Il magazine della tua Città

Category archive

Senza categoria - page 2

Ai Mercati di Traiano le opere di Gerhard Gutruf

Senza categoria by

Roma, 5 dicembre 2018 – Un viaggio “magico” nei Mercati di Traiano è quello che percorre e propone ai visitatori l’artista austriaco Gerhard Gutruf con la mostra dedicata al monumento più emblematico della Roma antica e contemporanea: il Colosseo. In programma ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali dal 6 dicembre 2018 al 3 marzo 2019 Viaggio nel Colosseo – Magico fascino di un monumento. Opere di Gerhard Gutruf è una mostra curata da Clara Bencivenga-Trillmich e da Karl Rudolf, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri dell’Austria e del Forum Austriaco di Cultura a Roma ed è sostenuta dal Kultur Niederösterreich. Per i possessori della nuova MIC Card – che al costo di soli 5 euro consente a residenti e studenti l’ingresso illimitato per 12 mesi nei Musei Civici – l’ingresso alla mostra è gratuito.

Essa costituisce il naturale sviluppo di un’esposizione ospitata nel 2013 nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura a Vienna. Il grande successo di pubblico di quel progetto, in cui l’immagine del monumento era soltanto evocata, ha rappresentato per l’artista lo stimolo giusto per affrontare una sfida ancora più grande: la realizzazione di una mostra più completa nella città stessa del Colosseo. Nasce da questa premessa l’allestimento di una mostra ambientata in un altro monumento emblematico della Roma antica e contemporanea: i Mercati di Traiano. Il complesso polifunzionale strettamente legato all’area dei Fori Imperiali costituisce un esempio suggestivo di architettura monumentale in laterizio di età imperiale e offre, pertanto, la cornice ideale per le rappresentazioni grafiche del Colosseo, “evocato” dal suo modello in scala proveniente dalla collezione del Museo della Civiltà Romana.

Un tempo edificio funzionale per la collettività, il Colosseo appare ancora oggi imponente e terrifico al tempo stesso. E questa sua natura – come sottolineato da Brigitte Borchhardt-Birbaumer – continua a esercitare una magica attrazione sull’artista che ormai da circa quaranta anni dedica gran parte del proprio impegno a studiare e ritrarre il monumento da un’angolazione contemporanea con disegni a prospettiva multipla, stampe, acquerelli, lavori a china e dipinti a olio che gli conferiscono una dimensione al di là del tempo – come ribadisce Heribert Hutter. Era infatti il 1970 quando il ventiseienne Gutruf effettuava il suo soggiorno a Roma grazie all’ambita borsa di studio del governo austriaco ed eleggeva il Colosseo come suo “primo amore” riconoscendovi l’incarnazione stessa di Roma.

Introdotta da un’opera di grandi dimensioni collocata nella Grande Aula, la mostra segue il percorso delle sale del Corpo Centrale dove, in connessione fisica e visiva con le ricomposizioni architettoniche e le sculture in marmo del Foro di Augusto, propone 32 opere, realizzate con varie tecniche e in diversi formati. L’esposizione, oltre a sviluppare uno stimolante dialogo tra le opere di Gutruf e le opere del museo, risalenti a due millenni fa, mette in luce anche l’attualità dell’antichità romana che tuttora rappresenta il comune denominatore della cultura europea e che vede nel Colosseo l’icona universale di questa identità.

L’artista ha quindi studiato un confronto “intimo” nelle sale museali con lo spazio dilatato dai Mercati di Traiano verso la città e verso il Colosseo che immaginiamo aldilà delle grandi finestre, percependo la diacronia del Tempo e della Storia, cercando e trovando una sua “cifra” espressiva nel rapporto con la forza massiva del monumento traianeo.

Anche Gerhard Gutruf entra così a far parte di quelle persone che nel tempo hanno attraversato il complesso, vi hanno sostato, lo hanno vissuto in una dimensione originale e unica.

