GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Author

Suveyda Mahmud -Sulaimaniyah

Suveyda Mahmud -Sulaimaniyah has 4 articles published.

Turkey and renewed repression against the Kurds: what is happening?

In the last days, the Turkish government has been carrying out a wide repressive operation against civilians, parties and kurdish guerrillas.

Such an intensity of bombings has not been experienced in years. A double attack was carried out against both the workstations of PKK guerrillas and the villages of civilians. It is obvious that Erdogan has decided to intervene both in Turkey and the rest of the Middle East, by attacking all those components that try and advance democratic instances. Why this escalation of events? Mainly for what purpose?

Young people, university students, male and female workers, militants of the lgbt movement, together with the Kurdish movements gathered on the streets against an oppressive and increasingly authoritarian government. The prompt response of the government consisted in breaking into houses, arresting, killing people on the streets, forbid everything and militarily attacking groups of people. Turkish people know the meaning of military coup. In this case, it was a political coupe of the State, since the decisions concerning military operations were taken illegally, without the coverage of a government. During the last general elections held on June 7, Erdogan’s party, the Akp, has experience a significant reduction in its consent, showing that it has politically lost in the Middle East, and thus losing even his image in front of the whole world. It is now evident that the response of Erdogan to electoral defeat is, once again, a strong repression. Almost two months have passed since the elections but the Turkish prime minister Ahmet Davutoglu has not yet found allies to form a new government. This makes the position of Erdogan even more weak, who is nevertheless, taking advantage of the absence of a government, and continues to take illegal decisions in a rebel and a fascist way. In seeking approval, since it is impossible the impasse and form a new government soon Turkey will go back to the elections, and the goal is to once again push the Kurds into a corner, labeling them as “terrorists” , weakening the HDP.

However the resistance inside and outside Turkey is very strong, since the Kurdish pepole are accustomed to rise up against repression as they have already shown. On the one hand the HDP has received broad electoral support, surpassing by three points the hideous 10% threshold to enter the parliament; on the other hand, the PKK has demonstrated to the world that they are the only force able to stop ISIS (Daesh) in the Middle East. While regular armies have left the field to ISIS, guerrilla forces intervened rescuing thousands of civilians, regardless of ethnicity and religion, protecting the entire population. Hence his continued growth of popular support inside and outside Turkey. Erdogan is realizing this fact and is fearing the consequences.

And what about the peace process that was taking place between Ocalan and the Turkish state and the Turkish government, and that in the last few months has finally got to a stopping point isolating Ocalan in the last 4 months. The AKP has always used the negotiations with the Kurds to offer Europe an image of openness and tolerance; in reality its policy aimed at trying to divide the Kurdish movement and the positions of Öcalan from guerrilla forces and the Kurdish refugees in Europe, in order to divide it and weaken it. Since it failed to crush the movement with the arms, he tried to do it politically by exploiting the contradictions inherent to any peace process.

Furthermore, let’s not forget that the AKP has never recognized the revolution in Rojava and denied status for the Kurdish people, who are trying to implement the so-called “democratic autonomy”. Instead, he tried to destroy it, by financing and allowing ISIS to move freely within and through its borders. The AKP plans have failed because of Kobane’s victory and the pushing of ISIS out of Rojava. Often news about the increasingly blatant connivance between the Turkish secret services and ISIS, spread both inside and outside of Turkey.

On July 20, 32 young socialists from the largest cities in Turkey were killed in the town near the Turkish -Syrian border of Suruc. Suruc is well-known for being the village where international support was given to the resistance of Kobane. Thousands of activists from around the world, many even from Italy, went right to Suruc to offer support and help, while the guerrillas in kobane resisted against the attack carried out by ISIS. That’s why these 32 young socialists were in Suruc on July 20. They wanted to continue to give support to the reconstruction of Kobane. Using this attack as a pretext, the turkish prime minister Ahmet Davutoglu has decided to take military action, justifying this decision with the danger represented by ISIS, and bombing its stations. Nothing but false and hypocritical propaganda. In the last two days of operation, the attack on the ISIS lasted 13 minutes at the most. And the stations attacked were empty. Someone had perhaps warned them?

