GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Author

Gianni Dell'Aiuto

Gianni Dell'Aiuto has 29 articles published.

Orbiting: il nuovo subdolo confine dello stalking

SOCIETA' di

Una persona interessata a noi, oppure l’ex che avete lasciato da poco, o che vi ha lasciato, oggi ha una nuova modalità di tenervi sotto controllo e monitorare la vostra vita e, grazie ai social, è la stessa vittima che mette a disposizione del suo persecutore tutti gli strumenti necessari per farlo. Si tratta di una modalità decisamente subdola, invasiva, strisciante perché, in un primo momento, difficile da individuare.

Leggi Tutto

L’armistizio che diede il via ad un’altra guerra

SOCIETA' di

L’immagine che meglio rende l’idea di che cosa ha rappresentato e come sia stato vissuto l’otto settembre del 1943 è senza dubbio la scena del celeberrimo film di Luigi Comencini, Tutti a Casa. Il sottotenente interpretato da Alberto Sordi che, con il suo manipolo di soldati, si trova sotto il fuoco dei tedeschi, comunica al suo comando una notizia incredibile: “I tedeschi si sono alleati con gli americani.” Che cosa altro avrebbe dovuto pensare lui come tutti gli altri italiani, che come lui, non erano informati di ciò che stava accadendo e non sapevano che cosa fare?

Leggi Tutto

I risvolti social del “Caso Archie” Ancora una volta TikTok ha ucciso

SOCIETA' di

Ha tenuto molti con il fiato sospeso la vicenda del piccolo Archie Battersbee, e la battaglia dei genitori per salvargli la vita che ha visto coinvolto anche il nostro paese dove il dodicenne britannicopoteva essere portato nel tentativo di procrastinare quanto più possibile la sua vita nonostante fosse stato dichiarato da mesi lostato di morte cerebrale. La tragedia è stata è una tragedia che è stata amplificata focalizzando l’attenzione dei lettori e dell’opinione pubblica su un dibattito mai sopito che vede posizioni profondamente diverse e difficilmente conciliabili.

Nei giorni scorsi anche Marco Cappato, Presidente dell’Associazione Luca Coscioni, ha richiamato l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica sul problema accompagnando all’eutanasia in Svizzera una donna veneta, malata terminale e autodenunciandosi per l’ennesima volta. Avremo un’altra assoluzione per lui? Forse una condanna? O, nelle more, finalmente, il nuovo Parlamento compirà un atto coraggioso varando una legge che rispetti la scelta dell’individuo oppure  vada a definire i limiti dell’accanimento terapeutico.

In ogni caso questo dibattito ha fatti purtroppo passare in secondo piano quella che è la causa all’origine della morte del ragazzo: ancora una volta i social e ancora una volta TikTok.

Archie è almeno il settimo giovanissimo morto nel mondo per avere accettato una sfida su TikTok: la “Blackout Challenge, quella in cui giovanissimi si riprendono mentre trattengono il fiato fino all’estremo per poi lanciare il video sulla piattaforma socialper vincere il maggior numero di like e condivisioni ed avere unmomento di gloria. Ovvio che altri adolescenti cercheranno di emulare questi “eroi” della rete con effetti catastrofici. Non dimentichiamo, infatti, che tutti i giovanissimi morti per queste sfide avevano meno di quindici anni; due di loro addirittura meno di dieci anche se l’età minima richiesta per accedere a TikTok sarebbe tredici anni. Viene da chiedersi quali siano le reali forme di controllo sia da parte del social sia, prima di tutto, da parte di chi mette in mano a bambini uno smartphone senza rigorose istruzioni per l’uso. Non consola il fatto che negli Stati Uniti sono state già intentate almeno due cause nei confronti di TikTok per accertarne la responsabilità nella morte dei giovani. 

