Il magazine della tua Città

Tag archive

Musica - page 2

Festa grande per Giancane al Monk

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Giancane torna a casa, sul palco del Monk, che tante volte lo ha già ospitato, per un’occasione veramente speciale: il compleanno del suo primo EP, “Carne”, che quest’anno festeggia ben dieci anni.

Giancane, al secolo Giancarlo Barbati, invita il suo pubblico a quella che di fatto è una grande festa collettiva di due giorni più che un semplice live. Scalette diverse per le due serate, tanti musicisti fra gli ospiti, come Andrea Ruggiero al violino e il rapper Kento nella prima, e  Galoni ed Alessandro Pieravanti del Muro del Canto nella seconda.

Il padrone di casa non si risparmia un momento, trascina i presenti, fa ballare e saltare e condisce lo show con il suo humour tutto romano. Si diverte e fa divertire, annullando la distanza fra palco e platea, e trasformando le due serate in un party travolgente, carico di allegria.

Più di tre ore di musica per entrambi i concerti e, tanti i pezzi suonati, da cover come “Lunedì”e “Riderà”, passando dai classici “Vecchi di merda”, “Hogan blu”e “Una vita al top”, fino ad arrivare ad “Ipocondria”, “Disagio”, “Come stai”e tanti tanti altri. Una kermesse musicale lunghissima che tuttavia sembra volare via in un attimo, tanta è l’energia vitale che proviene dal palco e si spande come un balsamo sulla folla.
Un compleanno davvero indimenticabile per chiunque abbia avuto la fortuna di essere presente, e un modo meraviglioso per iniziare anche le feste di Natale con la giusta carica intonando tutti in coro “Buon compleanno Gesù”.

Qui sotto la scaletta della serata del 22 Dicembre:

Ma tu no

Pecora

Ciao sono Giancane

Riderà

Lunedì

La vita

Il mio migliore amico

Vorrei essere te

Hogan blu

Limone

Non dormo più

Come stai

Papà Francesco

Disagio

Ipocondria

Slib

Siupm

Voglio Morire

Pare che dorme

Vecchi di merda

Uvat

Neanche per sbaglio

Tuttucha

Sarni

Dragostea Dinitei/ L’amour toujour

Buon compleanno Gesù

La stessa estate

 

 

I BSBE riempiono il MONK

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Chiudono il loro Next Big Tour a casa i Bud Spencer Blues Explosion, band alternative rock-punk blues formatasi nel 2006, ed anche il MONK, come molte delle altre date, registra un sold out.
Adriano Viterbini e Cesare Petulicchio ci hanno oramai abituato a performance di alto livello, che portano il pubblico dentro un’altra dimensione, la loro dimensione, dove una chitarra, una voce ed una batteria ricreano quel caratteristico sound graffiante ed immersivo che tanto colpisce ed affascina.
Pezzi provenienti dal loro ultimo album Next Big Niente ma anche i “loro classici”, come la versione personalissima di “Hey Boy Hey Girl” con la quale aprono ed infiammano fin da subito il MONK.
è sempre un grande piacere partecipare ad un loro concerto!

Ad aprire la serata sono stati i Bento, duo molto interessante in cui tastiere, sint e batteria danno vita ad una miscela esplosiva di diversi generi musicali: triphop, rock, elettronica, pop. Bravi Francesco Barletta ed Umberto Coviello, vi auguro di fare molta strada sui palchi d’Italia!

Matteo Paolillo: la sua voce incanta Roma

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Abbiamo avuto la possibilità di assistere al concerto di Matteo Paolillo all’Atlantico di Roma, per il suo Come Te tour, curato da OTR live. Paolillo è un giovane artista salernitano, classe 1995, che ha raggiunto la notorietà soprattutto grazie alla serie televisiva Mare Fuori, in cui interpreta il ruolo di Edoardo.

Oltre alla recitazione, è appassionato di musica, e sin da ragazzo ha deciso di seguire le orme di Salmo per creare brani che mixino stile rap e trap, con il rock e il pop.

Apertura di tutto rispetto con Samia (candidata a Sanremo giovani nel 2021) e Rondine, talentuoso diciottenne, che ha stregato il pubblico con la sua bellissima voce e il volto da bimbo nascosto da una cascata di riccioli.

