Il magazine della tua Città

Tag archive

musica live

Cettina Donato e Ninni Bruschetta in concerto a Jazz&Image

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 14 settembre 2022

Cettina Donato e Ninni Bruschetta sono tornati nuovamente a Roma, , con il loro concerto, dal titolo “I Siciliani”, composto da raffinati racconti in musica attraverso le parole di un artista fuori degli schemi quale è stato il siracusano Antonio Cardarella.

Nello splendido scenario del Parco del Celio a due passi del Colosseo. sulle musiche arrangiate da Cettina Donato ed eseguite con una band di strumentisti di eccellenza, Ninni Bruschetta ha omaggiato il poeta-amico interpretandone i versi, attraverso la recitazione ed il canto.

Il concerto racconta frammenti di vita e il senso di un luogo, le terre di Sicilia, fondendo mirabilmente e portando in scena sia l’esperienza teatrale di Bruschetta – attore, regista, sceneggiatore – sia quella musicale di Donato – artista e direttrice d’orchestra.

Tra i brani eseguiti anche una mirabile interpretazione di ‘Amandoti’ del cantautore Giovanni Lindo Ferretti.

Sul palco anche Celeste Gugliandolo (voce), Dario Cecchini (sax e flauto), Dario Rosciglione (contrabasso) e Mimmo Campanale (batteria).

La serata è stata successivamente chiusa dal quintetto composto dai chitarristi Angelo Debarre e Miraldo Vidal, insieme a Rangy Debarre (chitarra), Alessandro Vece (violino) e Paride Furzi (contrabasso) che hanno eseguito pezzi del repertorio gipsy jazz del chitarrista francese Django Reinhardt.

La galleria delle immagini



La giovane cantante norvegese AURORA in concerto a Roma

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

La giovane cantante norvegese Aurora Aksnes, conosciuta nel mondo della musica semplicemente come AURORA, ha potuto finalmente esibirsi nei concerti del suo tour italiano, dopo il rinvio degli stessi inizialmente programmati per lo scorso mese di febbraio.
Dopo il buon successo di pubblico ottenuto a Milano nella serata di mercoledì , ieri sera è stata la volta del palco della sala Santa Cecilia all’Auditorium di Roma.

L’artista di Bergen, che si è fatta conoscere negli scorsi anni al pubblico internazionale con ‘Half the World Away’, cover del famoso brano degli Oasis, è caratterizzata da una voce molto particolare, armoniosa e quasi angelica, che accompagna i sound delle sue canzoni che richiamano le atmosfere dark e a volte malinconiche delle terre scandinave.

Tra i brani eseguiti alcuni relativi agli esordi come ‘Running with the wolves’ del 2015 o ‘Runway’, quest’ultimo utilizzato nell’episodio conclusivo della famosa serie televisiva statunitense ‘The Following’ e quelli che fanno parte del suo ultimo album pubblicato all’inizio di quest’anno, dal titolo ‘The Gods we can touch’, come ‘Cure for me’, ‘Exist for life’ o ‘A Dangerous Thing’.

La scaletta del concerto
The Forbidden Fruits of Eden
Heathens
Blood in the Wine
Churchyard
Warrior
Daydreamer

The River
A Potion For Love
A Dangerous Thing

A Temporary High (acustica)
Runaway
The Seed

Cure for Me
Running With the Wolves
Giving In to the Love

It Happened Quiet
Exist for Love
Infections of a Different Kind


La galleria delle immagini


Il concerto di Louis Tomlinson a Roma

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Ieri sera alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma,  si è finalmente celebrato il ritorno live di Louis Tomlinson, l’ex della band britannica degli One Direction.

Il concerto, che ha registrato il tutto esaurito, ha aperto con la sua prima tappa il tour italiano che proseguirà con i prossimi appuntamenti del  1° settembre a Taormina e del 3 settembre a Milano.

Il cantautore britannico ha eseguito  non solo brani della sua carriera da solista tratti dall’album Walls del 2020, ma anche canzoni che hanno portato al successo gli One Direction come Drag me down o Night changes.

Nella scaletta anche il brano We made it, che se da un lato racconta di una relazione ai tempi dell’università, dall’altra rappresenta un messaggio ai propri fan sull’importanza di sostenere sempre i più “sfavoriti”.

