Un anno al servizio del paese, un idea romantica, come il servire la Patria

in EDITORIALE by

Sale la polemica sulla proposta del Vice Premier Salvini di ripristinare la leva militare e più in generale un anno di servizio al Paese.

Il ministro della Difesa Trenta definisce la proposta “romantica e non al passo dei tempi” ricordando che le missioni internazionali richiedono formazione e professionalità che non potrebbero essere date ad un giovane in 12 mesi.

Dimentica pero la stessa ministro Trenta che già oggi i volontari in ferma prolungata per un anno sono esclusi dalle missioni all’estero alle quali possono partecipare solo i militari in servizio effettivo e i Volontari in ferma prolungata di 4 anni.

Quindi la domanda sorge spontanea, ma solo a chi non conosce bene gli impegni delle Forze Armate, a cosa sino dedicati i volontari VFP1 ? Alla sorveglianza dei siti strategici, all’operazione strade sicure, alla sorveglianza e gestione logistico amministrativa delle strutture in patria, ma guarda un po, quello che facevano i militari di leva.

Quindi l’impegno annuale di un giovane non e assolutamente incompatibile con con l’esercito professionale perché e già cosi solo che i VFP1 sono pagati e utilizzano questo canale per accedere a corsie preferenziali nei concordi interni per alle forze armate, per il famoso posto fisso, sperando magari di avvicinarsi a casa nella caserma più vicina, come fosse un ufficio postale. In questo senso la selezione diventa più difficile e tra le maglie larghe di questo sistema può capitare di arruolare personale non in linea con le difficolta che un militare deve sopportare.

A chi propone invece di arruolare i migranti per svolgere un servizio utile all’integrazione rispondo che la pensione fa male agli uomini d’azione che farebbero meglio a godersi quel meritato riposo giovanile di cui godono.

Tra l’altro il tema del ripristino della leva obbligatoria in Europa e molto acceso e in paesi come la Germania, l’austria, la Svezia, la Finlandia, e’ già realtà mentre la Francia sta discutendo su come coinvolgere i giovani in un servizio obbligatorio al paese magari non solo nelle forze armate.

Esiste poi un tema molto importate nel nuovo quadro della difesa professionale che e quello della riserva selezionata, un soluzione proposta per rispondere alle esigenze specifiche di personale altamente qualificato come potrebbero essere chirurghi in ambito medico, ma anche. Avvocati, agronomi, ingegneri, giornalisti che dopo poco piu di due settimane di corso in accademia sono pronti per essere schierati nelle missioni internazionali alla faccia della preparazione e della formazione.

Tra questi naturalmente ne ho conosciuti negli anni alcuni che hanno preso particolarmente a cuore la preparazione militare addestrandosi anche quando non in servizio per mantenere alto lo standard operativo, di altri invece devi dire che nonostante la laurea in economia e commercio non gli avrei dato neanche l’amministrazione di un condominio.

la Riserva selezionatabandrebbe rivista sul modello americano, attingendo alla riserva di completamento e facendo lavorare sul territorio nazionale quegli ufficiali di complementeo che possono dare molto in termini di addestramento e gestione delle strutture alternando il proprio lvoro civile ad un inpgeno in caserma e in addestramento.

Per questo la proposta del Vice premier Salvini e invece degna di considerazione perche questo impegno avrà valore anche quando viene considerato una perdita di tempo dai molti che preferiscono stare sotto l’ala delle proprie madri amorevoli fini a quarant’anni invece di mettersi alla prova e a chi dice perché sarebbe meglio fare un anno di volontariato nelle periferie dico SI va bene anche questo perché le periferie hanno bisogno dei più volenterosi per vedere che ce un mondo diverso da quello di Gomorra.

Un’idea romantica la definisce il Ministro Trenta. Forse perché e il punto di vista di una madre che vorrebbe i propri figli sempre sotto la sua ala, secondo me e romantica perché oggi dare alla patria senza ricevere e assolutamente raro.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*