Libri, autori e tanto altro

Tag archive

libro di - page 10

Dal 17 gennaio sugli scaffali “A occhi aperti” di Mariana Caplan

LIBRI by

Le Edizioni Tlon hanno annunciato l’uscita di “A occhi aperti. Il discernimento sul sentiero spirituale” di Mariana Caplan, che sarà disponibile nelle librerie a partire dal 17 gennaio. Questa nuova edizione presenta una veste grafica rinnovata per un saggio che offre una prospettiva critica e filosofica sulla spiritualità, rivolta a coloro che desiderano esplorare questo tema con uno sguardo analitico e appassionato.

Keep Reading

La Centenaria, il nuovo libro di Stefania Cenciarelli

LIBRI by

Nel panorama delle nuove pubblicazioni, spicca la narrazione utopica e coinvolgente di “La Centenaria”, l’ultimo lavoro di Stefania Cenciarelli, pubblicato da Elemento 115. Questo straordinario volume non è semplicemente un libro, ma un progetto multisensoriale che fonde la potenza evocativa della musica con la suggestione della conoscenza scientifica.

Keep Reading

Premio Mastercard letteratura, Dario Ferrari vince l’edizione 2023. Ad Annalena Benini il Premio esordienti

EVENTI by

È Dario Ferrari con “La ricreazione è finita” (Sellerio) il vincitore della quarta edizione del Premio Mastercard Letteratura. Annalena Benini, con “Annalena” (Einaudi) si è aggiudicata il Premio Mastercard Letteratura Esordienti 2023. La cerimonia di premiazione si è svolta nella serata di sabato 9 dicembre a Roma in occasione della fiera ‘Più Libri Più Liberi’, con la conduzione di Marco Lodoli, presidente di giuria, Sebastiano Nata, presidente del Comitato direttivo, e Valeria Parrella.

Keep Reading

“Il peso del dubbio”: il nuovo romanzo di Federico Li Calzi arriva in libreria

LIBRI by

Il nuovo romanzo di Federico Li Calzi “Il peso del dubbio”, prefato da Gaetano Savatteri, è ambientato tra Sicilia e Roma. Una storia avvincente ma al contempo di formazione che affronta temi di grande attualità: il ruolo della famiglia, il distacco, la solitudine, il carrierismo, la mafia, la morte e l’amore, il ritorno alle radici.

Definito dai critici “un capolavoro letterario”, “Il peso del dubbio” edito da Medinova, è il nuovo libro di Federico Li Calzi. Lo scrittore, giunto alla sua quinta pubblicazione, fa nuovamente capolino nel panorama letterario con una prosa che sconfina nella poesia. L’autore trae ispirazione dalle antinomie ma anche dallo splendore della propria terra per tessere una storia avvincente con descrizioni dettagliate, idiomi ricercati e metafore. Keep Reading

I finalisti del Premio Demetra. L’ambienta conquista la Letteratura.

EVENTI by

Il Premio Demetra giunge alla terza edizione.  È stato concepito da Elba Book e da Comieco – Consorzio per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base Cellulosica – con la partecipazione di Seda International Packaging Group e il supporto di Esa Ambiente, UniCoop Tirreno e con il patrocinio del Parco Nazionale Arcipelago Toscano.

 

Il riconoscimento è dedicato ad autori ed editori indipendenti che pongono al centro delle loro opere le tematiche ambientali.

Carlo Montalbetti, il direttore generale di Comieco sostiene che: “L’interesse intorno alla letteratura ambientale cresce di anno in anno e sono i numeri a dimostrarcelo: secondo un’indagine Ipsos, il 40% degli italiani si dichiara interessato ai titoli che propongono tematiche ecologiche, trovandoli utili per documentarsi in maniera puntuale e completa (38%) e per capire come agire in prima persona per la salvaguardia del pianeta (40%). Sono dati che ci stimolano con il Premio Demetra a valorizzare sempre più le migliori proposte letterarie per rigenerare la consapevolezza degli italiani attraverso uno strumento alla base di ogni progresso, anche ecologico: la cultura”.

La Giuria ha minuziosamente analizzato le 53 opere candidate, per poi selezionare i 12 finalisti. Si giunge così a 150 titoli totali presentati complessivamente in rassegna durante le 3 edizioni.