Prescindendo per il momento dalla ancora mai chiarita Blue Whale Challenge, possiamo comunque aggiungere alla Blackout Challenge la Skull Break Challenge nella quale la vittima di uno “scherzo” viene sgambettata a terra da due complici mentre salta e, ancora, le sfida a chi ingurgita più alcool o medicinali (Benzedryl in particolare) o si bagna gli occhi con miscele di schiuma da barba e candeggina per finire al salto dalla cabinovia. In Italia una bambina di dieci anni di Palermo è deceduta per una di queste sfide.

Archie per ora è l’ultima vittima conosciuta di questa follia sociale, ancora, non ci rendiamo ocnto che un computer o uno smartphone sono vere e proprie armi che, quando messe in mano a chi non è in grado di usarle, possono sono portare conseguenze estreme come quelle appena citate. Ma TikTok e le morti che  ha ad oggi cagionato sono solo paradossalmente la punta dell’iceberg del problema generato dall’incapacità di gestire consapevolmente internet e i social.

Tra gli altri aspetti non dimentichiamo che la piattaforma cinese è stata più volte messa sotto accusa in ordine ai rischi checomporta per i dati personali degli utenti; anche il Garante italiano ha lanciato un allarme in tal senso e da più parti si sono levate grida niziando dalla di allarme e peindicandolo come veicolo di induzione alla pedopornografia tanto che in India è stato messo al bando ed è probabile che avvenga in altre nazioni.

Ancora una volta il social più di tendenza tra i giovanissimi è stata la causa determinante di una tragedia che, come tutte quelle che l’hanno preceduta, doveva essere evitata. I social si dimostrano una volta di più strumento che deve essere gestito e viene lasciato invece in mano a chi non sa usarlo ed è inconsapevole dei rischi che corre e fa correr, specialmente a chi deve ancora formarsi e non riesce a comprendere i messaggi che giungono sul suo schermo.

Maggior controllo da parte delle famiglie che devono essere i primi guardiani, prima ancora di un software che può essere facilmente aggirato da chi è nato con lo smartphone in mano. Igenitori dovrebbero impedire ai loro figli di accedere ad una piattaforma ormai notoriamente pericolosa mentre, a quanto pare, sono loro a spingere i figli in questa direzione sperando di vederli diventare famosi.

Una maggiore consapevolezza sarebbe necessaria insieme ad un’informazione mirata e anche la scuola dovrebbe dare il suo contributo. In teoria la rete è già piena di informazioni, notizie, articoli specialistici e non, che rendono edotti della pericolosità di questa piattaforma che ha quasi un miliardo di utenti ed è in costante crescita con un incredibile appeal specialmente sui giovanissimi; ma evidentemente non basta. Anonymous ha già invitato tutti a disinstallare l’applicazione ed avvertito che TikTok è in realtà uno strumento di spionaggio controllato dal governo cinese. 

Questa ‘ennesima tragedia dimostra tuttavia come i messaggi restino inascoltati. L’utente medio della rete è sordo ai richiami all’attenzione e, a colpi di click continua la navigazione in mari pericolosi senza preoccuparsi minimamente delle possibili conseguenze ad iniziare da quella di conoscere a chi mette in mano i propri dati personali, la sua vita, i suoi cari. 

Forse è davvero il momento di pensare ad un’agenzia sovranazionale che controlli e disciplini la vita in rete. E per vita si intende non solo quella all’interno del web, ma quella reale che, anche nel caso di Archie è terminata per una follia di moda tra gli adolescenti.

ANCORA TIKTOK; ANCORA VIOLAZIONE DATI DI MINORI

SOCIETA' di

L’Autorità olandese per la protezione dei dati (DPA) ha inflitto una sanzione di 750.000 euro a TikTok per violazione della privacy dei bambini. Le informazioni fornite da TikTok agli utenti olandesi, molti dei quali sono di giovane età, durante l’installazione e l’utilizzo dell’app erano in inglese e quindi non facilmente comprensibili a chi non ha una compiuta conoscenza della lingua e, in ogni caso, non sia in grado di comprendere termini tecnici. Non offrendo la propria informativa sulla privacy in olandese, TikTok non è riuscita a fornire una spiegazione adeguata di come l’app raccoglie, elabora e utilizza i dati personali. Si tratta di una violazione della normativa sulla privacy, che si basa sul principio che le persone devono sempre avere un’idea chiara di ciò che viene fatto con i loro dati personali.

