Il magazine della tua Città

Tag archive

Auditorium Parco della Musica Roma - page 2

Steve Hogart – A Naturally Peculiar Evening

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Steve Hogarth, storica voce dei Marillion è tornato a Roma sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma per presentare il suo “A Naturally Peculiar Evening“.
Lo spettacolo diviso in due parti ha visto dapprima il cantante inglese nelle vesti di solista, mentre nella seconda parte è stato accompagnato, nell’ormai consolidato connubio, dalla band romana RanestRane. Nel concerto Hogart ha proposto i suoi maggiori successi e quelli della band inglese di cui è il frontman, non sono mancate inoltre le fini interpretazioni di successi di artisti come Leonard Cohen, David Bowie, Simon & Garfunkel ed altri.

Di seguito la nostra galleria fotografica

Las Estrellas – Passione Spagnola

in CULTURA/DANZA/PHOTOGALLERY/TEATRO by

Las Estrellas (le stelle della danza iberica riunite sotto la direzione artistica di Daniele Cipriani) sono finalmente arrivate all’Auditorium Parco della Musica ed è stata una grande festa! Lo zapateado dei tacchi, il fruscio dello strascico delle bata de cola (il vestito delle bailaoras di flamenco), il ticchettio delle nacchere, l’arpeggio delle chitarre e i penetranti canti gitani hanno letteralmente mandato in delirio gli spettatori della Sala Santa Cecilia completamente sold out.

Grandissimi i nomi delle estrellas che si sono esibite: la meravigliosa Ana Morales, l’immensa Belén López (che ha danzato con la sua piccola Sandra) e ancora Patricia Guerrero, Jesús Carmona, José Manuel Benítez, il grandissimo Sergio Bernal ed il Direttore del Ballet Nacional de España, Rubén Olmo.

Nel ricco cast di Las Estrellas anche cantaores e tocaores: i cantanti Jose Luis Medina e Pedro Jiménez González, i musicisti Sergio Gómez “El Colorao”, Carlos Jiménez e Rafael Jiménez “El Chispas”.

PASSIONE SPAGNOLA: Las Estrellas

in COMUNICATI STAMPA/CULTURA/DANZA/TEATRO by

 

Daniele Cipriani Entertainment
presenta
PASSIONE SPAGNOLA
Las Estrellas: bailarines e bailaores, le stelle della danza spagnola a Roma

Ferve l’attesa per Las Estrellas… e già ci sembra di sentire avvicinarsi gli artisti spagnoli che daranno vita a questo appassionante spettacolo: di udire lo zapateado dei loro tacchi, il fruscio dello strascico delle bata de cola (il vestito delle bailaoras di flamenco), il ticchettio delle nacchere, l’arpeggio delle chitarre e i penetranti canti gitane…

Manca poco al 28 e 29 gennaio 2024, date in cui, alle ore 21,00, debutterà all’Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia – Roma, nel quadro della Stagione della Fondazione Musica per Roma, Las Estrellas. Il gala, con la direzione artistica di Daniele Cipriani, vede protagonisti il Ballet Nacional de España, grande compagnia e ambasciatrice della danza spagnola nel mondo, e i maggiori bailarines ( “ballerini”) e bailaores (“danzatori di flamenco”) del momento. Per gli spettatori sarà un tripudio di emozioni e colori, un’irripetibile fiesta, con l’ensemble della compagnia più rappresentativa del paese iberico, una delle patrie della danza mondiale.

Il Direttore del Ballet Nacional de España, Rubén Olmo (danzerà insieme alla sua compagnia), anticipa: “Il Gala Las Estrellas significa far conoscere la danza spagnola in tutte le sue sfaccettature: il flamenco, la danza stilizzata o Escuela Bolera. Poter portare la danza spagnola in tutti i paesi e mostrare loro la nostra ricchezza di discipline e stili è per noi motivo di orgoglio. Vorrei anche sottolineare l’importanza degli ospiti di questo Gala, come Sergio Bernal nella Danza Spagnola e la rappresentazione della vasta gamma del flamenco più attuale con Patricia Guerrero, Jesús Carmona, Belén López (danza con i suoi due piccoli figli, Sandra e Antonio, ndr), o Ana Morales, figure di spicco del flamenco, ognuna con uno stile molto personale. Credo che sarà un gala meraviglioso in cui tutti godremo della danza spagnola.”

