Il magazine della tua Città

Tag archive

European Affairs Roma

La staffetta in bicicletta in ricordo delle vittime del massacro delle Fosse Ardeatine

in CRONACA/CULTURA/INIZIATIVE ED EVENTI/PHOTOGALLERY/POLITICA/SOCIETA’ by

“Domenica come le staffette partigiane. In bicicletta contro il fascismo, le guerre, il patriarcato.
Per la democrazia, la pace, la libertà. Per i diritti, la solidarietà, il lavoro, l’eguaglianza.”

Così recita il comunicato che ha annunciato lo svolgimento, la scorsa Domenica, di una staffetta ciclistica davvero speciale. Ad ottant’anni dal massacro delle Fosse Ardeatine, in cui, il 24 Marzo 1944, per mano dei nazisti, morirono ben 335 persone, tra civili, prigionieri, politici, ebrei e militari, il mondo della cultura vuole ricordare quelle vittime innocenti e riaffermare ancora una volta l’opposizione ferma ad ogni forma di violenza.

Keep Reading

Roma Città Libera – XXIX giornata della memoria della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti di mafia

in CRONACA/CULTURA/INIZIATIVE ED EVENTI/PHOTOGALLERY/POLITICA/SOCIETA’ by

21 Marzo 2024. A Roma è finalmente primavera, e un sole meraviglioso accoglie tutti coloro che hanno scelto di partecipare al raduno organizzato da Libera per celebrare la XXIX Giornata della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti di mafia.

Keep Reading

Una chiacchierata al pub con Mike Dawes

in CULTURA/INTERVISTA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

È una fredda serata di fine Febbraio a Roma, e nella penombra di un pub di periferia, il “Let it Beer”, abbiamo avuto la fortuna di scambiare due chiacchiere con Mike Dawes. Il prodigioso chitarrista inglese si trova di passaggio nella capitale per la data romana del suo tour europeo solista. Noi lo abbiamo incontrato pre-concerto, ed il giovane musicista ha gentilmente accettato di raccontarci del suo nuovo tour, della sua musica, dei suoi sogni e delle sue chitarre.

Keep Reading

Festa grande all’Orion con i Marlene Kuntz per il trentennale di Catartica

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Incredibile pensare che siano già trascorse tre decadi da quando i Marlene Kuntz, con l’uscita dell’album “Catartica”, hanno segnato una pietra miliare del panorama musicale italiano.
La band di Cuneo torna ora con un tour celebrativo del trentennale di questo disco straordinario, e fa tappa a Roma, all’Orion Club, per regalare al suo pubblico una serata densa di emozioni.

Keep Reading

Mike Dawes Live al “Let it Beer” per l’unica tappa romana del suo tour solista

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Dopo aver aperto il concerto del chitarrista australiano Tommy Emmanuel già lo scorso all’Auditorium Parco della Musica di Roma, finalmente il prodigio inglese del fingerpicking, Mike Dawes, torna nella capitale per l’ultima tappa italiana del suo tour da solista.

La location scelta per questo suo one man show, stavolta, è quella più intima e ristretta del pub “Let it Beer”, in zona Tiburtina, che già sul suo palco ha visto esibirsi artisti del calibro di Neil Zaza e David Ellefson.

Keep Reading

Tropea: belli come ribellione

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Forti della recente uscita del loro primo album in sei anni di carriera, i Tropea si sono esibiti al Wishlist di Roma i 23 febbraio, per il Serole tour 2024, organizzato da BPM Concerti, che li sta portando nei club di tutta la penisola. Terzo concerto nel giro di un mese di un artista uscito dai talent, dopo Matteo Alieno e Stunt Pilots, i Tropea sono sufficientemente lontani da quella ventata di fama portata dal passaggio televisivo e ci presentano uno show personale, originale, in cui si divertono, e sono sinceri e credibili sotto ogni punto di vista.

La scaletta riprende la quasi totalità del loro nuovo album “Serole”, uscito da poco per Peermusic Italy e Artist First, oltre ad alcuni dei brani che hanno contribuito a farli conoscere sin dal loro esordio.