Cresce dunque l’interesse di autori, ma anche lettori ed editori verso la salvaguardia dell’ambiente, l’energia pulita e il riciclo.

 

I finalisti per la categoria Narrativa sono: Emilia Bersabea Cirillo con Azzurro amianto (Le Plurali), Mauro Garofalo con L’ultima foresta (Aboca) e Luigi Vallebona con Nero colato (De Ferrari editore).

Per la sezione Saggistica: Stefano Belletti con Verde & Digitale (Edizioni Ambiente), Massimo Donà con Filosofia della carta (Baldini+Castoldi) e Sandro Orlando con Groenlandia. Viaggio intorno all’isola che scompare (Laterza).

Per la categoria Saggistica straniera tradotta in italiano: Maxine Bédat con Il lato oscuro della moda (Post editori), Randers J.et all con Una terra per tutti (Edizioni Ambiente) e Ben Rawlence con Treeline (Francesco Brioschi editore).

Per la sezione Libri per ragazzi: Livia Rocchi e Elisa Macellari con Cavalieri dei Fiori (Camelozampa), Sara Filippi Plotegher con Pompodoreide (Mesogea) e Silvia Moroni con Parla Sostenibile (Slow Food).

 

Il 21 luglio alle ore 18:30 si terrà la cerimonia di chiusura in cui verranno annunciati i vincitori di ciascuna categoria nella panoramica Terrazza del Barcocaio.

È inoltre previsto un premio speciale della giuria che consiste in un’opera dell’artista Elena Marengoni.

FestivaLetteratura: a Mantova oltre 300 ospiti previsti per la XXVII edizione

EVENTI by

Da mercoledì 6 a domenica 10 settembre Mantova ospiterà la XXVII edizione di FestivaLetteratura. “Trovare le parole” è la sfida che attraversa la nuova edizione dell’evento, proprio in un momento storico in cui denominare qualcosa sembra sempre più arduo e ingannevole.

Il festival si propone come un crocevia di presenze che, guardando a diversi contesti geografici, rivolge la propria attenzione in particolare a scrittori e scrittrici del subcontinente indiano: come lo srilankese Shehan Karunatilaka, vincitore del Man Booker Prize 2022, l’astro nascente del noir indiano Deepti Kapoor o Pankaj Mishra, tra i più brillanti saggisti e giornalisti indiani dei nostri tempi.

Mantova ospiterà ancora una volta il Premio Nobel per la letteratura Olga Tokarczuk.
In un momento storico in cui sentiamo la necessità di riflettere sulla brutalità della guerra, delle barriere e dei regimi autoritari, verrà dato spazio alle memorie della diaspora balcanica e albanese, che trova voce nel dialogo tra la scrittrice croata Ivana Bodrožić e Lella Costa o nell’incontro tra Gazmend Kapllani ed Elvira Mujčić.

Sul tema delle Americhe parleranno Ken Kalfus e David Sedaris, l’attivista cilena Cynthia Rimsky e il romanziere Miguel Bonnefoy. Ospiti del festival saranno anche il narratore di origini turche Hakan Günday, l’irlandese Audrey Magee, lo scrittore Marcello Fois a la saggista e narratrice statunitense Elvia Wilk.

Tra romanzi, autobiografie e memoir la letteratura recente sembra improntata sempre di più verso il modello dell’autofiction: ovvero quelle forme di narrazione in cui l’autore si pone come protagonista, instaurando una particolare interrelazione fra verità e finzione, deformazione del ricordo e proiezione del sé. A parlarne sono figure di spicco come Paolo Giordano, Walter Siti, Emanuele Trevi, Francesco Piccolo, Marco Drago, Marta Cai, Francesca Capossele, Silvia Di Natale, Olga Campofreda, Mavie Da Ponte.

Di opere che prendono in prestito frammenti delle biografie personali, per dare colore al lavoro narrativo, offrono diversa testimonianza le presenze in dialogo di Francesca Capossele Silvia Di Natale, di Olga Campofreda e Mavie Da Ponte; e sconfinando nei territori del fumetto di Piersandro Pallavicini e Sualzo, di Vincenzo Latronico e Manuele Fior.