Il concerto è stato aperto dalla giovane band degli Stone, che recentemente si è esibita negli opening act dei concerti del cantautore britannico Yungblud.

La scaletta dei brani

  1. We Made It
  2. Drag Me Down
  3. Don’t Let It Break Your Heart
  4. Always You
  5. Change
  6. Night Changes
  7. 7 (Catfish and the Bottlemen cover)
  8. Fearless
  9. Only the Brave
  10. Habit
  11. Copy of a Copy of a Copy
  12. Defenceless
  13. Beautiful War (Kings of Leon cover)
  14. Little Black Dress
  15. Walls
  16. Through the Dark
  17. Kill My Mind

Le immagini del concerto

Cous Cous Unplugged: la quattro giorni romana

in COMUNICATI STAMPA/CULTURA/MUSICA by


Comunicato dell’ufficio stampa HF4

COUSCOUS UNPLUGGED

Nel cuore del quartiere Ottavia, 4 giorni di Open Mic, Talk, Musica, Labs, Urban Life
Rap, Intercultura, Periferie
con Chicoria e Amir Issa, Slava e Lorenzo Werst, Phedra e Rosa White, Charles Muda e Samia, e la giornalista Sabika Saha Povia

Tutti i giorni dal 25 al 28 agosto 2022 dalle ore 18.30 alle ore 24.00 nel quartiere Ottavia
Via Casal del Marmo 216 (Parcheggio della Scuola Pablo Neruda)
Ingresso gratuito

Dopo il successo in tutta Italia di Spaghetti Unpluggeddal 25 al 28 agosto 2022 debutta a Roma – nella periferia nord est di Ottavia, Via Casal del Marmo 216 – Cous Cous Unplugged, spin off del noto format diretto e ideato da Davide Dose, con Giovanni Romano e Gianmarco Dottori: 4 giorni di musica, incontri, open mic e talk alla scoperta della nuova e della storica scena rap romana e italiana.

Ogni sera due ospiti musicali, uno italiano e uno di origini straniere, per un vero e proprio mini-festival a ingresso gratuito per esplorare i temi dell’intercultura, della vita in periferia, della forza identitaria e migliorativa della musica e delle parole.

Concerti e open mic, ma anche laboratori di scrittura, laboratori creativi e aperitivi etnici: a salire sul palco in un confronto animato e creativo di musica, rime e parole saranno pietre miliari del rap come Chicoria e Amir Issa, al fianco di artisti come Slava e West HMZ, Phedra e Rosa White, Charles Muda e Samia. Insieme a loro Sabika Saha Povia, giornalista con molte esperienze televisive, che ogni sera li stimolerà sui temi del progetto, in un talk serale che diventerà anche un podcast audiovideo per indagare l’intercultura nella produzione musicale e sociale. Ad accomunare tutti gli artisti presenti è il legame con la scena rap/urban.

Ogni sera spazio aperto anche agli emergenti della zona e di tutta Roma che volessero dimostrare la propria capacità di rime e musica: un open mic aperto alle nuove leve della capitale, secondo la collaudata formula che ha reso Spaghetti Unplugged progetto di punta del lancio e rilancio della scena musicale italiana dell’ultimo decennio.

Venerdì 26 e sabato 27, alle 18.30, laboratorio di scrittura rap a cura di Aku e Amir Issa: momento dedicato alla scrittura creativa, dall’idea iniziale fino alla realizzazione di una strofa e poi di un brano completo. Rime, tecniche e tricks (perché il rap …è una cosa seria) e, per i più piccoli, ”Parole e Musica in libertàlaboratorio per bambini dai 7 ai 13 anni a cura di Laura Aglietta, domenica 28 agosto alle 18.00.

Ogni giorno alle 21.30 ad aprire la serata di Cous Cous Unplugged sarà Sabika Saha Povia che, con i 2 artisti ospiti del successivo live showcase, si confronterà sui temi del progetto. Un artista è italiano e l’altro ha origini straniere: conta questa cosa? Come e perchè?

A seguire i concerti, tutti i giorni alle ore 22.15.

Si parte il 25 agosto con Slava e Lorenzo West. Slava, rapper di origini ucraine che vanta collaborazioni con Frah Quintale oggi vive a Brescia; è stato uno dei primi a raccontare la guerra in Ucraina tramite le testimonianze ricevute dai parenti dal suo Paese natale e pubblicate sui social. Lorenzo West, classe ‘98, originario proprio di Ottavia per Cous Cous Unplugged proporrà il sound della periferia nord ovest di Roma e farà gli onori di casa raccontandoci il suo quartiere, che ospita appunto la manifestazione.

