Il magazine della tua Città

Category archive

DANZA

EQUILIBRIO 2024 – Si parte con Benjamin Millepied

Equilibrio 2024, il festival di danza contemporanea che si tiene all’Auditorium Parco della Musica di Roma, è partito ieri sera con gli spettacoli di coreografia neoclassica di Benjamin Millepied e della musica minimale di Philip Glass e vede per la prima volta il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma esibirsi nelle sale dell’Auditorium.

Di Benjamin Millepied, oggi nome di punta del panorama internazionale con coreografie commissionate e interpretate dalle più prestigiose compagnie di danza, sono in programma due diversi lavori: CLOSER, dall’impianto classico e dalla forte sensibilità moderna, è un arioso duetto interpretato da Rebecca Bianchi e Michele Satriano creato nel 2006 sulla partitura pianistica “Mad Rush”; ON THE OTHER SIDE, terzo capitolo della trilogia “Gems”, una rivisitazione di “Diamonds” di Balanchine, creato nel 2016 e ora presentato in prima italiana in una nuova versione modellata sugli interpreti (Federica Maine, Sara Loro, Marta Marigliani, Annalisa Cianci, Alessio Rezza, Claudio Cocino, Giacomo Castellana e Valerio Marisca) del corpo di ballo diretto da Eleonora Abbagnato.

Las Estrellas – Passione Spagnola

Las Estrellas (le stelle della danza iberica riunite sotto la direzione artistica di Daniele Cipriani) sono finalmente arrivate all’Auditorium Parco della Musica ed è stata una grande festa! Lo zapateado dei tacchi, il fruscio dello strascico delle bata de cola (il vestito delle bailaoras di flamenco), il ticchettio delle nacchere, l’arpeggio delle chitarre e i penetranti canti gitani hanno letteralmente mandato in delirio gli spettatori della Sala Santa Cecilia completamente sold out.

Grandissimi i nomi delle estrellas che si sono esibite: la meravigliosa Ana Morales, l’immensa Belén López (che ha danzato con la sua piccola Sandra) e ancora Patricia Guerrero, Jesús Carmona, José Manuel Benítez, il grandissimo Sergio Bernal ed il Direttore del Ballet Nacional de España, Rubén Olmo.

Nel ricco cast di Las Estrellas anche cantaores e tocaores: i cantanti Jose Luis Medina e Pedro Jiménez González, i musicisti Sergio Gómez “El Colorao”, Carlos Jiménez e Rafael Jiménez “El Chispas”.

‘Lights in the dark’ al Teatro Olimpico

Teatro Olimpico – Roma
15 gennaio 2024

La compagnia giapponese E.L. Squad (Electro-Luminescence Squad), fondata dal ballerino e coreografo giapponese Yokoi, si è esibita sul palco del Teatro Olimpico, con lo spettacolo di danza contemporanea ‘Lights in the dark‘.

Lo spettacolo è stato presentato in anteprima mondiale durante la Japan Expo di Parigi nel luglio 2022 e da allora ha fatto il giro del mondo, toccando le più importanti città internazionali.

Un’esperienza multimediale unica che combina danza, musica, luci e proiezioni video e che ha ammaliato il publico romano.
Coreografie dinamiche e coinvolgenti si alternano a momenti di riflessione e introspezione. La musica è originale e accompagna perfettamente la danza, creando un’atmosfera magica e suggestiva. Nell’oscurità totale i ballerini, grazie a particolari costumi luminescenti, creano effetti visivi spettacolari.

Un mix di cultura popolare giapponese e tecnologia che appassiona tanto gli amanti della danza contemporanea, quanto i fan dei manga e dell’hip hop.