In occasione del centenario della nascita di Italo Calvino non potevano mancare appuntamenti dedicati a uno dei più grandi scrittori del Novecento. Da “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, il romanzo di Calvino che più di ogni altro gioca con i meccanismi della creazione narrativa e dell’esperienza di lettura, nasce l’Escape Room “Ludmilla”, ideata e sviluppata dal collettivo di game designer “We Are Muësli” e aperta al pubblico a partire dal weekend antecedente a quello d’inizio ufficiale del Festival.

Un’attigua “sala di atterraggio”, (realizzata in collaborazione con il Laboratorio Calvino, la Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori e altri archivi e istituzioni culturali), dopo l’esperienza di gioco consente di riavvicinarsi all’autore grazie a una selezione di libri, documenti, recensioni, interviste e video.

Non mancano incontri con scrittori e studiosi come Greta Gribaudo, Marco Belpoliti, Silvio Perrella, Francesca Rubini e Domenico Scarpa che proporranno alcune chiavi di lettura per ripercorrere i romanzi, i racconti e gli scritti critici di Calvino.

Con gli eventi di “L’Odissea romantica” il Festival racconta l’identità intellettuale di personalità ormai scolpite per sempre nella storia della letteratura e della filosofia: come Goethe, Schiller, Hölderlin, Fichte, Schelling, Novalis e Schlegel; partendo dalla pubblicazione del carteggio integrale tra Johann Wolfgang Goethe e Friedrich Schiller, curato dai germanisti Maurizio Pirro e Luca Zenobi che saranno ospiti di un incontro allo scopo di proseguire lungo un itinerario che riporta alla luce la straordinaria vitalità di una poetica dalle molte anime attraverso la performance sonora per voce, laptop e dischi, curata dalla cantante e musicista NicoNote tra le quinte del Teatro Bibiena e il suggestivo itinerario serale nei giardini di Palazzo d’Arco con lo scrittore Alberto Rollo e l’attore Giovanni Franzoni.

“Pronto soccorso per vite stagnanti”: il nuovo libro di Bärbel Wardetzki è in uscita il 27 giugno

LIBRI by

È in uscita il 27 giugno il nuovo libro di Bärbel Wardetzki: “Pronto soccorso per vite stagnanti”.
Il volume sarà pubblicato da Feltrinelli al prezzo di 17€, per un totale di 192 pagine.

L’autrice, classe 1952, dopo la laurea in pedagogia e psicologia si è specializzata in terapia della gestalt e dal 1992 lavora presso il suo studio a Monaco. È una delle maggiori esperte nell’ambito della terapia dei sentimenti di offesa e umiliazione.
Attiva relatrice in convegni e seminari è autrice di diversi libri, molti dei quali dedicati al tema del narcisismo e delle problematiche ad esso correlate. I suoi libri sono stati tradotti in numerose lingue e venduti in decine di migliaia di copie.
Pronto soccorso per l’anima offesa” è stato il suo libro d’esordio in Italia (Feltrinelli Urra, 2015), cui sono seguiti “Pronto soccorso per insicuri cronici” (Feltrinelli Urra, 2016) ed “Egoisti, egocentrici, narcisisti & co. Guida per non soccombere a capi e colleghi tossici” (Feltrinelli, 2017).

“L’unica costante è il cambiamento”, affermava il filosofo Eraclito di Efeso. Un concetto ribadito dall’autrice in questo libro dal titolo “Pronto soccorso per vite stagnanti“, un manuale che insegna a non lasciarsi ingabbiare dalla paura di affrontare nuove sfide.  

Per vivere felicemente serve capacità di adattamento: anche e soprattutto in momenti di grandi sconvolgimenti sociali, come quelli che stiamo vivendo, tale flessibilità si rivela necessaria. Se invece rimaniamo attaccati al vecchio e cerchiamo in tutti i modi di mantenere quanto ci è familiare, ostinandoci nel voler decidere come debbano andare le cose, incappiamo in seri problemi. L’autrice definisce la vita un “continuo incontro tra noto e ignoto, tra vecchio e nuovo, tra sicurezza e incertezza”.

Cambiare può essere meraviglioso o terribile, dipende dal modo in cui si affrontano le trasformazioni: “La paura del nuovo è comprensibile, perché non sappiamo ancora come affrontare le mutate condizioni, né sappiamo se saremo in grado di gestirle”.

Quando subentra lo sconforto bisogna tenere a mente una frase del filosofo greco Epitteto: “A preoccuparci non sono gli eventi in se’, ma il nostro modo di considerarli”.

