Il Magazine della tua Città

Tag archive

World of Fashion

World of Fashion: un viaggio nel mondo della moda che oltrepassa i confini e condivide la cultura

in CULTURA by

Un incontro con lo stile può rivelarsi un viaggio di scoperta che non esaurisce l’aspettativa e l’incanto nello spettacolo di una sera ma apre nuove possibilità e prospettive che parlano la stessa lingua: la condivisione della bellezza. Il World of Fashion riserva come sempre un posto in prima classe per un giro attorno al mondo: attraverso la creatività della moda si sognano nuove realtà.

Si è svolta ieri nella prestigiosa cornice di Palazzo Brancaccio nel cuore di Roma la 23.edizione del World Of Fashion, un appuntamento con l’alta moda che declina le interpretazioni dello stile. Ideato e diretto magistralmente da Nino Graziano Luca, l’evento si propone come opportunità per apprezzare l’universalità dell’eleganza haute couture modellata secondo le tradizioni sartoriali di tanti paesi diversi. Le precedenti edizioni hanno ospitato circa sessanta stilisti da tutto il mondo, 26 nazioni per raccontare la loro quotidiana bellezza attraverso miriadi di dettagli. L’estate 2019 si è animata in passerella con il turbinio dei colori vividi degli abiti e della moda mare del Progetto M.I.A.(Moda incontro aperto) di Maurizio Passeri ed Ino Mantilla con ispirazioni dal Messico e dalla Colombia, ha brillato con l’opulenza dell’oro del Libano dosata con raffinatezza dallo stilista Maged Bou Tanous, ha interpretato le geometrie razionali modellate dalla stravaganza illuminata di James Dimech, architetto stilista notissimo a Malta, e ha apprezzato l’eleganza senza tempo, lo stile composto e delicato di Eva Scala dalla Repubblica Ceca. Ispirazioni uniche indissolubilmente cucite a quel filo rosso che le lega all’Italia. Come dichiarato da Nino Graziano Luca: “Il dialogo prevalente nel World of Fashion di luglio 2019 è quello tra l’Italia produttiva, creativa e solidale ed alcune aree del mondo. L’Italia delle sete di San Leucio interagirà con la Repubblica Ceca, quella contemporanea della produzione di filati dal riciclo delle bottiglie post consumo incontrerà Malta, quella creativa si mescolerà con il Messico e alla Colombia, e soprattutto, l’Italia dei corridoi umanitari aprirà le porte al Libano.”

La moda come un ponte tra il Bel Paese e l’estero, comune denominatore per le idee brillanti e virtuose come gli spunti della Wearable Art  di James Dimech che propone splendidi abiti realizzati principalmente con materiali di riciclo ecosostenibili.  

L’Alta Moda Roma come palcoscenico d’eccezione, il mondo fashion premia la sartorialità ma anche i progetti etici di Enti e personalità del mondo dello spettacolo impegnati in nobili cause. Tra i premiati Placido Domingo Jr. che ha incantato il pubblico cantando il brano “Volver”, l’Associazione “Io così” presieduta da Sara Manfuso che attraverso la cultura esalta il valore della diversità e l’importanza del suo rispetto. Premiata l’arte in tutte le sue forme e canali, compresa la simpatia di Michelle Carpente Dario Vergassola  per il programma in onda su Sky Arte “Sei in un paese meraviglioso”, prodotto da Ballandi Arts in collaborazione con Autostrade per l’Italia.

Tra i presenti, personalità diplomatiche internazionali: il Ministro per l’Ambiente del Governo di Malta Jose Herrera con la moglie Sandra Herrera, l’Ambasciatrice del Libano in Italia Mira Daher, l’Ambasciatore della Grecia Theodore Μ. Passas e tantissimi ospiti del mondo dello spettacolo e dell’informazione. Si sono distinti in passerella confermandosi per la loro versatilità creativa numerosi attori di punta del cinema italiano e la promettente attrice Jennifer Mischiati, prossimamente nel film italiano “Creators – The Past” con Gerard Depardieu.

Ancora una volta il World of Fashion ha raccontato la moda come opportunità di conoscenza, capace di intavolare un dialogo oltre le parole, che supera i confini e condivide la bellezza delle idee e dell’estro creativo.

“World of Fashion”, un viaggio di stile a Palazzo Brancaccio

in CULTURA by

L’eleganza si racconta con la creatività. Stilisti italiani ed internazionali hanno presentato le loro collezioni a Palazzo Brancaccio animando i suoi saloni da fiaba. Un carillon di creazioni uniche, un susseguirsi di abiti e dettagli preziosi, quelli della ventunesima edizione del “World of Fashion.

Abito Addy Van Den Krommenacker

Una serata dedicata all’haute couture che si è svolta domenica 27 gennaio nell’incantevole location di “classicismo barocco”, tra le più prestigiose della Capitale. Evento immancabile di AltaRoma che si distingue per la ricercata direzione artistica di Nino Graziano Luca. Un appuntamento con l’alta moda declinata in stili e culture differenti, in questi anni la kermesse ha ospitato più di 60 stilisti provenienti da 25 nazioni. Anche in questa edizione ha seguito la sua vocazione internazionale confermandosi un viaggio per il mondo attraverso l’arte e le tradizioni dei diversi paesi. Ha aperto il sipario il défilé dello stilista olandese Addy Van Den Krommenacker, creazioni ispirate all’Africa con trame e stampe come narrazioni itineranti, dal color sabbia del deserto alle nuance tropicali. A seguire un omaggio alla pittura impressionista con i modelli eterei della talentuosa Azzurra Di Lorenzo, ispirati alla delicatezza dei fiori e ai giochi di luce dei maestri ottocenteschi. Dalla creativa italiana all’estro deciso di Marcela De Cala che ha riproposto nella sua collezione le tradizioni di Spagna descrivendole in modelli dall’orgoglio iberico con linee decise e dettagli preziosi. Non è mancata la raffinatezza dell’arte orafa con le creazioni di Marina Corazziari Gioielli e il fascino conturbante di una sensualità non ostentata delle proposte made in Italy di Giorgia Lingerie.

Giorgia Lingerie

La moda come splendido artificio ma anche come concreta possibilità e forma di comunicazione, la ricerca della bellezza e della tradizione diventano un messaggio universale e un buon proposito per immaginare il futuro. Degna di nota per creatività ed intenti la collezione della stilista Rujji by Raja El Rayes che dalla Libia ha condiviso il fascino della sua terra in una sfilata ritmata e divertente con ispirazioni sahariane. Creazioni che omaggiano la storia e le radici di un paese martoriato e conteso, spesso dimenticato ma che guarda avanti e pensa al futuro, anche attraverso la moda.

Il talento degli stilisti italiani ed internazionali è stato premiato con il “World of fashion award”, premio realizzato dal maestro orafo del Festival di Sanremo, Michele Affidato. L’AltaRoma a palazzo Brancaccio si è raccontata viaggiando, addentrandosi nel fascino e nella coscienza delle terre “attraversate”.

Elena Bittante
Go to Top