GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Category archive

POLITICA

IV Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome-CGIE: Fedriga conferma la realizzazione nell’anno in corso

POLITICA di

“Accogliamo con grande soddisfazione – commenta Michele Schiavone, Presidente del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE) – la conferma dell’impegno a organizzare nell’anno in corso la IV Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome-CGIE da parte del neo Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Massimiliano Fedriga. Questo appuntamento ufficiale, atteso da oltre 10 anni, quando in realtà dovrebbe essere triennale, – continua Schiavone – è fondamentale per aggiornare l’agenda delle politiche per gli italiani all’estero e fare il punto sui profondi cambiamenti sociali, culturali e migratori avvenuti in Italia in questi anni. Una sfida da affrontare con autorevolezza e strumenti adeguati per valorizzare il potenziale delle nostre comunità fuori dai confini nazionali”.

Continue reading “IV Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome-CGIE: Fedriga conferma la realizzazione nell’anno in corso” »

Tensione Stati Uniti – Russia: Biden accusa e minaccia Putin

POLITICA di

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una recente intervista alla Abc ha attaccato senza giri di parole Vladimir Putin definendolo un ‘assassino’ scatenando così non solo un forte fermento mediatico, ma l’ovvia reazione del Cremlino che ha richiamato il proprio ambasciatore a Washington, Anatoly Antonov. Continue reading “Tensione Stati Uniti – Russia: Biden accusa e minaccia Putin” »

L’ombra lunga del neopresidente americano sulla politica italiana

POLITICA di

Le immagini in mondovisione del Campidoglio di Washington preso d’assalto lo scorso 6 gennaio hanno scosso le democrazie occidentali. A seguito degli eventi indecorosi di Capitol Hill, il cui mandante morale si materializza nella persona di Donald Trump, il mondo intero ha tirato un sospiro di sollievo all’insediamento del nuovo Presidente Joe Biden presso la Casa Bianca. La nuova era inaugurata da Biden e dalla sua vice, Kamala Harris, aleggia come un’ombra sulla politica italiana e ne influenza, direttamente e indirettamente, le dinamiche interne.  

“Non dobbiamo cancellare ciò che è successo, perché la democrazia non è un dono che viene dal cielo, la dobbiamo continuamente rinnovare, dobbiamo sempre investire nella democrazia”. Così il 44° Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha commentato l’assalto a Capitol Hill, ospite da Fabio Fazio su Rai3 nel suo programma a Che tempo Che Fa, ricordandoci che la democrazia non è qualcosa di scontato, ma è fragile e va tutelata dagli “impulsi di estrema destra”.

A poco più di un mese dal suo insediamento, a colpire di Joe Biden è sicuramente il punto di rottura col suo predecessore sul lato della comunicazione. Donald Trump passerà alla storia per essere stato il presidente americano che più di tutti ha fatto un uso spasmodico, controverso e molto personale dei social media. Lungo l’elenco dei tweet per attaccare gli oppositori politici, inveire verso altri Capi di Stato e condividere fake news.  L’atto finale della sua permanenza alla Casa Bianca, d’altronde, è stata una lunga campagna di delegittimazione delle elezioni presidenziali sui social, bollata come la miccia che ha scatenato l’assalto al Congresso e che ha dato avvio al suo secondo impeachment per “incitamento all’insurrezione”.

Ai tweet infuocati di Trump si è sostituita una comunicazione completamente opposta: istituzionale, formale e sobria. Nelle primissime ore del suo incarico, Joe Biden ha annunciato la firma di 17 ordini esecutivi volti a stigmatizzare molte delle politiche che hanno reso Trump così divisivo. Tra queste la reintegrazione degli Stati Uniti negli accordi di Parigi, il ritiro dell’uscita dall’OMS, lo stop alla costruzione del muro con il Messico e il ripristino della volontà dell’amministrazione di Barack Obama di promuovere la diversità all’interno del governo federale. Re-impegno sul clima, cambio di rotta sull’immigrazione, ripristino del multilateralismo, inclusività e diversità: difficile credere che l’Italia possa essere immune al cambiamento d’oltreoceano. Quello che succede negli Stati Uniti si lega in maniera speculare e condiziona, direttamente e indirettamente, le vicende italiane ormai da sempre. Una variante, tra le tante in gioco, di un certo spessore che compone il complesso quadro della politica nostrana.