È stata quindi la volta di Matteo Paolillo, con un’introduzione video che ha ripercorso i suoi testi. La clessidra, l’orologio, le sbarre, il tempo che passa, imprigionandolo dietro una parete led, da cui traspare la sua figura. Si apre così uno degli show visivamente più interessanti degli ultimi tempi. “Intro/L’Arte” poi “Liberatemi”; due grandi ali bianche si stagliano dalla sua figura ancora imprigionata, in riferimento a Icaro, suo pseudonimo, e pronte a farlo volare libero. Un inizio esplosivo, tra le grida del pubblico, emozionato dalla presenza dell’artista.

Sono quasi duemila le persone venute all’Atlantico di Roma, riaperto per l’occasione dopo oltre 18 mesi, per applaudire il loro beniamino, l’amatissimo Edoardo di Mare Fuori.

Impossibile scindere l’attore dal cantante, le due carriere sembrano intrecciarsi in una passione unica. Portano la sua firma e la sua voce, infatti, i celebri brani legati alla serie, che ha eseguito questa sera: “Origami all’alba”, “Sangue nero” e l‘acclamatissima “’O mar for”, regina di tutti i record di ascolti.

Due carriere intrecciate e interconnesse, in cui mostra grande empatia e volontà di raccontarsi, anche nelle parti più fragili. La finzione da una parte e la propria storia, il proprio pensiero come espressione, nella seconda.

La gavetta nei teatri gli ha dato la giusta consapevolezza di come muoversi su un palco e gestire il proprio corpo nello spazio, oltre al timbro vocale e la grande capacità di coinvolgere il pubblico presente.

Paolillo ha eseguito un repertorio di brani tratti dal suo album “Come te”, oltre a un omaggio alla sua città d’adozione, a cui ha dedicato “Roma nun fa la stupida stasera”, e una cover di “Meraviglioso” di Domenico Modugno.

Le sue nuove canzoni spaziano dal rap al pop, con testi che raccontano la vita, i sogni e le speranze. Una voce e una scrittura molto personali, che non temono di esplorare i lati più umani e mostrare le proprie vulnerabilità.

Accompagnato da una band di tutto rispetto, l’artista ha dimostrato di avere una grande presenza scenica e una voce potente. Ha interagito spesso con il pubblico, scherzando e avvicinandosi, per leggere i numerosi striscioni a lui dedicati e affrontando temi delicati come la lotta contro la violenza di genere e l’educazione ai sentimenti.

Il concerto di Matteo Paolillo è stato un’esperienza energica e coinvolgente, con le meravigliose istallazioni scenografiche sui led, curate da Stefano di Buduo. L’artista ha dimostrato di avere un talento naturale per la musica e un grande carisma. Ha duettato con PJ e dedicato un brano all’ospite della serata, la collega Ludovica Coscione (Teresa in Mare Fuori) che ci ha regalato un monologo da brividi. Il finale non poteva che essere un grande omaggio alla fortunata serie TV che lo ha lanciato, con la versione remix di “’O mar for” e Matteo che invita il pubblico a lasciare per un attimo da parte i telefonini e divertirsi insieme a lui.

La galleria immagini

We Will Rock You: il musical teatrale con i successi dei Queen al Teatro Olimpico

in Senza categoria by

Uno degli spettacoli più rappresentati al mondo, il musical “We will rock you”, è tornato ieri sera a Roma al Teatro Olimpico nella prima delle due serate, di questa nuova edizione applauditissima da un pubblico entusiasta.

Scritto dal comico e scrittore britannico Ben Elton insieme a due grandissimi della rock band dei Queen, ovvero Roger Taylor e Brian May, lo spettacolo ha fatto registrare 35.000 presenze in 30 repliche nella prima parte del tour 2023.

Lo spettacolo non è, come potrebbe apparire, un musical sui Queen, né sulla loro storia,  ma bensì, pur nella leggerezza dello show, un inno ad un sogno comune di un mondo diverso possibile, fuori dalle omologazioni, dal controllo dei pochi sui tanti e dall’accentramento del potere.
Keep Reading

L’invincibile armata di Valerio Scanu al Teatro Ghione

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Valerio Scanu è tornato ad esibirsi dal vivo, per l’occasione sul palco del Teatro Ghione,  con uno spettacolo totale nel quale da protagonista esprime il suo talento e la sua versatilità con tratti di musica, ballo e cabaret.

Il vincitore dell’edizione 2010 del Festival di Sanremo, oltre a riproporre i suo brani di successo, ha reinterpretato brani famosi di artisti celebri quali Al Bano, Claudio Villa e Ornella Vanoni, presentati nei vari talent a cui Valerio ha partecipato negli anni scorsi come I migliori anni” e “Tale e quale show“.

