Il Magazine della tua Città

Category archive

CULTURA - page 23

La cultura italiana in tutte le sue forme dalla letteratura al cinema, dalla scultura al teatro

IV° Maratona corti cinematografici al Teatro lo Spazio

CULTURA by

Al teatro lo spazio il prossimo 11 luglio 2018 si terrà la rassegna di corti cinematografici a cura di Pietro De Silva, nel corso della lunga serata verranno presentati  cortometraggi sia di promettenti giovani registi,che di navigati filmakers.

La kermesse accoglie e presenta i migliori cortometraggi degli ultimi cinque anni. Non è facile di questi tempi trovare dei giovani autori che sappiano esprimersi in maniera così precisa e diretta. Ciò che verrà presentato è l’elaborazione di un ragionamento ponderato esaltato della scelta artistica di raccontare determinate storie piene di riflessioni, valori, maturità e consapevolezza.

Pertanto una selezione accuratissima le migliori cortometraggi attualmente in circolazione. Eccoci così di fronte a temi quali l’amore, l’amicizia, la corruzione, la giustizia. Fra i vari scopi dell’iniziativa c’è anche quello di  sensibilizzare il pubblico  ,sul tema della multiculturalità come fonte positiva di conoscenza e di crescita sociale, contro l’insofferenza verso la diversità etnica, culturale e religiosa.

Saranno presenti in sala gli autori dei corti e i rispettivi cast che presenteranno volta per volta prima delle proiezioni.

 PENALTY

Un film di Aldo Iuliano

Un gruppo di ragazzi gioca una partita di calcio diversa dalle altre. In palio molto più di una semplice vittoria.

 PER MARIA

“L’arte dell’arrangiarsi è un talento che molti hanno affinato per sopravvivere, spesso sfruttando le debolezze e l’ignoranza di altri. È quello che cerca di fare Enzo, uno dei protagonisti, che alla fine sarà l’artefice di un’attività a tutti gli effetti. “Per Maria” è una commedia dell’equivoco, che si propone di raccontare la sottile linea che divide la fede dalla superstizione, da cui l’Italia sembra così affascinata.

Regia di Francesco Gabbrielli con Paola Sambo, Daniel De Rossi,Ciro Buono, Adriano Digiammanco, Cinzia Scaglione, Eric Bedini, Matteo Micheli,Gianclaudio Caretta, Alexandra Mogos, Daniela Amato, Marica Pace, Simone Salvucci, Fabio Sperandio ,Martina Tonarelli.

 QUESTO E’ LAVORO

regia di Federico Caponera con Pietro De Silva e Martina Querini

Aiuto Regia Roberto Tommolino

Diretto da Federico Caponera, firmato da Save the Cut e prodotto dal Consorzio Parsifal racconta la trasformazione di un uomo d’affari alle prese con la figlia e una cooperativa di disabili

Un uomo deve sbrigare un affare proprio nel weekend che avrebbe dovuto trascorrere con sua figlia. La porta con sé. Il viaggio ridesta tutte le loro distanze ma alla fine riesce a ricomporre il rapporto tra i due. Anche grazie all’incontro con le persone di una cooperativa sociale, che senza troppe parole riescono a trasmettere i propri valori anche a chi vorrebbe mandarli via. Un viaggio fisico in tre regioni italiane, ma anche un viaggio nei rapporti complicati tra un padre e una figlia.

CAMBIO DESTINAZIONE D’USO

dedicato al mondo del lavoro 2.0, quello in cui bastano due parole come “ristrutturazione” e “brand” a tracciare il solco della chiusura di una attività. Regia di Edoardo Siravo e Massimo Reale

 QUANDO MENO TE LO ASPETTI

Regia Monzio Compagnoni

con Luciana Frazzetto, Francesca Milani, Massimo Milazzo, Claudio Scaramuzzino, Stefano Scaramuzzino, Erica Zambelli

In un mondo continuamente proiettato nelle “relazioni virtuali”, un appuntamento andato male a causa di una serie di sfortunate coincidenze viene raddrizzato dal destino. Perché tutto accade… quando meno te lo aspetti…!