Si prosegue venerdì 26 agosto con Phedra e Rosa White. Phedra, nata a San Basilio, è nota soprattutto per l’energia e la forza comunicativa che trasmette durante i suoi live, nella sua musica si sente tutta l’influenza della scuola romana del rap. Rosa White, artista classe ‘91, ha diviso il palco con artisti come Murubutu e Assalti Frontali, sperimentato numerose collaborazioni (Fastcut, Er Drago, Suarez, YDFWN) e nell’Ottobre 2021 si è esibisce con il suo brano “Come Me”, ospite di Propaganda Live con Diego Bianchi.

Sabato 27 agosto, la serata di Cous Cous Unplugged è dedicata a due pietre miliari del rap romano e non solo: Amir Issa e Chicoria.

Amir Issa è uno dei capostipiti del rap romano. Di origine egiziana, si avvicina all’Hip Hop all’inizio degli anni Novanta, prima come breaker e poi come writer nella crew capitolina The Riot Vandals. Tra i fondatori del leggendario Rome Zoo, un collettivo di cui hanno fatto parte nomi storici della scena rap romana come: Colle Der Fomento, Cor Veleno, Flaminio Maphia, Piotta, e molti altri. attualmente si divide tra progetti musicali e didattici con il progetto “Potere alle parole”, che lo ha portato a collaborare con scuole e università, sia in Italia che negli Stati Uniti. Nel 2021 esce il suo nuovo libro “Educazione rap”.

Chicoria è una pietra miliare del rap italiano. Muove i primi passi alla fine degli anni ’90 tra le strade di Roma come writer, membro della crew ZTK. Già parte della cultura hip-hop della capitale, si avvicina al rap quando conosce i ragazzi di ITP (In The Panchine) e del TruceKlan. Nel tempo incide molti album e partecipa a collaborazioni con artisti di spicco della scena. Si citano alcuni progetti che sono considerati culto, come In the Panchine realizzato con gli ITP, e La Calda Notte, joint album con Noyz Narcos.

La serata di chiusura di Cous Cous Unplugged domenica 28 agosto è affidata a Charles Muda e Samia. Charles Muda è il nome d’arte di Carlo Barboni, un classe ’98 cresciuto in giornate assolate di Monteverde a Roma, da genitori che passavano il loro tempo libero suonando o dipingendo. Il suo primo lavoro discografico “POP ART” in pochi mesi ha totalizzato dal nulla oltre 100.000 streaming su Spotify e 70.000 visualizzazioni su Youtube, ma soprattutto ha saputo attirare le attenzioni delle maggiori testate giornalistiche del settore.

Samia, romana, di origini somale e yemenite. Si dice che da piccola, appena sveglia, si alzava ed iniziava a cantare e ballare, facendo intendere da subito le sue passioni e intenzioni verso quello che lei stessa chiama il suo “psicofarmaco per l’ansia”, ossia la musica. A ottobre 2021 entra nel roster di Leave Music e pubblica un 45 giri digitale dei brani “Volume Spento” e “Piove”.

Il 15 dicembre partecipa alla finale di Sanremo Giovani 2021 con il brano “Fammi respirare”, scritto in collaborazione con Francesco Cataldo che ne cura anche gli arrangiamenti e la produzione.

Ogni sera, dalle 18.30 alle 24.00 spazio anche al gusto con le proposte etniche ed etiche a cura di Gustamondo, progetto nato con l’idea di proporre integrazione sociale tramite la “cucina”. Con la collaborazione di alcune Onlus, che già si occupano di situazioni difficili e di emarginazione, Gustamundo organizza cene etniche preparate da uomini e donne provenienti dai paesi più disagiati. Saranno loro che, diventando protagonisti in cucina, vivranno un momento di serenità e aggregazione, consentendoci di assaggiare specialità di tutto il mondo. Gustamundo sarà dunque un “porto gastronomico” dove i nostri ospiti migranti possano fermarsi e farci conoscere meglio la cultura e i sapori della loro terra.

Per iscriversi al laboratori inviare mail a spaghettiunplugged@com

Per partecipare all’open mic basta presentarsi ogni giorno alle ore 18.30 e iscriversi: 2 brani a testa di cui almeno uno originale.

