Le capitali di European Affairs Magazine

Category archive

POLITICA

La politica portoghese e della capitale Lisbona

Il nuovo governo: squadra che vince non si tocca

POLITICA by

Squadra che vince non si tocca, al massimo la si ringiovanisce e si lascia maggior spazio alle donne. Questa sembra essere la logica con la quale si è mosso Antonio Costa, il leader socialista che ha vinto le elezioni del 6 ottobre sulla scorta dei buoni risultati per l’economia, non disgiunti da un’apprezzata attenzione alla coesione sociale. Continue reading “Il nuovo governo: squadra che vince non si tocca” »

Vince Costa. Un Parlamento più rosa e con più diversità

POLITICA by

Può aver esagerato il Guardian quando ha parlato del Portogallo come “il faro della socialdemocrazia europea”, ma la verità – scriveva oggi il Diario de Noticias – è che con la vittoria di domenica 6 ottobre, con il 36,65% dei voti, il socialista Antonio Costa si è confermato uno dei principali protagonisti della sinistra europea”. Continue reading “Vince Costa. Un Parlamento più rosa e con più diversità” »

25 aprile, un memoriale nella Fortaleza di Peniche

POLITICA by

Il 25 aprile è una ricorrenza che, per eventi storici diversi, accomuna Italia e Portogallo, anche se in questo paese sull’Atlantico non ci sono polemiche, come in Italia, su questa festa. Il 25 aprile portoghese, il giorno della Rivoluzione dei Garofani, si festeggia in tutto il Paese in modi diversi, ma ha una sapore particolare in certi luoghi, come la Fortaleza di Peniche, un’antichissima fortezza lungamente e tristemente adibita a carcere per prigionieri politici durante la dittatura di Salazar. Continue reading “25 aprile, un memoriale nella Fortaleza di Peniche” »

Europei felici? Bernard-Henri Levy li ha trovati in Portogallo

CULTURA/POLITICA by

Il filosofo e scrittore francese Bernard-Henri Levy è in tournée in 22 città europee alla ricerca dei valori e dello spirito che hanno guidato la creazione dell’Unione europea. In queste città presenta nei teatri “In cerca dell’Europa”, un monologo di 90 minuti, in cui BHL parla delle minacce che l’Unione sta affrontando mentre si prepara a nuove elezioni. In questi giorni è a Lisbona, dove però si esibirà solo il 6 maggio, quasi alla fine della tournée. Continue reading “Europei felici? Bernard-Henri Levy li ha trovati in Portogallo” »

Moscovici a TFS: “Voglio evitare una crisi tra UE e Italia. Sarebbe assurdo”

ECONOMIA/POLITICA by

“Voglio evitare una crisi tra UE e Italia. Sarebbe assurdo”: lo dice il commissario europeo per gli affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, in una lunga intervista a Vítor Rodrigues Oliveira e andata in onda su TSF, una delle tre principali stazioni radio portoghesi e pubblicata oggi, 6 dicembre, sul sito internet dell’emittente. Nell’intervista Moscovici, parla del Portogallo, dell’Italia e del futuro dell’euro. Continue reading “Moscovici a TFS: “Voglio evitare una crisi tra UE e Italia. Sarebbe assurdo”” »

L’Italia punta i piedi a Bruxelles, portoghesi preoccupati

POLITICA by

L’Eurogruppo oggi esamina i piani di bilancio degli Stati membri. L’Italia è un “osservato speciale”, avendo sfidato le regole della Commissione Europea con un budget espansivo. Dove ci porterà questo braccio di ferro? Se lo chiede – in un articolo pubblicato stamattina sul sito dell’emittente radiotelevisiva portoghese TSF (con una grande foto di Salvini) – João Francisco Guerreiro, corrispondente da Bruxelles della tv, che delinea il rischio di ripercussioni sui paesi più deboli dell’Unione, Portogallo in primis. Continue reading “L’Italia punta i piedi a Bruxelles, portoghesi preoccupati” »

Tajani al DN sulla manovra: “Con l’UE si può ragionare, con i mercati no”

POLITICA by

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, è critico sulla manovra di bilancio delineata dal governo italiano, che prevede un deficit del 2,4% per tre anni. “La soluzione per l’economia adottata dal governo italiano è folle”, ha detto il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Taviani, in una intervista al quotidiano portoghese Jornal de Noticias.

Rispondendo alle domande del giornalista Nuno Miguel Ropio, Tajani  dà un giudizio “molto negativo” della proposta di bilancio approvata dal governo italiano . “Bisogna ridurre il debito e investire in opere pubbliche. E’ una proposta negativa per le persone, per l’Italia e per l’Europa. Ma è possibile ancora reagire e invertire questo cammino. Continue reading “Tajani al DN sulla manovra: “Con l’UE si può ragionare, con i mercati no”” »

EMSA/ Da Lisbona sorveglianza h24 sui mari europei

POLITICA by

Ogni giorno nella sala di monitoraggio dell’EMSA, al Cais do Sodré a Lisbona, arrivano in media – da varie fonti (satelliti, trasponder, droni, ecc.) – 17 milioni di messaggi che informano sui navigli che circolano nei mari europei. Il 5 settembre ne sono arrivati addirittura 21 milioni che riguardavano 95.719 navigli di varia stazza. La media giornaliera è di 82.343 imbarcazioni: quasi tutte hanno un nome, un proprietario e una provenienza.

Continue reading “EMSA/ Da Lisbona sorveglianza h24 sui mari europei” »

Più immigrati per combattere la crisi demografica

POLITICA by

Lo aveva detto il premier António Costa: il Portogallo ha bisogno di più immigrati per combattere il calo demografico e l’invecchiamento della popolazione.  Ora il ministro dell’Amministrazione Interna, Eduardo Cabrita (nella foto), perseguirà questo obiettivo, senza intaccare – almeno nelle intenzioni – i livelli di attenzione che fanno del Portogallo uno dei paesi europei più sicuri. Il governo portoghese (di sinistra) si muove, quindi, in direzione opposta a quella preannunciata dal ministro degli interni italiano, Matteo Salvini, che – come altri suoi colleghi in Europa – ha una ricetta completamente diversa, specialmente sull’immigrazione clandestina. Continue reading “Più immigrati per combattere la crisi demografica” »

Il 25 aprile, in Italia e Portogallo, è festa della libertà

POLITICA by

Il 25 aprile, in Italia e Portogallo, vuol dire Libertà. Libertà dalla dittatura, riconquista delle libertà individuali, fine di regimi oppressivi. Per l’Italia era il 1945, per il Portogallo il 1974. E questa distanza nel tempo forse può spiegare perché in Italia la festa è diventata un po’ sbiadita, sia nel ricordo della gente (sono pochissimi i giovani che sanno che cosa significhi), sia nel modo di celebrarla. Celebrazioni stanche, poco condivise e prevalentemente ufficiali, in Italia, senza gran coinvolgimento della gente comune. Festa di popolo, con cortei, musica, fuochi d’artificio in Portogallo. Continue reading “Il 25 aprile, in Italia e Portogallo, è festa della libertà” »

Cesare Protetti
Go to Top
WhatsApp chat