 CON GLI OCCHI CHIUSI

Roma. Una breve passeggiata tra un padre e sua figlia tra i

vicoli romani. Una lunga camminata di dieci minuti: risate, confidenze,

complicità, un segreto….

Con Paolo Triestino e Maria Giulia Scarcella

Director Saverio Deodato

Musiche Francesco Verdinelli

 

TEMPISMO

20 luglio 1944, bassa Germania. Un giovane tenente colonnello, Frodemund Werner, detto “L’invincibile”, riceve una comunicazione urgente da parte del quartier generale di zona, firmata da una sua vecchia conoscenza. Per prepararsi all’incontro il giovane si confida e confronta con il tenente Gerolf Vogel, fedele amico e subalterno. Insieme si recheranno al comando, ma solo Werner potrà entrare nella stanza per partecipare all’incontro con il generale Hans Schneider. Affronterà così la sconcertante notizia della morte del Fuhrer, le bramosie di potere di tre alti ufficiali e l’ultima sfida contro sè stesso e il suo coraggio.

 QUANDO I PESCI CANTAVANO

Regia di Giuseppe Schifani, Con Piero Nicosia

Il piccolo Gaetano va in Sicilia a trovare il nonno che lo affascina con la sua vita di pescatore e con le sue fiabe. I racconti, radicati nella tradizione siciliana, nel film si trasformano nelle immagini fantastiche di cartoni animati. Gaetano tornerà in Sicilia richiamato da quelle leggende.

*********

 SCIAMU 

di Valerio Manisi

Manisi con il giovane e talentuoso operatore e regista di video musicali Redi Hoxha, il cortometraggio “Sciamu” racconta la storia di un operaio angosciato e di un figlio intrepido e ricco di fiducia. La storia vuole rappresentare la vita e la speranza della comunità jonica, massacrata e schiacciata, da anni e anni per sola volontà politica, dalla massiccia e inquinante repressione industriale che conduce Taranto, e la sua provincia, ad essere una delle città con il più alto tasso di mortalità d’Europa. Ma una speranza, in Sciamu, potrebbe ancora esserci

Teatro Lo Spzio

Via Locri,42

Roma

Biglietto 5 euro + tessera associativa semestrale 3 euro

Per info e prenotazioni

 0677076486  0677204149

info@teatrolospazio.it

“Trasmutazioni” Gabriele Marconi in mostra con le sue sculture

CULTURA by

Il 1° luglio, dalle ore 19.00, presso la galleria Evasioni Art Studio (via de’ Delfini 23 – piazza Margana), l’artista ultra-pop neosimbolico Elio Varuna presenterà “TRASMUTAZIONI”, di Gabriele Marconi, prima esposizione di SCULTURE-OGGETTI DI DESIGN, create con elementi naturali e industriali, che dialogheranno con le opere delle note artiste Kristina Milakovic e Giulia Spernazza.

Qual è l’ispirazione che porta lo scrittore di saghe di successo come quella delle “Stelle Danzanti” (della quale sta preparando il terzo e ultimo capitolo) a “trasmutare” elementi della natura in oggetti d’arte e di design?

«La trasmutazione – spiega Marconi – è il più alto approdo della ricerca alchemica. Raggiungere quel traguardo significa percorrere una strada lunga e difficile, nella quale l’adepto si trova di fronte a prove e sfide che necessitano di capacità, arti e volontà. Capacità che vanno al di là di quelle note e che spesso esulano (apparentemente) dalle virtù proprie dell’operatore. Lo stesso, in un certo senso, vale per la scrittura, dove l’autore è sub-creatore (per dirla con J.R.R. Tolkien) e, nel mondo che crea, assiste a “miracoli” che spesso sorprendono lui stesso, andando al di là delle sue stesse intenzioni».

L’elemento naturale, in TRASMUTAZIONI, assume nuove forme e testimonia il percorso dell’Artifex, capace di legare materiali industriali e di design come il plexiglas a una foglia seccata dal sole o un legno portato dal mare, creando un manufatto evocativo e nuovo. Pezzi unici che nascono da una visione, dalla ricerca e dal lavoro artigianale. Proprio come la materia che si trasforma – sempre – riflettendo l’evoluzione dello spirito umano.