Il destino non lo possiamo cambiare, tuttavia possiamo mutare prospettiva. Wardetzki propone l’esempio dei limoni che sì sono aspri, però possono essere utilizzati per preparare anche cose squisite: “li possiamo spremere, addolcire con un po’ di zucchero, aggiungervi acqua e ottenere una dissetante limonata”.
Questo processo non trasforma il limone in qualcosa di differente da quello che è, ma gli da’ un nuovo significato”, scrive l’autrice.

Il Bergamo Festival esplora il tema dei conflitti – dal 30 giugno al 2 luglio

EVENTI by

Dal 30 giugno al 2 luglio si terrà la IX edizione di Bergamo Festival. A Bergamo, quest’anno la capitale della Cultura italiana insieme a Brescia, si affronterà il tema: “Conflitti. L’Umanità alla prova”.

 

Il complesso monumentale di Astino ospiterà gli incontri che si terranno all’aperto, tra i suggestivi spazi del Monastero.

Ogni edizione del Festival presenta una parola chiave: un filo conduttore che consente di contestualizzare e interpretare gli eventi in programma da una prospettiva chiara e intrigante.

Nel 2023 la parola chiave è “Conflitti”. Una parola ricca di significati analizzata a livello sociale, economico, politico e religioso, tanto nella sua dimensione locale quanto internazionale.

Intellettuali di caratura internazionale si confronteranno sui conflitti che segnano il presente e intimidiscono il futuro, per fornire spunti di riflessioni e osservazioni personali e condivisibili.

 

Presenzierà la scrittrice Elena Kostioukovitch, nata in Ucraina, a Kiev, naturalizzata italiana, e traduttrice in russo di Umberto Eco, il sociologo e politologo britannico Colin Crouch, noto per aver coniato il termine “postdemocrazia”,  Dacia Maraini, tra le più importanti scrittrici italiane, lo storico ed editorialista del Corriere della Sera Ernesto Galli della Loggia, Cecilia Sala, giornalista e scrittrice, Sergio Massironi, teologo e Direttore di ricerca presso il Dicastero vaticano per lo Sviluppo Umano Integrale ed infine la conduttrice televisiva e scrittrice Serena Dandini.

 

Lo scopo della manifestazione è offrire nuovi sguardi sul presente attraverso il confronto tra i vari esperti  e i diversi punti di vista che ne possono derivare, offrendo un pensiero puro ma ponderato su un tema ancora tristemente attuale.  

Il Premio Campiello, giunto alla sua 61esima edizione, è tra le novità della IX edizione e inaugurerà il Festival.

Venerdì 30 giugno alle ore 18 la cinquina finalista incontrerà il pubblico nella splendida cornice del complesso monumentale di Astino.  I cinque finalisti: Silvia Ballestra con “La Sibilla. Vita di Joyce Lussu” (Laterza), Marta Cai con “Centomilioni” (Einaudi), Tommaso Pincio con “Diario di un’estate marziana” (G. Perrone Editore), Benedetta Tobagi con “La Resistenza delle donne” (Einaudi), Filippo Tuena con “In cerca di Pan” (Nottetempo).

 

Il Premio, promosso da Fondazione il Campiello – Confindustria Veneto, sin dalla sua istituzione nel 1962, ha fatto emergere capolavori della letteratura italiana del ‘900 ed è considerato tra i più prestigiosi d’Italia e importanti premi nel panorama editoriale italiano.

Tra giugno e luglio si svolgerà il tradizionale tour letterario con gli autori finalisti, che farà tappa in diverse località italiane, tra cui Bergamo: una straordinaria occasione con cui la Fondazione Il Campiello promuove la cinquina e diffonde la lettura in tutta Italia.

I libri e i loro autori, discussi con Alma Maria Grandin, giornalista Tg1 Rai, saranno i protagonisti della serata inaugurale del Festival. L’evento è reso possibile grazie al contributo di Confindustria Bergamo, con la collaborazione di Bergamo Festival.

 

Tutti gli incontri – gratuiti – saranno a numero chiuso previa iscrizione online sul sito internet clicca qui.

