Il Magazine della tua Città

Tag archive

cultura

Il Centro Studi Roma 3000 si rinnova e cambia sede.

in CULTURA/PROMO/Senza categoria by

Il Centro Studi Socio Economici Roma 3000, delle cui attività abbiamo parlato varie volte, ha cambiato sede, trasferendosi a Roma, in via Isidoro del Lungo n. 71b.

La nuova sede – dotata di impianti wi-fi e di amplificazione – risponde alle sempre crescenti esigenze che negli ultimi anni hanno coinvolto il Centro, impegnato nella realizzazione di corsi per operatori civili in aree di crisi, eventi culturali, tirocini universitari e stage formativi.

Inoltre la sede sarà il luogo attorno al quale ruoteranno tutte le attività connesse alla European Safety Academy ed a questa rivista, European Affairs Magazine, che è edita dallo stesso Centro e è diretta dal suo presidente, il giornalista Alessandro Conte.

La nuova collocazione, che è strutturata secondo moduli varabili in base alle attività da realizzare, consentirà di aprire le porte di Roma3000 alle sue attività formative istituzionali, ma anche ad ulteriori eventi culturali quali workshop, presentazioni di libri e seminari di vario tipo.

La sede, infatti, è stata pensata per realizzare corsi e seminari che ospitino fino a 30 persone, mentre la configurazione “da workshop” prevede la possibilità di ospitare dalle 12 alle 24 persone.

Nella configurazione “studio/coworking“, ci sarà invece la possibilità di suddividere i frequentatori in gruppi, attorno ad un tavolo da 8 ed altri tavoli da 2.

Ma la nuova location consentirà anche di realizzare riunioni ristrette per l’associazione e per i soci, allestendo la sala con postazioni fino a 14 persone.  

Anche l’aspetto tecnologico non è stato trascurato: il Centro, infatti, ha investito nell’acquisto di nuovi apparati audio/video, che consentiranno la proiezione e la ripresa di filmati, permettendo anche il lavoro in teleconferenza attraverso applicazioni VoIp o tramite i social network.

Il calendario di attività che impegneranno la nuova sede è già fitto ed è progressivamente in via di definizione. Verosimilmente il Centro ospiterà la presentazione di un libro già nel mese di giugno, e già diversi esperti del settore, ed anche qualche autorità, hanno assicurato la propria presenza per l’evento formale di inaugurazione dei locali.

L’aria nuova conferita dalla nuova sede, consente di presagire che il Centro affronterà sempre nuove e più importanti sfide, nel mondo della cultura della sicurezza, della geopolitica e delle più attuali tematiche sociali.

 

Rijksmuseum di Amsterdam: i toni freddi dell’autunno olandese si scaldano con le sfumature di Rembrandt, maestro della luce

in CULTURA by

La capitale sull’acqua accoglie anche i viaggiatori in cerca di un grand tour moderno a caccia delle meraviglie dell’arte, non solo trasgressioni. Ad Amsterdam troviamo il Rijksmuseum, uno dei maggiori musei europei. Dopo il suo ultimo restauro terminato nel 2013, ha aperto le sue 80 sale in grande stile: quattro piani per un viaggio nella storia dell’arte olandese, con digressioni asiatiche. Quest’ultima ala espositiva comprende opere provenienti da Cina, Giappone, Indonesia, India, Vietnam e Thailandia, dal 2000 a.C. fino ai giorni nostri. Un incontro di stili che non offuscano le opere del grande artista orgoglio olandese, Rembrandt.

I giardini del Rijksmuseum

 

Il Rijksmuseum, perché è tra i migliori d’Europa

Il Rijksmuseum è tra i più noti di Amsterdam, nonchè uno tra i più rinomati di tutta Europa e del mondo. Una visita obbligata per i pionieri dell’arte ma anche una valida proposta per chi cerca riparo dal freddo o dalla pioggia dell’autunno dei Paesi Bassi. Un incontro inatteso con l’arte che può risvegliare una passione sopita o mai rivelata perché questo museo è molto più di un’esposizione ma una proposta innovativa e interattiva. L’ultimo restauro (dal 2003 al 2013, costato 370 milioni di euro) l’ha reso un percorso cronologico perfetto che si addentra nella creatività olandese della sua storia dell’arte dal Medio Evo fino al XX secolo.

Estate, Jan van Goyen, 1625

 

La sua collezione conta 1 milione di pezzi dei quali circa 8mila sono in mostra. Un’esposizione che vanta numerosi nomi del firmamento artistico mondiale, soprattutto le personalità di spicco del ‘600 olandese, epoca d’oro per la produzione artistica del paese.  A primeggiare sono le opere immortali di Harmenszoon van Rjin Rembrandt.

I sindaci dei drappieri, Rembrandt, 1662

 

Le meraviglie di Rembrandt: tour dedicati e mondo virtuale. Il Rijksmuseum è un museo smart

Passeggiata lungo i canali

 

La produzione olandese del 1600 è un mondo a sè e per capirla e apprezzarla pienamente vale la pena vivere la dimensione cittadina che oggi come allora vive in simbiosi con l’acqua, quella malinconica dei suoi canali e delle nuvole fitte sopra le sue case. Per questa ragione si propone Rijksmuseum come meta del secondo giorno della vostra vacanza ad Amsterdam, quando vi sarete un minimo ambientati con la realtà cittadina. I quadri di Rembrandt sono un’antitesi perfetta al mondo esterno che li accoglie, risplendono nelle loro cornici come una visione salvifica e luminosa. La ricerca della luce vibrante è una costante nelle sue opere e ricorda ai nostri occhi allenati alla meraviglia italiana, i dipinti di Caravaggio. L’artista olandese a differenza del suo “contemporaneo”, la usa con meno esasperazione ricreando delle scene meno drammatiche, incredibilmente calde e coinvolgenti. Si potrebbe passare ore davanti all’opera più famosa del museo: La Ronda di Notte, uno dei capolavori di Rembrandt esposti al Rijksmuseum. Si centellinano gli attimi al suo cospetto e si rivede innumerevoli volte in digitale. La vocazione alla storia dell’arte di questo museo non preclude le eccellenti tecnologie del presente: è possibile scaricare liberamente dal sito 225mila foto in alta risoluzione delle opere della sua collezione. Questo enorme progetto di digitalizzazione condivide l’arte con un linguaggio 2.0 e attira l’attenzione di molti giovani.

Dettaglio di La Ronda di Notte Rembrandt (La Compagnia di Frans Banning Cocq e Willem van Ruytenburch), 1642

 

Per chi desidera visitare direttamente le opere di Rembrandt il Rijksmuseum offre inoltre la possibilità di seguire tour tematici. Il Rembrandt Tour per esempio è un’occasione unica per approfondire la conoscenza della vita del pittore olandese e affacciarsi alla realtà del XVII secolo. E’ possibile partecipare ai tour in inglese tutti i giorni dalle 15 alle 16, mentre per la visita guidata in italiano serve effettuare una prenotazione apposita. Se siete interessanti a scoprire le opere maggiori, il museo organizza due tour al giorno. Anche in questo caso si consiglia la prenotazione.

Immagine copertina:  La Ronda di Notte Rembrandt (La Compagnia di Frans Banning Cocq e Willem van Ruytenburch), 1642.

Photo credits: Elena Bittante

 

Elena Bittante
Go to Top