chiusura ha significato la più grande diminuzione delle emissioni inquinanti nella storia del paese. Entro la fine dell’anno EDP chiuderà anche l’unica centrale di questo tipo, ma molto più piccola, rimasta in attività a Pego, a una cinquantina di km dal grandioso castello del Templari a Tomar e a 140 km da Lisbona.   

Il Portogallo – che accelera ancora nel suo impegno per l’energia pulita e per l’impiego delle rinnovabili –  diventa così il quarto paese europeo ad abbandonare completamente la produzione di energia elettrica da carbone dopo Belgio (2016), Austria e Svezia (2020), secondo i dati di Europe Beyond Coal, una  ONG ambientale che ci dice che entro il 2025 diranno addio a questo tipo di produzione energetica altri quattro paesi dell’UE:  Francia (2022), Slovacchia (2023), Irlanda e Italia (2025).  Ma ci sono anche altre medaglie “green” conquistate dai portoghesi: nel mese di febbraio 2016, un quantitativo pari al 95% dell’elettricità consumata in Portogallo è stato prodotto da fonti rinnovabili come le biomasse, l’energia idroelettrica, l’energia eolica e l’energia solare. E nel maggio dello stesso anno tutta l’elettricità consumata in Portogallo è stata prodotta in modo rinnovabile per un periodo di oltre quattro giorni, un traguardo fondamentale per un moderno paese europeo. Traguardo ripetuto negli anni seguenti, tranne in quelli della forte siccità.

Oggi i numeri parlano chiaro: la produzione totale di energia nel portogallo continentale ha raggiunto i 14.262 GWh nel primo trimestre di quest’anno, in crescita del 3,3% rispetto all’anno precedente.  Sulle colline del Portogallo continuano girare a pieno regime gli impianti eolici: non solo nei grandi parchi eolici tra Viseu – Coimbra – Vila Real ma anche negli  altri 20 impianti da Lisbona a Viana do Castello (ai confini con la Spagna), da Evora, nell’Alentejo  a Portalegre nel Nord. Nel 2020, l’energia eolica ha rappresentato il 24% della produzione di elettricità.

E ora l’eolico conquista anche il mare oltre alle sommità sulla terraferma. Nell’Atlantico, a 20 km dalla costa di Viana do Castelo, è iniziato l’assemblaggio del parco eolico galleggiante del consorzio Windfloat Atlantic, che comporta un investimento di 125 milioni di euro. Una volta completata, questa centrale eolica sull’acqua avrà una capacità di 25 MW e sarà in grado di produrre energia elettrica sufficiente per circa 60.000 abitazioni. Partito nel gennaio 2020, il progetto –  finanziato dalla Commissione Europea, dal governo portoghese e dalla Banca Europea per gli Investimenti – porterà alla realizzazione del primo parco eolico galleggiante semisommergibile al mondo.  Il successo, nel 2011, del prototipo di parco eolico WindFloat1 da 2 MW ha spianato la strada allo sviluppo del progetto WindFloat Atlantic: WindFloat1 ha prodotto oltre 17 GWh di energia, operando con onde alte fino a 17 metri e venti molto forti.

Sulla strada dell’energia verde il Portogallo può contare anche sulla fonte che viene direttamente dell’acqua: quella del mare e quella dei fiumi.  Nella produzione di energia idroelettrica dalle onde del mare il Portogallo ha inaugurato il 23 settembre 2008, la Aguçadoura Wave Farm, la prima wave farm commerciale al mondo. Questa centrale a onde marine si trova nelle acque oceaniche, tre miglia al largo di Póvoa de Varzim, una cittadina a nord di Porto. 

Ma è dai fiumi imbrigliati dalle dighe che arrivano per ora i risultati migliori. Nel 2020 l’energia idroelettrica ha rappresentato il 28% della quantità totale di elettricità prodotta in Portogallo da fonti rinnovabili. La più grande centrale idroelettrica si trova presso la diga di Alto Lindoso, con una potenza di 630 MW. Inoltre il Portogallo ha circa 100 piccoli impianti idroelettrici, con una capacità di 256 MW, che producono 815 GWh/anno.

Il Portogallo inoltre combina l’energia eolica e idroelettrica utilizzando i venti notturni per pompare l’acqua in salita e inviandola verso i generatori per produrre energia il giorno successivo: la cosiddetta energia idroelettrica di pompaggio.

