Il magazine della tua Città

Tag archive

live music

Il “Buona Fortuna” dei Modà

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 26 maggio 2022

I Modà con il loro “Buona Fortuna Tour” hanno fatto tappa al Palazzo dello Sport di Roma.

Si è trattato del loro penultimo concerto del tour iniziato lo scorso 2 maggio al Mediolanum Forum di Assago.

Francesco Silvestre e i suoi Modà sono tornati finalmente alla musica live dopo lo stop forzato dovuto alla crisi pandemica.

Il gruppo milanese ha così potuto presentare, per la prima volta dopo molto tempo davanti a una nutrita platea di fan in presenza, i brani contenuti nel loro doppio e ultimo album, in ordine cronologico di uscita, intotolato Buona Fortuna (Parte Prima) e Buona Fortuna (Parte Seconda).

Nel corso delle due ore di musica non potevano comunque mancare insieme ai nuovi brani, successi famosi del gruppo quali Tappeto di fragole, Gioia e Come un pittore.

Il tour si concluderà il 28 maggio 2022 al Pala Sele di Eboli – Salerno.

La galleria delle immagini

Dave Weckl & Tom Kennedy Project al CrossRoads Live Club

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 6 maggio 2022

Nella sala concerti del CrossRoads Live Club alle porte di Roma, affollato per la grande occasione, nella serata di ieri, il celebre batterista statunitense Dave Weckl  ha portato sul palco il suo nuovo e straordinario progetto ideato con il grande bassista Tom Kennedy.

Weckl, che inizialmente si era imposto al grande pubblico come membro della Chick Corea Elektric Band, è ormai diventato un musicista di riferimento che sta facendo la storia della batteria mondiale.

Sul palco insieme a lui e Tom Kennedy, si sono esibiti Stu Mindeman al piano e Bob Francheschini al sax.

La galleria delle immagini

PlayPlay

Frank Gambale and All Star Band

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 12 Aprile 2022

L’attesa è stata tanta ma alla fine ci siamo, uno dei più importanti chitarristi jazz/rock-fusion è a Roma con il suo Sweeping Across Europe Tour 2022 accompagnato da altrettanti importantissimi musicisti, Jerry Leonide alle tastiere, Hadrien Feraud al basso e Gergo Borlai alla batteria ovvero la sua All Star Band.

Da sottolineare è che il Cross Roads si conferma un punto di riferimento oltre che per artisti di casa nostra, anche per artisti di fama internazionale e così come da tradizione anche questa sera. Un plauso quindi va sicuramente a Valerio e allo staff dirigenziale che mantiene alto il nome del Live Club di Roma.

Inizia il concerto che si apre con un classico, No Neck Louie, il giusto brano per scaldare “i diti” come dice lui intrattenendo il pubblico tra un brano e l’altro, in un comprensibilissimo ed amabilissimo Italiano.

Qualsiasi brano del repertorio del grande artista australiano non è ovviamente banale ma viene magistralmente assecondato dalla band e tutti sembrano fondersi nelle armonie esaltando le singole straordinarie qualità. Come consuetudine nel jazz, piccoli assoli elettrizzano il pubblico presente in sala, dalle rullate di cassa e la capacità di inserire dei blast beat forsennati nelle singole battute da parte di Borlai, agli unisono con Gambale da parte di Feraud, ai tocchi magici delle tastiere da parte di Leonide che non fanno rimpiangere nemmeno il mitico Brian Hauger. 

Certo le influenze di Gambale che lo hanno da sempre ispirato sono evidenti, dal sound a volte molto vicino a Steely Dan, ai fraseggi jazz che ricordano i trascorsi nella band del suo mentore Cick Corea, che saluta con affetto durante la serata e a cui dedica un brano concludendo la presentazione con ….everywhere you are!

I ‘diti’ volano sui manici delle delle innumerevoli chitarre a disposizione di Gambale, a conferma, sempre che ce ne fosse stato bisogno, dell’immensa bravura del maestro australiano, così come volata è la serata che si chiude con un richiestissimo bis e che lascia nei presenti un’elettrizzante voglia di buona musica.

Microchip temporale – Il nuovo tour dei Subsonica

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Nelle due serate romane al Palatlantico dell’EUR si è registrato il tutto esaurito per il ritorno live dei Subsonica.

Il nuovo tour 2022 del gruppo torinese prende il nome ed è incentrato sulla riedizione rielaborata del loro secondo album del lontano 1999 dal titolo “Microchip Temporale”.

I brani dell’album oltre che arricchiti dai grandi cinque artisti del pop elettronico si sono avvalsi anche della creatività di altri illustri protagonisti della scena musicale italiana quali Achille Lauro, Coez, Coma Cose & Mamakass, Cosmo, Elisa, Ensi. Quest’ultimo, il rapper Ensi, è stato anche ospite della serata.