La galleria delle immagini

PASSIONE SPAGNOLA: Las Estrellas

 

Daniele Cipriani Entertainment
presenta
PASSIONE SPAGNOLA
Las Estrellas: bailarines e bailaores, le stelle della danza spagnola a Roma

Ferve l’attesa per Las Estrellas… e già ci sembra di sentire avvicinarsi gli artisti spagnoli che daranno vita a questo appassionante spettacolo: di udire lo zapateado dei loro tacchi, il fruscio dello strascico delle bata de cola (il vestito delle bailaoras di flamenco), il ticchettio delle nacchere, l’arpeggio delle chitarre e i penetranti canti gitane…

Manca poco al 28 e 29 gennaio 2024, date in cui, alle ore 21,00, debutterà all’Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia – Roma, nel quadro della Stagione della Fondazione Musica per Roma, Las Estrellas. Il gala, con la direzione artistica di Daniele Cipriani, vede protagonisti il Ballet Nacional de España, grande compagnia e ambasciatrice della danza spagnola nel mondo, e i maggiori bailarines ( “ballerini”) e bailaores (“danzatori di flamenco”) del momento. Per gli spettatori sarà un tripudio di emozioni e colori, un’irripetibile fiesta, con l’ensemble della compagnia più rappresentativa del paese iberico, una delle patrie della danza mondiale.

Il Direttore del Ballet Nacional de España, Rubén Olmo (danzerà insieme alla sua compagnia), anticipa: “Il Gala Las Estrellas significa far conoscere la danza spagnola in tutte le sue sfaccettature: il flamenco, la danza stilizzata o Escuela Bolera. Poter portare la danza spagnola in tutti i paesi e mostrare loro la nostra ricchezza di discipline e stili è per noi motivo di orgoglio. Vorrei anche sottolineare l’importanza degli ospiti di questo Gala, come Sergio Bernal nella Danza Spagnola e la rappresentazione della vasta gamma del flamenco più attuale con Patricia Guerrero, Jesús Carmona, Belén López (danza con i suoi due piccoli figli, Sandra e Antonio, ndr), o Ana Morales, figure di spicco del flamenco, ognuna con uno stile molto personale. Credo che sarà un gala meraviglioso in cui tutti godremo della danza spagnola.”

Alcune delle stelle citate da Olmo, le estrellas che danno il nome allo spettacolo, saranno una scoperta per il pubblico romano il quale, al contempo, ritroverà il suo beniamino Sergio Bernal, già noto grazie alle sue frequenti apparizioni in Italia, tra cui i gala Les Étoiles di Daniele Cipriani. Si tratta, dunque, delle stelle più rappresentative della danza iberica – molte hanno vinto il prestigioso Premio Nacional de Danza  – in un programma ghiotto ed eccitante: un “menù danzante” in cui, come sottolinea Olmo, verranno “serviti” non solo flamenco, ma anche, poiché la danza spagnola ha molteplici sapori, le prelibate squisitezze della Escuela Bolera e della danza classica spagnola. Bailarines e bailaores, appunto.

 

Nel ricco cast di Las Estrellas anche cantaores e tocaores e dal vivo: i cantanti Jose Luis Medina e Pedro Jiménez González, i musicisti Sergio Gómez “El Colorao”, Carlos Jiménez e Rafael Jiménez “El Chispas”.

Il programma di Las Estrellas riserverà alcune sorprese, come una Farruca, danza di origine galiziana e tradizionalmente maschile, ma in quest’occasione interpretata da Ana Morales, e persino un lavoro di Antonio Ruíz Soler (1921-1996), ballerino sivigliano talmente celebre che veniva conosciuto in tutto il mondo semplicemente come “Antonio”, oppure “Antonio el Bailarin”: si tratta di Puerta de Tierra un duetto di escuela bolera su musica di Isaac Albéniz, che in quest’occasione sarà interpretato da Sergio Bernal.

Il pubblico vedrà un concentrato di quanto di più spettacolare offrano le scene spagnole, da Madrid a Barcellona e Siviglia. Nel mese più freddo dell’anno, Las Estrellas porta in palcoscenico il sole incandescente delle estati andaluse, i suoi forti colori e il profumo delle notti nei giardini moreschi, ispirazione di così tanti artisti famosi. Passi intricati, che ricordano i preziosi ricami sui bolero dei toreador, potenti come i loro gesti fieri e impetuosi. Un gala unico, un’esperienza indimenticabile che si rivolgerà non solo ai sensi ma anche all’anima degli spettatori.