Malgrado la pioggia che scende generosa su Roma, il locale è pieno di aficionados che cantano ogni nota, e con cui la band interagisce piacevolmente. Nonostante le dimensioni ridotte del palco non permettano loro tutta la libertà di esprimersi anche nei movimenti, rimediano scendendo tra il pubblico a più riprese o facendolo sedere a terra per una toccante Which One. Oltre alla voce, a certe armonie nostalgiche e orecchiabili, all’aria scanzonata con cui affrontano testi e immaginario del gruppo, è sicuramente la sincerità con cui compongono, suonano e si donano senza riserve nei loro live ad aver facilitato la costruzione di un seguito di fans sempre crescente. Anche se speravamo nella partecipazione di Marco Castello in Tu credi che, è stato il pubblico a intonare la canzone insieme ai Tropea creando uno dei momenti più magici della serata. E sebbene ci sia mancata la cover di Luna dei Verdena, che sembrava essere ormai entrata di diritto nel loro repertorio live, ci siamo consolati con l’omaggio ai sempre più attuali CCCP, con Curami e ci siamo scatenati sui loro  singoli Cringe Inferno, Gallipoli e Ribellione.

Keep Reading

APPINO HUMANIZE CLUB TOUR 2024

in COMUNICATI STAMPA/CULTURA/MUSICA by

TRA POCHI GIORNI IL RITORNO DAL VIVO DEL CANTAUTORE TOSCANO 

CHE SARA’ IN CONCERTO A ROMA IL 3 MARZO 2024 AL LARGO VENUE

IN SCALETTA I BRANI DEL NUOVO DISCO

HUMANIZE

UN PROGETTO ARTISTICO A 360 GRADI,  CHE SI PROPONE DI SCANDAGLIARE IL CONCETTO DI UMANITÀ

APPINO – cantante, chitarrista e penna dei The Zen Circus – è pronto a tornare dal vivo con un tour solista: dopo l’uscita del nuovo disco, HUMANIZE, l’artista toscano porterà dal vivo i nuovi brani, esplorandone il complesso universo, con incursioni nei due album precedenti, Grande raccordo animale (2015) e Il Testamento (2013), vincitore della Targa Tenco come migliore opera prima. Affidandosi proprio alle parole dell’artista: 

HUMANIZE CLUB TOUR 2024racconta APPINOsi propone di portare dal vivo buona parte delle canzoni dei miei tre dischi da solista, mescolandole l’una dentro l’altra per cercare di approfondire la narrazione sull’umanità che ho intrapreso con l’album appena uscito. Nuovi arrangiamenti, cavalcate strumentali e momenti di intimità acustica sono gli ingredienti di quello che considero più un viaggio che un concerto. Lo show infatti è pensato come uno spettacolo teatrale, un film, o forse meglio ancora un documentario. A ribadirlo un light show sognante e psichedelico basato su specchi e riflessioni a cura di Gabriele Spadini. E ovviamente la band, composta da Matteo D’Ignazi alla batteria (Daykoda, Erio, etc), Davide Barbafiera a moog e campionamenti (Campos, Ico e i casi umani etc), Valerio Fantozzi al basso (Bobo Rondelli, Snaporaz etc) e Fabrizio “Thegeometra” Pagni (tastierista aggiunto degli Zen dal 2018, nonché co-produttore di Humanize)”.

HUMANIZE CLUB TOUR 2024, che ha preso il via il 23 febbraio con una data zero al The Cage di Livorno, toccherà l’Italia da nord a sud, passando anche per le isole. Un tour fitto e capillare, che si propone di arrivare davvero in tutto il Paese, per raccogliere più umanità possibile, proprio nello spirito dell’ambizioso progetto di HUMANIZE.

Dopo il successo delle prima date, questo il calendario aggiornato delle date di HUMANIZE CLUB TOUR 2024:

Venerdì 1 marzo 2024 || Perugia @ Urban Club GUEST: FAST ANIMALS AND SLOW KIDS

Domenica 3 marzo 2024 || Roma @ Largo Venue

Mercoledì 6 marzo 2024 || Trento @ Sanbapolis

Giovedì 7 marzo 2024 || Torino @ Hiroshima Mon Amour

Venerdì 8 marzo 2024 || Brescia @ Latteria Molloy

Martedì 12 marzo 2024 || Milano @ Santeria Toscana 31 SOLD OUT!

