Il magazine della tua Città

Category archive

INIZIATIVE ED EVENTI - page 2

Photocall Good Vibes presso il cinema Adriano

é uscito al cinema il 5 ottobre il fanta-thriller Good Vibes, esordio al lungometraggio della regista, sceneggiatrice, attrice e conduttrice Janet De Nardis che vede nel cast, tra gli altri, Caterina MurinoVincent RiottaNicola PecciLudovico Fremont e con la partecipazione di Mimmo Calopresti.

Il film, prodotto e distribuito da Toed Film e realizzato con il contributo del MIC e della Fondazione Calabria Film Commission, è il racconto di cinque storie che si intrecciano attorno ad un misterioso smartphone che permette di avere la copia del telefono di chiunque. Basta inserire il numero ed immediatamente si ha accesso a conti correnti, foto, video, email, messaggi, anche i più intimi, e se si attiva la fotocamera in modalità spia si può osservare in diretta la vita degli altri.

Una morbosità che pervade chiunque entri in contatto con questo telefono, nella spasmodica ricerca del potere di condizionare la vita degli altri.

Inizia così una escalation di eventi concatenati in cui, senza un attimo di respiro, seguiremo il destino del telefono e di chi ne verrà in possesso.

I protagonisti dei cinque episodi devono confrontarsi con i loro desideri più reconditi e la (in)capacità di gestire il potere della conoscenza…

Attraverso una struttura episodica e circolare, la regista mescola i registri del thriller e del fantasy per affrontare tematiche sociali come la violenza sulle donne, il bullismo ma, soprattutto, i rischi che comporta l’abuso della tecnologia e il delicato tema della privacy.

Il film è stato girato quasi interamente in Calabria nella città di Reggio Calabria e dintorni, grazie al sostegno della Fondazione Calabria Film Commission presieduta da Anton Giulio Grande, che nel suo operato unisce temi d’attualità alla bellezza dei luoghi della Calabria.

Le riprese nella loro totalità sono durate quattro settimane.

Foto:

Perdonanza Celestiniana 2023: l’inaugurazione della 729esima edizione

L’Aquila, 24 agosto 2023

Ecco i dettagli della cerimonia di apertura “ Di Futuro e di Pace”  e tutti gli artisti della prima serata.

Si è alzato ieri sera alle 19.00 il sipario sulla 729esima edizione della Perdonanza Celestiniana dellAquila, patrimonio culturale immateriale dell’Unesco dal dicembre 2019, davanti a un pubblico di 5000 persone.

A fare gli onori di casa e per i saluti istituzionali sono intervenuti: il sottosegretario alla Cultura, Gianmarco Mazzi; il delegato del presidente della Regione, Emanuele Imprudente; l’arcivescovo dell’Aquila, il Cardinale Giuseppe Petrocchi; Floro Panti, presidente del comitato Festa della Perdonanza celestiniana Unesco ICH, ha presentato la fiaccola e i tedofori, poi ha letto la pergamena delle perdonanze locali. Infine l’intervento di apertura ufficiale da parte del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi. Ha presentato la serata Lorena  Bianchetti. Dopo i saluti istituzionali, la serata di spettacolo, sotto la direzione artistica del maestro Leonardo De Amicis, è iniziata con lOrchestra Sinfonica del Conservatorio A. Casella e con i Cori della Città dellAquila nel pezzo “The Conquest of Paradise”, con i video estratte le parole di Papa Francesco intervenuto lo scorso anno. La dama della Bolla, l’attrice Viola Graziosi ha fatto un intervento toccante sulla guerra seguita da Violante Placido che ha emozionato tutta la platea con la sua lettura “Quando il bambino era bambino”. Con la voce inconfondibile di Al Bano si è poi entrati subito nel caldo della serata.  “Nel sole” ed  “Il Mattino” sono stati i suoi brani di apertura, ma la platea e’ andata letteralmente in delirio, quando tutta in piedi, cantava a squarciagola  con l’artista “Felicità”.

Poi sul palco è stata la volta di Mr. Rain che ha eseguito “I grandi non piangono mai” eI Fiori di Chernobyl” regalandoci poi un momento commovente quando i bambini hanno letto la favola di Gianni Rodani “La guerra delle campane” e a seguire cantato con lui “Supereroi”.

Paola Turci ha fatto anche un toccante intervento sulla violenza cantando poi  “Io sono Lella”  rientrando successivamente con “Fatti bella per me”,  “Bambini” e “Almeno tu nell’universo”.

Mahmood ha incantato con le sue “Barrio”, “Rapide”, “Brividi” e “Soldi”. I Coma_Cose con “Fiamme negli occhi”, “Il mio cane libero” e “L’addio”. Alpha con “Ci sarò”,  Cin cin” e la sua “Bellissimissima”. Violante Placido ha infine letto le parole di Sant’Agostino sul perdono.