Un’occasione da non perdere sarà la “Promenade con l’Artista”: una visita esclusiva e interattiva in occasione dell’apertura al pubblico giovedì 6 dicembre alle 17.30. Per i possessori della card MIC l’evento sarà completamente gratuito, la prenotazione è obbligatoria allo 060608 fino a 40 persone.

Durante la mostra, dalla metà del mese di gennaio 2019, riprenderanno gli ormai tradizionali “Martedì da Traiano” e saranno offerti al pubblico incontri con i protagonisti delle più recenti indagini sul Colosseo, toccando varie tematiche: da come funzionavano i sotterranei dell’arena, a quali straordinarie specie botaniche sono state rinvenute negli scavi, a cosa è successo dopo l’età imperiale, a chi erano realmente i gladiatori, a cosa significava la presenza dell’anfiteatro nelle città romane, e altro ancora! Info e programma su www.mercatiditraiano.it e www.traianus.it.

Incendio nell’area Ex Miralanza, Marconi come San Lorenzo?

Senza categoria by

“L’ennesimo incendio nella fabbrica ex Miralanza in zona Marconi conferma le nostre denunce sulla pericolosità di un’area bonificata ciclicamente ma in maniera inefficace.- dichiarano Fabrizio Santori e Daniele Catalano della Lega -“Questa vecchia struttura viene periodicamente sgomberata e immediatamente dopo occupata da sbandati e nomadi, che generano degrado e insicurezza. Abbiamo chiesto più volte un provvedimento definitivo che restituisse alla legalità l’edificio, ma non abbiamo avuto alcuna risposta. Intanto i cittadini si tengono alla larga dalla ex fabbrica per timore di aggressioni o incontri poco piacevoli, mentre al suo interno gli occupanti fanno ciò che vogliono indisturbati. Questo stabile è la fotocopia di quello in cui Desiree Mariottini ha incontrato il suo funesto destino. A Marconi non vogliamo un’altra San Lorenzo. Chiediamo che l’area sia chiusa e ritorni nelle disponibilità della cittadinanza, restituendo un gioiello dell’architettura industriale al territorio. Invieremo nelle prossime ore una nota al Sindaco di Roma Capitale e al Presidente del Municipio XI, oltre che informare dell’accaduto anche il Ministro Salvini, che sta dimostrando con i fatti e non le chiacchiere dei sinistroidi che ci hanno governato 5 anni, che la legalità si può perseguire solo con fermezza” Così in una nota Fabrizio Santori direttivo regionale Lega e Daniele Catalano Capogruppo Lega Municipio XI

Immobili e degrado, la Lega denuncia la situazione di Via Atella

POLITICA/Senza categoria by

SANTORI (LEGA): “IN VIA ATELLA ANCORA DEGRADO, MA IMMOBILE ERA SOTTO SEQUESTRO DA 2012″

” In via Atella ancora degrado ma l’immobile era sotto sequestro dal 2012″

Sull’immobile dove fu trovata Amalia Oana Voican emergono dettagli inquietanti. Presentata interrogazione alla Raggi, mai più casi come quelli di Amalia e Desiree Mariottini.”

Keep Reading

Isis minaccia Sky Group e Repubblica, cambia la comunicazione del terrore

Il gruppo Terroristico islamico sta cambiando pelle, una evoluzione necessaria dopo la perdita del territorio che contraddistingueva questa formazione terroristica.

Una trasformazione che trasforma il sedicente Stato Islamico in Organizzazione terroristica di stampo tradizionale che si ispira più all’IRA che al Califfato Islamico di fine ottocento.

Ci descrive questa mutazione Franco Iacch, esperto analista di Open Source Intelligence, analista accreditato con il Ministero della Difesa e con la NATO, ha collaborato con i contingenti militari dell’Alleanza, approfondendo i principali sistemi d’arma in dotazione e collabora con svariati enti in tema di sicurezza internazionale.

Buon Ascolto!