Non possiamo non notare come all’insediamento di Biden coincida il ribaltamento operato da Matteo Renzi alla maggioranza giallo-rossa. Tra le varie dinamiche che hanno spinto il senatore a questa scelta, si vocifera abbia inciso anche la sua ambizione a ricoprire un incarico internazionale come segretario generale presso la NATO. Con Joe Biden alla guida del paese più influente del mondo, appare sicuramente una strada più percorribile rispetto al passato, alla luce della stima reciproca che Renzi può vantare con le amministrazioni dem statunitensi. Il ritiro delle ministre di IV che ha causato la crisi in seno all’ormai “fu governo Conte bis” ha portato alle dimissioni di Giuseppe Conte, riconfermato a Palazzo Chigi la scorsa estate anche grazie a seguito di un endorsement di Trump, giunto sotto forma di cinguettio e fonte della famosa storpiatura in “Giuseppi”.

Ed ecco che Biden diventa una figura a cui guardare al momento della ricerca dei numeri alle Camere. “L’agenda della nuova amministrazione Biden è la nostra agenda, condividiamo l’approccio del multilateralismo perché il bilateralismo non ha risolto e non può risolvere i problemi” Così Giuseppe Conte, citando il neopresidente americano nel suo intervento per chiedere la fiducia al Parlamento e convincere i cosiddetti costruttori a un voto di “responsabilità”.

Ancora più sorprendente il cambio di rotta del segretario della Lega, Matteo Salvini, da sempre tra i più aspri critici dell’europeismo, che nelle ultimissime ore si è dichiarato disponibile a sostenere un governo Draghi (d’altronde, difficile dire di no a una figura irreprensibile come quella dell’ex governatore della Bce). In parte, bisogna dirlo, sollecitato anche dalle forze economiche e produttrici del Nord, regione di natura sempre più europea sotto il punto di vista industriale e imprenditoriale. L’altro ieri, così, la Lega ha sostenuto Draghi, votando a favore del regolamento del Recovery plan al Parlamento europeo, quando soltanto un mese fa si era astenuta. Salvini ha rivisto anche la sua linea dura sull’immigrazione, una tematica che gli ha sempre assicurato un ampio bacino di consenso, dichiarando che “Proporremo l’adozione della legislazione europea. A noi va bene che il tema sia trattato come in Francia e Germania, con le stesse regole. Coinvolgendo la Ue”. Anche qui lo scostamento ricalca il passaggio avvenuto dall’amministrazione Trump a quella di Biden, da toni di chiusura, sovranisti e unilaterali a un’apertura verso temi di maggiore responsabilità e multilateralismo. Sull’atlantismo a cui Draghi aveva preliminarmente fatto riferimento, Salvini è netto: “Dobbiamo guardare alle democrazie, all’Occidente, alle libertà dell’Occidente, senza essere tifosi di altri regimi che di democratico non hanno nulla”. Una dichiarazione sbalorditiva per chi ha sempre strizzato l’occhio a regimi tutt’altro che democratici, quali quelli di Orbán, Morawiecki e Putin.

Insomma, la nuova fase inaugurata da Mario Draghi, la cui agenda ha definito essere atlantista e europeista, ha destabilizzato il sovranismo nostrano. Che sia pura tattica politica, le prossime mosse lo riveleranno. Fatto sta che non si può tralasciare l’influenza di uno scenario internazionale mutato, in cui i potenti interlocutori di una volta, sono o fuori gioco, vedasi Trump, o poco affidabili, come nel caso di Putin delegittimato dalla stampa estera sotto molti punti di vista, a fronte dello scandalo Navalny, della violenta repressione delle manifestazioni di piazza e la successiva decisione di espellere diplomatici Ue.

La crisi sanitaria ha mostrato l’inadeguatezza della retorica sovranista e messo in evidenza la necessità di una risposta multilaterale di fronte a una sfida di natura transfrontaliera come la pandemia. Sbandati dal mutamento dei punti di riferimento all’estero, i partiti italiani sembrano aver trovato rifugio sotto l’ombra di Joe Biden e della sua vice, Kamala Harris, verso posizioni più moderate e meno populiste “alla Trump”.