La serata si è conclusa con la musica di Ennio Morricone che ha salutato il pubblico del teatro entusiasta.

La Porta Santa si apre al mondo: 729esima Perdonanza Celestiniana 23-30 agosto

Comunicato Stampa

L’Aquila torna palcoscenico internazionale della cultura in occasione della 729esima PERDONANZA CELESTINIANA.

 La storica manifestazione,
dichiarata Patrimonio Immateriale Culturale
dellUmanità Unesco nel 2019,
si svolge dal 23 al 30 agosto all’Aquila.

Sul palco: Gianni Morandi, Negramaro, Mahmood, Mr. Rain, Coma_Cose, Alfa, Paola Turci, Albano Carrisi, Eleonora Abbagnato, Teo Teocoli. 

Arrivo del Fuoco il 23 agosto, Corteo storico e apertura della Porta Santa il 28 agosto da parte del Cardinale Semeraro.

 

Si è tenuta oggi, giovedì 3 agosto 2023, presso il ministero della Cultura, la conferenza stampa di presentazione del programma istituzionale, artistico e religioso della 729esima edizione della Perdonanza Celestiniana, che si terrà dal 23 al 30 agosto nel capoluogo abruzzese. 

A presentare una settimana ricca di appuntamenti irrinunciabili tra riflessioni storiche e spirituali, concerti, spettacoli e rievocazioni storiche, sono intervenuti: il Sottosegretario di Stato al ministero della Cultura, On. Gianmarco Mazzi; il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio; il sindaco dellAquila Pierluigi Biondi; il vescovo ausiliare dellArcidiocesi metropolitana dellAquila Mons. Antonio DAngelo; il Direttore artistico, il maestro Leonardo De Amicis. 

Queste le parole del Sottosegretario di Stato con delega all’UNESCO del Ministero della cultura, On. Gianmarco Mazzi, che ha inaugurato la conferenza: “La Perdonanza Celestiniana è nel cuore della nostra missione istituzionale per l’insieme dei valori e della storia che in essa sono contenuti. È un simbolo secolare ancora vivo delle nostre radici, una tradizione che si rinnova da più di 700 anni, un patrimonio culturale immateriale che dal 2019 è riconosciuto dall’UNESCO. La Perdonanza ci parla di spiritualità, il che di questi tempi ha una valenza che definirei rivoluzionaria. Nasce all’Aquila ma appartiene a tutta la nostra comunità nazionale e per questo siamo impegnati nella sua salvaguardia e valorizzazione”. 

In questi anni abbiamo lavorato affinché la Perdonanza Celestiniana divenisse un patrimonio nazionale e internazionale partecipato e riconosciuto” – ha dichiarato il Sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi – “Nel 2019 abbiamo ottenuto il riconoscimento di Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco, lo scorso anno è stato Papa Francesco a celebrare il rito solenne di apertura della Porta Santa in mondovisione, per la prima volta nella storia della nostra Festa. Inoltre, nell’edizione 2023, il Giubileo Celestiniano è entrato a far parte del programma di emissione delle carte valori postali a cura del ministero delle Imprese e del Made in Italy. Il nostro impegno è sempre stato orientato a un programma ampio affinché la manifestazione potesse diffondere il messaggio di pace celestiniano nel mondo, contribuendo a rafforzare l’immagine della nostra terra e della sua millenaria tradizione. Ringrazio il ministero della Cultura e il sottosegretario Mazzi per accoglierci ed essere nostri testimoni in questa rinascita, oggettiva e sotto gli occhi di tutti”.

La Perdonanza è un evento annuale di rilevanza internazionale, promosso da Comune dell’Aquila e Arcidiocesi – e finanziato dallo stesso Comune – che non si è mai fermato, non nel 2009, anno del sisma, non durante l’emergenza covid, superando ogni difficoltà e assumendo una valenza, in questi ultimi anni, sempre più significativa.

Da ben 729 anni con la Perdonanza Celestiniana si rinnova il rito solenne che permette di varcare, tra i vespri del 28 agosto e quelli del 29, la Porta Santa della Basilica di Collemaggio all’Aquila, per ricevere l’indulgenza plenaria in un atto intimo e coinvolgente così come voluto da Papa Celestino V che nel 1294 firmò e donò alla Municipalità, la Bolla del Perdono, il documento che anticipa il Giubileo del 1300. 

Dal Fuoco del Morrone, in partenza il 16 agosto dall’eremo di Sant’Onofrio a Sulmona, da dove Celestino iniziò il suo viaggio verso L’Aquila per essere eletto Papa, ai grandi eventi di piazza, ai momenti spirituali, il capoluogo abruzzese ritrova la sua Festa più identitaria, dopo un anno giubilare donato dal Santo Padre, Papa Francesco, nel 2022, in occasione della sua straordinaria partecipazione quando definì L’Aquila “capitale del perdono, della pace e della riconciliazione”.

