Il Magazine della tua Città

Author

admin - page 37

admin has 427 articles published.

Un Caffè in Municipio, intervista Emiliano Corsi

in Settembre 2018/Un Caffè in Municipio by

In questa Puntata ospite Emiliano Corsi, Capogruppo della Lega nel 5° Municipio, membro del Direttivo Regionale, che ci ha illustrato alcuni problemi del territorio, tra i quali l’abusivismo degli ambulanti, il degrado ambientale e i problemi legati alla manutenzione del verde. Non solo problemi ma anche eccellenze nel municipio dove grazie all’opera di una associazione sono stati attivati tanti defibrillatori.Buon Ascolto

Continue reading “Un Caffè in Municipio, intervista Emiliano Corsi” »

Ponzano Romano, arrestato il sindaco per corruzione

in CRONACA by

Carabinieri sequestrano beni per 750.000 euro

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per corruzione, che dispone l’arresto del sindaco di Ponzano Romano, comune a nord di Roma.

Oltre al sindaco arrestato, ci sono anche due indagati in stato di libertà, all’epoca dei fatti pubblici ufficiali. Tutti hanno ricevuto utilità da Sergio Scarpellini, l’immobiliarista romano già arrestato dai Carabinieri per corruzione il 16 dicembre 2016 assieme all’allora dirigente del comune di Roma Capitale Raffaele Marra.

Il Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura, ha inoltre disposto a carico dei tre indagati, il sequestro di beni  per circa 750.000 Euro, ritenuti profitto delle tangenti ricevute.

Garbatella, bloccato giro di spaccio

in CRONACA by

Garbatella. Spacciavano droga dal bancone di un negozio di sigarette elettroniche. Arrestati dalla Polizia di Stato i 2 titolari ed un pusher grossista. Tra i clienti anche dei minorenni.

Un uomo ed una donna, sospettati di non vendere solo le ricariche per le sigarette elettroniche, ed entrambi già sottoposti all’obbligo di firma per reati inerenti gli stupefacenti, erano tenuti sotto controllo dalla Polizia di Stato ed in particolare dagli investigatori del commissariato Celio, diretto da Stefania D’Andrea.

Durante un appostamento pomeridiano, i poliziotti, hanno visto entrare 3 adolescenti, 2 dei quali minorenni, che acquistavano furtivamente un pacchetto. Gli agenti, subito dietro l’angolo, hanno fermato il terzetto scoprendo che il pacchetto era un involucro di cellophane con circa 6 grammi di marijuana da loro pagato 20 euro.

Immediato è scattato il blitz nel negozio dove erano presenti i gestori: D.L.B. 39enne romano e  B.K. , 32 anni, anche lei romana. Dietro al bancone è stato rinvenuto un sacchetto con circa 340 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione; mentre, nelle tasche della ragazza, è stata trovata circa 2 grammi di eroina ed un flacone di metadone prescritto ad una terza persona.

Mentre erano in corso le perquisizioni, un 39enne originario della Tanzania, si è avvicinato al negozio salutando il titolare. Quando ha capito che le altre persone  erano poliziotti, ha provato velocemente a cambiare direzione. Il movimento non è sfuggito agli agenti che lo hanno bloccato e perquisito; in un borsello K.A.C, queste le iniziali del tanzaniano, sprovvisto di alcun documento e con alle spalle numerosi precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti, portava   35 grammi di eroina e più di 700 euro in contanti.

I 2 titolari del negozio ed il tanzaniano sono stati tutti arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, per i romani con l’aggravante di aver venduto la marijuana ai minorenni.

Cooperazione giudiziaria: Bonafede incontra il suo omologo rumeno Toader

in POLITICA by

“Sono felice di accoglierla qui a Roma, con la sua delegazione, per continuare insieme la riflessione che abbiamo avviato in occasione del nostro primo incontro a Innsbruck”. Così, il guardasigilli Alfonso Bonafede ha accolto il ministro della Giustizia della Romania Tudorel Toader, in visita questo pomeriggio al dicastero di via Arenula accompagnato dal sottosegretario Marieta Safta, dall’ambasciatore George Gabriel Bologan, dal ministro plenipotenziario Dan Eugen Pineta e dal consigliere Beatrice Birau.

