Il Magazine della tua Città

Tag archive

nino graziano luca

Gran Ballo di Primavera: si apre il sipario a Palazzo Rospigliosi annunciando “Seduzioni & Gusto Festival 2019”

in CULTURA by

Danza, moda e gusto, una triade del piacere. Tre note del made in Italy che suonano all’unisono in una sinfonia armonica nei saloni del Palazzo Rospigliosi. “Seduzioni & Gusto Festival 2019”, la partenza di un grand tour della bellezza che parte dal cuore di Roma per addentrarsi nel Bel Paese: prossima tappa nel borgo di Buonvicino, un gioiello incastonato nelle verdi montagne di Calabria che guarda il blu del suo mare.

Durante la conferenza stampa di ieri 6 aprile, nella sala dei Paesaggi del prestigioso Palazzo Rospigliosi, è stata annunciata la 13.edizione del Festival che si terrà dal 12 al 14 luglio nell’incantevole paese di Buonvicino in provincia di Cosenza, uno tra i borghi più belli d’Italia. Moderatore Nino Graziano Luca, presidente della Compagnia di Danza Storica, presenti il Presidente della Pro Loco Antonella Biondi, il Sindaco di Buonvicino Ciriaco Biondi, il Direttore Artistico di Moda Movie Sante Orrico, l’On. Mauro D’Acri Consigliere Regione Calabria con delega all’Agricoltura e il Presidente dell’Associazione dei Borghi più Belli d’Italia per la regione Calabria Bruno Cortese.

Una proposta vincente che rilancia la grande bellezza di una piccola realtà ricordandoci le potenzialità innate dell’Italia, un intreccio di natura e cultura unico al mondo. L’evento curato dalla Pro Loco Buonvicino è stato ideato per valorizzare il territorio e coniugherà il piacere della buona tavola, la seduzione dell’alta moda e il fascino della danza storica nella piazza principale di Buonvicino, salotto urbano dell’incantevole borgo. La stessa formula magica che ha animato i saloni del Palazzo Rospigliosi: il défilé delle creazioni sposa e haute couture di Massimiliano Giangrossi, incantatore di stile, l’omaggio alla cucina calabra con le delizie dello Chef Giuseppe Garozzo Zannini Quirini, “Il Conte” di Master Chef Italia 4, condite con la sua immancabile spontanea simpatia, e la magia senza tempo della Compagnia Nazionale di Danza Storica che ha aperto il sipario del Gran Ballo di Primavera.

Il Presidente della Compagnia di Danza Storica Nino Graziano Luca e l’attrice Giorgia Ferrero 

Sale da ballo e tavole imbandite con i prodotti dell’eccellenza enogastronomica forniti dai partner di “Seduzione & Gusto Festival 2019”. Quadriglie, valzer, polche e mazurche, passi di danza per celebrare il trattato Cucina Teorico Pratica di Ippolito Cavalcanti duca di Buonvicino. Il luculliano banchetto organizzato e cucinato da “Il Conte” Giuseppe Garozzo Zannini Quirini, è stato ispirato proprio dal celebre trattato, pietra miliare della culinaria italiana datato 1837. Pagine che racchiudono tutto il gusto e la tradizione della buona tavola e del sapere condiviso: le ricette descrivono le diverse classi sociali attraverso gli ingredienti e le preparazioni. Dalle più semplici alle più articolate, tutte con lo stesso comune denominatore, la genuinità dei prodotti di una terra generosa, quella italiana.

Sala dei Paesaggi di Palazzo Rospigliosi

Una splendida festa nella prestigiosa cornice del palazzo capitolino, tra il Salone delle Statue vegliato dalle sculture del Bernini, la Sala del Pergolato ammantata dagli affreschi di Guido Reni e Paul Bril e la Sala dei Paesaggi, un racconto per immagini della campagna romana del ‘600. Una serata animata dai suoi organizzatori, da ospiti illustri dello spettacolo, l’elegante attrice Giorgia Ferrero diretta da Paolo Sorrentino ne “La Grande Bellezza”, e il frizzante attore Luca Avallone protagonista dei film “Le grida del silenzio” di Sasha Alessandra Carlesi nonché parte del cast di “All The Money In The World” di Ridley Scott. Presenti anche il Marchese Ferrajoli e il Principe Guglielmo Marconi Giovanelli, il Direttore Generale dell’Universita’ di Cassino Antonello Capparelli, il Conte Antonio Palazzi e le indossatrici Daria De Vincenzi e Giulia Mascellino. Immancabili e instancabili quasi 100 danzatori che hanno reso possibile questa magica serata tra volteggi e pliè con i loro sontuosi abiti in stile ‘800.

