Guerra in Ucraina, il punto di vista degli esperti ucraini

in Guerra in Ucraina by
Vi proponiamo una analisi del conflitto in corso realizzata da analisti urcaini a Kiev.
 
L’invasione russa degli alleati della NATO diventa altamente probabile in una prospettiva a breve termine.  Nel 2021, in numerosi miei articoli e interviste, ho notato che la Russia continua a elaborare un piano del 2014 per conquistare i territori dell’Ucraina da Kharkiv a Odesa e spingere un corridoio terrestre, non solo verso la Crimea occupata, ma oltre la sua metastatica  territorio della Transnistria.
 

 Alla fine, questo è esattamente ciò che la Russia sta perseguendo in questi giorni: questo era lo scenario che inizialmente hanno cercato di implementare, lanciando un’invasione in piena regola dell’Ucraina il 24 febbraio 2022. La guerra lampo russa, tuttavia, si è impantanata abbastanza rapidamente.
 
 Mosca intendeva completare l’occupazione dell’Ucraina entro 72 ore e si aspettava che la reazione della comunità internazionale tradizionalmente lenta, goffa ed eccessivamente burocratizzata sarebbe stata prematura e che l’Occidente si sarebbe semplicemente rassegnato alla presa dell’Ucraina, limitandosi a misure superficiali  esclusivamente.
 
 Ma tutto si è rivelato esattamente il contrario.  La guerra lampo è fallita e l’Occidente ha adottato misure tali che tutto ciò che la Russia poteva fare, per disperazione e rabbia, come un topo messo alle strette, è attaccare città pacifiche e uccidere in massa i civili in Ucraina.  Ora, la Russia si è mossa per saltare alla NATO.  Le nazioni più minacciate oggi sono gli stati baltici.
 Il fatto è che Vladimir Dzhabarov, Primo Vice Capo del Comitato per gli Affari Internazionali del Consiglio della Federazione Russa, ha fatto una dichiarazione piuttosto ambigua: “La Russia de-nazificherà la NATO!”
 Si potrebbe pensare che l’affermazione non sia altro che la posizione soggettiva di un altro politico misantropico russo, ma in realtà non lo è.
 
 Il fatto è che la Russia, in un modo o nell’altro, ha pianificato di andare al confronto con la NATO una volta che avrà finito con l’occupazione dell’Ucraina.  In particolare, il piano prevedeva inizialmente di impadronirsi della parte sud-orientale dell’Ucraina e poi, dopo una breve pausa, di occupare la Moldova.  Successivamente, la Russia intensificherebbe la sua attività nel Mar Baltico.  Tuttavia, le sanzioni occidentali imposte alla Russia stanno ora accelerando questo scenario inizialmente più lento.
 
 Il fatto è che le sanzioni russe hanno lasciato l’exclave russa, l’Oblast di Kaliningrad, in completo isolamento.  Il Cremlino vede una minaccia diretta per questo territorio e intende creare un corridoio terrestre dalla Bielorussia all’Oblast di Kaliningrad, attraverso la Lituania.
 
 Mosca sta seriamente esaminando una marcia forzata dalle città belreuse di Grodno e Lida verso Alytus e Marijampole, per raggiungere infine l’oblast di Kaliningrad attraverso Vilkaviskis.  Mosca prevede di completare la missione entro 48 ore, prima di prendersi del tempo per consolidare le posizioni e creare una zona di negazione dell’accesso.
 
 La Russia non crede che la NATO applicherà l’articolo 5 e inizierà a difendere la Lituania, mentre i russi giustificheranno la loro svolta con la necessità di creare un corridoio terrestre “umanitario” verso l’Oblast di Kaliningrad.
 L’unico punto debole di tale scenario è la mancanza di forze e mezzi, una parte significativa dei quali è stata accumulata in direzione ucraina, che richiede una rotazione costante delle unità coinvolte per sostituire le forze decapitate.
 
 Ma nonostante questa sfumatura, proprio come è stato con l’Ucraina, la Russia non farà sicuramente un passo indietro da questo complotto, anche tenendo conto del presupposto che potrebbe diventare fatale per il Paese.  Dopotutto, era ovvio per tutti quelli sani di mente che l’invasione dell’Ucraina sarebbe stata un tritacarne fatale per l’esercito russo, ma sono comunque entrati. Allo stesso modo, con gli stati baltici, nonostante l’evidente natura suicida del piano,  sarà comunque implementato.”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*