In un clima di rinnovata collaborazione, l’incontro si è svolto con l’obiettivo di intensificare la sinergia e lo scambio di esperienze tra i due paesi. Nel momento in cui la Romania si appresta ad esercitare la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, prevista dal 1 gennaio al 1 giugno 2019, il ministro Bonafede ha manifestato la massima disponibilità ad offrire il contributo del Ministero della Giustizia.

Nel definirsi alleati importanti, i due ministri hanno ribadito il reciproco impegno verso una maggiore fluidità nelle procedure di trasferimento dei detenuti, tema da tempo nell’agenda della politica del nostro paese e in linea con il principio, riconosciuto a livello internazionale, di facilitare l’esecuzione della pena nel paese d’origine per favorire il reinserimento sociale del condannato.

Al centro del cordiale colloquio, grande rilevanza anche alla tutela dei minori, alla costituzione dell’Ufficio del Procuratore Europeo e all’ampliamento delle competenze di EPPO ai crimini di terrorismo, quale efficace risposta giudiziaria transnazionale alla crescente minaccia, e alla ricostituzione della figura del magistrato di collegamento.

Altro punto di confronto, in conclusione, l’adozione degli strumenti normativi proposti dalla Commissione sull’e-evidence rispetto ai quali si auspica la messa a punto di un meccanismo giudiziario della prova elettronica il più possibile agile e spedito.

Campidoglio, 22 e 23 settembre Roma partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio 2018

in CULTURA by

Nei Musei Civici e nei siti archeologici e artistici del territorio visite e incontri gratuiti per tutto il weekend

Sabato 22 e domenica 23 settembre Roma Capitale aderisce  all’edizione 2018 delle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) con una serie di incontri e visite guidate gratuite nei Musei Civici e nei siti archeologici e artistici del territorio promosse Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

La manifestazione – promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione europea e organizzata dal Ministero per i beni e le attività culturali – si svolge con successo dal 1991 in tutti i Paesi Europei allo scopo di far conoscere ai cittadini europei il loro patrimonio culturale  come elemento di unione e di differenza, strumento di scoperta e comprensione reciproca, e di incoraggiare alla partecipazione attiva per la salvaguardia e la trasmissione alle nuove generazioni. Per il programma completo www.beniculturali.it

Il programma nella Capitale prevede, dalle ore 10.00 di sabato 22 alla sera di domenica 23 settembre, un’offerta ampia di incontri e visite guidate ispirate al tema scelto per questa edizione “l’arte di condividere”.

Le iniziative si svolgono nei Musei Civici e in alcuni siti archeologici e artistici del territorio, anche con l’apertura di luoghi non sempre aperti al pubblico. Dalle visite a grandi monumenti come l’Ara Pacis e i Mercati di Traiano a luoghi meno conosciuti, come la Casina del Cardinal Bessarione, che custodiscono un patrimonio ricco di archeologia, arte e natura.

Ad accogliere il pubblico sono curatori archeologi e storici dell’arte, con il supporto, in alcuni casi, dei volontari del Servizio Civile Nazionale, impegnati nei progetti della Sovrintendenza.

Le iniziative previste sono ideate come occasioni di incontro e condivisione, con una particolare attenzione, in alcune proposte inclusive, all’integrazione e al superamento del divario sensoriale e culturale.

Le visite sono gratuite con pagamento, ove previsto, del biglietto di ingresso al museo o al sito secondo tariffazione vigente.

Entrata completamente gratuita per i possessori della MIC Card, la carta acquistando la quale, al prezzo di 5 euro, chi vive e studia a Roma può accedere illimitatamente per 12 mesi nei Musei in Comune e nei siti storico artistici e archeologici della Sovrintendenza Capitolina ai beni culturali.