Seconda edizione del Premio “Norma Cossetto – 10

CULTURA by

Il premio “Norma Cossetto – 10 Febbraio”, fortemente voluto dal Comitato 10 Febbraio – associazione di promozione sociale che da oltre dieci anni si occupa delle celebrazioni della ricorrenza del Giorno del Ricordo e di divulgazione della storia dell’italianità nell’Adriatico orientale-, giunge alla seconda edizione. La prima ha visto la consegna del premio, lunedì 21 dicembre 2015 presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, a Simone Cristicchi e Jan Bernas, a riconoscimento della meritoria opera divulgativa svolta attraverso lo spettacolo teatrale “Magazzino 18” che tratta proprio del dramma dell’esodo istriano, giuliano e dalmata. Sia l’artista romano che il ricercatore storico e giornalista sono intervenuti alla cerimonia.

Quest’anno la decisione unanime dell’Associazione è stata quella di insignire del premio l’avv. Lucio De Priamo, il quale ha svolto un’opera fondamentale nella divulgazione della storia del Confine orientale attraverso la diffusione di filmati censurati della settimana Incom del 1945, in cui vi sono le riprese dei recuperi di salme nelle foibe del Carso triestino. Si tratta di filmati che oggi gli italiani conoscono, ma senza i quali sarebbe mancato un tassello testimoniale fondamentale per il ricordo di queste pagine di storia patria.

Continue reading “Seconda edizione del Premio “Norma Cossetto – 10” »

Scrivere un libro? Ti cambia la vita

CULTURA by

Ecco le storie di chi, attraverso la pubblicazione di un proprio libro, ha trovato inaspettate svolte nella propria vita personale e professionale.

Nel 2017 si sono contati oltre 30.000 titoli di libri prodotti in Self Publishing: oltre il 45% di tutti quelli pubblicati. Numeri importanti che hanno contributo a far crescere il settore del libro più del 5% rispetto all’anno precedente.

Ma se fino a ieri il libro autoprodotto su piattaforme come Amazon rappresentava poco più di un hobby, oggi aumentano sempre di più i professionisti e le aziende che si affacciano al mondo del Self Publishing e ne traggono sorprendenti vantaggi.

Giacomo Bruno, della Bruno Editore, è noto come il “papà degli ebook” per aver portato per primo gli ebook in Italia nel 2002 e oggi, con la sua casa editrice, ha pubblicato oltre 600 libri digitali. Negli ultimi 18 mesi, il 100% di libri pubblicati da Bruno (80 titoli) sono diventati bestseller n.1 su Amazon. Non semplici bestseller di categoria, ma n.1 assoluti di Amazon Italia.

“Il libro su Amazon” –  ha detto Bruno, che è un pioniere in questo campo, – “non è più un hobby, ma per molti una vera e propria professione. Proprio per questo organizziamo convegni e corsi per aiutare chi vuole scrivere un libro e pubblicarlo su Amazon a farlo nel modo migliore. I risultati per i partecipanti ai corsi sono stati sorprendenti: per molti hanno rappresentato dei veri e propri punti di svolta nella propria vita.”

Come è successo a Rubina Guacci, che lavorava in un call center ma aveva perso il lavoro quando era rimasta incinta. Per un paio d’anni si era dedicata interamente al “mestiere” di mamma. Una sera, poco dopo aver parlato con un’amica che s’interessava di automiglioramento personale, ha guardato un docufilm, “Il segreto”, ed è rimasta folgorata da una frase: “Perché non immagini oggi la vita che vorresti, come se la vivessi già?”.

Da quel momento, la curiosità e la voglia di rimettersi in gioco l’hanno aiutata a superare quel periodo difficile, complicato dalla morte del padre. È proprio allora che ha ricevuto una email con l’invito a partecipare al corso di Self Publishing della Bruno Editore, “Numero 1”. E visto che aveva già l’idea di scrivere un libro, ma non l’aveva mai presa seriamente in considerazione, non sapendo da dove cominciare, ha deciso di iscriversi al corso. Per lei sono stati tre giorni entusiasmanti, pieni di spunti per organizzare le idee. Ed è stato tanto efficace, e tante le cose che Rubina aveva da dire, che è riuscita a partorire il suo libro in sole 14 notti (di giorno si occupava sempre della bambina).