C’è poi l’energia solare/fotovoltaica che però, stranamente, in Portogallo oggi registra numeri poco significativi, nonostante le oltre 300 giornate all’anno di soleggiamento. Attualmente questo tipo di energia green rappresenta solo il 2 per cento della produzione di energia dalle rinnovabili. Tuttavia è vicina la svolta in questo settore: si stima che entro il 2030 verranno creati circa 20.000 posti di lavoro nel solo settore del solare-fotovoltaico, avendo EDP annunciato un investimento di 24 miliardi di euro nel settore delle rinnovabili fino al 2026, la maggior parte dei quali destinati proprio alla produzione eolica, solare e di idrogeno verde.

Infine il Portogallo ha dimostrato di saper ben sfruttare le sue risorse geotermiche. Il principale investimento del paese per l’utilizzo di questo tipo di energia è oggi nelle Azzorre. L’uso su piccola scala di questa fonte di energia è iniziato negli anni ’80 nel Portogallo continentale, ma è nelle Azzorre che si è più largamente diffuso l’uso della geotermia, in 8 delle 9 isole dell’arcipelago.

Il Portogallo, dunque, marcia veloce nella realizzazione di impianti di energia rinnovabile: nel periodo gennaio-agosto 2021 queste centrali hanno soddisfatto il 63% del consumo di elettricità del Portogallo, come mostrano i dati dell’utility Redes Energeticas Nacionais (REN). L’acqua e il vento continuano a fornire il contributo maggiore, coprendo rispettivamente il 28% e il 25% della domanda nazionale. 

Cesare Protettì



Il Vicepresidente della Regione Siciliana Gaetano Armao designato rapporteur sulla coesione digitale al CdR EU

Senza categoria di

lI vicepresidente ed assessore all’Economia della Regione Siciliana, Gaetano Armao (PPE), è stato designato dalla Commissione Affari economici del Comitato europeo delle Regioni, relatore sul parere relativo alla coesione digitale in adunanza plenaria.

Parere che il componente siciliano del CdR dal 2018 presenterà sull’eliminazione dei divari digitali in Europa e la promozione della coesione digitale a partire dal sistema insulare.

La scelta cade quindi sul componente del Comitato che rappresenta quella che viene definita la “Regione più infrastrutturata sul piano digitale del Mediterraneo” e che ha conseguito il pieno utilizzo delle risorse europee.

L’opinione, che sarà presentata dal Vicepresidente Armao, riguarderà il contrasto al crescente divario digitale, cardine importante del programma di lavoro per il 2021 della commissione ECON impegnata ad approfondire il monitoraggio e la misurazione della digitalizzazione a livello locale e regionale nell’ottica di comprendere meglio non solo i progressi compiuti, ma anche le necessità e le sfide.

Il mandato per la politica economica della Commission for Economic Policy (ECON) copre svariati campi che vanno dalla Governance economica e semestre europeo sino alla Politica industriale ed Industria 4.0. Il Segretariato ECON è anche responsabile del sistema di premi European Entrepreneurial Regions (EER), che premia le regioni dell’UE con la politica imprenditoriale più innovativa e del Network of Regional Hubs for EU policy Implementation Review (RegHub), una piattaforma che coinvolge gli attori locali e regionali attraverso consultazioni per raccogliere le loro esperienze sull’attuazione delle politiche dell’UE.

Il programma di lavoro, proposto per il 2022 dalla commissione ECON, pone inoltre l’accento sulla promozione della connettività e trasformazione digitali a livello territoriale sia nelle zone urbane che in quelle rurali, assicurando il massimo coinvolgimento degli enti locali e regionali. che sono state in prima linea nella lotta contro la pandemia.

La trasformazione digitale per un’economia sostenibile

Senza categoria di

Digitale e Sostenibilità. Sono queste le due parole chiave che, nel momento cruciale che sta attraversando l’Italia e la sua economia in particolare, assumono rilievo per condurre il Paese fuori dalle secche della crisi per il Covid 19 e rendere stabile la crescita, che per il momento si limita ad un rimbalzo dopo il crollo causato dalla pandemia.

La ripresa deve essere dunque sostenuta e rafforzata con interventi che vedano combinate la digitalizzazione della finanza e la sostenibilità.

Del tema si è parlato al convegno “La trasformazione digitale per un’economia sostenibile” organizzato dalla CFX Quantum e dall’Università Guglielmo Marconi di Roma, con la collaborazione di AM Advisor e Stefano Santori Training, tenuto mercoledì 1 dicembre nell’Aula Magna dell’Università, dove sono intervenuti qualificati esperti, imprenditori ed operatori del settore della finanza.

Nel corso del convegno si è argomentato come il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, debba essere per l’economia il motore dello sviluppo sostenibile e digitale, così come indicato dall’UE.