Finanziamenti per €300 milioni alle PMI italiane dei settori culturali e creativi

in EUROPA by

· Sottoscritto un accordo di garanzia tra il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) e la Cassa depositi e prestiti (CDP) nell’ambito della Cultural and Creative Sectors (CCS) Guarantee Facility del Programma “Europa Creativa”, al fine di supportare l’accesso al credito delle imprese attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI (Fondo PMI)
· L’accordo ha l’obiettivo di sviluppare €300 milioni di nuovi finanziamenti per circa 3.500 piccole e medie imprese italiane (PMI) attive nei settori culturali e creativi
· L’iniziativa è sostenuta dall’Unione Europea attraverso le risorse del Piano Juncker

Il supporto dell’Unione Europea alle imprese dei settori culturali e creativi, attraverso la CCS Guarantee Facility gestita dal FEI, è attivo da oggi per la prima volta in Italia grazie ad una nuova iniziativa lanciata in collaborazione con CDP nella sua qualità di Istituto Nazionale di Promozione. L’intervento svilupperà un portafoglio di contro-garanzie in favore del Fondo PMI per un valore di €200 milioni, incrementandone fortemente la capacità operativa. Le PMI attive nei settori culturali e creativi otterranno in questo modo finanziamenti fino a €300 milioni.
L’iniziativa promuove la concessione di nuovi finanziamenti alle imprese operative in numerosi settori, tra i quali cinema, TV, editoria e architettura. Nei prossimi sei mesi si stima che circa 900 imprese potranno accedere ai finanziamenti garantiti. Complessivamente, l’iniziativa punta a raggiungere circa 3.500 PMI nei prossimi due anni, che, grazie all’intervento di contro-garanzia, riceveranno finanziamenti per circa €300 milioni.
Quella avviata oggi è l’operazione più rilevante in termini di accesso al credito mai realizzata all’interno del programma europeo “Europa Creativa”.
Mariya Gabriel, Commissario per Economia e Società Digitali, e Tibor Navracsics, Commissario per Istruzione, Cultura, Giovani e Sport, affermano: “I settori creativo-culturali rappresentano un ponte tra l’arte, il business e la tecnologia. Essi fungono da catalizzatore per l’innovazione e favoriscono l’assunzione di rischi d’impresa, che sono fondamentali per creare resilienza. Aiutare questi operatori economici a crescere e a stimolarne la creatività è tra i principali punti d’attenzione della Commissione Europea. Questo accordo di garanzia aiuta a colmare il financing gap che penalizza questi settori ed avrà importanti benefici sociali ed economici.”
“La nuova operazione, frutto della continua collaborazione fra CDP e istituzioni nazionali ed europee, rappresenta un’importante opportunità di crescita per un macro-settore imprenditoriale che a livello comunitario impiega oltre 7 milioni di persone e rappresenta oltre il 4% del PIL” – ha dichiarato l’amministratore delegato di Cassa depositi e prestiti, Fabrizio Palermo – “Siamo lieti di consentire all’Italia di attrarre per la prima volta i fondi della Commissione Europea che, attraverso il Fondo PMI, consentono di facilitare l’accesso al credito alle imprese dei settori culturali-creativi del nostro Paese”.
“L’operazione, nata dalla collaborazione continua e proficua tra Mediocredito Centrale e CDP – afferma l’Amministratore Delegato del Mediocredito Centrale – Banca del Mezzogiorno, Bernardo Mattarella – rafforza, con l’ampliamento delle risorse a disposizione, l’operatività del Fondo di Garanzia per le PMI, uno degli strumenti più efficaci per facilitare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese del nostro Paese. L’iniziativa permetterà di dare ulteriore sostegno alle imprese operanti in un settore, quello culturale e creativo, di particolare importanza per la crescita del Paese.”.
L’Amministratore Delegato del FEI, Pier Luigi Gilibert, afferma: “Sono lieto di annunciare oggi la prima operazione della Cultural and Creative Sectors Guarantee Facility, realizzata in Italia con Cassa Depositi e Prestiti. CDP è un nostro partner affidabile da molto tempo e la nuova iniziativa è il risultato di una collaborazione rafforzata in tema di supporto alle PMI. L’accesso al credito è spesso limitato per le imprese dei settori creativi e culturali e il nuovo strumento aiuterà questi operatori economici ad ottenere i finanziamenti di cui hanno bisogno.”.
L’accesso al credito delle imprese operanti nei settori culturali e creativi può essere difficoltoso, principalmente in ragione della natura immateriale dei loro asset e delle loro garanzie, della ridotta dimensione del mercato, dell’instabilità della domanda, e della mancanza di esperienza da parte dei finanziatori nel saper soddisfare le specifiche esigenze di tali controparti.