Leggi Tutto

I tristi risultati dei test invalsi, davvero e’ colpa della dad?

SOCIETA' di

Cercare una scusa, un capro espiatorio, un responsabile che non sia il diretto interessato è uno degli sport sicuramente più praticati al mondo e noi italiani forse non siamo secondi a nessuno. L’ultimo episodio quello di cercare di incolpare la famigerata didattica a distanza dei disastrosi esiti dei test invalsi da parte di studenti che hanno superato l’esame di maturità e hanno rivelato una preparazione da terza media. Senza tema di smentita possiamo dire che viene confermato un trend da anni costante al quale DAD e pandemia hanno quasi certamente contribuito, ma che non può trovare in queste ultime la sua unica ragione.

Leggi Tutto

Il ban social a Trump: in Italia era già accaduto

SOCIETA' di

La chiusura degli account social di Donald Trump è stata accolta con disappunto dai suoi sostenitori e gioia dai detrattori del miliardario; le due fazioni si sono lasciate guidare dalla simpatia o antipatia nei confronti dell’ex presidente americano e non hanno considerato che la questione è molto più profonda e tocca aspetti non solo dei rapporti tra utente e la piattaforma, ma investe tematiche giuridiche non semplici che toccano l’essenza stessa della partecipazione alla competizione in primis democratica e poi elettorale così come si presenta oggi.

Leggi Tutto

L’attualità del pensiero di Pippo Fava

SOCIETA' di

Ricorre oggi l’anniversario dell’assassinio da parte della Mafia di Giuseppe Enzo Domenico Fava, conosciuto meglio come Pippo, giornalista e uomo anche di letteratura e cinema che con la sceneggiature per il film Palermo or Wolfburg vinse l’orso d’Oro al festival di Berlino
1980. Fava venne ucciso la sera del 5 gennaio 1984, non ancora sessantenne a Catania con alcuni colpi alla nuca che, in un primo momento fecero pensare ad un delitto non di stampo mafioso. Di tutta la sua attività, senza voler sminuire assolutamente alcun aspetto, specialmente quelli connessi alla sua attività di inchiesta che lo ha portato alla morte, viene oggi da riflettere su una sua frase che si rivela a dir poco profetica, di trema attualità e che merita di essere riportata integralmente per essere compresa appieno.

Leggi Tutto

Geopolitica e geoeconomia. Opportunità globali post-covid

SOCIETA' di

L’emergenza Covid non è certo ancora terminata e non è dato sapere quali potranno essere gli sviluppi futuri anche solo nel breve periodo: la campagna di vaccinazione è solo all’inizio e i toni sono decisamente più ottimistici rispetto a solo alcuni mesi orsono; se quindi a livello sanitario sembra si intraveda l’uscita dal tunnel altre considerazioni possono essere fatte a livello politico globale.

Leggi Tutto

Referendum, un’altra ragione per il no

SOCIETA' di

Il segretario del PD, Zingaretti, ha fornito ai sostenitori del No al prossimo referendum sul taglio dei parlamentari, un altro valido argomento. Definendo infatti il no una clava per colpire il governo, ha spostato l’attenzione di un elettorato molto distratto e che vota con la pancia e non con la ragione, verso un problema del tutto differente e che nulla ha a che vedere con la stabilità di una maggioranza che i suoi membri vogliono tenere in piedi, sembra ormai, solo per la paura di perdere poltrone e incarichi o uscire dal giro. Leggi Tutto

Gianni Dell'Aiuto
0 £0.00
Vai a Inizio
× Contattaci!