Ufficio stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Alessandra Zoia alessandra.zoia@hf4.it 333.76.23.013

Il gruppo toscano dei BNKR44 a Rock in Roma

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by


Il gruppo toscano dei BNKR44 ha presentato i propri brani al numerosissimo pubblico romano sul palco della manifestazione Rock in Roma, quale opening act del concerto di Blanco.

La band composta da sette elementi, ovvero Ghera, Caph, Fares, Erin, Faster, Piccolo e JxN, ha iniziato a muovere i primi passi nel 2019. Nello spazio della serata i BNKR44 hanno seguito alcuni brani tratti dai loro primi album 44Deluxe e Farsi male per noi va bene, nonché il loro ultimo singolo So chi sei.

I ragazzi dei BNKR44 completeranno il loro tour estivo in giro per l’Italia con le seguenti esibizioni live.

04/08 SERAVEZZA – VERSILIA (LU) mediceo live festival
08/08 PORTO EMPEDOCLE (AG) – lightbluefestival
09/08 MILAZZO – mishmashfestival
12/08 LAMEZIA TERME (CZ) – color fest
15/08 LECCE – seifestival
02/09 TORINO – pinewoodfestival
03/09 PIACENZA- bleechfestival

La galleria delle immagini

Blanco: 30 mila in delirio per il suo concerto a Rock in Roma

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by


Ieri sera all’Ippodromo delle Capannelle si è tenuta la prima delle due serate del concerto di uno degli artisti più nominati del momento, ovvero Blanco.

Il diciannovenne bresciano, il cui vero nome è Riccardo Fabbriconi, uno degli ospiti più attesi della manifestazione Rock in Roma, ha fatto registrare il sold out con oltre 30.000 presenze. Anche per la seconda serata è previsto il tutto esaurito.

L’artista ha ripercorso i brani che lo hanno portato alla ribalta della scena musicale italiana già nel 2021, quali La canzone nostra e Mi fai impazzire, Notti in bianco, Paraocchi e Blu Celeste, che dà anche il titolo al suo primo album.

Ovviamente Blanco non eseguire nel finale il brano Brividi, canzone con la quale nel corso di quest’anno ha vinto la 72° edizione del Festival di Sanremo, in coppia con Mahmood, e con la quale ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest 2022.

La serata è stata aperta dal gruppo pop e underground dei Bnkr44.

La scaletta del concerto

Intro – Mezz’Ora di sole
Paraocchi
Figli di puttana
Sai cosa c’è
Finché non mi seppelliscono
Pornografia (Bianco paradiso)
David
Ladro di fiori
Belladonna (Adieu)
Nostalgia
Notti in bianco (acustica)
Blu Celeste
Lucciole
Amatoriale
Ruggine
Follia
Mi fai impazzire
Afrodite
La canzone nostra
Brividi
Notti in bianco


La galleria delle immagini

Il live tour di Ron per i suoi 50 anni di carriera

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by


Il live tour che celebra i 50 anni di musica del celebre cantautore Ron, dal titolo “Non abbiam bisogno di parole”, ha fatto tappa ieri sera a Roma nella cornice di Piazza Gabriella Ferri del centro commerciale Maximo.

In questo tour il cantante lombardo è accompagnato da una delle orchestre più note nel nostro Paese, la Ensemble Symphony Orchestra diretta dal Maestro Giacomo Loprieno, che vede anche la partecipazione del pianista Giuseppe Tassoni.

Ron ha eseguito per il pubblico romano una serie di classici intramontabili e molti pezzi celebri che nel corso di questi decenni di carriera l’artista ha scritto per molti colleghi (da Futura a Vorrei incontrarti fra cent’anni, da Anima a È l’Italia che va, da Chissà se lo sai fino alla celeberrima Una città per cantare, passando poi per Non abbiam bisogno di parole, Al centro della musica, Attenti al lupo, Piazza Grande, Cosa sarà).

Ron ha anche presentato canzoni più recenti quali Più di quanto ti ho amato e Sono un figlio, che faranno parte del suo nuovo album di inediti che dovrebbe uscire in autunno.