On July 24 the bombing operation against the Kurdish guerrillas started in the mountains in the defense area of Medya. July 24 is an unlucky day for the Kurds since on the same day in 1923 in Lausanne, they witnessed the division of Kurdistan into four parts: Iraq, Iran, Turkey and Syria. Turkish F-16s took off five minutes after midnight from the cities of Diyarbakir and Batman and dropped bombs all night long on the regions of Zap, Basyan, Gare, Avasin and Metina. The planes then hit Xinere and Kandil and many villages of civilians in the region. Some areas were hit three times in the same night. At the same time, a wide repressive operation was carried out in Turkey. It had the same magnitude than the one that was carried out in 2009, known as “KCK operation”, that led to the arrest of about 700 Democrats across the country and resulted in the killing of the 21 year old Abdullah Özdal in the city ​​of Cizre (Turkey). All these events, in a very delicate moment when the prime minister is still trying to form a new government, smell like “strategy of tension”. Taking advantage of the political vacuum, the AKP continues undisturbed its policy of annihilation of the Kurds. And that even with the support of Barzani, president of the Kurdistan region (Iraq), who is issuing statements condemning the Turkish bombings but basically turns out to be a spokesman for Erdogan and the AKP in southern Kurdistan, endorsing the game division of the Kurds. Exposing, among other things his country and putting his people at risk of becoming the “backyard” of Turkey, hoping for a formal recognition of the Kurdistan region while Erdogan’s real goal is exploiting its wealth and politically and economically controlling it. The policy of the AKP is therefore increasingly clear and desperate. Its policies in the Middle East have failed, that is why it is trying to regain a role that it no longer has, because the revolution of Rojava showed that no policy without or against the Kurds will succeed in the Middle East.

All countries that somehow are interested and / or involved in the Middle East policies change strategy according to their own interests. But Turkey insists on not changing and tries to continue as if it was still at the time of the Ottoman Empire. Turkey did not understand that the world has changed, the role of Turkey is no longer the one it had in the past: It cannot survive with the policies and “tricks” used by the Ottomans, rather this would lead the country to total failure. Society is changing. The boundaries are changing.

The only possible way out is to democratize Turkey and resolve all issues with all the people who live there, this is what Ocalan has been trying to pursue with the peace process. Meanwhile it is clear that the Kurdish guerrillas will not stay and watch, and they will continue their fight against ISIS in Rojava (since they showed they can stop them), and in Turkey against repression and bombings. They will continue to fight against this policy of the AKP that is taking Turkey into a marsh. They will continue to carry out the revolution in Rojava since it is the only solution for the people in the Middle East. The will continue to express their protest in all the cities in the world, as it happened for example in 15 cities in Italy or in 22 cities in Germany, or Japan, India, France, after the attack on Suruc. Kurds are accustomed to resist and will no longer bend, nor they would let anybody use them for the games of the great powers as had happened in the past.

Now the revolution has begun and has no boundaries. Especially those artificial boundaries that were decided in Lausanne without consulting the people. Then the audience should break the silence! The Kurds will no longer accept slavery. No bombing will break them ..

These bombings beyond the Turkish border are a violation of international law. International forces, with their democratic solidarity have had an important role in stopping the spreading of Isis in the Middle East. Let’s not forget that the AKP is another face of ISIS. It is important to act immediately to put an end to this policy of the Turkish state.

Turchia e rinnovata repressione contro i curdi: cosa sta succedendo?

Negli ultimi giorni il governo turco sta portando avanti una vasta operazione repressiva contro la società civile, i partiti e i guerriglieri curdi.

IMG_0270Per la sua intensità, si può dire che è un bombardamento come non se ne vedevano da anni. Un attacco doppio, portato avanti sia contro le postazioni dei guerriglieri del PKK sia contro villaggi abitati dai civili. E’ ormai evidente che Erdogan ha deciso di intervenire sia dentro la Turchia sia nel resto del Medioriente, andando ad attaccare tutte quelle componenti che provano ad avanzare istanze democratiche. Ma perchè questa accelerazione? Principalmente a che scopo ?