Occorre infatti mettere mano, finalmente, alla digitalizzazione dei sistemi, dalla Pubblica Amministrazione al settore finanziario, tenendo presente, allo stesso tempo, l’aspetto della sostenibilità.

Le nuove sfide per la ripresa e lo sviluppo devono inoltre confrontarsi con i criteri ESG, Environmental Social and Governance, per investire e produrre rispettando il clima , l’ambiente ed il sociale.

I lavori del convegno si sono articolati in tre sessioni: la prima su ‘Trasformazione digitale e finanza’; la seconda su ‘Sostenibilità della finanza e dell’economia nel mercato attuale’ e la terza che ha visto il confronto tra rappresentanti delle Istituzioni italiane su ‘Il ruolo delle Isituzioni per la sostenibilità dell’economia digitale’.

È stato inoltre dato spazio e rilievo nel convegno alla presentazione dei progetti italiani per la trasformazione digitale e la sostenibilità, che assecondano la trasformazione digitale in Italia, dando impulso ad un presente sviluppo digitale e sostenibile, rispettando il clima, l’ambiente ed il sociale.

Progetti quali ad esempio quello di ReBo (Recyclable Bottle) che è una bottiglia intelligente che ha nel tappo un microchip collegato allo smartphone tramite una app, che incentiva a bere acqua e, ad ogni ricarica di liquido, traccia il risparmio di plastica e finanzia la raccolta di una bottiglia di plastica per ogni bottiglia assunta; oppure quello di Green Stone che è una pavimentazione con piastrelle di porcellana completamente green perché ricavata da scarti di lavorazione; o ancora quello di ESG Portal, è una società che sta mettendo a disposizione delle aziende italiane una certificazione del rispetto dei criteri ESG, Environmental Social and Governance: o infine quello di Enav, l’Ente nazionale di assistenza al volo, che si avvale di tecnologie all’avanguardia per razionalizzare le rotte aeree, che diventeranno più brevi, consentendo rilevanti risparmi di carburante.

Al convegno hanno partecipato inoltre società di finanza decentralizzata, specializzate nell’utilizzo della blockchain per fornire certificazioni, garanzie, risparmio e investimenti, che vengono forniti in forma digitale senza intermediari.

Dai lavori del convegno è emerso che il Paese ha progetti e proposte per la trasformazione digitale, così come auspicato dall’Unione Europea con l’obiettivo di rilanciare l’economia e permettere lo sviluppo digitale e rafforzare la sostenibilità, così come indicato nel PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e prescritto dall’UE.

Di particolare rilievo l’intervento del senatore Adolfo Urso che ha affermato che la transizione al digitale riguarda anche e soprattutto il mondo della Finanza, come emerge dalla stessa attività del Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) e dalle cronache di questi giorni sugli hacheraggi e sulle criptovalute. Lo stesso Urso ha concluso augurandosi che l’Italia possa rivendicare la sede della nascente Autorità antiriciclaggio europea, visto che il nostro paese ha tutti i titoli per farlo contribuendo così a migliorare la performance europea in tema di sicurezza.

Sempre sul mondo della finanza digitale è intervenuto Marco Mottana, fondatore della neo bank 01 Quantum, che ha raccontato la genesi e lo sviluppo del suo progetto, che ha come finalità quello di aiutare utenti privati e aziende ad avvicinarsi al mondo della finanza digitale offrendo soluzioni di qualità, efficienti ed innovative, in particolare nel mondo dei sistemi di pagamenti  (come ad esempio il lancio di una carta prepagata che integri in un unico sistema integrato la disponibilità di tutti i sistemi di pagamento attualmente disponibili sul mercato). Tali sistemi si fondano su un’infrastruttura blockchain che garantisce anche sicurezza, correttezza e trasparenza delle transazioni.

Di rilievo anche l’intervento del Generale della Guardia di Finanza, Giovanni Padula, che ha sottolineato come sia necessario realizzare un adeguamento normativo tempestivo rispetto al mutevole scenario del mondo finanziario sempre più interessato dall’evoluzione digitale (ad esempio con l’adozione nei pagamenti delle cripto valute), che eviti il rischio di sottovalutare l’opacità intrinseca e le reali minacce/ potenzialità degli attuali sistemi digitali finanziari.

