Il magazine della tua Città

Author

admin - page 41

admin has 453 articles published.

Capannelle, furti e aggressioni nell’ippodromo, autori provenienti dal campo Rom

in CRONACA by

Ancora un atto di violenza ai danni di un operaio della società di gestione che e stato aggredito nell’area antistante il campo della barbuta.

Bastonato alle spalle e derubato del portafoglio mentre lavorava alla pista di allenamento che confina con il campo Rom.

Solo nei primi mesi del 2018 i danni procurati dai furti all’interno dell’ippodromo ammontano a più di centomila euro, cavi di rame dell’illuminazione, distruzione degli irrigatori per rubare l’ottone e poi il degrado continuo che il campo confinante genera ai bordi della pista di allenamento.

Costruito dalla giunta Rutelli, mantenuto da Veltroni e poi adeguato a stamdard di vivibilita da Alemanno, il campo della barbuta era stato attrezzato con casette mobili e completo di servizi, oggi il campo e visibilmente in condizioni precarie, alcune delle casette sono crollate o bruciate, le altre totalmente stravolte.

Ai bordi del campo ufficiale nel tempo si e creato un campo irregolare con costruzioni abusive spesso realizzate con il legno rubato proprio all’ippodromo. Cumuli di immondizia e di carcasse di auto bruciate fanno da contorno alle baracche, in vista ben riconoscibili anche contenitori di liquidi di dubbia provenienza oltre alla presenza confermata di amianto.

Sono ben visibile i tagli nella rete di confine che permettono a chiunque di entrare nell’ippodromo e a nulla valgono le continue riparazioni.

I danni provocati sono molto alti e costanti nel tempo, non sono serviti i costosi servizi di sorveglianza messi in campo e le molte denunce presentate alle autorità.

Il Campo della Barbuta avrebbe dovuto essere il primo tra quelli da sgombrare nella lista de sindaco Raggi, anche per i continui roghi tossici che vengono accesi nel campo per briciare gomme, auto, copertura dei cavi di rame, tanto che spesso l’aeroporto di Ciampino e costretto a sospendere le attività di volo.

La scelta del sindaco invece e andata al camping River forse perché più facile da sgombrate rispetto alla Barbuta dove gruppo etnici in lotta tra loro si contendono il poter sul campo, dove il censimento dei residenti non e stato possibile farlo perché nessuno si e preso in carico il lavoro, forse per pura di ritorsioni.

In questo contesto da anni l’Ippodromo vede crescere il degrado attorno al suo confine e spesso anche dentro visto che a volte i rifiuti vengono buttati anche sulla pista.

per quest’ultima aggressione ne il sindaco Ragfi nel la giunta ha espressi vicinanza al dipendente  malmenato.

Genova, crolla il viadotto Morandi, 35 le vittime decine i feriti

in CRONACA by

Genova ore 11.50, una parte del Ponte Morandi, il grande viadotto che passa sopra Genova crolla improvvisamente trascinando con se auto e camion che in quel momento transitavano sull’autostrada. Alla vigilia di Ferragosto la strada era molto trafficata e alle vittime gia accertate nel primo pomeriggio si potrebbero aggiungere ancora dei nomi.

Continue reading “Genova, crolla il viadotto Morandi, 35 le vittime decine i feriti” »

Sicurezza,Santori(Lega):” Altri morti su Vigna Murata? Aprono i cantieri ma strade ancora insicure”

in CRONACA by

È iniziata in questi giorni la cantierizzazione dell’ennesimo quadrante abitativo e commerciale che sorgerà nell’area Cecchignola Vigna Murata che sta precipitando sotto il profilo della  urbanizzazione, sicurezza stradale e della mobilità generale.

Continue reading “Sicurezza,Santori(Lega):” Altri morti su Vigna Murata? Aprono i cantieri ma strade ancora insicure”” »

Aggressioni negli ospedali il Nursid dice basta

in CRONACA by

Ancora un episodio di violenza ai danni del personale infermieristico questa volta nell’ospedale di Tivoli.

A denunciare l’ennesimo episodio e Lla Segreteria Provinciale NURSIND di ROMA.

“non può più tacere di fronte all’ultima vergognosa aggressione che ha avuto come parte lesa il personale infermieristico in servizio presso il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Ospedale di Tivoli” hanno dichiarato i rappresentanti del sindacato -“ La colpa dei colleghi? È stata solamente quella di fare il proprio lavoro giornalmente con dedizione e professionalità agendo in prima fila e senza protezioni di sorta nell’espletamento del loro delicato servizio. È oramai narrazione quotidiana, quello che il più delle volte viene visto come un piccolo caso di cronaca da pubblicare in qualche pagina locale, è invece l’ultimo caso di una serie oramai sempre più incontrollabile di episodi di violenza sia verbale e sia fisica che coinvolge il personale infermieristico.”