Intorno a Las Estrellas saranno organizzati una serie di eventi complementari, tra cui un incontro con il pubblico e due giornate di masterclass di flamenco, occasione unica e imperdibile, questa, per studiare con Jesús Carmona, Belén López, Ana Morales e Sergio Bernal.

Las Estrellas è una produzione di Daniele Cipriani Entertainment, organismo di produzione riconosciuto dal Ministero della Cultura e  gode del patrocinio dell’Ambasciata di Spagna in Italia.

OPS! – Respire

Si è conclusa il 7 gennaio la rassegna di circo contemporaneo OPS! ospitata in Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. A salire sul palco della sala Petrassi è la Compagnie Circocentrique con lo spettacolo Respire. Umorismo, poesia, emozione, acrobazie circensi, originalità e virtuosismo per uno spettacolo roteante: creato ed interpretato da Alessandro Maida e Maxime Pythoud, Respire è un’avventura circolare, un inno alla gioia di vivere e di essere in tutta semplicità. I due artisti agiscono e interagiscono in rotazioni ipnotizzanti creando un universo intimo e misterioso in perenne vorticare. Le tecniche di roue Cyr, sfera di equilibrio, giocoleria e portes acrobatico si fondono in una delicata sinergia di corpi che respirano insieme sulle note di un pianoforte a coda.

Il motore che muove questo progetto è la stretta correlazione tra un evento, un’emozione e la sua influenza sulla respirazione: i corpi, come delle tele sulle quali dipingere questo trinomio, diventano l’unico campo di gioco possibile. La respirazione è il fil rouge che lega l’artista al pubblico, portando quest’ultimo a vivere le vertigini, i disequilibri e le sospensioni durante le acrobazie sul palco.

OPS! – Luz De Luna

Per il secondo appuntamento con la rassegna di circo contemporaneo OPS!, va in scena Luz de Luna, scritto ed interpretato da Fabiana Ruiz Diaz, fondatrice della compagnia Circo El Grito.

Nel riparo intimo di una piccola stanza colorata che sembra un dipinto, la quotidianità vibra di particolari, fuori il temporale, poco a poco l’orizzonte geometrico del mondo degli oggetti sbiadisce, diventa sfondo, sopraggiunge il lato surreale, l’oscurità è il varco per magia e stupore. Strani esseri si affacciano, bestiario dell’irrazionale, archetipi: è la fantasia che si nutre dell’inconscio o viceversa? I colpi di scena che punteggiano questo dramma circense gentile sono improntati a un’ironia delicata, una narrazione immaginifica, avvolgente, sintesi di teatro e circo.

TILT, il circo del futuro al Teatro Olimpico di Roma

Al Teatro Olimpico di Roma è andata in scena ieri sera la prima dello spettacolo circense TILT, della compagnia Le Cirque World’s Top Performers.

Lo spettacolo, liberamente ispirato al film capolavoro “Ready Player One” di Steven Spielberg, rilegge il mondo virtuale e offre al pubblico una meravigliosa esperienza di evasione dalla realtà.

Un cast d’eccezione di 29 Top Performers: i migliori artisti e le Superstar mondiali  del Nouveau Cirque e del Cirque du Soleil. Scenografie originali e 12 numeri aerei e a terra di equilibrismo, acrobazie e danze aeree.

Lo spettacolo si apre con un’introduzione che invita il pubblico nel mondo virtuale di TILT. I protagonisti sono due amici che si ritrovano catapultati in questo mondo fantastico. Una giovane donna che sogna di diventare un’artista circense ed un ingegnere che ha creato TILT per sfuggire alla realtà.

Tra le performance più spettacolari spiccano l’Acrobatic Skating (un duo che vi farà girare la testa per sincronizzazione e velocità), Olga Golubeva (la sua danza con i tessuti aerei è pura poesia e toglie il respiro), Anatolii Zalevskyi (il direttore artistico dello spettacolo ripropone il suo romantico White Act) e ancora tantissima adrenalina, energia e magia che rendono TILT un’esperienza che non si può perdere. È un viaggio nel mondo del circo del futuro, un mondo pieno di meraviglie e sorprese, uno spettacolo circense che lascia a bocca aperta.