Mercoledì 13 marzo 2024 || Milano @ Santeria Toscana 31 

Venerdì 15 marzo 2024 || Treviso @ New Age Club

Sabato 16 marzo 2024 || Cesena @ Vidia Club

Domenica 17 marzo 2024 || Firenze @ Viper Theatre

Sabato 23 marzo 2024 || Cagliari @ Fabrik

Martedì 26 marzo 2024 || Napoli @ Duel Club

Mercoledì 27 marzo 2024 ||Cosenza @ Mood Social Club

Giovedì 28 marzo 2024 || Messina @ Retronoveau 

Venerdì 29 marzo 2024 || Palermo @ I Candelai

Sabato 30 marzo 2024 || Catania @ Land

Lunedì 1 aprile 2024 || Molfetta (BA) @ Eremo Club

HUMANIZE CLUB TOUR 2024 segna l’ingresso di APPINO nel roster di Vivo Concerti, che ne curerà l’attività live. Le prevendite sono attive sui circuiti abituali.  L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

 

Fattore Alieno – Matteo Alieno live al Largo Venue

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Matteo Alieno è un giovane cantautore, classe ’98, che ha un look e uno stile originali e pieni di rimandi, sia musicali che visivi, che ci fanno riassaporare un passato tra brit pop anni ’60, cantautorato anni ’70, nouvelle vague, e il più attuale indie italiano. E non c’è niente, in questo momento, che sappia di futuro quanto gli artisti che attingono dal passato.

Attivo sulla scena romana già da diversi anni, è introdotto questa sera sul palco da un video e uno scambio di battute con Riccardo Zianna (che ha decisamente contribuito a lanciarlo), intrisi di quel surrealismo e quell’innocenza a cui l’artista ci ha abituati da sempre nei suoi testi e nelle sue esibizioni.

Freme in trepidante attesa il pubblico del Largo Venue, già sold-out da settimane. Difficile distinguere la percentuale di pubblico fedele dagli esordi da quello più recentemente acquisito grazie al passaggio nel talent show X Factor, da cui è uscito prima delle semifinali.

Oltre ai brani tratti dai suoi due album “Atronave” del 2020 e “Alieni” del 2022 (entrambi Honiro Label), ha presentato anche le cover con cui si è esibito in trasmissione, tra cui spicca sicuramente il brano che gli ha fatto superare le selezioni “Io non piango” di Califano, col coro di un pubblico visibilmente commosso. Quattro i brani proposti in duetto questa sera, in “Specchio” con Davide Amati che si è esibito da solo anche in prima parte dello spettacolo, “Dimmi” con la talentuosa compagna di X-Factor Angelica, “Lucio Dalla” insieme a Mox, e infine il nuovo singolo “Normale” con Motta. Ospite d’eccezione che ne ha curato anche la produzione e di cui Alieno è fan dai tempi de “La fine dei vent’anni”.

Una scaletta che alterna rock e pop con un gusto originale e rétro e che trova la sua espressione più riuscita nei momenti più acustici e intimisti. Matteo Alieno ha iniziato a cantare e scrivere canzoni da bambino accompagnato dalla mamma al pianoforte, e conserva lo sguardo innocente e il linguaggio di chi ancora non ha nessuna voglia di crescere in un mondo a cui sente di non appartenere.

Se sono chiare le intenzioni dei testi e l’originalità del progetto Alieno, è difficile trovare la stessa unicità e identità a livello musicale. È un rimando alle varie influenze, un continuo salto tra presente e passato, che ancora fatica a mettersi a fuoco. Un caleidoscopio di sonorità, un patchwork di varie epoche e stili, per un repertorio che attinge da varie fonti, senza trovare una strada precisa.

Complice forse il consenso di recente acquisizione, risulta al momento un artista ancora in fase di evoluzione. La sua è una penna decisamente poetica e incisiva, seppur ancora a tratti acerba, alla ricerca costante di nuovi linguaggi espressivi.

In un mondo troppo omologato, l’universo Alieno rappresenta però un’oasi di originalità, e la sua esibizione di questa sera lascia presagire una crescita e una maturazione che lo porteranno a definire sempre meglio la sua identità. Matteo ha tutte le carte in regola per ritagliarsi uno spazio tutto suo nel vortice delle numerose uscite e fenomeni passeggeri. La sua fluidità stilistica, se ben inquadrata, potrà far di lui un astro nascente in grado di illuminare il nuovo panorama musicale italiano.

Passeggeri siamo anche noi questa sera, sull’ Astronave Alieno, per assaporare un po’ di quel mondo tutto suo, che ha così ben saputo raccontarci. Un inno all’introspezione, all’accettazione, alla creatività, un invito a non aver paura di sentirsi diversi. Un viaggio senza una destinazione precisa, ma ricco di bellezza e poesia, che non vediamo l’ora di rifare.

Testo e immagini di Ginevra Baldassari

La Galleria

1 2 3 17
Ginevra Baldassari
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?