Il Vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi metropolitana dell’Aquila, Mons. Antonio D’Angelo è così intervenuto oggi: “La 729^ Perdonanza coincide con il primo anniversario della storica Visita pastorale di Papa Francesco a L’Aquila, ‘evento epocale’, perché, per la prima volta, un Papa ha aperto la porta Santa di Collemaggio. La città e l’arcidiocesi giungono all’edizione che è stata presentata, dopo aver vissuto per un anno intero la Perdonanza, grazie alla speciale concessione del Santo Padre che ha voluto prolungare, con l’Anno della Misericordia, fino al prossimo 29 agosto, il dono fatto da Celestino V alla Chiesa e gelosamente custodito dagli aquilani. L’Anno della Misericordia ha visto arrivare nel capoluogo abruzzese migliaia di pellegrini da varie parti d’Italia che hanno potuto ottenere l’indulgenza plenaria nella basilica di Collemaggio. In questo modo L’Aquila ha voluto raccogliere l’invito di Papa Francesco a diventare davvero ‘capitale di perdono, capitale di pace e di riconciliazione’. L’impegno dell’arcidiocesi, in sinergia con tutte le Istituzioni, continuerà ad essere quello di far conoscere sempre di più la figura di Celestino V, ‘uomo del sì e non del no o del gran rifiuto’ – come disse Papa Francesco – e la sua intuizione di concedere, nel 1294, l’indulgenza della Perdonanza che ha anticipato il primo Giubileo del 1300, istituito dal suo successore”.

Tra gli artisti che quest’anno saliranno sul palcoscenico: Mahmood, Mr. Rain, Coma_Cose, Alfa, Paola Turci e Albano Carrisi nella serata di apertura il 23 agosto, il Gala Internazionale di Danza con Eleonora Abbagnato (24 agosto), Teo Teocoli (25 agosto), Negramaro (26 agosto), Gianni Morandi (30 agosto), e tanti altri ospiti.

Così ha commentato il Direttore artistico, Maestro Leonardo De Amicis: “Con ancora viva l’emozione della visita del SS Papa Francesco lo scorso anno, la 729° Perdonanza si prepara a compiere un nuovo viaggio. Un viaggio diventato essenza di vita che ci permette di riflettere e soffermarci, anche se solo per un breve periodo, sui valori e gli ideali da cui traiamo forza per guardare al futuro. La Perdonanza, con gli eventi programmati, vuole essere un grande viaggio in cui ogni cosa è pensata per evocare ricordi e stimolare sensazioni positive attraverso le parole, la danza e le canzoni che hanno fatto storia. Ogni evento è pensato per la città che anno dopo anno accoglie con entusiasmo e determinazione la forza di questa grande manifestazione, simbolo di unione tra gli individui, punto d’incontro tra culture diverse, cammino spirituale che ci cattura e cattura la gente. La musica, con la sua straordinaria tecnologia della memoria e del ricordo, contribuisce alla costruzione sociale delle nostre identità individuali e collettive e racconta le nostre storie, il nostro vissuto quotidiano, le emozioni e le esperienze che ci accompagnano nella vita. Anche quest’anno il mio impegno di collaborazione è per L’Aquila e per la sua gente che riconosce il valore delle relazioni tra le persone anche attraverso la musica. Buona Perdonanza!”.

È la quarta edizione sotto il fregio UNESCO, e su questo ha posto l’accento il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio: “Investire sulla cultura per riannodare i fili della tradizione e proiettarla nel futuro, è questa la ricetta grazie alla quale la Perdonanza, patrimonio dell’Unesco, si è affermata come uno degli eventi più importanti a livello nazionale e non solo. L’attesa presenza di star internazionali all’Aquila, l’emissione filatelica di un francobollo dedicato al Giubileo Celestiniano e soprattutto il grandissimo dono che ci ha fatto lo scorso anno Papa Francesco aprendo la Porta Santa, primo Pontefice a presiedere il rito nella basilica di Santa Maria di Collemaggio, sono il frutto di un lavoro che, fortemente sostenuto dal Comune dell’Aquila e con la guida del Maestro Leonardo De Amicis, custodisce sapientemente una preziosa dimensione religiosa conciliandola con un intrattenimento culturale di alta qualità. Presentare il programma della 729edizione nella sede del Ministero della Cultura rappresenta l’attenzione riservata dal Governo a questo appuntamento e il riconoscimento per una iniziativa in grado di mobilitare istituzioni e territorio nel segno dell’identità”.