In pochi giorni il libro è diventato un best seller su Amazon: in sole 24 ore è stato scaricato 2.200 volte.

Grazie al libro la sua vita è cambiata: da mamma a tempo pieno, ha scoperto la vocazione all’automiglioramento e, sulla spinta del successo del suo libro, è diventata life-coach fino diventare direttrice didattica di una Accademia di Coaching. Ora sta preparando un secondo libro, sempre sul tema dell’automiglioramento.

 

La storia di Carlo Carmine è simile a quella di Rubina, anche se lui partiva da presupposti molto diversi.

Carlo, dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale, da vent’anni si occupava di trust. Laureato giovanissimo, a 25 anni aveva aperto uno studio. Nel 2009 fondava la sua“MPO Trustee Spa”, una delle uniche due Spa in Italia che fanno trust. Tutto perfetto, in apparenza. Il problema è che fino a quel momento agiva da imprenditore, ma aveva ancora una visione della propria identità come quella di un libero professionista. Finché non ha incontrato un socio che si occupava di ricorsi Equitalia e fisco in generale e ha cominciato a lavorarci per un’attività di ricorsi al fisco e difesa patrimoniale.

A quel punto la sua compagna lo invita a partecipare al corso della Bruno Editori. Non pensa a un libro, ma essendo un curioso, partecipa. E anche lui, come Rubina Guacci, viene folgorato: nel suo caso, la scintilla è la nuova consapevolezza di come questo possa diventare uno strumento moderno per il personal branding digitale. Scrive “Liberati da Equitalia”, approfondisce i temi di web marketing e, grazie all’enorme successo che ha il suo libro sul mercato, sente cambiata anche la sua identità professionale: inizia finalmente a “concepirsi” come vero e proprio imprenditore.

Grazie ai contatti ottenuti dalla diffusione del libro, mette in campo una rete di consulenti “difensori patrimoniali” che vendono il suo servizio in tutta Italia: nel giro di un anno i collaboratori della sua compagnia, da 13 che erano, diventano 31 e mette insieme una squadra di 60 consulenti e una rete di 100 avvocati domiciliatari. È così che da professionista si trasforma in un imprenditore vero e passa da un fatturato di 500mila euro nel 2017 all’impennata del 2018, che chiuderà il bilancio tra i 4 e i 5 milioni di euro. Tutto questo anche e soprattutto grazie al libro che ha rappresentato una scintilla, un primo passo che ha migliorato drasticamente la percezione di se stesso e dei clienti verso di lui e la sua azienda.

In poche parole, scrivere un libro ha potuto cambiare la vita sia a una mamma desiderosa di ritrovare una via di gratificazione personale, sia a un professionista che ha trovato nella Bruno Editore lo strumento ideale per un sorprendente miglioramento professionale.

2 giugno 2018, 72° anniversario della fondazione dela Repubblica Italiana

CULTURA by

Grande affluenza di pubblico per l’annuale parata del 2 Giugno, commemorativa del  72° annivversario  della fondazione della Repubblica che si è svolta come di consueto alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e delle più alte cariche dello stato,  il premier Giuseppe Conte il presidente della camera Roberto Fico e il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Una tribuna d’onore che ha ospitato i rappresentantoi del governo uscente ma ancora più attesi quelli del Governo insediatosi solo ieri pomeriggio dopo tre mesi di consultazioni.

La sfilata si è aperta con gli onori resi all’altare della Patria e con la rassegna dei reparti in attesa di sfilare da parte del Presidente Mattarella.

Per la parata ha sfilato una rappresentanza di reparti delle forze armate, di esercito, marina, aeronautica, carabinieri, guardia di finanza ma anche rappresentanti del servizio civile della croce rossa e della protezione civile.