Alcune delle stelle citate da Olmo, le estrellas che danno il nome allo spettacolo, saranno una scoperta per il pubblico romano il quale, al contempo, ritroverà il suo beniamino Sergio Bernal, già noto grazie alle sue frequenti apparizioni in Italia, tra cui i gala Les Étoiles di Daniele Cipriani. Si tratta, dunque, delle stelle più rappresentative della danza iberica – molte hanno vinto il prestigioso Premio Nacional de Danza  – in un programma ghiotto ed eccitante: un “menù danzante” in cui, come sottolinea Olmo, verranno “serviti” non solo flamenco, ma anche, poiché la danza spagnola ha molteplici sapori, le prelibate squisitezze della Escuela Bolera e della danza classica spagnola. Bailarines e bailaores, appunto.

 

Nel ricco cast di Las Estrellas anche cantaores e tocaores e dal vivo: i cantanti Jose Luis Medina e Pedro Jiménez González, i musicisti Sergio Gómez “El Colorao”, Carlos Jiménez e Rafael Jiménez “El Chispas”.

Il programma di Las Estrellas riserverà alcune sorprese, come una Farruca, danza di origine galiziana e tradizionalmente maschile, ma in quest’occasione interpretata da Ana Morales, e persino un lavoro di Antonio Ruíz Soler (1921-1996), ballerino sivigliano talmente celebre che veniva conosciuto in tutto il mondo semplicemente come “Antonio”, oppure “Antonio el Bailarin”: si tratta di Puerta de Tierra un duetto di escuela bolera su musica di Isaac Albéniz, che in quest’occasione sarà interpretato da Sergio Bernal.

Il pubblico vedrà un concentrato di quanto di più spettacolare offrano le scene spagnole, da Madrid a Barcellona e Siviglia. Nel mese più freddo dell’anno, Las Estrellas porta in palcoscenico il sole incandescente delle estati andaluse, i suoi forti colori e il profumo delle notti nei giardini moreschi, ispirazione di così tanti artisti famosi. Passi intricati, che ricordano i preziosi ricami sui bolero dei toreador, potenti come i loro gesti fieri e impetuosi. Un gala unico, un’esperienza indimenticabile che si rivolgerà non solo ai sensi ma anche all’anima degli spettatori.

Intorno a Las Estrellas saranno organizzati una serie di eventi complementari, tra cui un incontro con il pubblico e due giornate di masterclass di flamenco, occasione unica e imperdibile, questa, per studiare con Jesús Carmona, Belén López, Ana Morales e Sergio Bernal.

Las Estrellas è una produzione di Daniele Cipriani Entertainment, organismo di produzione riconosciuto dal Ministero della Cultura e  gode del patrocinio dell’Ambasciata di Spagna in Italia.

OPS! – Respire

in CULTURA/DANZA/PHOTOGALLERY/TEATRO by

Si è conclusa il 7 gennaio la rassegna di circo contemporaneo OPS! ospitata in Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. A salire sul palco della sala Petrassi è la Compagnie Circocentrique con lo spettacolo Respire. Umorismo, poesia, emozione, acrobazie circensi, originalità e virtuosismo per uno spettacolo roteante: creato ed interpretato da Alessandro Maida e Maxime Pythoud, Respire è un’avventura circolare, un inno alla gioia di vivere e di essere in tutta semplicità. I due artisti agiscono e interagiscono in rotazioni ipnotizzanti creando un universo intimo e misterioso in perenne vorticare. Le tecniche di roue Cyr, sfera di equilibrio, giocoleria e portes acrobatico si fondono in una delicata sinergia di corpi che respirano insieme sulle note di un pianoforte a coda.

Il motore che muove questo progetto è la stretta correlazione tra un evento, un’emozione e la sua influenza sulla respirazione: i corpi, come delle tele sulle quali dipingere questo trinomio, diventano l’unico campo di gioco possibile. La respirazione è il fil rouge che lega l’artista al pubblico, portando quest’ultimo a vivere le vertigini, i disequilibri e le sospensioni durante le acrobazie sul palco.