TILT sarà in programma al Teatro Olimpico fino al 3 dicembre.

La compagnia si sposterà poi a Pescara dall’8 al 10 dicembre, a Bari dal 15 al 17 dicembre, a Catania dal 21 al 23 dicembre e terminerà la tournée a Napoli dal 29 dicembre al 7 gennaio 2024.

THE ROCKY HORROR SHOW – 50TH ANNIVERSARY

CULTURA/DANZA/TEATRO by

The Rocky Horror Show, il leggendario musical di Richard O’Brien, celebra il suo imperdibile 50° anniversario con un nuovo lungo tour che arriva a Roma, al Teatro Olimpico per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana, in collaborazione con LSD Edizioni.

Dal lontano giugno 1973 quando lo show debuttava per la prima volta a Londra al Royal Court Theatre, The Rocky Horror Show è diventato il musical contemporaneo più longevo al mondo. Lo spettacolo, applaudito da oltre 30 milioni di persone, in più di 30 paesi e tradotto in 20 lingue, continua ancora oggi a divertire e conquistare il pubblico nelle tappe dei suoi tour internazionali registrando straordinari sold out. 

Diretto da Christopher Luscombe, The Rocky Horror Show si trasforma nuovamente in un grande non-stop party con quei successi senza tempo da cui ognuno, almeno una volta, si è lasciato trascinare come “Sweet Transvestite”, “Damn it Janet” e ovviamente il mitico “Time Warp”. Al cast inglese si unisce nuovamente, come per lo scorso anno, nel ruolo del Narratore Claudio “Greg” Gregori, artista poliedrico che con stile ironico, a tratti satirico, spazia fra musica, cinema, radio, teatro e tv. Così racconta il suo incontro con il musical di O’Brien: “The Rocky Horror Picture Show. Lo vidi, ventenne, nel lontano 1983. Mi colpì molto per la straripante carica di energia e gioia esplosiva che riusciva a trasmettere. È un musical e quindi ha tutte le leziosità del genere: è eccessivo, didascalico, lineare e sopra le righe, ma è gagliardo davvero (…). Quarant’anni dopo The Rocky Horror Show è ancora di culto e ne ha ben donde. In questa decade così frantumata, ipocrita, rigida e ottusa in cui la trasgressione è scimmiottare in modo trash ciò che fu fatto meglio, quest’Opera aggredisce ancora con entusiasmo i gotici pudori di uno status quo malsano e bigotto. Ancora stupisce per le liriche oltraggiose, per gli ammiccamenti e per le battute caustiche. Ancora scortica la sensibilità dell’uomo medio e gli urla che prima di giudicare qualcosa bisogna viverla”. 

Nel 1975 fu trasformato in un film intitolato The Rocky Horror Picture Show con Tim Curry, Susan Sarandon e lo stesso Richard O’Brien nel ruolo di Riff Raff. Questo adattamento cinematografico è ancora proiettato nei cinema di tutto il mondo quasi 50 anni dopo la sua prima, rendendolo l’uscita cinematografica più longeva nella storia del cinema.

Molte star tra cui Russell Crowe, Tim Curry, Susan Sarandon, Jerry Springer, Jason Donovan e Meatloaf sono apparse nella versione teatrale The Rocky Horror Show, uno spettacolo che si rinnova di continuo coinvolgendo gli spettatori che si lasciano trascinare nell’audience partecipation, ovvero quel fenomeno tipico del Rocky che vede il pubblico partecipare attivamente, con travestimenti a tema ma anche battute recitate in risposta a quelle degli attori e, ovviamente, ballare uno scatenato Time Warp sotto il palco. Questo è tutto quello che in un Rocky Horror Show non può mancare.