L’artista sardo non ha mancato di esibirsi in veste di ballerino con la sua partner Beatrice, con dei pezzi di musical tratti da “La sirenetta” di Disney.

Sul palco hanno inoltre duettato con lui alcuni ospiti quali i cantanti Davide Papasidero e Giancarlo Genise.

La serata è stata aperta dalle voci di Lechien, Alice Stocchino e Joe Romano. Keep Reading

EDDA : L’umanità di cui non vorremmo fare a meno

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Ad aprire le danze questa sera sul palco dell’Angelo Mai, per la serata speciale Preview di MArte live, il giovane Marco Fracasia. Talento sognante e sospeso, scrive e canta canzoni che di solito registra a casa di sua nonna. Torinese, ha 21 anni e le sue influenze vanno dalla lo-fi, al dream pop e l’indie. Con i suoi EP ha dimostrato una scrittura molto intima e personale che cattura l’ascoltatore. Ne avevamo già parlato qui, in occasione dello Spring Attitude Festival. Questa sera ha presentato una manciata di brani intimi e minimali, che trasportano nella realtà molto personale dell’artista.

E poi la volta dell’attesissimo Edda, insieme ai Semplici, per presentare il loro Minimal/animal set tour.

Dopo i concerti di presentazione dell’album “Illusion”, uscito a settembre 2022 per AlaBianca Group e prodotto da Gianni Maroccolo (Litfiba, CCCP, CSI, PGR, Marlene Kuntz), Edda è tornato a esibirsi dal vivo nei club italiani per una serie di date con la sua collaudata band, i Semplici.
“Edda e i Semplici perfettamente allineati col progetto cosmico del Signore Supremo scendono di nuovo in campo. Karmicamente schierati in versione duo o trio presenteranno nei club di tutto il Regno la collezione autunno inverno delle loro canzoni più celebri.
Il morale è alto, la gloria ci attende. Viva l’Italia. Durante i concerti sono previsti anche momenti di catechesi, indottrinamento e propaganda. Portate con voi i vostri dubbi, ne uscirete confusi e felici”, annuncia Stefano “Edda” Rampoldi, per presentare queste nuove date.

Scarni ed essenziali, sono In tre a dividersi il palco, e aprono il concerto con “Mio capitano”, estratto dall’ultimo album Illusion, seguita da “Benedicimi”, da Graziosa Utopia. Saranno questi due album i grandi protagonisti del live, anche se non mancano brani da Semper Biot, e Stavolta come mi ammazzerai. La dimensione dal vivo esalta la vocalità inconfondibile di Edda, musicista di culto sin dai tempi il cui era frontman dei Ritmo Tribale, e che è tornato sulla scena musicale da cantautore dopo qualche anno di assenza. Molto apprezzato dalla critica e dagli addetti ai lavori, non ha (misteriosamente) mai avuto il successo commerciale che meriterebbe. Non è per tutti la sua musica, d’altronde, e  c’è chi lo ama visceralmente e chi proprio non lo capisce. Nonostante le melodie ben definite, il sound pulito e l’estensione vocale, è il suo modo irriverente e fuori da ogni schema a non risultare digesto a tutti. Parole uscite di getto, catene di associazioni e flusso di pensiero che costituiscono dei testi profondi, pieni di rabbia, dolore e ironia. Ci sono temi ricorrenti che evidentemente abitano il subconscio di Rampoldi, Eros e Thanatos, amore, morte, famiglia, religione, accenni di filosofie orientali. Ascoltare Edda è un’esperienza liberatoria. Col suo modo lancinante di strappare le note e far crollare concetti rigidi e confini. E’ uno dei musicisti più liberi del panorama musicale, sembra non preoccuparsi di forma e contenuti, lasciando sgorgare parole a volte al limite dell’indicibile, che la maggior parte di noi soffocherebbe e che lui invece canta con una tale naturalezza da risultare innocenti. Malinconiche e strazianti “Sai bene” e “Organza”, solo voce e tastiera, poi si sale di tono e volume con Picchiami e Bellissima. Si piange, si ride, si canta a squarciagola ai concerti di Edda, soprattutto nel crescendo conclusivo che porta le hit “Zigulì” “Signora” e “Spaziale”, per poi terminare con “L’innamorato”. Il pubblico non è ancora appagato e così Edda ci regala un brano extra. Canta una versione dissacrante e Rampoldiana di “Dentro Marylin” degli Afterhours, perché, spiega, è invidioso del loro successo. Un personaggio dotato di grande empatia ed estro artistico, da analizzare minuziosamente o da vivere con la serenità dell’istinto. Contraddittorio fino al midollo, nel suo mix di saggezza e attitudine punk, e con una irresistibile dolcezza che si sprigiona persino dai testi più crudi. Impossibile non affezionarsi a Edda, che anche in questo concerto ci ha commossi nei picchi più emotivi, confermandosi uno dei cantautori più importanti della musica italiana attuale.

