Partnership tra Mondodelvino e Città del Vino.

in SOCIETA’ by

Dal 19 a 22 Maggio il Museo del Vino di Priocca accoglierà la 20° edizione del Concorso Enologico Internazionale Città del Vino. Chiunque parteciperà si ritroverà immerso all’interno di un’esperienza unica e innovativa, interamente dedicata al mondo vinicolo, in un territorio particolarmente suggestivo: Langhe Roero Monferrato.

È grazie all’incontro tra antico e moderno che gli spazi museali avranno la possibilità di accogliere 60 esperti degustatori, si tratta di enologi provenienti da realtà internazionali pronti a degustare circa 1400 campioni di etichette da tutto il mondo, oltre a note varietà di vino sarà possibile trovare anche le grappe, destinate al premio Grappa Award. In questo modo la collaborazione tra l’Associazione Nazionale Città del Vino, nata nel 1987, si rinnova con il gruppo enologica con sede a Priocca: indubbiamente ci si trova su un palcoscenico internazionale, i cui riflettori sono puntati sul panorama enologico di eccellenza, tanto nazionale, quanto territoriale.

Il progetto portato avanti da Città del Vino, rivolto ad aziende, turisti e appassionati, è unico nel suo genere, in quanto permette di conoscere e approfondire l’identità e la cultura del vino a 360° in modo creativo e innovativo. Indubbiamente lo sfondo ideale per un evento dedicato alle eccellenze enologiche, sviluppatosi con l’esigenza di sostenere l’implementazione di attività nazionali e non all’interno di territori nati per le produzioni di vino.

Il progetto, oltre a prevedere sessioni di degustazioni in un ambiente che decanta il mondo vinicolo, permette ad invitati e commissari di visitare il museo, occasione unica per mostrare una realtà che si fa portavoce della valorizzazione del territorio e della biodiversità accompagnando i suoi ospiti in un viaggio virtuale, interattivo e multisensoriale. 

Le sale esperienziale sono otto, conducono il viaggiatore alla scoperta del mondo del vino attraverso giochi, video, e postazioni interattive adatte anche ai meno esperti: a partire da un excursus dedicato alle sue origini, per terminare con gli abbinamenti tra cibo e vino attraverso la guida virtuale di uno chef stellato e di un sommelier.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*