Creazione sposa di Massimiliano Giangrossi, salone delle Statue con le sculture del Bernini

Moda, danza e gusto, mondi che si incontrano e combaciano alla perfezione nell’affinità di una tradizione tutta italiana. La tappa romana è stato il primo appuntamento e lascia nel sogno l’aspettativa di una nuova grande festa in uno scrigno di Calabria tutto da scoprire, oltre gli stereotipi e i preconcetti che attanagliano il suo territorio. La cultura si rilancia con stile, a ritmo di valzer e con gusto, in tutti i sensi.

“The Grand Balls of the 19th Century”: la magia della danza si racconta nella storia, anche in inglese

in CULTURA by

Il fascino incantato dei balli d’altre epoche si vive o si racconta. Dopo cinque ristampe di “Gran Balli dell’800”, arriva la versione tradotta “The Grand Balls of the 19th Century”, un libro da leggere tutto d’un fiato, anche in inglese. Un valzer di parole che ci accompagna nella cultura d’altri tempi: la danza come archetipo di socializzazione, un linguaggio universale che univa la borghesia e l’aristocrazia in una rosa di coreografie e di intese. Capitolo dopo capitolo scopriremo che la storia è stata scritta anche nei saloni da ballo.

Non solo un racconto per entusiasti estimatori o appassionati ballerini, “Gran Balli dell’800” (ediz. Armando Curcio Editore, 2009) racconta uno spaccato della società del XVIII – XIX secolo che può interessare un vasto pubblico. Un meticoloso lavoro di ricerca svolto dal Presidente della Compagnia di Danza StoricaNino Graziano Luca,un’analisi di importanti documenti e manuali storici che ha portato al recupero e alla valorizzazione di cimeli della letteratura europea. Testimonianze che dalla danza riconducono a preziosi dettagli della società, un menabò del ballo che abbraccia un periodo storico dal tardo ‘700 sino al ‘900. Il libro riassume 30 anni di appassionata e approfondita ricerca. Presentato alla Camera dei Deputati e all’Ambasciata d’Austria, è ora disponibile anche la versione in lingua inglese per condividerlo senza confini, una scelta coerente al suo contenuto: la danza è un linguaggio universale.

Nino Graziano Luca, dopo cinque ristampe in italiano il libro “Gran Balli dell’800” arriva anche la versione in inglese “The Grand Balls of the 19th Century”. Da dove nasce questa idea e cosa racconta?

“L’idea di una versione in lingua inglese è nata da un incontro con il professore Alkis Raftis, presidente del consiglio internazionale della danza Unesco. Da grande estimatore del lavoro che ho svolto in questi anni, mi ha spronato a scrivere una versione in inglese perché condivisibile e sempre attuale. “The Grand Balls of the 19th Century” descrive un arco temporale dal tardo ‘700 all’inizio del ‘900 e dei relativi cambiamenti sociali, i quali hanno consentito che il ballo diventasse il “luogo” centrale della vita sociale ottocentesca. Nel libro racconto quali erano le danze richieste per poter partecipare ad un ballo, quali erano le danze che non potevano mancare in un carnet de bal ma anche dell’etichetta, della toiletta e quali erano le nozioni comportamentali e relazionali che dovevano essere osservate e stabilite tra i partecipanti. Il libro è pieno di aneddoti storici ma anche di curiosità sfiziose. Non mancano alcuni spunti tratti dai più celebri romanzi ottocenteschi che animano il racconto oltre alla “didattica” del suo contenuto. Mi piace dire che questo lavoro nasce come un saggio ma è scritto con i toni del romanzo. Il mio desiderio è quello di coinvolgere tutti i lettori attraverso un parlato semplice e proiettarli in un contesto attraente e affascinante, quello della danza sociale e della danza storica. Questa scelta ripropone la stessa “chiave di lettura” di tutte le iniziative che ho organizzato e descritto in questi anni, finalizzate alla promozione della danza storica e della danza sociale.

Aneddoti e curiosità sembrano il modo più interessante per descrivere la storia della danza, anche quella del costume e della società?

“Il libro è ricco di aneddoti molto divertenti che introducono un’attenta analisi legata a come nel sociale ci sia stata l’affermazione della borghesia e la condivisione degli spazi di divertimento tra borghesia e aristocrazia. Questo aspetto emerge chiaramente in un passaggio descritto nel libro che cita “Il modo più acconcio di stare in iscelta società”, scritto nel 1839 da Luigi Bortolotti. Da questo estratto evidenzio come per la prima volta in un manuale, oltre a trovare delle indicazioni su come si danzava, c’erano anche dei suggerimenti su come comportarsi in un ballo.