Quest’accordo si inserisce nel perimetro della “Piattaforma di risk-sharing per le PMI” strutturata da CDP in cooperazione con il FEI, nell’ambito delle iniziative sviluppate attraverso il Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici del Piano Juncker.

Come accedere ai benefici
Le PMI operanti nei settori culturali e creativi che intendono ricorrere alla garanzia del Fondo PMI per finanziare nuovi investimenti o per esigenze di capitale circolante, possono rivolgersi alla propria banca o al proprio Confidi. Sarà la banca o il Confidi a richiedere l’intervento del Fondo PMI, il cui esito viene fornito mediamente entro una settimana lavorativa. Per maggiori informazioni, consultare: www.fondidigaranzia.it


Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI)
Il FEI è un’istituzione finanziaria parte del Gruppo Banca Europea per gli Investimenti (BEI). La sua missione principale è quella di supportare le micro, piccole e medie imprese (PMI) europee, sostenendo le loro possibilità di accesso al credito. Il FEI definisce e sviluppa strumenti di equity, garanzie e microcredito che si adattano alle esigenze di questa categoria di imprese. In questo ruolo, il FEI persegue gli obiettivi dell’UE a supporto dell’innovazione, di ricerca e sviluppo, dell’imprenditoria, della crescita e dell’impiego.
La Cultural and Creative Sectors (CCS) Guarantee Facility e il Programma “Europa Creativa”
Sviluppato nell’ambito del Programma “Europa Creativa”, la CCS Guarantee Facility è il primo strumento di investimento europeo caratterizzato da un’ampia gamma d’intervento nei settori culturali e creativi. Persegue gli stessi obiettivi della SME Window del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI), che guida il Piano di Investimenti per l’Europa: supportare l’accesso al credito delle PMI al fine di aumentare la loro dimensione.
Europa Creativa è un programma della durata di 7 anni (2014-2020) finalizzato a supportare i settori culturali e creativi, con un budget complessivo di €1,46 miliardi. Il progetto è costituito dai sotto-programmi MEDIA (sviluppo e distribuzione delle produzioni audio-visive europee) e Cultura (supporto alle iniziative culturali promuovendo, ad esempio, cooperazione transfrontaliera o piattaforme per artisti emergenti). L’obiettivo di Europa Creativa è quello di promuovere la diversità culturale, incoraggiare la circolazione della cultura e della creatività europea e di rafforzare la competitività di tali settori.
Il Piano di Investimenti per l’Europa
Il Piano di Investimenti per l’Europa, noto come “Piano Juncker”, è una dei più importanti strumenti europei per aumentare gli investimenti e creare occupazione e crescita, rimuovendo gli ostacoli agli investimenti, fornendo visibilità e assistenza tecnica ai progetti e assicurando un uso più efficiente delle risorse finanziarie esistenti e future. Con la garanzia dell’EFSI, la BEI e il FEI sono in grado di assumere una maggiore quota di rischio, incoraggiando gli investitori privati a partecipare ai progetti. Il Parlamento Europeo e gli Stati Membri hanno convenuto a dicembre 2017 di estendere la durata dell’EFSI e aumentare la sua dotazione finanziaria. A luglio 2018, il Piano Juncker ha attivato investimento per oltre €335 miliardi in Europa.
La Cassa depositi e prestiti (CDP)
CDP è l’Istituto Nazionale di Promozione che sostiene l’economia italiana dal 1850. Finanzia gli investimenti pubblici e lo sviluppo delle infrastrutture del Paese, supporta le imprese italiane, favorendone la competitività, l’innovazione e la crescita e promuovendo l’export e l’internazionalizzazione. Sostiene la cooperazione internazionale ed è catalizzatore delle risorse del Piano Juncker nel Paese. Contribuisce allo sviluppo del mercato immobiliare italiano come principale operatore del social and affordable housing. Per maggiori informazioni, consultare www.cdp.it.
Il Fondo di garanzia per le PMI (Fondo PMI)
Il Fondo PMI, gestito da Mediocredito Centrale per conto del Ministero dello Sviluppo Economico, è il più importante strumento agevolativo nazionale a supporto delle imprese, ed è finalizzato a favorire l’accesso al credito delle PMI attraverso la concessione di garanzie in forma diretta o per il tramite dei Confidi. La garanzia può coprire fino all’80% dell’importo finanziato e consente a banche e Confidi di applicare alle PMI beneficiarie condizioni di vantaggio (ad esempio, in termini di ammontare finanziato, minori garanzie richieste, riduzione dei costi del credito).
Operativo dal 2000, il Fondo PMI ha progressivamente incrementato la propria attività, con un’importante accelerazione negli ultimi anni. Nel solo 2017 sono state accolte circa 120 mila operazioni a fronte delle quali oltre 78 mila imprese hanno potuto beneficiare di garanzie “a prima richiesta” su finanziamenti per €17,5 miliardi. Al 31 luglio 2018, dall’avvio della sua operatività, sono state accolte oltre 828 mila operazioni a fronte delle quali sono state garantite circa 400 mila imprese, per un totale di garanzie rilasciate pari a €78,8 miliardi.