 

La Galleria Immagini

E’ (ancora) il nostro genere Willie Peyote

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Ha fatto tappa a Roma, all’Orion di Ciampino, il tour invernale che porta Willie Peyote nei principali club italiani, organizzato da Magellano Concerti.

Affollato come non mai, il club sembra essere l’habitat più giusto per i brani di Willie, che richiedono una certa intimità con il pubblico, con i loro testi irriverenti, e che allo stesso fanno muovere qualche passo grazie ai ritmi rap, funk e pop.

A dieci anni da “Non è il mio genere, il genere umano”, Willie fa il punto sulla situazione, dai suoi esordi a oggi, con il “Non è (ancora) il mio genere” club tour.

Parte dagli esordi, quindi, e, come in un cerchio che si chiude perfettamente, cita il titolo dell’album e contemporaneamente una frase dal brano UFO (Non è ancora il mio genere, scrivilo sulla lapide) che riassume quanto dissenso, quanta voglia di non sottostare alle regole e ai dettami della società, ci sia ancora nella penna del nostro Willie Peyote.

Amore invece per i giochi di parole, l’ironia e l’intelligenza, di cui si serve per porre domande su questioni sociali e personali, che dipingono una realtà diversa da quella che a volte vogliamo vedere.

Starà al pubblico poi scegliere se cercare di darsi delle risposte o proseguire con leggerezza, passando oltre il significato e limitandosi ai ritmi accattivanti e ai sorrisi amari che molti dei suoi brani riescono a strapparci.

Il genere non è solo quello umano, ma anche quello musicale. Dai suoi esordi come rapper atipico, lontano quindi da certi stereotipi, passando per pop, indie, cantautorato, sicuramente vanta la giusta dose di questi ingredienti nel suo stile atipico, senza appartenere fedelmente ad alcun genere o etichetta precisa.

È decisamente rap/hip hop old school la matrice dei brani, nel loro parlare crudo e scandito e nei testi taglienti, ma c’è molto altro. Accompagnato da un’eccellente band composta da batteria, tastiere, chitarra e trombone, si intravedono scorci di rock, venature indie, suoni pop e ritmi funk.

La scaletta è ampiamente dedicata all’Album “Non è il mio genere (il genere umano)”, e non mancano naturalmente i suoi manifesti del disincanto sentimentale come “La tua futura ex moglie”, “Ottima scusa”, del disagio sociale delle nostre generazioni, come “Io non sono razzista ma”, “I cani”, la sanremese “Mai dire mai”, “C’era una vodka” e molte altre dal suo esteso repertorio, inclusa “Aglio e Olio” di Fulminacci.

Willie Peyote ha il dono di sbatterci in faccia verità dolorose, facendoci sorridere e toccando i tasselli vacillanti delle nostre abitudini mal radicate.

È un esempio rassicurante di come la musica, e il rap/urban in particolare, abbiano l’opportunità di comunicare con un numero elevato di persone, e siano in grado di farlo in modo profondo, intelligente, e tutt’altro che pesante o noioso.

In mezzo alla scaletta un breve omaggio al concittadino Paolo Conte con “Vieni via con me”, e un accenno al riff di chitarra di “Do I wanna know” degli Artic Monkeys, a sottolineare l’eclettismo e la professionalità di Willie Peyote e di tutta la band. Questa sera oltre alle capacità tecniche hanno dimostrato energia, ottima padronanza del palco, empatia con il pubblico e tanta sincerità, confermandoci che Wille Peyote, decisamente, è (ancora) il nostro genere.

 

La galleria immagini

IRAMA RKOMI – NO STRESS

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY/Senza categoria by

Dopo l’uscita del joint album No Stress, gli artisti multiplatino Irama & Rkomi condividono il palco per il No Stress Tour, la tournée nei palasport prodotta e organizzata da Vivo Concerti.