Ovviamente questo libro era destinato ai borghesi, un vademecum delle “buone maniere” che l’aristocrazia acquisiva nelle proprie dimore grazie agli impeccabili insegnamenti dei precettori. La scelta di citare questo manuale e una serie di altri libri è indispensabile per testimoniare la coesione sociale nei balli. Nel lavoro svolto cerco di descrivere tutti gli avvenimenti che hanno contraddistinto questo mondo di intrattenimento evidenziando come il ballo sia stato anche il luogo d’espressione delle mode dal tardo ‘700 all’inizio del ‘900. La danza era un vero e proprio linguaggio condiviso. Oggi sono i magazine e i social che influenzano il costume, all’epoca era il ballo a consentire la coesione sociale e la condivisione delle mode, a differenza del teatro e della sala dei concerti che mantenevano le differenze sociali. Il documento più antico di vera coesione sociale che ho trovato nella mia lunga ricerca risale al 1805: un ballo a Bologna in cui la coesione nasceva dall’obolo che veniva pagato, il medesimo per gli aristocratici, per i borghesi e per gli ecclesiastici in quanto il ricavato sarebbe stato devoluto in beneficenza. Sono questi gli aneddoti speciali che ricreano il contesto attraverso la realtà dei fatti, un’informazione che non rinuncia alle emozioni e alle sensazioni. Ne è la prova tangibile la citazione che apre il libro: “Un ballo, quale magica parola per i giovani di venti anni, un paradiso in terra ove tutto pare etereo…”. Parole sognanti per introdurre il ballo come poesia ma soprattutto come centro della vita sociale per eccellenza.”

Le fotografie di “ The Grand Balls of the 19th Century” sono tutte attinenti ad eventi e gran balli storici organizzati dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica. La scelta delle immagini è a cura di Nino Graziano Luca e di Armando Curci Editore. Le illustrazioni appartengono alla pinacoteca personale di Armando Curci Editore.

The Grand Balls of the 19th Century”, è disponibile nella piattaforma libri dell’Unesco.

Il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche, alla Pinacoteca del Tesoriere un viaggio nel tempo e nelle emozioni

in CULTURA by

La Compagnia Nazionale di Danza Storica racconta il passato narrando una favola, un susseguirsi ipnotico di volteggi tra nuvole di cipria e abiti principeschi delle sue dame. Il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche organizzato magistralmente da Nino Graziano Luca, ha aperto il sipario sabato 16 febbraio tra i saloni della Pinacoteca del Tesoriere nel cuore di Roma. Un atelier danzante tra i capolavori del Guercino, una grande festa con abiti del ‘700 ma non solo. Il ballo come una girandola nella storia del costume, dall’eleganza composta delle principesse rinascimentali accompagnate da prodi paladini, sino al fascino ardito delle protagoniste del charleston vegliate da lord con bombetta di un nostalgico ‘900. Un viaggio tra le epoche in punta di piedi, a ritmo di musica e all’insegna dell’eleganza innata della danza.

Un carillon appassionato che ha alternato le armonie dei valzer classici come il “Carnival Waltz” di apertura, al motivetto ironico di “The Waltzing Cat” dalle note simili a miagolii: la danza storica è un omaggio all’allegria e il segreto è quello di lasciarsi andare. Lo conferma l’Organizzatore dell’evento, Presidente Direttore artistico della Compagnia Nazionale di Danza Storica Nino Graziano Luca che sottolinea le potenzialità della danza come espressione personale e collante sociale: “Roger Garaudy diceva: “Danzare la vita”. Se superi la fase iniziale dell’imbarazzo, la danza ti consente di essere veramente te stesso. Diventa una parte fondamentale della vita se credi che questa sia fatta di naturalezza. Una sorta di magia che coinvolge tutti, anche chi non è un ballerino provetto può trasmettere gioia. L’idea di ballo deve essere condivisa a vari livelli, danzare ti consente di metterti a contatto con il bello e con l’armonia che ci circonda.” La danza storica dunque non solo fa sognare con abiti da fiaba e viaggiare tra le epoche ma è un’opportunità per far emergere le proprie consapevolezze ed entrare in empatia con gli altri partecipanti, un equilibrio che si riassume nell’armonia dei suoi passi.