La tournée italiana del Rocky Horror Show:
dal 21 al 26 novembre – Roma, Teatro Olimpico
dal 28 novembre al 3 dicembre –  Milano, Teatro Arcimboldi
dal 5 al 7 dicembre – Padova, Teatro Geox

50th Anniversary Tour 2023 – CAST 
Frank – Stephen Webb
Janet – Haley Flaherty
Brad – Richard Meek
Rocky – Ben Westhead
Magenta – Suzie McAdam
Riff Raff – Kristian Lavercombe
Columbia – Darcy Finden
Eddie/Dr Scott – Joe Allen
Narrator: Alex Morgan (in esclusiva per Roma, la voce narrante è di Claudio “Greg” Gregori).

Photo credit © Marco Teodori

TILT – Christmas Tour 2023-2024

Ha incantato più di 50 mila spettatori di qualsiasi età con tre tournée che hanno fatto tappa in sedici città italiane, calcando i palcoscenici più prestigiosi, registrando infiniti sold out e collezionando un successo di pubblico e di critica dietro l’altro, come confermano i titoli della stampa nazionale.

Photo Credit © R.Fontana

Con un cast composto dai migliori artisti dal Cirque du Soleil e dalle Superstar Mondiali del Nouveau Cirque, TILT (l’imperdibile show prodotto da Le Cirque Top Performers) è pronto a emozionare, meravigliare e sorprendere di nuovo, con un atto unico di circa un’ora e trenta minuti il pubblico del Teatro Olimpico di Roma, presentando nuovi, affascinanti numeri al limite dell’immaginazione e delle capacità umane, in cui NON sono coinvolti gli animali.

TILT ha debuttato nel 2019 ed è la seconda produzione internazionale della compagnia Le Cirque Top Performers, la stessa che ha ideato e prodotto il celebre Gran Gala ALIS (in tournée dal 2016), applaudito, in Italia e all’estero, da più di 300 mila spettatori. Ingaggiando solo ed esclusivamente i migliori artisti del mondo, Le Cirque Top Performers ha riunito nelle sue produzioni arti circensi, musica, teatro e danza. È considerata dagli addetti ai lavori la realtà europea più importante in questo genere di spettacoli.

Non chiamatele repliche: ogni singolo show di TILT è unico, irripetibile, originale, mai identico al precedente. Queste le parole di Gianpiero Garelli (Founder, Creator & Guide di Le Cirque Top Performers e Show Director & Author di ALIS e di TILT): «TILT è stata la nostra seconda “creatura” e oggi continua a collezionare incredibili successi di pubblico a qualsiasi latitudine. Non abbiamo fissato un punto di arrivo. Ogni data del Christmas Tour 2023-2024 di TILT sarà più spettacolare di quella precedente, per emozionare e meravigliare di nuovo il nostro amato pubblico. Faremo tappa, per la prima volta in assoluto nella storia di Le Cirque Top Performers, nelle città di Assisi, Roma, Pescara, Bari, Catania e Napoli. Il cast internazionale di TILT è composto da ventinove artisti provenienti da Francia, Spagna, Italia e Ucraina. Dal 29 novembre al 3 dicembre, sorprenderemo e incanteremo gli spettatori del Teatro Olimpico di Roma con uno show imperdibile: un atto unico di circa un’ora e trenta minuti impossibile da dimenticare».
​​    

Photo Credit © R.Fontana

Acclamato e applaudito in qualsiasi luogo, TILT prende per mano lo spettatore, rendendolo partecipe sin dal primo istante e riducendo al minimo la distanza fra il pubblico e l’artista. Lo spettacolo, liberamente ispirato al film capolavoro Ready Player One di Steven Spielberg, ha entusiasmato il pubblico di ogni teatro in cui è andato in scena. TILT è un viaggio fra realtà virtuale e mondo reale, ma dove tutto ciò che accade sul palcoscenico è vero. Novanta minuti a ritmo incalzante, senza interruzioni, traboccanti di energia e di spettacolarità. Ogni elemento artistico, coreografico, scenografico e musicale esalta le magnifiche performance. A rendere possibile tutto questo, un gruppo di Top Performers mondiali di prim’ordine, artefici di incredibili numeri aerei e a terra che emozionano e tolgono il respiro.