In testa le bandiere dei reparti ormai sciolti che però hanno una grande importanza per tantissimi italiani che presso quei reparti hanno reso il loro servizio alla patria in tempo di guerra e in tempo di pace.

Dopo la rappresentanza delle associazioni d’arma e la compagnia di Assorarma che raggruppa i veterani, ufficiali in congedo di tutte le età in rappresentanza di chi ha prestato servizio in qualità di ufficiale nelle armi di Esercito, Marina, aeronautica e Carabinieri.

Hanno sfilato anche i campioni del gruppo Paraolimpico delle Forze Armate applaudito intensamente dal pubblico e dalle autorità in tribuna, questi campioni hanno raccolto successi in varie specialità in tante competizioni internazionali e riconoscimenti di valore sportivo di grande importanza.

Una attività quella del GSPFA che ha permesso a tanti militari di riprendere le sfide della vita dopo drammatici avvenimenti, un impegno che coinvolge sia  gli atleti militari che le loro famiglie in un unicum importante anche per la società.

Un ora e mezzo di impegno per i reparti e il pubblico per festeggiare la festa della repubblica che si spera resti un appuntamento in futuro visto che rappresenta quella festa di unità e patriottismo per tanti cittadini.

Photo Credits: Domenico Cippitelli

506 9899
Author: Domenico CIPPITELLIAperture: 6.3Camera: NIKON D500Iso: 200Copyright: (c) D.CIPPITELLIOrientation: 1
« 1 di 205 »

Dogman, il canaro di Garrone più gentile della realtà

CULTURA by

Il premio per il miglior attore vinto al festival di Cannes e stato sicuramente meritato

La figura del “Canaro”,come era chiamato a Roma il protagonista della triste vicenda che si è svolta nella periferia romana negli anni 80, e sicuramente molto aderente alla realtà.

Molti dei testimoni dell’epoca sentiti di nuovo in questi giorni ricordano molto bene quell’uomo gentile e amorevole per i piccoli e grandi amici dell’uomo.

Lo conoscevano tutti nei quartieri vicino e lo stimavano, non conoscendo tutti i sui segreti che emersero solo dopo, lo spaccio e i piccoli furti.

Il film di Garrone ripercorre la genesi di quella vicenda trasponendola in una tempo più vicino al nostro e in un luogo irriconoscibile ma ben ambientato in quella che poteva essere la periferia di allora è purtroppo molte delle periferie di oggi.

Pur non avendo reso troppo crudo il racconto di una realtà che invece lo fu, il pugile fu torturato e seviziato per giorni prima di essere ucciso, il regista e riuscito a inquadrare una linea di confine tra il mondo di sopra è quello di sotto, una linea di affetti questa volta piuttosto che di corruzione.

Un film realizzato molto bene e interessante da vedere.

Puglia e Basilicata accolgono il progetto “Planet Aia 2018 – prevenzione e FairPlay “

CULTURA by

Giornate molto intense per i rappresentanti dell’associazione Plante Onlus in questi giorni in Puglia e Basilicata per promuovere il progetto “prevenzione e FairPlay” che prevede di promuovere la prevenzione cardiologica donando dei defibrillatore DAE alle scuole

L’associazione PLANET Onlus e stata costituita alla fine dell’anno 2003 su iniziativa di tre professionisti da sempre impegnati in attività culturali e sociali e che si sono posti come obiettivo primario quello di rivalutare le zone più disagiate con la diffusione dell’arte, della cultura e dello sport promuovendo nel contempo anche delle iniziative benefiche a favore di Enti e Associazioni seriamente impegnate a migliorare le condizioni di salute e di vita delle persone sofferenti.

PLANET Onlus è un’associazione formata da Volontari che non ha alcun fine o interesse politico e si occupa esclusivamente di coinvolgere una vastissima gamma di persone organizzando mostre, corsi, spettacoli, convegni, dibattiti, viaggi in modo da raggiungere le finalità previste dallo Statuto.

In Puglia a Bari sono stati donati ad alcune scuole di Altamura e di Bari i defibrillatori e consegnato ai tantissimi operatori scolastici ed agli Arbitri gli attestati per la formazione all’uso del fondamentale apparecchio sanitario.