IMG_0271Giovani, universitari, lavoratori, lavoratrici, militanti del movimento lgbt, insieme al movimento curdo, si sono ritrovati insieme per le strade contro un governo repressivo e sempre più autoritario. La risposta immediata del governo è stata quella di entrare nelle case, arrestare, uccidere per strada, vietare qualsiasi cosa, attaccare militarmente i cortei. Il popolo della Turchia conosce il significato di un colpo di stato militare. Possiamo dire che in questo caso si è trattato di un golpe  “politico” dello stato, visto che si tratta di decisioni adottate illegalmente circa le operazioni militari, senza la copertura di un governo.

Alle ultime elezioni politiche del 7 giugno il partito di Erdogan, l’Akp, ha visto diminuire di  molto il proprio consenso, mostrando di aver perso politicamente in Medioriente, e perdendo cosi anche la sua immagine di fronte al mondo intero.

IMG_0272E’ ormai evidente che la risposta di Erdogan alla sconfitta elettorale sia ancora una volta una forte repressione. Sono passati ormai quasi due mesi dalle elezioni ma il primo ministro turco Ahmet Davutoğlu non ha ancora trovato alleati per formare un nuovo governo. Questo rende ancora più debole la posizione di Erdogan il quale, ciononostante, approfittando dell’assenza di un governo, continua a prendere decisioni illegali in maniera golpista e fascista. Nel ricercare consensi, visto che non si riesce a superare l’impasse e a formare un nuovo governo, presto la Turchia andrà di nuovo alle elezioni, e lo scopo è quello di spingere ancora una volta i curdi all’angolo, etichettandoli come “terroristi”, indebolendo l’Hdp.

Tuttavia la resistenza dentro e fuori la Turchia è fortissima, come spesso ha gia’ dimostrato di essere in grado di fare il popolo curdo, abituato a sollevarsi contro la repressione. Da una parte l’Hdp ha ricevuto un ampio consenso elettorale, superando di tre punti l’odiosa soglia del 10% per poter entrare in parlamento; dall’altra il Pkk ha dimostrato al mondo di essere l’unica forza in grado di fermare ISIS (Daesh) in Medioriente. Mentre eserciti regolari hanno abbandonato il campo a ISIS, le forze della guerriglia sono intervenute mettendo in salvo migliaia di civili, senza distinzione di etnia e religione, proteggendo tutta la popolazione. Da qui la sua continua crescita di consenso popolare dentro e fuori la Turchia. Fatto di cui Erdogan si sta rendendo conto, temendone le conseguenze.

IMG_0273E che ne è del processo di pace che era in corso tra Ocalan ed lo Stato Turco il governo Turco, e che nei gli ultimi mesi si è definitivamente interrotto mettendo Ocalan in un isolamento ormai da 4 mesi. L’Akp ha sempre usato i negoziati con i curdi per offrire all’Europa un’immagine aperta e tollerante; in realtà la sua politica è stata quella di provare a dividere il movimento curdo e le posizioni di Ocalan dalle forze della guerriglia  e dai rifugiati curdi in Europa, provando cosi’ a spaccarlo e a indebolirlo. Non essendo riuscito ad annientare il movimento con le armi, ha cercato di farlo politicamente sfruttando le contraddizioni insite in ogni processo di pace.

Inoltre non dimentichiamo che l’Akp non ha mai riconosciuto la rivoluzione in Rojava e ha negato uno statuto per il popolo curdo, il quale sta cercando di applicare la cosiddetta “autonomia democratica”. Al contrario, ha cercato di annientarla, finanziando e lasciando libertä di movimento entro e attraverso i suoi confini a ISIS. Con la vittoria di Kobane e il respingimento di ISIS fuori dal Rojava, i piani dell’Akp sono falliti. Inoltre sono spesso comparse notizie relative sia all’interno sia all’esterno della Turchia, circa la sempre più plateale connivenza tra servizi segreti turchi e ISIS.

