In Iraq la tragedia dei soldati bambino di Daesh

in MEDIO ORIENTE by

Ce ne sono circa 1.500, di età compresa tra 14 e 18 anni. Poiché le autorità irachene sospettano che abbiano legami con Daesh , rimangono o sono stati in prigione, spesso dopo essere stati torturati dalle forze di sicurezza. Tra questi minori, pochi hanno collaborato direttamente con l’organizzazione terroristica. E anche se lo fosse, i bambini reclutati da gruppi armati non statali ”  sono principalmente le vittime che dovrebbero ricevere sostegno per la loro riabilitazione e reintegrazione ” ,  afferma Human Rights Watch (HRW). In un rapporto pubblicato mercoledì 6 marzo, l’ONG per i diritti umani descrive la situazione di queste centinaia di minori, inclusi quasi 200 stranieri che, in Iraq, “sono trattati come criminali  ” al minimo accenno di collegamento con Daesh. Un’analisi basata sulla raccolta di una quarantina di testimonianze, solo ragazzi, raccolti sia in Iraq che nella regione autonoma del Kurdistan, a nord del territorio. La loro connessione con Daesh potrebbe essere tenue, come nel caso di Yusef, 17 anni, che ha lavorato per tre mesi in un ristorante per preparare i pasti per i membri dell’organizzazione terroristica. A volte è più preciso, come per Ayman, 16 anni, attratto dai soldi proposti da Daech: ”  Non ho fatto altro che stare su un ponte con un’arma  ” , ha detto, avendo ricevuto 60 000 dinari al mese in cambio (44,5 €). Tuttavia, questi sono oggetto di ”  politiche punitive  ” con conseguenze ”  profonde  “, che generano ”  cicatrici durature, separazione familiare, spostamento  “. E a volte anche un desiderio di ”  vendetta  “, avverte HRW, prova palese della controproducenza del metodo al lavoro in Iraq, anche se il paese si sforza di sradicare il terrorismo. Solo una piccola parte dei bambini intervistati dalla ONG ha dichiarato di avere accesso a un avvocato. Sono così pochi che sono stati portati davanti a un giudice entro i termini stabiliti nel codice penale – non più di 24 ore dopo l’arresto. E durante l’apparizione, questo, nella maggior parte dei casi, non durava ”  più di cinque o dieci minuti  “. Le prove, per coloro che furono processati, procedettero senza testimoni. Quelli che sono stati condannati sono stati tra sei e nove mesi. Tra le sue raccomandazioni a Baghdad e Erbil, la capitale della regione autonoma del Kurdistan, Hrw chiede di modificare le leggi anti-terrorismo per porre fine alla criminalizzazione dei minori di 18 anni, o di collaborare con l’UNICEF e agenzie di protezione dei minori per sviluppare programmi di riabilitazione. E per i bambini che hanno commesso la violenza nelle file del Daech, optando per la detenzione solo come ultima risorsa, per ”  il più breve lasso di tempo adeguato  “, assicurando che i bambini possono avere un avvocato .

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*