Il cantante Samuel, il produttore e chitarrista Max Casacci, il tastierista Boosta, il bassista Vicio e il batterista Ninja hanno emozionato il pubblico con un concerto immersivo attraverso i loro nuovi brani e gli storici cavalli di battaglia.

La galleria delle immagini

Jn June e Carrese all’Auditorium

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 14 marzo 2022

Continuano le serate all’Auditorium Parco della Musica della rassegna RETAPE 2022, a cura di Ernesto Assante, dedicata alle nuove proposte della scena musicale romana.

Nella prima parte della serata all’Auditorium Parco della Musica la cantautrice e chitarrista italiana di origini campane, Carrese, scoperta con la partecipazione alla trasmissione The Voice of Italy del 2015, ha presentato una serie di suoi brani, confermando la sua interessante personalità nello scenario della nuova musica italiana.

In June, il trio romano che recentemente ha pubblicato il suo primo EP, dal titolo “Common Grounds” si è poi esibito nella seconda parte della serata di ieri. Un’ impronta di musica pop ma anche dark, con voci eteree e suoni acustici importanti. Il trio, costituito nel 2018, è composto da Daniela Mariti, cantautrice e chitarrista, Mara Graziano, batterista, e Pier Iulianello, al basso.

La galleria di immagini di Carrese

La galleria di immagini di In June

Asaf Avidan: tappa romana del suo”Anagnorisis Tour”

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 3 marzo 2022

Asaf Avidan torna in Italia dopo oltre tre anni, presentando il suo nuovo album, settimo della sua carriera, intitolato “Anagnorisis”. Il titolo, termine inglese che deriva dal greco e più precisamente coniato da Aristotele, in italiano significa agnizione.

L’agnizione rappresenta quel colpo di scena finale ed inatteso che nelle tragedie greche o romane svela la reale identità di un personaggio.

Avidan, artista israeliano con numerosi dischi d’oro e di platino in oltre 15 paesi, prova con questo nuovo suo lavoro a svelare sé stesso, consapevole in ogni caso che esistono diversi momenti di rivelazione, prendendo coscienza che la complessità, la molteplicità, la confusione fanno parte dell’esistenza umana stessa.

Nella gremita Sala Sinopoli dell’Autorium, Avidan ha presentato i suoi nuovi brani, caratterizzati da un sound profondo ed ancestrale che richiama vari generi musicali dal pop ai ritmi gospel, ovviamente resi unici dalla sua inconfondibile voce magica.

La galleria delle immagini

Concerto di Natale dei Saxes Machine

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 22 dicembre2021

Alla Casa del Jazz, in due serate consecutive, i Saxes Machine, capitanati dal batterista e compositore Bruno Biriaco, hanno presentato il loro “A Christmas concert”.
La band ha presentato un repertorio di celebri canzoni natalizie, riarrangiate in modo originale e magistralmente eseguite da solisti di assoluto rilievo attraverso i 5 sax e la sezione ritmica.
Tra i brani eseguiti classici assoluti come “White Christmas” e “Silent night”.
Negli intermezzi Biriaco ha narrato alcuni episodi del lungo percorso dei 40 anni dalla formazione del progetto.

I componenti
Bruno Biriaco (batteria)
Gianni Oddi (sax alto-soprano e flauto)
Filiberto Palmerini (sax alto e clarinetto)
Alessandro Tomei (sax tenore e flauto)
Massimiliano Filosi (sax tenore e flauto)
Marco Guidolotti (sax baritono e clarinetto basso)
Massimo Moriconi (basso elettrico)
Ettore Carucci (piano)

La galleria delle immagini

Alex Britti e il suo “Progetto Speciale”

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Roma, 25 settembre 2021

In questo nuovo tour 2021 Britti ripercorre tutto il suo repertorio in un mix rivisitato dei suoi brani di maggior successo alternati a quelli meno conosciuti, che lui ama definire “i lati C”, ma non per questo meno privi di carattere.
Tra le canzoni più note , a volte anche intonate dal numeroso e attento pubblico presente, non poteva mancare l’esecuzione di brani quali “Oggi sono io” o “Immaturi“.
Questa volta il cantautore romano ha scelto come special guest e compagno di avventura uno dei più grandi trombettisti italiani, Flavio Boltro, con il quale hanno eseguito i brani dal blues al jazz e al rock-blues.
Insieme ai due protagonisti principali erano presenti sul palco altri tre musicisti di rilievo come Davide Savarese alla batteria, Emanuele Brignola al basso e Mario Fanizzi al pianoforte e tastiere.

Di seguito la galleria delle immagini.



Roberto Bettacchi
Go to Top
× How can I help you?