Il 20 luglio scorso, nella cittadina vicina al confine turco-siriano di Suruc, sono stati uccisi 32 giovani socialisti provenienti dalle più grandi città turche. Suruc la conosciamo bene, è il villaggio nel quale si è dato sostegno internazionale alla resistenza di Kobane. Migliaia di attivisti da tutto il mondo, tanti anche dall’Italia, si sono recati proprio a Suruc per offrire il proprio sostegno e aiuto, mentre le guerrigliere e i guerriglieri resistevano a Kobane contro l’attacco di ISIS. Per questo i 32 giovani socialisti erano a Suruc il 20 luglio, per continuare a dare sostegno alla ricostruzione di Kobane. Usando questo attentato come pretesto, il premier turco Ahmet Davutoglu ha deciso di entrare in azione militarmente, motivando questa decisione con la pericolosita’ di ISIS, e bombardandone le postazioni. Nient’altro che propaganda falsa e ipocrita. In questi ultimi due giorni di operazione, l’attacco contro ISIS è durato in tutto 13 minuti. E le postazioni attaccate erano vuote. Qualcuno li aveva forse avvertiti?

IMG_0274Il 24 luglio inizia l’operazione di bombardamento contro i guerriglieri e le guerrigliere curde nelle montagne della zona di difesa di Medya. Una data infelice per i curdi, quella del 24 luglio, avendo subito nel 1923 a Losanna la divisione del Kurdistan in quattro parti: Iraq, Iran, Turchia e Siria. Gli F-16 turchi sono decollati cinque minuti dopo la mezzanotte dalle città di Diyarbakir e Batman ed hanno sganciato bombe tutta la notte sulle regioni di Zap, Basyan, Gare, Avaşin e Metina. Gli aerei hanno poi colpito Xinere e Kandil e molti villaggi di civili nella regione. Alcune zone sono state colpite tre volte nel corso della stessa notte. Parallelamente si svolge una vasta operazione repressiva in Turchia, della stessa portata di quella del 2009 conosciuta come “operazione KCK”, che ha portato all’arresto di circa 700 democratici in tutto il paese e causato l’uccisione di Abdullah Ozdal di 21 anni nella citta’ di Cizre (Turchia). Tutti questi avvenimenti, in un momento molto delicato in cui il primo ministro sta ancora cercando di formare un nuovo governo, puzzano di “strategia della tensione”. Approfittando dell’attuale vuoto politico, l’Akp porta avanti indisturbato la sua politica di annientamento dei curdi. E questo anche con l’appoggio di Barzani, presidente del Kurdistan regionale (Iraq), che rilascia dichiarazioni di condanna dei bombardamenti turchi ma fondamentalmente si rivela essere portavoce di Erdogan e dell’Akp nel sud Kurdistan, avvallando il gioco di divisione dei curdi. Esponendo tra l’altro il suo paese e il suo popolo al rischio di diventare il “giardino di casa” della Turchia, sperando in un riconoscimento formale del Kurdistan regionale quando il vero obiettivo di Erdogan è sfruttarne le ricchezze e controllarlo politicamente ed economicamente.

La politica dell’Akp appare quindi sempre più chiara e disperata. Le sue politiche in Medioriente sono fallite, per questo sta cercando di riconquistarsi un ruolo che pero’ non ha piu’, perchè la rivoluzione del Rojava ha dimostrato che nessuna politica senza o contro i curdi potrà mai avere successo in Medioriente.

Tutti paesi che in qualche modo sono interessati e/o coinvolti nelle politiche mediorientali cambiano strategia a seconda dei propri interessi. Ma la Turchia insiste nel non cambiare e cerca di continuare come se fossimo ancora al tempo dell’Impero Ottomano. Non hanno capito che il mondo è cambiato, il ruolo della Turchia non è piu’ quello di prima: con le politiche e i “giochetti” degli ottomani non si puo’ vivere, anzi si porta un paese al fallimento totale. La società sta cambiando. I confini stanno cambiando.