Infine è intervenuto anche Alessandro Toschi,CEO di AM ADVISOR, società di consulenza strategica focalizzata nel management consulting e specializzata in ambito FinTech e Corporate Finance (una delle prime in Italia ad operare nella Finanza Decentralizzata, il che vuol dire criptovalute, blockchain). Toschi ha spiegato inoltre il modello di consulenza di AM Advisor, volto alla creazione di valore per i propri clienti,aiutandoli a crescere attraverso una costante innovazione dei propri servizi, per rispondere alle evoluzioni del mercato e alle pressioni competitive, progettando e implementando soluzioni personalizzate nel mondo della finanza digitale. Lo stesso Toschi ha illustrato nel corso del suo intervento anche il proprio ruolo di board manager e advisor in ESG Portal (del cui progetto abbiamo già parlato), una start up che certifica i requisiti di sostenibilità di aziende grandi e piccole.

Al convegno sono intervenuti tra gli altri, inoltre l’on. Davide Zanichelli, creatore del gruppo interparlamentare ‘Criptovalute e blockchain’, la presidentessa dell’Enav Francesca Isgrò, Mario Scino del Ministero Sviluppo, Maria Siclari dell’Ispra, gli imprenditori Giuseppe Notarnicola, vicepresidente esecutivo STMicroelectronics, Fabio Ruffini Head Investor Relations Inwit, Karim Sghaier manager Serendipity Capital LTD, Marco Mottana CEO Cfx LTD, Alessandro Toschi Board member ESG Portal e i vertici dell’Università G. Marconi Alessio Acomanni, Nicola Formichella e Marcello Condemi.

Per chi fosse interessato e volesse ascoltare l’intero svolgimento dell’interessante convegno riportiamo qui di seguito il link della sua registrazione.

 

Fondazioni ITS, preparazione specialistica al mondo del lavoro

ECONOMIA/Senza categoria di

Attive da quasi dieci anni le Fondazioni per la formazione specialistica sono la cerniera tra la formazione e il mondo del lavoro indirizzando gli studenti verso settori dell’industria con competenze adeguate.

Ne parliamo con il prof. Maracchioni presidente della Fondazione ITS per le nuove tecnologie della vita e coordinatore nazionale delle Fondazioni e con il dottor Massimo De Meo Presidente di Confassociazioni Terzo Settore.

Continue reading “Fondazioni ITS, preparazione specialistica al mondo del lavoro” »

Turismo balneare parte fondamentale della Blu Economy

ECONOMIA/Senza categoria di

Con 7800 chilometri di coste il settore del turismo balneare rappresenta uno dei pilastri dell’economia del mare con più di 800.000 mila addetti su tutto il territorio nazionale. Dopo due anni di pandemia il settore risponde bene e ha dimostrato di potersi riprendere con molti progetti per il futuro. 

Continue reading “Turismo balneare parte fondamentale della Blu Economy” »

Il ruolo della ricerca per lo sviluppo sostenibile dell’economia del mare

ECONOMIA/Senza categoria di

l’ENEA è in prima linea nella ricerca al servizio dello sviluppo sostenibile con progetti specifici e collaborazioni internazionali, ne parliamo con il dottor Christian Chiavetta, ricercatore del dipartimento sostenibilità dell’Ente. Cambiamento climatico e rischi legati economici ed ambientali legati all’innalzamento del mare fino ad arrivare alle competenze specifiche necessarie per lo sviluppo dell’economia del mare, le blu skills sono i  temi affrontati nell’intervista in attesa della partecipazione al Blue Planet Economy European Maritime Forum’, il format internazionale dedicato alla Blue Economy in chiave euromediterranea, progetto organizzato da Fiera Roma e MAR – Marine Activities and Research Association, in collaborazione con Habitat World e Biennale Habitat e con il sostegno di Regione Lazio, Unioncamere Lazio e della Camera di Commercio di Roma che si terrà online il 7 e l’8 ottobre 2021 e che può essere seguito registrandosi a questo link

Continue reading “Il ruolo della ricerca per lo sviluppo sostenibile dell’economia del mare” »

Energia dal mare per la Blu Economy

ECONOMIA/Senza categoria di

Seares srl è un’azienda italiana innovativa fondata nel 2018 che produce ormeggi di nuova generazione per il settore nautico, applicabili anche in altri settori industriali. Il nome deriva dall’unione di “Sea” (mare) e “Res” intesa sia come “research” (ricerca) che come “res” (dal latino “cosa, ricchezza”). La ricerca applicata alle “cose di mare”, uno spirito tecnologico abbinato al fascino del mondo marittimo per un’azienda dalla vocazione internazionale.

Continue reading “Energia dal mare per la Blu Economy” »

Report Libia – Download

DOWNLOAD/Senza categoria di

Report Libia 2020 – Download

Report Libia

FREE DOWNLOAD

Send download link to:

Confermo la contestuale iscrizione alla newsletter gratuita di European Affairs che può essere annullata in qualsiasi momento.

1 2 3 9
Redazione
Vai a Inizio
× Contattaci!