Lega-Salvini Premier: la “prova del nove” ora è nel Centro-Sud

La Lega è un partito che mostra da diversi mesi la seria intenzione di strutturarsi nell’Italia del Centro-Sud, lasciando a casa determinati valori e preconcetti tanto cari alla vecchia Lega Nord.

L’idea di portare la Lega fuori dai confini del Po è una forte scommessa di Matteo Salvini, che soprattutto in questi ultimi due anni ha mostrato una rara duttilità politica nell’aprirsi a quei territori apparentemente ostici del Meridione.

Il “nuovo partito” di Matteo Salvini sta mostrando l’abbandono di tante convinzioni ideologiche legate al Centro o al Sud Italia, dove sotto Umberto Bossi più volte i cittadini si sono visti umiliare per la loro appartenenza e addirittura additare come “terroni” o ladroni.

Sia chiaro, offese che pesano ancora nel pensiero di tanti cittadini meridionali… ma dove Matteo Salvini sta cercando di rimediare e portare a un “oltre” le linee politiche del suo stesso partito.

Ci troviamo davanti alla prova pratica di un certo “andare oltre” di rautiana memoria, dove il partito da prima del voto nazionale ha rivisto molteplici aspetti della propria comunicazione e propaganda politica.

Pensiamo a un simbolo che ha tolto la parola “NORD”, ponendosi invece come una bandiera dove dalle Valle d’Aosta alla Sicilia tutti i cittadini italiani si possono riconoscere. Constatiamo l’abbandono di tematiche legate alla “Indipendenza della Padania”, per far spazio invece a temi nazionali come la lotta all’immigrazione o al mondo della tecnocrazia. Osserviamo come la Lega abbia deciso di operare anche sotto il confine umbro, aprendosi a esperienze politiche nel Centro e nel Sud Italia.

Un “andare oltre” necessario, con una scommessa per ora vinta e probabilmente stravinta a livello politico: Salvini viene acclamato in tutte le regioni d’Italia; il metodo Lega porta trionfi elettorali in tutte le competizioni di voto; il partito è arrivato a essere il motore trainante del Centrodestra, spodestando vent’anni di dominio incontrastato di Silvio Berlusconi.

Eppure stiamo parlando di una crescita immane del partito, che Matteo Salvini aveva preso sulla soglia del 4% e che ora si ritrova – con le scelte giuste in campo politico e governativo – al 34% con la possibilità di diventare primo partito nazionale.

Un partito che ha intercettato il disagio dei cittadini italiani, diventati gli “ultimi” nella società scritta dalle esperienze governative del Partito Democratico: un punto di partenza focale e che rimette al centro di un disegno politico il cittadino, con le sue istanze e le proprie necessità. Ma capace anche di non nascondersi alle responsabilità, affrontando quella prova di maturità legata a un’esperienza governativa con il Movimento 5 Stelle: una mossa che possiamo considerare di raro genio politico e capace di contribuire all’istituzione del governo più amato dagli italiani degli ultimi decenni.

Un valore aggiunto il governo coi pentastellati piuttosto che un limite, come mostrano i risultati elettorali delle ultime elezioni: un contesto che ha messo in mostra il pieno del genio e delle qualità politiche dei leghisti, che tramite questa esperienza si sono mostrati molto più concreti dei loro alleati di governo. Un dato questo visibile anche tramite gli ultimi sondaggi politici, dove la Lega mostra un’ulteriore crescita nel Nord Italia: le percentuali per il partito di Matteo Salvini si alzano, rosicchiando simpatie ed elettori tra Movimento 5 Stelle, Forza Italia e convincendo qualche scettico tra le file degli astensionisti.

L’analisi politica ora ci spinge a capire se la crescita della Lega sarà omogenea, con dei risultati che si materializzeranno anche nel Centro e nel Sud Italia. Se prendesse piede anche qui Matteo Salvini, dimostrerebbe come il suo operato sia stato capace di espugnare roccaforti elettorali pentastellate come Roma: condizioni che si rifletterebbero sulla stabilità di governo, calcolando che per logica i 5 Stelle dovrebbero correre ai ripari. 