OPS! – Circo Suite 24

in CULTURA/PHOTOGALLERY/TEATRO by

L’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone ha dato il via, lo scorso 2 gennaio, alla rassegna di circo contemporaneo OPS!, tre spettacoli diversi per incantare grandi e piccini, con performance di giocoleria, acrobatica, artisti sospesi e gli immancabili clown.

Il primo è stato Circo Suite 24, la summa di tre diverse rappresentazioni che spaziano dall’acrobatica aerea alla giocoleria, dal clown virtuoso alla bicicletta acrobatica. Un’occasione unica per scoprire il circo contemporaneo accompagnati dal fondatore del Circo El Grito Giacomo Costantini.

Sul palco della Sala Petrassi si è esibito il duo BlucinQue con uno show di acrobazia aerea da lasciare senza respiro, a seguire Stefan Sing, considerato uno dei padri fondatori della giocoleria contemporanea che gioca con le sue decine e decine di palline e il Duo Kaos, spericolati e meravigliosi acrobati su bicicletta. Ad allietare il pubblico in sala, fra una performance e l’altra, ci ha pensato egregiamente il pluripremiato clown Andrea Farnetani.

Max Gazzè – Amor Fabulas Preludio

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Auditorium Parco della Musica Roma 29.12.2023

Max Gazzè, uno dei cantautori italiani più amati e apprezzati, ha tenuto due concerti a Roma il 29 e 30 dicembre 2023 all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone che di fatto hanno chiuso un lunghissimo tour.
Il concerto, intitolato “Amor Fabulas Preludio“, anticipa l’uscita del nuovo album di Gazzè, “Amor Fabulas”, in programma per il 2024, un vero e proprio spettacolo, con una scenografia suggestiva e una resa audiovisiva impeccabile. Il palco era illuminato da luci colorate e animato da proiezioni video, che hanno accompagnato le performance del cantante e della band composta da Daniele Fiaschi (chitarra), Cristiano Micalizzi (batteria), Clemente Ferrari (tastiere), Nicola Molino (vibrafono e percussioni), Max Dedo (fiati) e Greta Zuccoli (cori e arpa).

Il repertorio del concerto ha spaziato dai brani più recenti di Gazzè, come “L’epica della guerra” e “Sarà papà”, ai successi storici del cantautore, come “Ti sembra normale” e “Una musica può fare”.

Open Act di Anna Castiglia

 Di seguito la set list e la nostra gallery fotografica

Setlist

  1. Quante lune vuoi (with “Il senso del grave” introduction poem)
  2. L’epica della guerra
  3. Sarà papào
  4. Che c’è di male
  5. Considerando
  6. Preferisco così
  7. La tua realtà
  8. La mente dell’uomo
  9. Niente di nuovo
  10. Vento d’estate
  11. La nostra vita nuova
  12. La cosa più importante
  13. Mentre dormi
  14. Siamo come siamo
  15. Sirio è sparita
  16. Se soltanto
  17. Vuoti a rendere
  18. Il solito sesso
  19. Cara Valentina (with “My Funny Valentine” intro)
  20. La favola di Adamo ed Eva (with “Oye Como Va” snippet)
  21. Atmos Ballad
    Encore
  22. Comunque vada (Duet with Greta Zuccoli;… more)
  23. Ti sembra normale
  24. La vita com’è
  25. Sotto casa
  26. Una musica può fare

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Kaylah Harvey & The Bronx Black Kayes

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Kaylah Harvey & The Bronx Black Kayes

L’ensamble di Kaylah Harvey traghetta un pubblico entusiasta verso il nuovo anno

Roma 30 Dicembre 2023

Articolo e Foto di Grazia Menna

L’appuntamento con il Roma Gospel Festival si chiude con l’esibizione di  Kaylah Harvey ad il suo gruppo: i Bronx Black Keys.