Il 23 agosto, il Fuoco del Morrone, giungerà davanti la Basilica e darà il via alle celebrazioni. Il 28 agosto si terrà il tradizionale corteo storico che scorterà la Bolla del Perdono dal palazzo municipale, attraversando il centro cittadino, fino a Collemaggio dove rimarrà esposta per 24 ore e dove avverrà il rito di apertura della Porta Santa, quest’anno officiato dal Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero Vaticano per le Cause dei Santi. Il 29 agosto la Porta Santa tornerà a chiudersi.

Il programma completo sarà disponibile sul sito perdonanza-celestiniana.it.

CONTATTI STAMPA: WENGAGE  – media@wengage.it – 3492232894

M.Arte festeggia il solstizio d’estate al Museo Crocetti di Roma, De Pedys nuovo presidente dell’Associazione.

L’Associazione M.Arte ha festeggiato l’arrivo dell’Estate il 21 Giugno al Museo Crocetti di Roma.

Una serata all’insegna dell’amicizia, con lo squisito gusto e piacere dello stare insieme e condividere i valori che più contano nella vita, ovvero il socializzare, il disquisire e relazionarsi su temi sociali vari nel rispetto di opinioni diverse, promuovendo così cultura , talento e professionalità.

M.Arte per muovere l’arte, l’associazione nasce dalla volontà di un gruppo di amici di tutte le estrazioni sociali, spinti dalla necessità di vedere concretizzato un nuovo movimento culturale, apolitico e apartitico, che sperimenti e ricerchi l’Eccellenza nelle Arti come nelle Scienze, nella Pittura come nella Scultura, e ancora nella Letteratura e nella Musica e in tutte quelle attività umane che riproducano il reale o il fantastico nelle migliori forme espressive e con tutte le tecniche e tecnologie possibili per contribuire fattivamente a far riconoscere, e quindi a perseguire ed assimilare, i Valori fondanti della nostra millenaria società.

È stata veramente una bellissima festa d’estate targata “De Pedys”

È il Prof. Vittorio De Pedys il nuovo e carismatico presidente dell’associazione M.Arte , complimenti a lui e a tutti gli associati.

La bella serata è stata allietata dalla cantante Carla Paradiso.

A far da cornice a questa fucina di idee e di iniziative ci sono le meravigliose sculture bronzee di Venanzo Crocetti custodite e valorizzate all’interno della prestigiosa sede sociale, il Museo Crocetti, appunto, sito in via Cassia a Roma.

In bocca al lupo per la futura programmazione di eventi culturali e d’arte.

La Girandola, rievocazione storica a Castel Sant’Angelo

Tutto pronto per la rievocazione storica de “La Girandola”, giunta alla XVI edizione.

Come da tradizione in occasione della festività dei Patroni di Roma Santi Pietro e Paolo, alle ore 22.30 a Castel Sant’Angelo, per ventidue minuti i cittadini di Roma e i turisti potranno godere dal Lungotevere Tor di Nona e dai Ponti Vittorio Emanuele II, Sant’Angelo e Umberto I di un affascinante spettacolo di fuochi d’artificio. L’evento è ideato e curato ancora una volta dall’Arch. Giuseppe Passeri, tra i massimi esperti di questo tipo di spettacoli, e dal Gruppo IX INVICTA & Co.

Tradizionalmente chiamata Girandola e dal XV secolo rappresentata a Castel Sant’Angelo, l’iniziativa ha costituito per secoli una delle attrazioni più importanti di Roma, raccontata in versi e in prosa da poeti e scrittori e ritratta pittoricamente da grandi artisti fin dal Rinascimento fino alla fine del XIX secolo, in modo particolare durante i Grand Tour che portavano notabili e artisti a visitare la città eterna.

Quest’anno, la manifestazione si intreccerà con l’inaugurazione della III edizione della Rassegna estiva “sotto l’Angelo di Castello: danza, musica, teatro”: sono previste tre repliche del site-specific WE, the Angel (alle ore 18.30 – 19.30 – 20.30), con Emio Greco e Pieter C. Scholten, autori di produzioni di danza di successo internazionale.

Al termine, il pubblico presente a Castello potrà uscire per assistere dall’esterno allo straordinario spettacolo della Girandola.

La manifestazione, con gli auspici della VII Commissione Cultura della Camera dei Deputati, è promossa dal Direttore generale Musei, Massimo Osanna. Questa edizione, la prima integrale dal 2015, è stata organizzata dalla Direzione Musei statali della città di Roma e del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, diretta da Mariastella Margozzi, con l’ausilio del Comune di Roma, del Gabinetto del Sindaco, dell’Assessorato ai Grandi Eventi, della Polizia Municipale, della Protezione Civile, che insieme alla Prefettura, alla Questura di Roma e al Corpo dei Vigili del Fuoco, hanno dato il loro prezioso contributo per garantire la sicurezza dell’evento e la migliore visibilità per i cittadini e i turisti.

Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo e Passetto di Borgo
Roma, Lungotevere Castello, 50

Ufficio Stampa C

Domenico Cippitelli
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?