 

COS.P, appello al ministro Bonafede

Senza categoria by

In occasione della visita al carcere di Bari in programma per lunedì 5 novembre del Capo del Dipartimento Francesco Basentini che riunirà i direttori delle case circondariali di Puglia e Basilicata per fare un punto della situazione dei penitenziari pugliesi e lucani, vorremmo che sull’argomento ci ascoltasse l’inquilino principale del Dicastero della Giustizia al quale abbiamo già chiesto un incontro con una nostra delegazione sindacale”. E’ quanto scrive il segretario nazionale Co.s.p. Domenico Mastrulli a fronte delle situazione di emergenza dei penitenziari pugliesi e lucani e della condizione critica in cui versano gli uffici giudiziari baresi carenti di personale e cancellieri. Mastrulli nella nota indirizzata al ministro della giustizia Bonafede denuncia l’eccessivo carico di lavoro, la scarsa sicurezza e salubrità dei luoghi di lavoro”.  “Nei 260 penitenziari italiani – prosegue Mastrulli – le continue aggressioni contro il personale della polizia penitenziaria non sono più tollerabili. Il personale di polizia penitenziaria lavora sotto stress con turni che vanno ben oltre le otto ore. Paradossalmente  assistiamo alla formazione di gruppi di lavoro composti da dirigenti e funzionari che si spostano da un carcere all’altro per offrire  il proprio “ ascolto”  ai detenuti responsabili delle aggressioni neiconfronti degli agenti”. “Nessun segnale concreto si registra fino a questo momento –  sottolinea con delusione il segeretario nazionale del sindacato –  nonostante le manifestazioni  dei mesi scorsi in diverse piazze”. “Di contro assistiamo all’aumento dei procedimenti disciplinari nei confronti dei lavoratori attraverso procedure in palese contrasto col dettato costituzionale e con le norme sancite dall’Unione Europea. Il Co.s.p. sostiene da tempo l’idea del trasferimento delle competenze dai Provveditorati alle Prefetture. Una soluzione che gioverebbe anche alle casse dello Stato consentendo il recupero di risorse umane e di mezzi economici, migliorando anche i servizi.

Maltempo, Santori (Lega)” necessario sostenere aziende e litorale”

Senza categoria by

La richiesta di sospensione dell’addizionale regionale per le attività commerciali e del canone demaniale per le aziende del litorale avanzata dalla Lega in Regione Lazio con il capogruppo Angelo Tripodi sarebbe un segnale importante per il tessuto produttivo regionale.

“Auspichiamo che in questo momento di strema difficoltà a causa del maltempo,- ha dichiarato Fabrizio Santori in una nota – ” il presidente Zingaretti sia sensibile e responsabile verso quelle aziende che più stanno patendo i danni di nubifragi e vento forte che hanno piegato il litorale laziale, e determinato addirittura morti e feriti nelle province di Latina e Frosinone. Intervenire poi con determinazione sull’erosione costiera, come per anni abbiamo chiesto al governatore del Lazio, è oggi ancor più urgente per non affossare definitivamente un settore strategico dell’economia territoriale che genera occupazione anche con il suo indotto, e che merita di essere sostenuta dalle istituzioni. “

Tunisi, attentato suicida contro la polizia

Senza categoria by

lunedì 29 ottobre, Tunisi, un attentatore suicida si fa esplodere nel centro della citta’

Una donna si è fatta esplodere su viale Habib Bourguiba e che nove persone – tra cui otto agenti di polizia – sono state ferite dall’esplosione.

Testimonianze giunte direttamente da Tunisi riferiscono che non sono ancora chiare le dinamiche e le rivendicazioni

Ci sono foto che mostrano il corpo di una donna con ferite che potrebbero essere state causate dall’esplosione. Stanno però circolando anche altre versioni su quello che è successo e tutte le informazioni vanno prese con molta cautela.

admin
0 £0.00
Go to Top
× How can I help you?