Il magazine della tua Città

Author

Chiara Lucarelli

Chiara Lucarelli has 3 articles published.

T.A.R.M. “Pasolini – Concerto Disegnato” all’Angelo Mai

in MUSICA/PHOTOGALLERY by

Sabato sera l’Angelo Mai, storico locale romano underground, ha ospitato un concerto davvero sui generis. Ad animare la serata sono infatti saliti sul palco i Tre Allegri Ragazzi Morti, con il loro nuovo tour “Pasolini – Concerto disegnato”. Non un semplice concerto, ma uno spettacolo tout court, pensato come un omaggio alla figura e alla vita di Pierpaolo Pasolini nell’anno in cui ricorre il centenario della sua nascita.
Al centro del palco, su un grande schermo immaginato come una tavolozza virtuale, vengono proiettate le immagini a cui Davide Toffolo, artista e frontman dei T.A.R.M., dà vita in tempo reale con colori e pennelli. Le sonorità della band accompagnano la creazione artistica, alternate alla voce dello stesso Pasolini, ed a spezzoni dei suoi film, trascinando il pubblico in un loop psichedelico narrativo all’interno del quale prende vita la complessa biografia pasoliniana. Quello dei Tre Allegri Ragazzi Morti è uno spettacolo unico, una performance che riunisce il mondo dell’arte, della letteratura e del cinema, utilizzando la musica come cornice. Una kermesse artistica suggestiva, multicolore ed evocativa che ha saputo regalare al pubblico grandi emozioni. Al termine, Davide Toffolo mette poi da parte pennelli e colori per imbracciare la chitarra, e i T.A.R.M. portano a conclusione la serata suonando alcuni dei loro brani più conosciuti. Un concerto davvero unico e particolare ed un omaggio davvero speciale ad uno degli autori più importanti e controversi dell’ultimo secolo. Ci piace pensare che lo stesso Pasolini avrebbe apprezzato.

Polemica torna il 25 novembre con un nuovo singolo: Ammazzerò.

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Il giovane rapper Polemica torna a sorprendere con un nuovo singolo ed un video in uscita il 25 Novembre: “Ammazzerò”.

Già vincitore, a soli 17 anni del Lazio Sound, contest di rilievo promosso dalla Regione Lazio, Polemica, con questo brano mostra già una maturità artistica ben superiore ai suoi anni.

Ammazzerò” si presenta come un grido di protesta scaturito da un momento di noia.

Un grido di ribellione in rima, un appello alla sua generazione, la generazione Z, a non farsi sopraffare dalla noia ma a reagire piuttosto alle problematiche della realtà che la circonda. 

Polemica canta “Ammazzerò la noia di una mosca cieca con un pensiero sconfitto che ritorna su’, rappresentando in poche parole scelte la necessità di reagire alle batoste della vita rialzandosi, anziché lasciandosi avvolgere dal limbo apatico della noia.

Il giovane rapper reagisce ai colpi di un mondo che spesso sembra cadergli addosso con l’arma della sua musica.

Scrive: “La storia della vita è come eterea mi piomba addosso come una meteora” e promette “Salirò sul palco di un concerto con il microfono aperto per dire andiamo sempre più giù”, veicolando così un messaggio che invita i suoi coetanei a comprendere la spirale negativa in cui rischia di finire il mondo odierno, ed a reagire andando controcorrente, per cambiare le cose e non rischiare di restare intrappolati in un loop senza uscita.

Il rap di Polemica si snoda veloce e ritmato, le rime si accavallano come in un flusso di coscienza musicale, accompagnato da una base melodica di chitarra.

Le sonorità ricordano la musica indie ed il ritmo è allo stesso tempo dolce ma incalzante.

Ad accompagnare il singolo “Ammazzerò” un video di grande impatto visivo realizzato da Massimiliano Greco che certamente contribuirà al successo del nuovo brano.

Polemica è un giovanissimo rapper classe 2005.

Vive a Roma, suona il pianoforte e scrive canzoni sin da bambino. Inizia il suo progetto all’età di 14 anni, influenzato dalla sua passione per il rap old-school, lofi e cantautorale.

Odia gli indifferenti e trova nella scrittura l’occasione per lanciare un messaggio sociale e morale che arrivi al pubblico in maniera incisiva.

Nel 2022 ha vinto il primo premio di categoria “Urban Icon” di Laziosound e il Full Contact Contest promosso dall’etichetta Honiro Label, con la quale ha pubblicato il singolo Gennaio.

Foto di Giulio Paravani
Foto di Simone Bureca
Foto di Simone Bureca

Una serata speciale con Cristiano Godano

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Cristiano Godano Live a Forte Antenne

Quest’anno a Roma “La notte degli Antemnati”, serata conclusiva della stagione 2022 di Forte Antenne, è stata inaugurata da un suggestivo concerto solista di Cristiano Godano, leader dei Marlene Kuntz.

Reduce dall’uscita del nuovo album dei Marlene, “Karma Clima”, ed impegnato nel tour che segue la presentazione del disco, l’artista piemontese ha tuttavia trovato il tempo di incontrare il suo pubblico per una serata davvero molto speciale. Nella cornice del cortile esterno del forte, in cima alla collina che sovrasta Villa Ada, Godano ha scelto di accogliere i suoi ascoltatori riunendoli in un cerchio attorno a lui, come per un grande abbraccio. Le luci soffuse e l’ambiente raccolto hanno contribuito a trasformare il concerto in un’esperienza intima, poetica, ed estremamente affascinante.

Cristiano Godano, accompagnandosi unicamente con la chitarra, ha proposto ai presenti un repertorio che comprendeva brani del suo album solista, “Mi ero perso il cuore”, pezzi dei Marlene Kuntz, e perfino chicche come la cover di “The Needle and the Damage Done” di Neil Young. Ogni canzone è stata introdotta dallo stesso Godano, trasformando il concerto quasi in un dialogo fra l’artista ed il suo pubblico, così che, al momento dello scrosciante applauso finale, ad aleggiare nell’aria è rimasto quello stresso sentimento di rimpianto agrodolce che ci accompagna solitamente al termine di un buon libro o di un buon film, quando diventa difficile accettare che un’esperienza così bella debba arrivare a conclusione. Speriamo di poter rivedere presto Cristiano Godano, con o senza i Marlene Kuntz, per apprezzare ancora quelle emozioni che da sempre sa regalare al suo pubblico.

Chiara Lucarelli
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?