Bombardamento-Isis-su-Kobane-1024x680L’unica via d’uscita possibile è quella di democratizzare la Turchia e risolvere tutte le questioni con tutti i popoli che la abitano, che è quella che ha cercato di perseguire Ocalan con il processo di pace. Nel frattempo è evidente che le guerrigliere e i guerriglieri curdi non staranno a guardare, e continueranno a combattere in Rojava contro ISIS, avendo dimostrato di poterli fermare, e in Turchia contro repressione e bombardamenti. Continueranno a combattere contro questa politica dell’Akp che sta portando la Turchia in un pantano. Continueranno a portare avanti la rivoluzione in Rojava come unica via per i popoli in medio oriente. Continueranno a manifestare la loro protesta nelle citta’ del mondo, come avvenuto ad esempio in 15 citta’ in Italia o in 22 citta’ in Germania, o in Giappone, India, Francia, dopo l’attacco di Suruc: i curdi sono abituati a resistere e non si sono fatti piegare, né si faranno piu’ utilizzare come in passato per i giochi delle grandi potenze.

Ormai la rivoluzione è cominciata e non ha confini, quei confini artificiali decisi a Losanna senza aver consultato i popoli: per questo non rimanete silenzio anche voi! I curdi non acetteranno piu la schiavitu. Nessun bombardamenti avra il sucesso..

Questi bombardamenti aldi la del confine turco e’ una violazione del diritto internazionale. Le forze internazionali, democratici della soliderieta hanno avuto un ruolo importante per fermare l’ avanzamento di isis in medioriente. Non dimentichiamo che AKP e un altro faccia di ISIS. Da agire immediatamente per far cessare questa politica dello stato turco.

 

Kobane: da simbolo di resistenza a simbolo di rinascita

Medio oriente – Africa di

Ora che i riflettori mediatici su Kobane si sono spenti, mentre altre zone intorno alla città vengono lentamente liberate dall’assedio di ISIS, è ancora più importante monitorare la situazione, per capire quali interventi è possibile mettere in campo per sostenere concretamente la ricostruzione della città e la ripresa della vita, che è comunque già cominciata.

[subscriptionform]

[level-european-affairs]

Più di 200.000 persone, durante l’assedio della città, si sono riversate oltre il confine turco-siriano, dislocandosi fra i campi approntati dalle municipalità locali, soprattutto a Suruç, e i campi ufficiali del governo turco. Questi ultimi, dopo aver constatato come venivano gestiti, ossia in maniera autoritaria e vietando perfino l’istruzione in curdo ai bambini, imponendo la lingua turca a persone che conoscevano solo il curdo e l’arabo, si sono spesso allontanati per l’impossibilità di vivere in quelle condizioni, riversandosi nei campi gestiti e sostenuti dalle municipalità a maggioranza curda.

I campi “autogovernati” non hanno però potuto contare sul sostegno internazionale, a causa dell’embargo de facto contro l’intero cantone causato soprattutto dall’opposizione del governo turco; ma hanno rappresentato e tutt’ora rappresentano una risposta concreta ed efficace alla domanda dei profughi, che già all’indomani della liberazione della città hanno cominciato a voler rientrare a Kobane, dapprima in piccoli gruppi, via via sempre più consistenti. Se ne contano attualmente circa 85.000.

kobane2Numerosi problemi li hanno attesi al loro rientro: dalle mine inesplose che i miliziani di ISIS ha lasciato dietro di sè, per ostacolare la ripresa della vita in città, alla totale distruzione lasciata sul terreno da quattro mesi di scontri violentissimi e di bombardamenti effettuati dalla coalizione. Numerosi civili hanno trovato così la morte dopo la liberazione della città, a causa delle mine o per l’impraticabilità di alcune zone; inoltre sono presenti ancora numerosi corpi non sepolti di miliziani di ISIS sotto le macerie, fatto che rischia – con l’aumento delle temperature dovuto all’arrivo della primavera – di provocare pericolose epidemie.

E’ necessario dunque agire con urgenza per mettere in sicurezza la città e consentirne la ricostruzione e il ripopolamento: ecco perchè è tutt’ora fondamentale l’apertura di un corridoio umanitario al confine, a cui la Turchia continua ad opporsi, che permetta il passaggio di materiali per la ricostruzione, di equipaggiamento sanitario, di personale medico e tecnico che contribuisca alla soluzione di questi problemi, di vestiti, medicinali, e tutto quanto serva. Occorre disinnescare le mine, ripristinare una fornitura regolare di energia elettrica e di acqua, ricostruire le case e le altre infrastrutture (l’80% della città è stato distrutto).