Brè Edizioni presenta “La caduta” di Stefano Guglielmo

LIBRI by

Il romanzo “La caduta” è la nuova opera di Stefano Guglielmo, edito da Brè Edizioni, disponibile dal 1° aprile 2023.
Il romanzo, che conta 166 pagine, è disponibile in versione ebook solo su Amazon al prezzo di 2,99€ (anche su Kindle Unlimited), e in edizione cartacea al prezzo di 12€ nelle principali librerie online e fisiche.

L’autore, Stefano Guglielmo, è nato nel 1984 in provincia di Torino e da dieci anni vive a Siena.
Ha fatto il suo esordio nel 2020 con “Tabula Rasa” (bookabook) e l’anno seguente ha pubblicato “La divisione Aggiustatempi” (PS Editore).

Il suo nuovo libro, “La caduta”, è un’opera particolare e innovativa che mescola giallo e thriller, in un clima carico di suspense.

Spiega l’autore:
“L’idea è nata in maniera spontanea e quasi ironica, quando tempo fa mi trovai a guardare la scena finale di un vecchio film, in cui per trenta secondi veniva ripreso un uomo che stava cascando da un grattacielo. Mi sono chiesto a cosa potesse pensare un individuo in una situazione del genere e così, dopo un anno e mezzo, è nato La Caduta”.

Il protagonista del libro è un uomo di cui non conosciamo il nome, un uomo apatico che nel corso del romanzo cerca di comprendere quali scelte e quali condizioni lo abbiano portato lì ad attendere di schiantarsi a terra. Il romanzo è una sorta di emulazione dell’inferno Dantesco, un viaggio interiore di scoperta e riflessione, il lettore si chiederà se il protagonista arriverà ad una redenzione.

“Ho scelto di riprendere Dante perché quando decisi di scrivere questo libro stavo nel frattempo studiando la Divina Commedia– racconta Stefano- Avevo 35 anni, come quelli del Poeta quando perse la retta via, ed è stato quasi naturale sentirmi affascinato e attratto da tutta l’opera.”

Il protagonista, proprio come Dante, si ritrova smarrito e in quegli ultimi istanti intraprende un viaggio di scoperta, riflettendo sul male che lo circonda e sugli errori che lo hanno portato in quella situazione. Mentre l’uomo precipita verso terra incontrerà, ad ogni piano, personaggi che rappresentano i dannati danteschi, sempre più disdicevoli man mano che si avvicina al suolo. Incontrerà diversi personaggi e affronterà diverse situazioni che trovano un parallelismo con l’universo dantesco.

“Anche il protagonista, come nella Commedia, viene affiancato dal suo Virgilio, e non solo. Ho deciso di inserire molti personaggi e situazioni simili che sicuramente gli appassionati di letteratura e di Dante potranno cogliere.”

Sinossi
Una caduta può essere interpretata in molti modi. Si può cadere tra le braccia di qualcuno, si può cadere in disgrazia. Si può cadere per terra o si può cadere da un palazzo. L’Uomo di ghiaccio è scivolato, quasi a sua insaputa, in una faccenda poco pulita. Si è trovato invischiato con persone poco raccomandabili: la Fiera, i Romeni, l’Uomo enorme e spietato. Il protagonista non riesce a capire come possa essere successo. Perché mettersi nei guai solo per un banale litigio con la fidanzata? Eppure, ora si trova braccato, deve nascondersi dopo avere assistito a delitti e fatti atroci. Ma tra tutti questi criminali, tra odio e furore, al suo fianco compare una persona che diventerà fondamentale: il Vecchio. Un anziano saggio, colto e soprattutto disincantato che lo farà crescere e lo renderà in grado di affrontare la crudeltà. Un romanzo adrenalinico, una corsa contro il tempo, con la speranza che tutto si risolva nel migliore dei modi per questo “Uomo di ghiaccio” che si scioglierà al cospetto del suo mentore e di un cucciolo di labrador.

Federica Pellegrini sbarca in libreria con la sua autobiografia

LIBRI by

Federica Pellegrini arriva per la prima volta in libreria con un’autobiografia che, per la prima volta, racconta tutta la sua storia. Quella storia fatta di fatica, passione e sacrificio. Una storia che insegna cosa significa stare davanti ai riflettori sin da bambini.

Keep Reading
1 8 9 10 11 12 13
Redazione
0 0,00
Go to Top
WhatsApp chat
× Come posso aiutarti?