Kaylah Harvey giunge a Roma dopo essersi già esibita in altri prestigiosi teatri italiani nel suo tour natalizio ed aver raccolto trionfanti successi; la formazione con la quale Kaylah Harvey si presenta al pubblico romano  che ha gremito  la Sala Sinopoli:
Soprani: Jy’nea Williams , Vash’ti La’Vie Sexton , Kaiya Stevens , Curtis Jennings
Tenori; Marcus Robinson ,Isaiah J. Tart
Alti: Christina Jester ,Alanis J Harris
Bassi: Yao Bogue 
Christopher Martin alle tastiere e Elijah Revell alle percussioni

Si aggiunge alla formazione sopra elencata, l’ M String Quartet, composto da  Michele Palumbo, Iris Amico, Mirella Genova, Alessio La China.

Kaylah Harvey, è ritenuta sia dagli addetti ai lavori sia dal pubblico che ha potuto assistere ai suoi concerti, la nuova e intensa  voce della Black Community di New York;  nel concerto tenuto in Sala Sinopoli ha dato prova delle sue ampie doti vocali e timbriche, che ha messo al servizio del suo modo di fare Gospel. La scaletta dei brani proposti prende per mano il pubblico presente facendolo viaggiare attraverso una colonna sonora con un ritmo scandito dal tempo fatto di battito di mani, di canti e da una forte comunicazione corporea, proprio come vogliono i canoni del Gospel. 

Kaylah Harvey leader di questa formazione, ha lasciato che ognuno dei valenti componenti dell’ensamble, potesse far ascoltare al pubblico, le proprie preziose doti interpretative e canore, interpretando con voce solista un brano specifico. L’escursus dei brani che gli spettatori in Sala Sinopoli hanno potuto ascoltare, tra gli altri brani, ha visto l’esecuzione dell’intenso “Hallelujah” (Leonard Cohen), dell’ “Ave Maria ” (Schubert), “Joyful, Joyful” (che abbiamo imparato a conoscere dal film: Sister Act) 

L’innesto della M String Quartet, che ha suonato nella prima parte del concerto con Kaylah Harvey, ha evocato nella mente e nel cuore degli spettatori ballate dense di Groove mixando voci e strumenti propri della tradizione nero-americana.

Tra gli altri  brani che il pubblico ha avuto la possibilità ed il piacere di ascoltare, solo per citarne alcuni:  Bless the LordRide on King Jesus come on and bless the lord with me,  Total praise, Everything, Every praise, Let it rise,  I need you to survive, Idk what you come to do, Stand by me, I will follow him, Lean on me, Amazing grace.

Il pubblico è stato più volte sollecitato a prendere parte al canto e l’ensamble è scesa in sala a coinvolgerlo sia attraverso il canto sia attraverso il ballo; il sentirsi comunità è il messaggio veicolato da Kaylah Harvey ed il suo gruppo  attraverso la loro presenza in sala, dimostrando che non vogliono essere solo un gruppo da ascoltare, ma con cui condividere un trasporto emozionale e religioso.

Ovviamente in chiusura del concerto al pubblico è stato regalata l’esecuzione di Oh happy Day, nella unica e magistrale esecuzione di  Kaylah Harvey ed i Bronx Black Keys.

Si ringrazia l’Ufficio Stampa della   GDG Press , nella persone di Alessandro Gambino e Ilenia Visalli che hanno reso possibile il racconto fotografico.

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Ty Morris & H.O.W.

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Ty Morris & H.O.W.

Quando il gospel si fonde con Urban, Hip-Hop, R&B, Retro-Funk, Jazz e sfumature di Neo-Soul

Roma 29 Dicembre 2023

Articolo e Foto di Grazia Menna

E’ la sera nella quale, in Sala Sinopoli, si esibisce Ty Morris ed il suo gruppo conosciuto come “The Show” o  anche “The Hit Squad“.

E’ passato oltre un decennio e si può affermare che il sogno di Ty Morris, ossia dedicarsi completamente alla sua passione per la musica costruendo qualche cosa di tangibile nel panorama musicale del gospel, si sarebbe fatto realtà dando vita allo show che l’arrangiatore, cantautore e ministro del Vangelo va divulgando in giro per il mondo, con la sua partecipazione agli innumerevoli  festival musicali, conferenze ed eventi.

Il concerto parte subito fortissimo , con brani hip&pop e Rap, Ty Morris non concede al pubblico di distrarsi neanche per un istante, tenendolo sempre connesso con lui, attraverso una performance elettrizzante e coinvolgente, disinibita e vivificante. Con i loro brani, utilizzano un approccio non convenzionale per indirizzare gli spettatori verso una nuova forma di preghiera.