Un appello urgente è stato lanciato dal Comitato per la ricostruzione di Kobane, rapporto che contiene nel dettaglio la stima dei danni e delle necessità urgenti per permettere il rientro dei profughi, e che individua tra l’altro tra le priorità la costruzione di un campo profughi temporaneo di almeno mille tende, con servizi igienici, quattro scuole e due punti di assistenza sanitaria (http://helpkobane.com/it/wp-content/uploads/sites/6/2015/04/IT-Kobane-Report.pdf). Tutto questo per consentire l’avvio di tutte quelle azioni che possano ricostruire il tessuto sociale ed economico della città, dall’agricoltura all’allevamento al commercio, dalla costruzione delle fogne al ripristino delle fonti energetiche (http://helpkobane.com/it/wp-content/uploads/sites/6/2015/04/IT-Kobane-Report-II.pdf).

kobane (3)E’ il minimo che si possa fare per riconoscere la resistenza del popolo di Kobane che è costata più di mille morti in quattro mesi, e che è stata ed è una lotta per l’umanità. Diversi gruppi di attivisti e di semplici cittadini in vari paesi, tra cui l’Italia, stanno dando il loro contributo, organizzandosi per raccogliere fondi e materiali e realizzando progetti di cooperazione dal basso per rispondere ad alcune di queste esigenze (http://www.helpkobane.com/ o http://www.mezzalunarossakurdistan.org ): ma la “comunità internazionale” non sembra darsi da fare con lo stesso impegno.

Nonostante le analisi e le prese di posizione di organismi internazionali come l’Alto rappresentante dell’Unione Europea per la politica estera e la sicurezza sulla Siria, il Consiglio d’Europa a marzo, il Parlamento Europeo ad aprile, così come dopo le missioni sul campo di Organizzazioni non governative che si occupano di messa al bando delle mine, di ricostruzione e di salute, nulla ancora sembra muoversi.

Inoltre, l’avvicinarsi delle elezioni legislative in Turchia il prossimo 7 giugno, strategiche per il progetto di presidenzialismo perseguito da Erdogan e dal suo partito, sta acuendo la tensione e mostrando di nuovo il vero volto dell’AKP, il partito di governo, che invece di occuparsi dei problemi dei curdi, è impegnato piuttosto ad alzare il livello della tensione continuando a negare l’apertura di un corridoio umanitario e organizzando provocazioni per avvantaggiarsi dei voti nazionalisti.

Il forte entusiasmo che sta suscitando il nuovo partito HDP (Partito democratico dei Popoli), che propone una politica nuova rispettosa dei diritti di tutte le minoranze (dunque non solo dei kurdi), dei giovani, delle donne, ispirata a principi ecologici, sembra indicare che esso riuscirà a superare l’odiosa e antidemocratica soglia di sbarramento del 10% per entrare in parlamento: se questo accadrà, il gruppo di parlamentari dell’HDP potrà lavorare con più forza alla democratizzazione della Turchia, ma anche all’apertura del corridoio umanitario e alla ricostruzione di Kobane, nonché alla risoluzione democratica della questione kurda e dunque a una stabilizzazione della regione, che potrà avere effetti positivi su tutta l’area mediorientale ancora così piegata da guerre e dittature.

E’ importante che anche in questa occasione osservatori internazionali si rechino in Turchia per monitorare il processo elettorale: potrebbero verificarsi brogli come in passato, perchè le forze che si oppongono al cambiamento e alla pace hanno sempre cercato di impedire alla popolazione di esprimersi liberamente, sfruttando tutti i mezzi per impedire ai kurdi di superare la soglia del 10% (http://www.uikionlus.com/apello-per-elezioni-7-giugno-in-turchia/).

In conclusione: la strada è ancora lunga, ma forse davvero la città di Kobane, dopo essere diventata simbolo di resistenza per il mondo intero, può diventare simbolo di rinascita e di pace anche grazie al sostegno e all’attenzione internazionale.

