Romanina. Padre e figlio autori di una truffa dello specchietto, diventata una vera e propria estorsione

in Senza categoria by

Romanina. Padre e figlio autori di una truffa dello specchietto, diventata una vera e propria estorsione, identificati dalla Polizia di Stato. Arresti domiciliari per il padre, obbligo di dimora per il figlio.

“…i soldi me li devi dare subito altrimenti faccio un macello. Prendi questo c….. di bancomat e preleva” con queste ed altre minacce due truffatori hanno convinto la vittima di una delle tante “truffe dello specchietto” a farsi consegnare 500 euro. Nello specifico, uno dei due truffatori aveva accusato il malcapitato di averlo colpito con la macchina causandogli la rottura dello smartphone.  

La vittima si è rivolta alla Polizia di Stato che, partendo dall’esame delle immagini delle videocamere di sorveglianza presenti nella zona, ha avviato le indagini. Gli investigatori del commissariato Romanina, diretto da Laura Petroni, hanno esaminato anche una lunga serie di foto-segnaletiche di persone con un tatuaggio simile a quello descritto in denuncia e, tra queste hanno individuato il primo indagato e subito dopo è arrivata l’identificazione dell’altro complice che altri non era che il figlio.

Trasmesse le risultanze delle indagini in Procura, il P.M., collegando nello stesso procedimento un’altra truffa simile compiuta dal solo genitore, ha ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari un’ordinanza di applicazione di misure cautelari; per il padre gli arresti domiciliari, mentre per il figlio è stato scelto l’obbligo di dimora con il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore notturne.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*