La galleria delle immagini

L’ecletticità di Yves Tumor al Villa Ada Festival

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 11 luglio 2022

Come parte del suo tour europeo di presentazione del suo ultimo album “Heaven To A Tortured Mind“, l’eclettico musicista e cantante statunitense Yves Tumor, al secolo Sean Bowie, ha tenuto ieri sera il suo concerto al Villa Ada Festival 2022.
Di fronte al pubblico romano Tumor, accompagnato dai quattro elementi della sua band, ha presentato, con il suo stile particolarissimo e inconfondibile, i suoi pezzi composti da musica rock pop sperimentale ed elettronica

Avvolto da fasci di luci a volte blu scuro, a volte rossi o violetto, Tumor ha danzato continuamente con movimenti rapidi a coprire l’intero palco con un contatto costante, anche fatto di gestualità, con gli spettatori, i quali hanno risposto con calore e partecipazione.

Le immagini del concerto

VILLA ADA FESTIVAL

in COMUNICATI STAMPA/CULTURA/MUSICA by

Roma, 17 giugno 2022
Comunicato stampa a cura ABOUT-ENT

Si è aperta ieri la stagione di grandi concerti nella meravigliosa cornice di VILLA ADA a Roma il VILLA ADA FESTIVAL, la rassegna che tra giugno e luglio ospiterà grandi concerti di artisti italiani e internazionali, DJ Set, comici come LUCA RAVENNA, STEFANO RAPONE e attori quali ASCANIO CELESTINI.

Per informazioni e dettagli: www.villaadafestival.it.

Questo il calendario completo:

VILLA ADA FESTIVAL è una manifestazione all’interno della quale convivono naturalmente inclusività e socialità.

I contenuti della programmazione veicolano la nostra idea di musica, arte, sport e cucina contemporanea – sottolineano gli organizzatori – con la precisa volontà di far conoscere anche ai più giovani uno degli scenari naturali e performativi più suggestivi d’Italia. Villa Ada è entertainment ed energia culturale rinnovabile e rinnovata”.

INFORMAZIONI SULL’AREA e L’INGRESSO
Il Parco è aperto tutti i giorni dalle ore 17:00 alle ore 02:00
Il box biglietteria è aperto dalle ore 19:00 alle ore 22.30
I punti bar e i ristoro sono aperti tutti i giorni dalle ore 17:00 alle ore 02:00
E’ vietato introdurre cibo, vetro, caschi, mezzi elettrici, biciclette, monopattini, selfie stick, macchine fotografiche, videocamere, oggetti taglienti, pericolosi e atti all’offesa, strumenti musicali, alcol… (copiare info dal sito https://www.villaadafestival.it/faq/ )
I cani devono essere tenuti a guinzaglio per tutta la durata della permanenza in area
L’ingresso ai concerti è gratuito per i minori di 12 anni (accompagnati dai genitori)
Le persone disabili, con riconoscimento di disabilità < o = al 75%, pagano il biglietto per intero ma l’accompagnatore può usufruire del biglietto omaggio (per informazioni: info@villaadafestival.it

Partner della Manifestazione:

Responsabile Comunicazione ABOUT srl
Jessica Gaibotti, responsabile comunicazione, cell. 335 7020638 j.gaibotti@about-ent.it
Lucia Angelici, 3482302556 angelicimedia@gmail.com
Libera Mariella Tavaglione Liberatavaglione@gmail.com

Richieste di accrediti a
press@about-ent.it



Marco Zurzolo – “I napoletani non sono romantici”

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 1 giugno 2022

Il sassofonista e compositore Marzo Zurzolo ha presentato alla Casa Del Jazz il suo nuovo progetto “I napoletani non sono romantici”, che è anche il titolo del suo libro.

Il progetto si pone l’obiettivo di rappresentare e raccontare la sua Napoli, nel rispetto dei suoni, dei colori e della grande tradizione di questa meravigliosa città.

Una visione di musica nuova che fonde mirabilmente insieme suoni e linguaggi diversi, spaziando dal jazz alla più tradizionale canzone napoletana.

Zurzolo, istrionico protagonista del jazz italiano ed internazionale, ha condiviso il palco di Villa Osio con alcuni dei suoi amici di sempre come Vittorio Riva alla batteria, con il  quale è cresciuto, e Carlo Fimiani alla chitarra.

Sul palco anche l’attrice Giuliana De Sio che ha letto alcuni brani tratti dal libro di Zurzolo.

La galleria delle immagini

Roberto Bettacchi
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?