[/level-european-affairs]

di Suveyda Mahmud

Il governo del Kurdistan regionale e la guerra al’ISIS

Varie di

Di Suveyda Mahmud – Sulaimaniyah
​Nonostante gli attacchi di ISIS in alcune parti del Kurdistan abbiano perso di intensità, in luoghi come Kerkuk i combattimenti proseguono aspri, così come nelle vicinanze di Kobane, con attacchi a Til Temir, Serêkanî e Al-Hasakah e nuovi orribili massacri fra cui quello di trecento cristiani, e si prevede che continuerà cosi ancora per un certo periodo. Ma non sono rimaste tracce dell’atmosfera che l’avanzata lampo di ISIS aveva creato all’inizio, e questo anche grazie alla sconfitta subita contro la resistenza di Kobane.

Le forze di liberazione curde hanno dimostrato di poter sconfiggere i terroristi su ogni fronte. Ma tranquillizzarsi e sottovalutarli sarebbe un errore. Contro ISIS la prima cosa da fare è un’unione internazionale e un piano strategico di difesa comune. Non è pensabile continuare a far combattere i guerriglieri al fronte come se fossero propri soldati senza attivare una difesa congiunta, per poi, attraverso giochi politici e diplomatici, provare a creare le condizioni per farli ritirare una volta riconquistate le posizioni in mano a ISIS. Nella pratica questo significa che non si offre collaborazione piena, non si condividono informazioni e notizie, né si riesce a pianificare le azioni sulla base di una comune strategia, ostacolando e rallentando la liberazione dei territori ancora sotto il controllo di ISIS.

Fino ad oggi, le armi inviate da diversi paesi per sostenere la resistenza contro ISIS non sono andate ai guerriglieri, che vengono considerati dal Kurdistan regionale come una forza straniera. Alcuni sostengono che non si può costruire una forza di difesa comune con il PKK[1], che figura nella lista delle organizzazioni considerate terroristiche dall’Unione Europa e dagli Usa. Questa mentalità arretrata privilegia l’interesse particolare sul bene comune, sulla scelta chiara dell’autonomia democratica rappresentata dalle amministrazioni cantonali del Rojava, che è invece il desiderio delle popolazioni della regione. Si registra dunque uno scollamento fra le autorità del Kurdistan regionale, ma anche fra gli interessi della Turchia, e la volontà dei popoli.

Ad esempio, al fronte, guerriglieri e peshmerga combattono fianco a fianco, e questi ultimi affermano che senza le forze della guerriglia non potrebbero combattere. Tra la popolazione del Kurdistan del sud, le forze di liberazione curde stanno acquisendo prestigio e simpatia. Queste popolazioni sono a conoscenza – per averlo visto con i propri occhi – che nella resistenza contro ISIS la difesa più efficace sul campo è stata quella dispiegata dai guerriglieri, considerati la vera forza di difesa dalla popolazione.

Da qui i rinnovati tentativi da parte del PDK[2] di gettare discredito sul PKK, per continuare ad accreditarsi come unica forza curda a livello internazionale. Perfino molti responsabili di ISIS sostengono al contrario che le uniche forze ad averli messi in difficoltà sono quelle della guerriglia. Ecco perchè l’idea di difendere il sud Kurdistan senza i guerriglieri non è pensabile.

Ci ricordiamo tutti cosa è successo il 3 agosto 2014, quando ISIS ha attaccato la popolazione ezida di Şengal, facendo strage di circa 5 mila ezidi, rapendo migliaia di donne per farne delle schiave. Mentre le forze regolari del Kurdistan regionale si ritiravano, le forze delle YPG e delle YPJ il 5 agosto aprivano un corridoio sicuro tra Şengal e il Rojava, riuscendo a portare più di 200 mila ezidi in luoghi sicuri. 10 mila persone si sono rifugiate sul monte Şengal. In seguito le forze di difesa hanno messo in sicurezza anche le zone di Mexmur e Kerkuk. Dopo questi eventi, le forze della guerriglia hanno acquisito un grande ruolo, e senza approfittarne, hanno spinto perchè la popolazione ezida stessa si autorganizzasse per la propria difesa, costituendo proprie unità (le YBS) e un proprio consiglio. Quando gli ezidi hanno istituito questa loro assemblea, il KRG ha chiesto alle forze di difesa delle HPG e a quelle femminili delle Yekitiya Star di lasciare il territorio, spaventato dalla popolarità che stavano guadagnando.