Il Gran Ballo di Carnevale nasce come un excursus storico tra le epoche, quale migliore occasione per stimolare l’estro dei suoi partecipanti nell’accurata scelta dell’abito ma soprattutto raccontare in un’unica grande festa gli intenti della Compagnia che da tanti anni si ripropone di seguire un attento lavoro filologico. Come spiega il maestro Nino Graziano Luca: “Per me la danza storica riconduce a tutto ciò che è rintracciabile nei manuali dalla metà del ‘400 in poi. Un lavoro di ricerca che seguo da ormai 30 anni, un percorso documentato nei manuali scritti dai grandi maestri di ballo a partire dal primo Rinascimento. Il primo manuale che è stato rintracciato è il “De arte saltandi et choreas ducendi” di Domenico da Piacenza databile tra il 1445 – 1447. Questo manoscritto è considerato il primo manuale di “danza sociale”. Il mio desiderio è quello di riproporre le danze che sono rintracciabili nei testi, quindi dal ‘400 sino all’inizio del ‘900. La scelta segue un percorso che si attiene agli scritti ma non intende declassare le tantissime danze occitane del periodo antecedente che non sono rintracciabili nei manuali.”

Un ballo come una macchina del tempo, azionata da un repertorio che spazia nei secoli. La Compagnia, dopo un’assidua preparazione dei suoi partecipanti nelle sue scuole presenti in tutta Italia (con sede principale a Roma), ogni mese è solita organizzare degli appuntamenti danzanti ambientati nelle varie epoche senza mai tralasciare una giusta causa, coerente in tutto e per tutto alla definizione di “danza sociale”. Alcune serate rendono protagonisti anche quei ballerini che nella loro vita devono affrontare un quotidiano difficile. Che siano balli ispirati alle favole principesche di Sissi oppure ai saloni con vista sulla Neva della regale San Pietroburgo, la condivisione resta il comune denominatore negli intenti della Compagnia. Come sottolinea Nino Graziano Luca: “Alcuni balli prevedono di coinvolgere anche chi non ha mai ballato, farlo è estremamente semplice, la cosa importante è avere voglia di mettersi in gioco.” Continua il maestro: “Esiste un repertorio storico e filologico ballabile da chiunque, d’altronde la danza sociale aveva questo come obiettivo principale, mirare a creare socializzazione. Oggi io parlo di “socializzazione culturale”, all’epoca era una normale pratica: attraverso la danza riuscivi ad avere contatti”. Alle sue parole appare esaustivo il detto che si bisbigliava nei saloni dell’800: “Tre balli fanno una sposa”. Nell’epoca del 2.0 potrebbe sembrare una forma di conoscenza esuberante, eppure il ballo ripropone una socializzazione più reale della dimensione virtuale alla quale siamo spesso soggiogati.

Il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche, una serata magica all’insegna della cultura che ha coinvolto davvero tutti, anche due splendide stelle nascenti del panorama cinematografico italiano, Miriam Galanti e Katia Greco. Miriam, incantevole in un abito settecentesco blu e oro, ha dichiarato: “Partecipare al Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche è una splendida opportunità, una favola ad occhi aperti. Mi sembra di tornare bambina, voglio lasciarmi trasportare dalla magia di questa location e dai suoi partecipanti, tutti con abiti bellissimi e curati sino ai minimi dettagli. Sono davvero felice di condividere la passione di tante persone che vivono questo mondo con orgoglio e desiderano condividerlo.” Anche Katia è stata attratta dal fascino settecentesco e per la serata ha scelto un bellissimo abito rosa e verde menta: “Voglio farmi travolgere dall’energia della serata e dai suoi protagonisti. Facendo l’attrice mi è capitato di studiare qualche coreografia ma è la mia prima volta in un ballo di danza storica. Un’esperienza davvero unica”.

Il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche è stato un appuntamento con la cultura e la bellezza, un viaggio nel tempo e un gioco entusiasmante che indovina le rievocazioni di un passato che ci appartiene. La danza storica racconta con leggerezza un’intensa ricerca filologica che avvalora quella personale. Chiunque può ballare e lasciarsi andare.

Prossimi appuntamenti

23 febbraio 2019: DANZAINFIERA celebra i trent’anni di attività di Nino Graziano Luca e le Danze Storiche. Presentazione in anteprima della traduzione in inglese del libro di Nino Graziano Luca sui Gran Balli dell’800  “The Grand Balls of the 19th Century”, il quale sarà venduto nella piattaforma libri dell’Unesco. 

Fortezza da Basso, Firenze.

2 marzo 2019: Gran Ballo in Maschera, Distretto militare di Catania.

4 maggio 2019: Gran Ballo dll’800 sul Lago di Como,Teatro Sociale, Como. 

Immagini

“Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche”, Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretta da Nino Graziano Luca.

Sabato 16 febbraio, Pinacoteca del Tesoriere, Roma.

Elena Bittante
× How can I help you?
Go to Top