Ad Agosto 2018 peggiora il “Sentiment” degli italiani

in ECONOMIA by

Lo afferma l’ISTAT con la diffusione dei dati mensili relativi alle indagini sugli indicatori del “clima di fiducia” delle famiglie italiane e delle imprese.

Rispetto alle medesime misurazioni riferite al mese di luglio l’Istat Economic Sentiment Indicator (IESI) per le famiglie scende di 1 punto (da 116,2 a 115,2) e quello calcolato per le imprese scende addirittura di 1,5 punti (da 105,3 a 103,8).

Si tratta di indagini campionarie rivolte agli individui ed alle imprese quest’ultime suddivise per settore di attività. Lo scopo di questa tipologia di indagini è quello di produrre indicatori sintetici in grado di misurare il “sentiment” degli individui e degli operatori economici.

I questionari somministrati al panel dei consumatori –circa 2000 individui geograficamente distribuiti-   ed al panel delle imprese – circa 8.000 entità giuridiche geograficamente distribuite e rappresentative dei settori economici principali- comprendono domande, nello specifico nove, in grado di catturare i giudizi e le aspettative degli intervistati, sulla base dei quali vengono costruiti indicatori dell’ottimismo/pessimismo.

Ai consumatori viene richiesto di esprimere un giudizio e le loro aspettative sulla situazione economica dell’Italia e delle famiglie in generale; sulla disoccupazione; attese sulla opportunità attuale e possibilità future del risparmio; opportunità all’acquisto di beni durevoli; e giudizi sul bilancio familiare.

Agli imprenditori viene richiesto un giudizio e le aspettative sul livello degli ordini, sul livello delle scorte di magazzino, della produzione ed infine sul livello di occupazione.

I settori economici analizzati sono 4, manifatturiero, costruzioni, servizi di mercato ed infine commercio al dettaglio.

Le imprese sono più pessimiste degli individui, dicono i dati di Agosto 2018, il “Sentiment” nel loro caso scende di 1,5 punti rispetto a luglio. Il settore manifatturiero ed il settore dei servizi di mercato, registrano una dinamica negativa peggiore degli altri 2 settori, -1,9 (da 106,7 a 104,8) il manifatturiero e -1,2 (da 105,9 a 104,7) il settore dei servizi.

Il settore delle costruzioni registra un – 0,6 (da 139,9 a 139,3), con un peggioramento del giudizio sugli ordini attesi ed un miglioramento invece, del giudizio sulle prospettive di occupazione nel settore. Il settore del commercio al dettaglio è invece in controtendenza, l’indice registra un aumento di 1, 5 punti passando da 102,7 a 104,2.

Nel commercio al dettaglio migliora il giudizio sulle vendite sia nella distribuzione tradizionale che nella grande distribuzione con una aspettativa di diminuzione del livello delle scorte.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*