Per questa attività l’associazione ringrazia in una nota il presidente del C.R.A. Puglia, Giacomo Sassanelli, ed al presidente della LND Puglia nonché presidente nazionale del Settore Giovanile e Scolastico, Vito Tisci, e tutti i dirigenti scolastici, studenti e docenti delle scuole che hanno contribuito all’organizzazione della manifestazione.

ed infine all’assessore allo sport del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli!

Planet ha fatto tappa anche in Basilicata dove sono stati donati i defibrillatori e consegnato agli operatori scolastici gli attestati di formazione all’uso del DAE.

Molto interesse ha destato nella popolazione scolastica il messaggio sulla prevenzione cardiologica che Planet Onlus sta portando avanti in tutta Italia i cui dirigenti, con in testa la presidente Luisella Di Curzio ed il fondatore Francesco Figliomeni, che hanno risposto alle tante domande e curiosità di genitori e docenti.

La seconda parte del progetto, che invece riguarda il Fair Play ossia il rispetto per gli avversari e la figura arbitrale soprattutto nel mondo del calcio, ha coinvolto il C.R.A. (Comitato Regionale Arbitrale) della Basilicata rappresentato da Mario Loffredo, ha coinvolto studenti e genitori sulla necessità di attivarsi per evitare gli episodi di violenza e minacce che sempre più spesso si verificano sugli spalti e sui campi di calcio, specie quelli del settore giovanile e dilettantistico.

Teatro Lo Spazio, sono partita di sera

CULTURA by

“Sono partita di sera” è una storia “lieve, lieve” come l’anima della donna che la racconta.

Una storia su una Roma che non c’è più. Non c’è più come la voce della più grande artista romana di tutti i tempi: Gabriella Ferri. La donna sul palco si racconta ed ha una voce splendida e potente e le canzoni saranno sì quelle di Gabriella, ma non a caso si è scelto di NON richiamare l’attenzione con il nome della grande artista testaccina nel titolo. Il nome dell’Artista vuole essere onorato, non “usato”.

Continue reading “Teatro Lo Spazio, sono partita di sera” »

Il Selfie prima del selfie, a 55 anni le cabine per fototessera cambiano vita

CULTURA by

Le cabine per fototessera, pezzi di storia del nostro Paese che dagli anni ’60 fotografano le facce degli italiani e sono ormai parte integrante della nostra geografia urbana, diventano punti di stampa universale. E danno il via a una vera e propria rivoluzione tecnologica calata nel quotidiano che coinvolgerà tutti.

Dedem Spa, l’azienda che produce ad Ariccia e gestisce le cabine per fototessera di tutta Italia scattando ogni anno oltre 10 milioni di foto, lancia ImpressMe. Una rivoluzionaria app che da questo mese renderà possibile stampare con un semplice click tutte le foto salvate su tablet e telefonini in qualsiasi cabina per fototessera: un modo per trattenere i nostri ricordi, materializzandoli ovunque ci troviamo.

«Oggi — spiega Riccardo Rizzi, Presidente del Gruppo Dedem— si fanno centinaia di fotografie in più rispetto alle canoniche 30 dei vecchi rullini, anche se la maggior parte, se non tutte, rimangono sul cellulare o sul tablet. Per questo abbiamo pensato che fosse un’esigenza e un piacere avere la possibilità di svilupparle in formato cartaceo, in modo semplicissimo. Da qui è nata ImpressMe». Un software del tutto innovativo che in qualche modo strizza l’occhio al passato e in un mondo sempre più digitale offre un tributo alla carta, una app che avrà un impatto forte sulle nostre abitudini quotidiane, un modo per tornare a rendere fisico l’immateriale delle centinaia di foto che scattiamo con gli smartphone.