Il pubblico in sala è stato non solo spettatore, bensì anche attore della performance dell’ensamble di Ty Morris.

Il gruppo si è esibito in quasi tutto il mondo, a citare solo alcuni luoghi:  Austin City Limits, Varsavia, Polonia, Germania, Caraibi (St. Thomas, Barbados, St. Lucia, St. Maarten), America Centrale (Nicaragua) , Live Nation, House of Blues, Telluride Blues and Brews, Stubbs, Blues from the Top, Night Vision Music Festival, L.A. County Fair, Colorado State Fair, Aspen Jazz Festival, Vail Jazz Festival, Heavenfest.

Si sono esibito assieme ad artisti di spicco del settore Kendrick Lamar, Drake, A$AP Rocky, Foo Fighters, Red Hot Chilli Peppers, Stevie Wonder, Billy Idol, Kanye West, Alabama Shakes, Katy Perry e  moltissimi altri ancora.

Ty Morris & How hanno pubblicato il singolo #SHOUT (2016), l’album WeDeclare (2013) e The Chronicles of Praise and Worship (2009), che ha ottenuto loro la distribuzione nazionale attraverso Integrity. nel 2020 hanno pubblicato il singolo: Good Summer e nel 2023 il singolo: Just Can’t Keep It to Myself 

Come dichiara lui stesso sulla sua pagine web : “Every word of God is pure; he is a shield to those who put their trust in Him. “. Di questo ha fatto il suo mantra ed è questo messaggio che è stato trasmesso al pubblico in sala, ancora una volta foltissimo, Segno che questo Festival Gospel di Roma ha centrato l’obiettivo ancora una volta.

La loro musica è presente sulle piattaforme web più conosciute.

Per chi volesse approfondire: https://www.tymorrishow.com/

Si ringrazia l’Ufficio Stampa della   GDG Press , nella persone di Alessandro Gambino e Ilenia Visalli che hanno reso possibile il racconto fotografico.

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Earl Bynum The Mount Unity Choir

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Earl Bynum The Mount Unity Choir

Earl Bynum realizza in Sala Sinopoli il suo proponimento: “I want to push others to live their dreams.”

Roma 27 Dicembre 2023

Articolo e Foto di Grazia Menna

Questo è il primo dei due attesi concerti che Earl Bynum e The Mount Unity Chior tiene in Sala Sinopoli, nell’ambito del “Roma Gospel Festival“; il pubblico presente nella gremitissima sala, conosce già sia Earl Bynum sia il coro, tant’è che fremente con ripetuti applausi prima dell’orario di inizio, chiama sul palco la formazione ed il suo leader.

Earl Bynum si presenta all’appuntamento in Sala Sinopoli con una formazione composta di 5 elementi,  selezionati dalla corale The Mount Unity Choir, che è parte integrante della Mount Lebanon Baptist Church, corale con oltre cento elementi con sede nel Norfolk chiamata “The Mount”. sul palco:

Earl Matthew Bynum Jr. (direzione, voce tenore solista), Tiffany Elliott e Alianna Smith  (voci soprano), Cynthia Beckwith e Aisha Renee McCollum (voci contralto), Stephon Rodgers  (voce tenore), Cedric Rouson (tastiere), Charity Zion Salom (basso),  Simon Richardson (batteria).

Earl Bynum grazie alle sue capacità di compositore, alla sua creatività nell’arrangiamento vocale ed abilità artistica nella musica gospel, è diventato velocemente uno dei leader più riconosciuti nella musica; la sua bravura negli anni è stata riconosciuta a livello nazionale e internazionale. Figura chiave nella panorama musicale della Virginia, suo stato d’origine, ha diretto il Virginia Mass Choir, è stato primo vicepresidente della Virginia Gospel Radio Announcers Guild.

Bynum è anche conosciuto come “Mr. Internazionale”, per le sue numerose  tournée che lo hanno visto protagonista in Danimarca, Italia, Spagna, Svizzera e Giappone.

Il suo duro lavoro e la sua integrità nella musica nel corso degli anni gli hanno fruttato un impressionante elenco di premi e riconoscimenti. .