Lo show rilegge il mondo virtuale, per poi affermare quanto siano più importanti la realtà e i valori dell’amicizia, dell’alleanza, della verità e dell’amore. Ammirando le formidabili performance soliste e di gruppoche tendono ai limiti dell’immaginazione e delle possibilità umane –, si comprende appieno il messaggio di fondo di TILT: un invito a vivere le proprie emozioni, a essere ciò che si è, acredere in se stessi e nelle proprie capacità; infatti, proprio come ricordano le paroledel film di Steven Spielberg: «Per quanto dolorosa a volte sia, la realtà rimane l’unico posto in cui mangiare un pasto decente».

In scena, un collettivo di caratura mondiale, formato da ventinove artisti, selezionati tra i migliori del Nouveau Cirque. Molti di loro vantano partecipazioni in alcune delle produzioni di maggior successo del Cirque du Soleil. All’interno del cast vi sono Superstar acclamate sui palcoscenici di tutto il mondo, pluripremiate con i riconoscimenti più ambiti e prestigiosi per le performance che le hanno rese famose, e che – per l’occasione – offriranno al pubblico anche alcune anteprime mondiali create ad hoc per TILT. Artisti di prim’ordine presenteranno dodici numeri – aerei e a terra – eccezionali e mozzafiato che tenderanno ai limiti dell’immaginazione e delle capacità umane e che li hanno resi celebri in ogni angolo del mondo.

In pochi anni (dal 2019 ad oggi, escludendo il periodo di “stop” imposto dalle misure atte a limitare la diffusione del Covid-19), TILT ha permesso alla compagnia Le Cirque Top Performers di essere considerata dagli addetti ai lavori la realtà europea più importante in questo genere di spettacoli. A confermare il successo di questa produzione internazionale, il crescente interesse da parte del pubblico, ma anche i titoli della stampa nazionale, che, sin da subito, ha sempre sottolineato e ribadito l’importanza e l’unicità delle produzioni che portano la firma di Le Cirque Top Performers.

 

Photo Credit © R.Fontana

L’ARTISTIC DIRECTOR & GUEST STAR DI TILT – Anatoliy Zalevskyy
La sua carriera è
strepitosa. Artista di punta nelle produzioni più applaudite del Cirque du Soleil, Anatoliy Zalevskyy ha vinto i premi internazionali più ambìti, fra i quali la Medaglia d’Oro al Festival Mondial du Cirque de Demain di Parigi nel 1998 e il Clown d’Oro al Festival Internazionale del Circo di Monte-Carlo nel 1999. Lunedì 25 settembre 2023 ha ricevuto il prestigioso Salieri Award di Platino alla carriera. È acclamato in tutto il mondo e il suo Paese natale lo ha insignito del titolo di Artista Onorario dell’Ucraina. Ha fondato un centro di formazione delle arti circensi e la compagnia Rizoma, dalla quale ha selezionato alcuni straordinari performer che, durante lo spettacolo, condividono il palcoscenico con le altre Superstar del Nouveau Cirque che formano il cast di TILT. È il Direttore Artistico dello show, nonché protagonista in scena con il numero che lo ha reso celebre e che gli ha permesso di essere considerato una stella mondiale: il suo romantico «White Act» è tra i momenti più suggestivi ed emozionanti di TILT. Ciò che riesce a fare con il corpo è sorprendente: tutti i movimenti sono perfetti e in armonia fra loro. È una magnifica dimostrazione di forza, energia ed equilibrio. La sua performance è scandita da una colonna sonora evocativa, capace di far sognare il pubblico sin dal primo istante

Le date del Christmas Tour 2023-2024 di TILT:
 – dal 24 al 26 novembre, Assisi – Teatro Lyric
– dal 29 novembre al 3 dicembre, Roma – Teatro Olimpico
– dall’8 al 10 dicembre, Pescara – Teatro Massimo
– dal 15 al 17 dicembre, Bari – Teatro Team
– dal 21 al 23 dicembre, Catania – Teatro Metropolitan
– dal 29 dicembre al 7 gennaio 2024, Napoli – Teatro Bellini

I tickets ancora disponibili si possono acquistare sul sito-web ufficiale di Le Cirque Top Performers (www.lecirquetopperformers.it). Per una consultazione più rapida, si può fare riferimento alla seguente pagina-web: www.tilticket.it