La popolazione del Kurdistan del Sud non si è ancora ripresa dallo shock di vedere la caduta di Mosul senza neanche un combattimento, quasi una resa organizzata: si è sentita tradita dal governo del Kurdistan regionale. Se le forze di difesa delle guerriglia (HPG) non fossero intervenute, sarebbero potuti arrivare a Hewler (Erbil) che è la capitale del Kurdistan regionale! Il sostegno della Turchia nei confronti di ISIS ha inoltre reso espliciti i veri interessi del partito al governo, l’AKP: servirsi dei terroristi per aumentare la propria influenza su tutta la zona. I curdi sono sempre stati un ostacolo a questo, e da qui si spiega tutta la reticenza a combattere ISIS, anche di fronte alla comunità internazionale. Non è credibile pensare che il governo del sud Kurdistan non ne sapesse niente, o non ne fosse coinvolto.

In realtà è il PKK a uscire “bene” da questa guerra: ha chiaramente mostrato come l’etichetta di “terrorista” sia inapplicabile, per una forza di difesa che si sta spendendo per tutta l’umanità. E tutto questo ha avuto l’effetto di rimescolare le carte nella regione, aprendo la storia a nuove possibilità. I vecchi apparati statuali in Medio Oriente crollano, e con loro crolla la mentalità di dominio che li ha caratterizzati: forze come il KDP, o come l’AKP in Turchia, se non coglieranno l’opportunità di cambiamento, non avranno futuro fra la popolazione. Il sistema politico e sociale del Sud Kurdistan è particolare e quasi unico: c’è il sistema tribale sulla base del quale si struttura il sistema politico, c’è un parlamento e una forma che non si può definire presidenziale ma non è neanche semi-presidenziale, non è una dittatura ma il potere è nelle mani di poche famiglie. Se questi vecchi apparati non si adopereranno per creare una lotta comune a tutte le forze, non riconoscendo la chiara scelta per l’autonomia democratica da parte delle popolazioni che ogni giorno di più si organizzano dal basso, saranno destinati a scomparire: le persone vogliono vivere insieme in pace con i propri sistemi di autogoverno. Insomma, pur nella tragica situazione del conflitto in Medio Oriente, le forze curde hanno mostrato che “un altro mondo è possibile”…

 

[1] PKK – Partîya Karkerên Kurdistan, Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Nasce da un gruppo di studenti curdi e turchi che dal 1973 che si organizzano attorno ad Abdullah Öcalan e affrontano questioni legate al socialismo ed alla liberazione del Kurdistan. Viene fondato 1978 per la costruzione di un Kurdistan indipendente, unito e socialista. È stato inserito nella lista delle organizzazioni terroristiche stilata da USA ed Europa. Dagli anni Novanta, in particolare grazie all’elaborazione teorica del suo presidente Abdullah Öcalan (tuttora detenuto nell’isola-prigione di Imrali in Turchia), il PKK ha superato l’originaria ideologia nazionalista e marxista-leninista attraverso una radicale critica degli stessi concetti di Stato, Nazione, Partito, e abbandonando l’obiettivo della costruzione di uno Stato curdo indipendente. La sua proposta politica, denominata Confederalismo democratico, auspica la costruzione di una federazione di comunità autogovernantisi al di là dei confini nazionali, religiosi, etnici cui principi di base sono la partecipazione dal basso, la parità di genere e il rispetto della natura.

 

[2] PDK (KDP) – Partîya Demokrat ya Kurdistanê, Partito Democratico del Kurdistan, fondato nel 1946 da rappresentanti dell’aristocrazia curda e della piccola borghesia urbana, organizzato su base tribale. È il partito di Masud Barzani, che governa il Kurdistan meridionale, divenuto regione autonoma (KRG) in seguito all’invasione americana del 2003 e alla caduta del regime di Saddam Hussein.

 

 

Suveyda Mahmud -Sulaimaniyah
Vai a Inizio
× Contattaci!