Tra i tanti  premi ricevuti dal Mount Unity Choir , si cita: l’importante riconoscimento come Miglior Coro Church ai “Neighbourhood Awards” nel 2013 ed a gennaio 2014 ha vinto gli “Stellar Awards” come Miglior Coro Gospel Contemporaneo. Nel 2010, Bynum e il suo progetto OPEN MY HEART sono stati nominati per due Stellar Gospel Music Awards come cantante maschile contemporaneo dell’anno e Coro contemporaneo dell’anno

Tra i brani ascoltati dal pubblico che ha gremito la Sala Sinopoli,  eseguita dalla voce solista di Bynum: “Bless The Name Of The Lord” , che negli anni è diventato un successo radiofonico e dal 2013  cori e gruppi di culto in tutto il paese hanno reso il loro “Inno di culto dell’anno”.

Nell”esecuzione dei brani proposti, si percepisce un’autentica testimonianza di condivisione, di preghiera partecipata,  quelli che possono essere considerati i canoni di esecuzione del Gospel originario; troviamo un mix perfetto di arrangiamenti gospel tradizionali, contemporanei, vicini al jazz, dosati ed espressi con cura, maestria ed energia. I brani scelti hanno deliziato i più, coloro che ben a fondo conoscono il lavoro di Bynum, ma non tutti gli spettatori presenti; Bynum ha comunque deliziato , alla fine del concerto, tutto il pubblico  con la sua personale esecuzione di “We are the World”  cantata assieme agli spettatori e con gli immancabili cellulari a far da lucciole in sala; come brano di chiusura e come gli spettatori si aspettavano da un coro Gospel, l’immancabile “O Happy Day”.

Per chi volesse approfondire: www.themountunitychoir.com

Si ringrazia l’Ufficio Stampa della   GDG Press , nella persone di Alessandro Gambino e Ilenia Visalli che hanno reso possibile il racconto fotografico.

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell: Harlem Gospel Choir

in CULTURA/MUSICA/PHOTOGALLERY by

Auditorium Parco della Musica – God’s Spell : Harlem Gospel Choir

9 solisti strepitosi, un’unica voce per l’Alleluja e gli auguri natalizi

Roma 25 Dicembre 2023

Articolo e Foto di Grazia Menna

E tra i regali di Natale l’Auditorium Parco della Musica di Roma dona agli spettatori che, oggi 25 dicembre 2023, hanno riempito la Sala Sinopoli, il magnifico concerto degli Harlem Gospel Choir il più famoso e longevo coro gospel d’America.

Data 1986 quando il suo fondatore, purtroppo scomparso nel 2018, Allen Bailey crea il coro dopo aver assistito ad una celebrazione in onore di Dr. Martin Luther King Jr. ad Harlem; sceglie le più belle voci di Harlem e New York City, provenienti dalle numerose Black Church attive nella città.

Facendo un po’ di storia del Gospel, non possiamo dimenticare che questo genere musicale si lega alla storia della tratta degli schiavi afro-americani; parliamo del 1700 circa, quando gli schiavi africani portarono la loro unica eredità musicale africana in America e la combinarono con la loro nuova fede: il cristianesimo. Si indica questo prima forma musicale con il termine di Spirituals (volto in prevalenza all’esaltazione di una prospettiva di liberazione del popolo nero); le prime monodie religiose raccontano quindi dell’approccio dei neri al Cristianesimo, ancora in forma clandestina, perché proibite dai loro pa­droni. I loro canti erano una rielaborazione in chiave cristiana della musica rituale africana. Lo schema interpretati­vo, che ancora oggi rileviamo nel gospel che ascoltiamo, è strutturato con un leader che pronuncia ad alta voce una frase, (allora generalmente tratta dalle Sacre Scritture) mentre il coro la ripete subito dopo, riprodu­cendo la stessa intonazione e le medesime inflessioni della voce guida.

Ma la svolta arriva negli anni Trenta grazie a Tom A. Dorsey che con Il suo sforzo, pienamente riuscito, ha modernizzato gli antichi moduli espressivi degli Spirituals creando il nuovo genere il GOSPEL, fondendo il sacro (spirituals e inni) ed il profano (blues e jazz).