Giovanissimi, hanno entrambi all’attivo una serie d traguardi ineguagliabili in termini di ascolti, e data l’amicizia e le passate e proficue collaborazioni hanno pubblicato un album insieme, anticipato dal singolo di grande successo Hollywood.

 

Ed è proprio con questo brano che si apre la serata al Palazzo dello sport di Roma, scatenando l’entusiasmo del pubblico che esplode in un boato di gioia.

 

Giochi di luce e proiezioni sul palco grandissimo che i due condividono con coriste, chitarra, basso, batteria e pianoforte a coda. Lo show è diviso in quattro parti e inizia con alcuni estratti da No Stress interpretati dal patinatissimo Irama insieme al fido compare Rkomi, a cui segue la celebre “5 gocce”, in cui quest’ultimo compariva in feat.

 

Un breve video mostra alcuni momenti di backstage e scene di vita in tour di Irama, annunciando la parte in cui si esibirà da solo, surfando abilmente sull’onda di tutti gli stili musicali che ha cavalcato negli anni.

 

Stessa cosa per il più arruffato, sia visivamente che per l’approccio stilistico, Mirko, in arte Rkomi, che delizia i fan in delirio con le sue hit come “Maleducata”, “10 ragazze” “Partire da te”. Sportivo, scattante, si giostra da sempre con vari generi musicali, passando con agilità dal rap al pop rock, con lo sguardo sperduto del bambino e il sorriso grande di chi è a suo agio sul palco.

 

Non mancano le sorprese, i due affrontano insieme i loro brani più celebri (e sanremesi) “Insuperabile” e “Ragazza dal cuore di latta”, si mescolano con la folla, cambiano pelle come cambiano d’abito, per la gioia delle fan più scatenate sottopalco che cantano a squarciagola su ogni singola nota.

 

Si chiude in bellezza con “Luna piena” e il nuovissimo singolo “Sulla pelle” che conferma il grande successo di questo sodalizio artistico in cui Irama e Rkomi, entrambi amanti degli anagrammi (hanno scelto il nome d’arte anagrammando i propri nomi di battesimo) si completano musicalmente, vocalmente e visivamente, moltiplicando la notorietà di cui già godevano da solisti.

 

Piccola nota di merito, durante l’esibizione Rkomi scivola sul palco, ma lo show deve andare avanti e si rialza, come se niente fosse, mostrando la giusta attitudine di reazione alle avversità. Come a dire: No stress.

 

La galleria Immagini

Mario Biondi al Teatro Brancaccio

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Nella serata di ieri Mario Biondi ha portato il suo tour “Crooning Undercover” al Teatro Brancaccio, completamente esaurito per l’occasione.

Sul palco, insieme all’artista catanese, un’orchestra con ben diciotto elementi in una formula esperenziale fuori dagli schemi.
I musicisti si sono infatti esibiti senza alcun supporto tecnologico quali spie, monitor o auricolari, per un ritorno alle origini di una musica di massima purezza.

Con i suoi marchi di fabbrica, ovvero voce calda e avvolgente, il suo tipico e personalizzato sile crooning ed il sound soul jazz, Biondi ha presentato brani dal suo ultimo album, anticipato dal singolo “My Favourite Things”, oltre ai suoi brani più celebri e conosciuti.

Nel nuovo album sono presenti inediti e mix di cover e di inediti in collaborazione con altri illustri artisti tra i quali Paolo Fresu, Stefano Di Battista, Rosario Giuliani, Francesco Cafiso.

Keep Reading

I Folkstone all’Orion per il loro “Sopra le macerie” Tour

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Dopo il ritorno ai live con il sold-out ottenuto in occasione della X edizione del Metalitalia.com Festival di Trezzo sull’Adda di qualche mese fa, la band dei Folkstone è tornata ad esibirsi ieri sera a Roma, sul palco dell’Orion, nella prima tappa del loro nuovo tour “Sopra le macerie”.

Il tour, organizzato da Shining Production in collaborazione con Vertigo, proseguirà con i concerti di oggi a Firenze, il 15 dicembre a Padova ed infine il giorno successivo ad Asti.

Un pubblico entusiasta e partecipativo ha accompagnato la metal band bergamasca che ha presentato il loro sound ricercato, unico ed originale, in cui le sonorità folk dei violini, delle cornamuse e delle percussioni si mescolano con quelle delle chitarre, del basso e della batteria.

La scaletta della serata

Nella mia fossa Keep Reading

Roberto Bettacchi
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?