Potete seguire Le Cirque Top Performers su questi canali social:
Instagram, @lecirquetopperformers
Facebook, Le Cirque Top Performers 
Sito-web, www.lecirquetopperformers.it 

Rassegna “I Concerti nel Parco” – la “Malvarosa” di Simone Russo

Rassegna “I Concerti nel Parco” – la “Malvarosa” di Simone Russo

Ovvero l’armonia del Sud del Mondo

Roma 1 agosto 2023

Foto e testo di Grazia Menna

Nell’incipit “Ah! Che bell’aria fresca, cha’addore ’e malvarosa…”  del brano “I’ te vurria vasà” , scritto nel 1900 dal compositore Eduardo Di Capua con gli autori: Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua, Alfredo Mazzucchi, si racchiude l’essenza di quanto il pubblico numerosissimo presente alla Casa del Jazz di Roma, nella serata del 1 agosto 2023, ha vissuto e partecipato con la prima assoluta dello spettacolo “Malvarosa”: una mescolanza di flamenco, tango argentino e la danza contemporanea sulle note della musicalità napoletana.

C’era quasi tutto nello spazio antistante il palco della rassegna ospitata dalla Casa del Jazz di Roma: aria fresca, le sonorità napoletane, la voce cristallina e partenopea di Salvatore Russo, il trasporto, la sensualità di un bacio desiderato.

Mancava forse solo il profumo della malvarosa, fiore che adornava gli antichi terrazzi napoletani , pianta perenne e molto resistente che nel linguaggio dei fiori ha il significato di ambizione.  Ma non si è fatto rimpiangere.

E’ Salvatore Russo, che ha scritto e diretto sia lo spettacolo quanto le musiche eseguite e ballate dal suo gruppo “Flamenco Tango Neapolis”, ad aver trasportato il tantissimo pubblico che ha riempito tutti i posti a sedere attraverso la magia e la sensualità sia del tango argentino, quanto del flamenco andaluso. Ad accompagnare la “Flamenco Tango Neapolis”, il corpo di ballo moderno della “VAD BALLET COMPANY” , cha ha danzato sulle musiche originali  create dallo stesso Salvatore Russo; queste musiche rappresentano l’essenza e la sintesi di una contaminazione che eredita musicalità antiche e ne ricrea di nuove, sonorità originali ma sempre nel rispetto della tradizione.

Brani conosciuti dal pubblico nelle loro versioni storiche, quali “Scalinatella” , oppure  “Cerasella”, oppure ancora “Rumba marenara”, ora si prestano ad essere, nella loro nuova versione, danzate in una “pasiòn flamenca”, o anche in una milonga argentina, nei gesti atletici della “VAD Ballet Company”, raccontandoci la vivacità e la bellezza dei vicoli partenopei.

Salvatore Russo e la “Flamenco Tango Neapolis” arrivano a questa “Malvarosa” dopo aver brillatemente realizzato altri tre grandi progetti artistici: “Encanto”, “Viento” e “Arrassusìa” e con questo progetto, sono vincitori dell’Avviso Pubblico biennale “Estate Romana 2023-2024” curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

I protagonisti della bellissima ed acclamatissima serata:

FLAMENCO TANGO NEAPOLIS  

Salvatore Russo – pianoforte, percussioni, voce

Marco Pescosolido – violoncello

Agostino Oliviero – violino, oud arabo, chitarra

Gianni Migliaccio – chitarra flamenca, percussioni, voce

Riccardo Schmitt – percussioni

 

Alessia Demofonti e Massimiliano De Pasquale – baile flamenco, palmas

Sabrina Amato e Mariano Navone – tango argentino

 

VAD BALLET COMPANY [http://visualartsdepartment.it/]

Vito Bortone, Gaetano di Noto, Elisa Liani, Giorgia Picca, Sara Buono, Chiara Ceccarelli  danza contemporanea

 

Si ringrazia l’Ufficio stampa de : I concerti nel Parco nelle persone della Dott.sa M. Nocilla e del Dott. M. Quattrini

Grazia Menna
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?