Studio della Regione Siciliana: la condizione d’Insularità costa 6,54 miliardi di euro all’anno ai siciliani

POLITICA di

Studio della Regione Siciliana: la condizione d’Insularità costa 6,54 miliardi di euro all’anno ai siciliani

A rivelarlo è uno studio – “Stima dei costi dell’insularità per la Sicilia” – condotto dal governo Musumeci attraverso il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della Regione Siciliana e il Servizio statistica e analisi economica dell’assessorato all’Economia, con il supporto dell’Istituto di ricerca Prometeia

Continue reading “Studio della Regione Siciliana: la condizione d’Insularità costa 6,54 miliardi di euro all’anno ai siciliani” »

Gaetano Armao confermato alla presidenza del gruppo interregionale per l’insularità del comitato europeo delle regioni

POLITICA di

Il Comitato europeo delle Regioni (CdR) a Bruxelles ha confermato per il nuovo mandato (2020-2025) il Gruppo interregionale per l’Insularità, confermando come suo Presidente Gaetano Armao, Vicepresidente ed Assessore all’economia della Regione Siciliana, come Vicepresidente Nanette Maupertuis, componente dell’esecutivo regionale della Corsica, e come segretario organizzativo Leonardo Di Giovanna, funzionario della Regione Siciliana. Continue reading “Gaetano Armao confermato alla presidenza del gruppo interregionale per l’insularità del comitato europeo delle regioni” »

La “propulsione al plasma”: la sfida tra Wuhan e Boston sulla costruzione di aerei a zero emissioni.

Sin dal primo volo aereo più di 100 anni fa, gli aeroplani sono stati azionati utilizzando superfici mobili come eliche e turbine. La maggior parte è stata alimentata dalla combustione di combustibili fossili. L’Electroaerodynamics, in cui le forze elettriche accelerano gli ioni in un fluido, viene proposta come metodo alternativo di propulsione di aeroplani — senza parti in movimento, quasi silenziosamente e senza emissioni di combustione. Tuttavia, nessun aereo con un tale sistema di propulsione a stato solido, è riuscito a spiccare il volo. La rivista Nature nel suo studio “Flight of an aeroplane with solid-state propulsion” dimostra come un sistema di propulsione a stato solido può sostenere il volo a motore, progettando e pilotando un aereo più pesante dell’aria a propulsione elettro-aerodinamica.

Leggi la pubblicazione originale sulla rivista scientifica Nature: Flight of an aeroplane with solid-state propulsion.

Continue reading “La “propulsione al plasma”: la sfida tra Wuhan e Boston sulla costruzione di aerei a zero emissioni.” »

Covid-19: una pedina fondamentale sulla scacchiera internazionale

Con “trappola di Tucidide” il grande storico attribuiva lo scoppio della guerra fra Atene e Sparta alla crescita della potenza ateniese, e alla paura che tale crescita causava nella rivale Sparta. Oggi mentre il mondo affronta una delle sue sfide più importanti, lo scenario internazionale ci pone di fronte alla possibilità che questa trappola scatti. Ancor prima dell’emergenza Covid-19, si scorgeva una fase storica in cui una potenza a lungo dominante -gli Stati Uniti- fronteggiava una potenza emergente -la Cina- e in molti, sullo scenario internazionale, temevano per gli effetti di questa competizione.

Un duello già visto

Quest’anno per l’economia globale sarà il peggiore degli ultimi cent’anni. Solo negli Stati Uniti il tasso di disoccupazione nel mese di aprile è passato al 14,7%, il più alto dalla Grande Depressione, e sicuramente le continue pressioni tra Stati Uniti e Cina non porteranno a sviluppi migliori. Nel giro di pochi mesi gli umori dell’amministrazione americana verso Pechino si sono più volte capovolti. Prima le battaglie su Huawei, il 5g e lo spionaggio informatico che, ad un certo punto, sembravano risolte con una stretta di mano tra i due leader, ma con lo scoppio del contagio il Covid-19 è diventato una pedina fondamentale sulla scacchiera internazionale.

Il Coronavirus appare in Cina a “fine dicembre” e per il mese di gennaio si rivela un problema solo cinese. Trump e i suoi esperti non esternano preoccupazione, anzi per tutto il mese e quello successivo, Trump elogerà la Cina: il 24 gennaio sul suo profilo Twitter il Presidente statunitense scriveva: “China has been working very hard to contain the Coronavirus. The United States greatly appreciates their efforts and transparency. I twill out well. In particular, on behalf of the American People. I want to thank President Xi”. Non solo Trump ringraziava il Presidente Xì per il lavoro svolto, ma il 10 febbraio si congratulava anche con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per poi accusarla a metà aprile di aver “portato avanti la disinformazione della Cina riguardo al coronavirus” e decidere la sospensione degli aiuti per un periodo tra i 60 e i 90 giorni.