Da questo momento in poi il Gospel si espande a macchia d’olio prima in America e quindi nel resto del mondo, non si dimentichino interpreti del calibro di Mahalia Jackson, Clara Ward, James Cleveland, Aretha Franklin, Della Reese, Lou Rawls  e Ray Charles, solo per citarne alcuni.

Tornando all’Harlem Gospel Choir il repertorio che hanno proposto al pubblico romano, in visibilio per la performance, è incentrato sul gospel contemporaneo, dove si ritrovano elementi musicale del jazz e del blues; le collaborazioni e le esibizioni dell’Ensamble americana annota eventi con Bono, Diana Ross, The Gorillaz, Andre Rieu, Damon Albarn, Pharrell Williams JamieXX, Raury, KBS Korea Traditional Music Orchestra e Lang Lang, Lou Gramm of Foreigner, Dee Snider of Twisted Sister, Sia, Yolanda Adams, The 1975, Ibeyi, Nile Rodgers, Kathy Sledge e al Grammy Award Show 2018 con Sam Smith.

Si sono esibiti per tre presidenti (il presidente Obama, il presidente Carter e il presidente Nelson Mandela), due papi (papa Giovanni Paolo II e papa Benedetto XVI), Ban Ki-Moon e l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Hanno registrato con Keith Richards, The Chieftains e Trace Adkins, tra gli altri.

Gli Harlem Gospel Choir si sono esibiti nella formazione composta da 9 vocalist e la band a supporto; il gruppo ha omaggiato Whitney Houston interpretando il suo brano “I Will Always Love You”

Come si può leggere dal loro sito (https://www.harlemgospelchoir.com/charitable-involvement/) :

“il gruppo ha collaborato con Feed The Children , si è esibito in una serie di eventi di beneficenza, tra cui: Coat Drive del 2008 della ABC TV (il coro ha contribuito a raccogliere oltre 50.000 cappotti per i senzatetto) ; La banca alimentare del New Jersey; le Voci dell’11 settembre che fornisce aiuto e sostegno alle famiglie delle vittime dell’11 settembre; e i campi Hole in the Wall Gang di Paul Newman che offrono meravigliose esperienze all’aria aperta ai bambini malati di cancro terminale. L’Harlem Gospel Choir si è esibito al Tabernacle on Martha’s Vineyard per raccogliere fondi per le famiglie di entrambi i Ft. Soldati Bragg che combattono in Iraq e Afghanistan e per la NAACP. Si è anche esibito con Ashford & Simpson al BB King Blues Club per raccogliere fondi per l’associazione di beneficenza ebraica Save A Heart che fornisce interventi chirurgici al cuore a prezzi accessibili per i bambini gravemente malati in Israele.

Il coro crede che i bambini siano il nostro futuro e unisce le forze con enti di beneficenza locali per bambini quando possibile, sia a casa che in tournée. Attualmente il coro è orgoglioso di collaborare con Operation Smile, un ente di beneficenza che fornisce operazioni correttive gratuite ai bambini nati con difetti schisi. Il coro dona tutti i proventi della vendita dei suoi esclusivi braccialetti in silicone arancione a Operation Smile, nonché i profitti derivanti dalla vendita dei suoi CD ai concerti in tutto il mondo.”

Qualcuno ha detto che ogni concerto del gruppo è come un giro sulle montagne russe tra canti e balli; qui in Sala Sinopoli, le vertigini da montagne russe sono state vissute da tutto il pubblico in sala, cantando, applaudendo a ritmo ed emozionandosi per i brani eseguiti.  I cellulari in sala non sono serviti solo ad illuminare e rendere magica l’atmosfera di questo Natale 2023, ma anche a registrare e portare con se, ognuno nel proprio device, un momento di magia, solidarietà e appartenenza ad una comunità.

Tra i brani natalizi di cui gli Harlem Gospel Choir ha omaggiato il pubblico che ha gremito la sala, non poteva mancare Oh Happy Day , che è  assurta a brano rappresentativo del Natale senza la quale , non sarebbe NATALE!

 

Si ringrazia l’Ufficio Stampa della   GDG Press , nella persone di Alessandro Gambino e Ilenia Visalli che hanno reso possibile il racconto fotografico.

 

Grazia Menna
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?