Ostia, trovato in casa con 5 kg di marijuana, pusher in manette.

in Senza categoria by

Proseguono i controlli sul litorale da parte dei Carabinieri di Ostia finalizzati al contrasto dello spaccio di droga.

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione Roma Ponte Galeria hanno arrestato, in flagranza di reato, un 32enne di Fiumicino con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da tempo i militari, avuto sentore della sua attività illecita, lo stavano tenendo d’occhio e nella mattinata di ieri hanno deciso di far scattare un blitz nella sua abitazione.

Durante la perquisizione scattata nella casa, i Carabinieri hanno rinvenuto un ingente quantitativo di marijuana – circa 5 Kg suddivisi in 4 panetti – nascosti nella camera da letto del 32enne.

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare il canale di approvvigionamento  della sostanza che, se fosse stata venduta nelle piazze di spaccio, avrebbe fruttato al pusher diverse migliaia di euro.

La droga è stata sequestrata mentre, il 32enne è stato portato nel carcere di Civitavecchia, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Bari, ancora problemi per i dipendenti del tribunale

in CRONACA by

Le ultime dichiarazioni del Ministro della Giustizia rese note attraverso un comunicato  pubblicato sul portale del Ministero in relazione alla sitazione critica del Palagiustizia di via Nazariantz e alla incerta individuazione della sede provvisoria, hanno indotto il sindacato Co.s.p. a chiedere uno slittamento dell’incontro con le organizzazioni sindacali convocato per mercoledì 5 settembre.

Un rinvio alla terza decade di settembre  – spiega il segretario nazionale del Coordinamento sindacale penitenziario Domenico Mastrulli – motivato dalla necessità di fare maggiore chiarezza su provvedimenti che andranno ad incidere  sui diritti dei lavoratori del comparto giudiziario barese.

“L’estrema confusione che vige sull’argomento, le polemiche e il palleggiamento di responsabilità – sottolinea Mastrulli –  aiutano a confondere le idee in un quadro kafkiano in cui il  sindacato manifesta forti perplessità in ordine agli ultimi provvedimenti adottati.

“In una circolare diramata ieri dalla segreteria del personale amministrativo del Tribunale di Bari riservata agli  addetti del settore penale si predispone un servizio navetta per l’accompagnamento dei lavoratori nella sede di Modugno. Nella circolare  si comunica che a partire da lunedì 3 settembre per raggiungere Modugno sin dalle ore 7.30 saranno disponibili mezzi dell’Amministrazione penitenziaria – dichiarato nella nota il segretario generale del Co.s.p.- “Quale punto di raccolta del personale è stato indicato Piazza Enrico De Nicola,  antistante il Palazzo di Giustizia. Seguiranno due corse di rientro dalla sede di Modugno alle 14 e alle 17.30. Ulteriori mezzi e uomini della polizia penitenziaria che – conclude Mastrulli –  verranno inevitabilmente sottratti alle già esigue risorse d’organico delle carceri pugliesi”.

1 35 36 37 38 39 43
admin
Go to Top
WhatsApp chat