La comunicazione si fa sempre più difficile

Mentre l’epidemia cresce negli Stati Uniti, a inizio marzo gli infètti sono 1300 e i morti 36, Trump dichiara emergenza nazionale e il tono nei confronti di Pechino cambia. Il Covid-19 inizia e diventare il “virus cinese” mentre il portavoce del Ministro degli esteri cinese accusa “il virus potrebbe essere partito dagli Stati Uniti e portato a Wuhan dall’esercito statunitense, quando lo scorso ottobre più di 300 soldati americani si trovavano a Wuhan per il campionato mondiale di giochi militari”.

La battaglia si sposta sul controllo della narrazione della pandemia e la comunicazione diventa la chiave per decidere chi uscirà vincitore su scala mondiale. Iniziano le ripercussioni sui giornalisti. Il 19 febbraio Pechino espelle tre cronisti del “Wall street journal”, accusati di aver utilizzato un titolo dispregiativo “China is Real Sick Man of Asia”, a cui si accoderanno più tardi anche i giornalisti del New York Times e del Washington Post. D’altra parte, Washington risponde allontanando 60 inviati cinesi dei principali media filogovernativo.

Nel frattempo, le voci che il virus possa provenire dai laboratori di Wuhan, viene smentita il 17 marzo dalla rivista scientifica “Nature medicine”. Il Covid-19 è il risultato di un’evoluzione naturale, arrivata dal pipistrello, ma questo non ferma né la propaganda americana né il Presidente Trump che annuncia l’intervento dell’intelligence americana per investigare sulle origini del Covid-19, mentre la Cina rispedisce le accuse al mittente affermando che gli Stati Uniti spostano l’attenzione dei loro ritardi nell’agire contro il coronavirus.

Lo scontro comunicativo si rinvigorisce con le esternazioni del segretario di Stato americano, Mike Pompeo che domenica scorsa davanti all’Abc, affermava di avere enormi prove che il virus provenga dai laboratori di Wuhan. Posizione ritrattata parzialmente pochi giorni dopo, “ci sono solo delle evidenze ma non delle certezze” e riaccusa Pechino di mancata trasparenza nella fase iniziale del contagio e di continuare a essere “opaca” e a “negare l’accesso” alle informazioni.

Il Covid-19 e la leadership internazionale

Quello che oggi appare più evidente non sono solo le conseguenze del Covid-19 nel mondo ma anche il ruolo che esso ha assunto nella contrapposizione tra Stati Uniti e Cina. Quello che la storia ci dirà è che quel “rinoceronte grigio” (espressione coniata dall’analista politico americano Michele Wucker che si riferisce ai pericoli grandi e trascurati) è già in casa nostra ed ha subito un processo di fusione. Come i tentacoli di una piovra che si legano immediatamente a qualsiasi cosa, il Covid-19 è progressivamente diventato la nuova pedina da sfruttare per respingere l’ambizione della Cina di colmare il vuoto di leadership con gli Stati Uniti. E l’Europa? La sensazione è che l’Ue abbia bisogno di un processo rigenerativo per poter acquisire quel sentimento di unione tanto promosso quanto artificioso. Nell’attesa che questo processo possa presto manifestarsi, la speranza è quella di non restare intrappolati nello scontro tra Usa e Cina. La sensazione è che l’Ue non dovrà fronteggiare solo le gravi conseguenze che il Covid-19 lascerà, oltre a far fronte a questa pandemia che colpisce in maniera orizzontale ogni paese, l’Ue dovrà contrastare da un lato, il forte euroscetticismo presente nei propri confini e dall’altro, la prospettiva di una contrapposizione sempre più forte tra Cina e Usa. Dalle sue risposte dipenderà il suo futuro, la sua leadership internazionale e la sua indipendenza rispetto ai due principali contendenti a livello globale.

Lega: piano strategico per il turismo post Covid-19

ECONOMIA/POLITICA di

Il piano strategico della Lega per un rilancio del paese a seguito della grande crisi post-epidemica del Covid19, parte da un confronto con le categorie produttive che maggiormente subiranno le conseguenze della profonda recessione prevista. Tra queste il turismo e le attività commerciali connesse rientrano nel novero di quei settori economici, inquadrati genericamente nel mondo delle Partite Iva, che sistematicamente contribuiscono alla creazione di gran parte del Prodotto Interno Lordo nazionale ed ai maggiori contributi fiscali. Continue reading “Lega: piano strategico per il turismo post Covid-19” »

1 2 3 13
Elena Bittante
Vai a Inizio
× Contattaci!