Per festeggiare ImpressMe, Dedem Spa organizza – giovedì 17 maggio dalle ore 15 all’Ara Pacis di Roma– una giornata di studidedicata al “selfie prima del selfie”, un convegno dal titolo “La fototessera. L’automatismo fotografico prima del selfie”, un omaggio corale alla storia della cabina per fototessera, ma anche all’istinto ad autoritrarsi che, già un secolo prima del selfie-boom, aveva trovato, in quella scatola magica separata dal mondo esterno soltanto da una tendina, uno stimolo all’evasione e alla sperimentazione.

Un programma ricco di interventi di studiosi e specialistiche raccontano come sia iniziata e si sia poi evoluta la storia della cabina per fototessera, dai primi esempi di valorizzazione dell’automatismo fotografico ottocentesco fino al brevetto della photomaton. A dare testimonianza della fototessera come fenomeno estetico e di costume, e della cabina come spazio privato immerso nello spazio pubblico, la presenza del Maestro Franco Vaccari, l’artista che con la sua Esposizione in tempo reale, presentata nel ’72 alla biennale di Venezia, affascinò tutti con un’opera d’arte interattiva, in cui i protagonisti erano la cabina, le sue fototessere e il catalogo degli oltre 5000 volti chiamati a lasciare una traccia fotografica del loro passaggio.

Nel corso del pomeriggio, il Centro Romano di Fotografia e Cinemapresenta il progetto didatticosu selfie e fototessere: «Dedem  – spiega la direttrice Carla Magrelli– ha posizionato una delle sue cabine per fototessera all’interno del Centro Romano di Fotografia….gli studenti hanno creato immagini, selfie, realizzato vere e proprie opere d’arte, documentato il tutto con un video. Per due mesi il gioco è stato inarrestabile, dagli studenti ai professori, ai visitatori: nessuno ha potuto resistere al fascino del “selfie prima del selfie”».

L’attore e regista Paolo Ruffini, anche lui sedotto dal carisma della cabina, conclude il pomeriggio con un monologo su selfie e fototessere. «Ho sempre pensato che quella cabina fosse una sorta di scatola magica. E questo ultimo stratagemma è in effetti una magia vera e propria: sputare fuori i nostri ricordi per riconsegnarceli materializzati. Adesso di foto ne auto-scattiamo milioni ma quel flusso isterico di frammenti digitali che inondano le nostre gallerie sul telefono, senza un album che li conservi con un senso, senza una parete che li faccia rivivere ogni giorno… va a finire nel dimenticatoio. E invece eccolo che stampato, il flash di quel momento, ci tiene compagnia in tutt’altro modo!».

Sulla scia creativa del maestro Vaccari, quello stesso giorno dalle 19.30, presso Daforma Gallery, a Roma, in via dei Cappellari 38, iParasite 2.0presentano in anteprima la “cabina d’autore”. Questo giovane, pluripremiato collettivo di architetti, con alle spalle due Biennali di architettura e molte mostre all’estero, svela il progetto di trasfigurazione del tradizionale e ormai iconico photo booth in un oggetto totemico di culto dall’identità rinnovata, che non tradisce le sue forme originali ma le mantiene in una veste surreale e fortemente contemporanea. I Parasite 2.0 hanno ideato una sinuosa crisalide in metacrilato fumé in grado di ripensare geometria e presenza del macchinario, proiettandolo in un immaginario futuristico e al contempo ancestrale.Un primo passo verso una nuova generazione di “cabine d’autore”, che saranno destinate a musei e festival di musica e arte contemporanea, nonché diffuse in punti strategici delle principali città d’Italia.

 

 

C’era una volta il giocattolo

CULTURA by

A Roma chiude Il Birillo. Un negozio come di quelli di una volta, il negozio di giocattoli, come quelli con cui si giocava una volta, dove i ragazzi delle generazioni a cavallo di due millenni si sono alternati per comprare quei fantastici compagni di viaggio con cui hanno sognato, costruito castelli, inventato storie. I giocattoli. Chiude non perché oggi si giochi online, tutti connessi, ognuno a casa propria. Chiude perché il titolare ci ha lasciati, portando avanti fino all’ultimo soffio di vita la sua impresa di mantenere vivi i giocattoli.

Continue reading “C’era una volta il giocattolo” »

Cinzia Tocci
Go to Top
× How can I help you?