La cultura che (non) ti aspetti

Ritorno al futuro

in ATTUALITA' by

Come tutti sappiamo, da lunedì 18 Maggio 2020, le misure restrittive – che ci hanno accompagnato per più di due mesi – sono state allentate per garantire una lenta ripresa che possa permettere a tutti di tornare ad una vita normale.

Proviamo a fare un passo indietro fino a qualche mese fa. Ognuno di noi gestiva la propria esistenza: studio, lavoro, sport, serate in compagnia di amici, parenti e congiunti.

Le nostre vite scorrevano quiete e leggiadre. La normalità delle nostre azioni riempiva la quotidianità: andare nelle sedi scolastiche e formative, sedute di sport in palestra, riunioni con amici, il recarsi a lavoro, la semplice spesa al supermercato, tutte cose che oggi sembrano essere lontane anni luce da quello che erano.

Ognuno aveva dei piani, dei sogni e la speranza di poter farli finalmente avverare.

Improvvisamente però, il pianeta intero è stato investito da un qualcosa di grande, molto più grande di noi e di quello che avevamo in mente per le nostre vite.

Da un giorno all’altro ci siamo ritrovati a dover temere il prossimo, il nostro vicino di casa, un parente che non condivide il nostro stesso tetto, un amico, un’amica o ancor di più la persona che amiamo; e ancora, c’è chi ha perso genitori, parenti, amici, senza neanche poterli salutare per un’ultima volta.

Di colpo ci siamo ritrovati in un tunnel oscuro di cui non si vedeva la fine; abbiamo vissuto giornate che apparterranno ai libri di storia e che racconteremo ai nostri figli e nipoti. Momenti simili ad altri periodi storici studiati nel corso della nostra istruzione, che pure ci sembravano così distanti dalla nostra quotidianità.

Fortunatamente da alcuni giorni, tutto sembra muoversi di nuovo.

La riapertura delle sedi lavorative, gli spostamenti consentiti all’interno della regione, il ricongiungimento familiare, tutto ci lascia pensare che si possa tornare a ad una vita quanto più simile a quella che conoscevamo fino a poco tempo fa.

“Ritorno al Futuro” significa tornare a pianificare il domani, tornare a decidere il proprio destino, riprendere in mano la propria vita attraverso scelte e decisioni mirate. Significa tornare ad amare, a condividere la quotidianità con le persone più care, con gli amici, con la comunità.

Significa guardare avanti nonostante tutto.

Perché noi dobbiamo guardare avanti. Perché noi vogliamo farlo! Perché anche la notte più lunga termina sempre con il sorgere del Sole.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from ATTUALITA'

Iconoclast(olt)i

Solo pochi mesi fa, il pensiero unico si mobilitava contro Indro Montanelli

La vicenda (Pal)amara

“La giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti
Go to Top
× How can I help you?