Negli ultimi mesi le aggressioni ad infermieri, operatori sanitari e addirittura in alcuni caso delle ambulanze in servizio di emergenza denotano un cambiamento di carattere culturale e sociale nei confronti di una categoria al servizio della società tutta.

Naturalmente su questo problema incide fortemente una politica di tagli lineari adottati dalla sanità regionale negli ultimi anni che hanno portato ad una riduzione del personale e delle strutture ai danni dell’utenza e della capacita operativa del personale.

“E ora di dire basta ad aggressioni gratuite che portano all’esasperazione il personale infermieristico già esaurito di per sé da turnazioni massacranti derivati da diversi anni di blocchi delle assunzioni” – continua la denuncia del sindacato – “Ed è per questi motivi che NURSIND da tempo ha chiesto e continuerà a chiedere il ripristino dei posti di Polizia h24 nelle strutture ospedaliere e in seconda battuta un’efficace ed efficiente gestione delle risorse umane presenti all’interno delle strutture sanitarie in modo da affrontare seriamente il grave problema delle aggressioni da parte dei pazienti stessi e/o familiari sul posto di lavoro.”

Il sindacato chiede prioritariamente di mettere in atto tutte le azioni necessarie per tutelare il personale in servizio e per prevenire altri episodi come quello accaduto ai tre infermieri di Tivoli.

Ryanair nella bufera, i piloti scioperano in tutta Europa

in ECONOMIA by

Ryanair ha cancellato 250 voli da e per la Germania per il prossimo venerdì  10 agosto a causa dello sciopero dei piloti.

Il sindacato Vereinigung Cockpit dice che i piloti tedeschi stanno abbandonando il lavoro per la paga e le condizioni lavorative al limite, una mossa che la compagnia aerea definisce “ingiustificata”.

Si uniscono ai piloti di Svezia, Belgio e Irlanda, che in precedenza avevano annunciato che avrebbero fatto sciopero lo stesso giorno.

I piloti hanno accettato l’offerta di mediazione di Ryanair e hanno dichiarato di essere disponibili a incontrare il risolutore di relazioni industriali Kieran Mulvey il prossimo 14 agosto.

La domanda che molti si pongono e se la compagnia low cost dia ancora le condizioni di sicurezza secondo gli standard Europei e se sia percepita come affidabile dai passeggeri.

Protom acquisisce la brasiliana Ambra Solutions per crescere nell’aerospazio e automotive in Sud America

in ECONOMIA by

L’operazione è frutto di un attento scouting reso possibile da un finanziamento SIMEST, grazie al quale il Gruppo ha potuto aprire nel Paese una sede commerciale. Dal fine 2017 l’azienda è Elite, il programma di Borsa Italiana per le imprese ad alto potenziale

Continue reading “Protom acquisisce la brasiliana Ambra Solutions per crescere nell’aerospazio e automotive in Sud America” »

Rocca (CRI):governo italiano firmi trattato contro armi nucleari

in POLITICA by

Il 6 agosto di settantatré anni fa l’aviazione statunitense bombardò Hiroshima. Tre giorni dopo, il 9 agosto 1945, una seconda testata atomica fu sganciata su Nagasaki. La stima delle vittime va dalle 150 alle 300mila persone.

“Lo scorso anno, dopo una mobilitazione mondiale – scrive Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, sulle colonne del suo blog di Huffington Post – 120 Paesi membri dell’Onu hanno firmato un Trattato per il divieto dell’utilizzo delle armi nucleari. La Croce Rossa italiana e la Federazione internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, hanno sollecitato tutti i governi ad aderire a questo impegno, ma molti non hanno risposto alla chiamata. Tra questi, il precedente governo italiano”.

“Ecco perché proprio oggi – conclude Rocca – voglio rilanciare il nostro appello solenne al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai vice presidenti Matteo Salvini e Luigi Di Maio, affinché si facciano sostenitori di questa doverosa iniziativa. Chiedo al governo italiano un gesto di coraggio, quindi: firmare il Trattato che vieta le armi nucleari e far sentire la propria voce. Impedire nuovi orrori forse è un’utopia, ma evitare che si ripetano quelli del passato è un dovere etico che non consente astensioni”.

Un anno al servizio del paese per i giovani diciottenni, parliamone

in EDITORIALE by

La leva obbligatoria e stata una necessità dello stato post unitario e successivamente mantenuta dal Regno d’Italia e dopo il 1946 dalla Repubblica, il dovere che ogni cittadino italiano doveva adempiere al raggiungimento della maggiore età.

Continue reading “Un anno al servizio del paese per i giovani diciottenni, parliamone” »

1 39 40 41 42 43 46
admin
Go to Top
× How can I help you?