Le capitali di European Affairs Magazine

Category archive

CULTURA

News di cultura e società dalla capitale portoghese

Natura e patrimonio artistico, a Lisbona le foto di Augusto Milana

CULTURA by

Natureza e patrimonio artistico” è il titolo di una bella mostra di fotografie su tela di Augusto Milana che si è aperta il 9 ottobre scorso presso la Casa da Cidadania de Sāo Domingos de Benfíca, a Lisbona, e che si chiuderà il 13 novembre.  Oltre una sessantina di scatti sono così diventati “visioni fotografiche” retrospettive sui suoi viaggi. Continue reading “Natura e patrimonio artistico, a Lisbona le foto di Augusto Milana” »

Aperto a Setubal il Festival dell’illustrazione. Omaggio a Joao de Azevedo

CULTURA by

La sesta edizione del Festival dell’illustrazione di Setúbal , inizialmente prevista per giugno, ha preso il via sabato 3 ottobre, con una fiera della grafica, spettacoli musicali e una dozzina di mostre, tutte ad ingresso gratuito, in varie strutture culturali.  Il programma dura fino al 28 novembre ed è disponibile la consultazione online. L’ospite straniero quest’anno è stato il fumettista cubano Osmani Simanca, con una mostra in mostra alla Casa da Cultura. Ma il Festival è anche l’occasione per rendere omaggio con la suggestiva mostra O Sexo dos Anjos (Il sesso degli angeli), presso la Galeria do Piso  di Casa da Avenida, all’artista Joao de Azevedo (scomparso nel maggio di quest’anno).

Joao de Azevedo era un artista, ma anche un uomo impegnato a realizzare lo sviluppo delle popolazioni più sfavorite nell’ambito della cooperazione internazionale, attento ai contadini ed ai rivoluzionari. Un artista morto troppo presto ed in solitudine. Il dramma indiretto della pandemia è che anche i non malati di Coronavirus non potevano ricevere visite in ospedale. Il 20 marzo ha avuto un’embolia polmonare in Senegal. È stato trasportato a Faro in ambulanza aerea e successivamente trasferito all’Hospital de Santa .Maria, a Lisbona, dove è morto il 25 aprile.

Nato nel febbraio 1950, a Figueira da Foz, João de Azevedo ha iniziato a esporre le sue opere nella sua città natale tra il 1964 e il 1967. Poi ha trasferito la sua residenza a Roma, dove è rimasto fino al 1976, lavorando come artista e partecipando a diverse mostre collettive e individuali.

Tra il 1977 e il 2001 ha vissuto in diversi paesi, tra cui Mozambico, Niger e Timor, dove ha lavorato come consulente nazionale e internazionale, per la Commissione Europea e per le Nazioni Unite, come esperto di cooperative e valutazione. Dal 2007 ha vissuto principalmente tra i Paesi Bassi e il Portogallo.

Setubal è la città portoghese dove Joao, aveva tenuto la sua ultima esposizione, nel 2019, nell’ambito della Festa dell’Illustrazione. E, in quella occasione, Joāo de Azevedo realizzò un’opera grafica, riprodotta su una maglietta, per celebrare i 90 anni dalla nascita di José “Zeca” Afonso, uno dei simboli della rivoluzione dei garofani che ha portato alla caduta del regime fascista in Portogallo e che è stato un grande innovatore della musica portoghese.

Crocodilos“, una serie di dipinti realizzati in seguito al soggiorno dell’artista a Timor -Leste nel 2005 e 2006, e una serie successiva dal titolo “Refugees”, il cui motto è stato dato da eventi nel Mediterraneo, in Asia e, più recentemente, in I confini terrestri dell’Europa, fanno parte delle opere dell’artista.

João de Azevedo è stato anche l’autore di tutte le copertine delle agende dell’organizzazione SOS Racismo. L’ultima, quella del 2020, l’autore l’ ha dedicata ai “genocidi moderni e attuali”, come ha scritto l’artista sul suo blog personale.

Táxi“, il libro che il professore di letteratura portoghese all’Universidade Nova de Lisboa Fernando Cabral Martins ha lanciato nel 2019, è stato anche illustrato da João de Azevedo.

L’opera, un insieme di racconti metafisici sulla vita in taxi, è stato il motto della conversazione che l’artista e lo scrittore hanno avuto, nell’agosto 2019, a Espaço Illustration, alla Casa da Cultura di Setúbal.

(foto di Augusto Milana)

Sant’Antonio: sì al basilico, no alle Marchas populares

CULTURA by

Causa pandemia di Covid-19, il mese delle Marchas Populares, è stato stravolto. Annullate le grandi feste di giugno (Sant’Antonio, San Vincenzo e San Pietro). Confermata invece la tradizione del basilico per gli innamorati il 13 giugno, data della morte di Sant’Antonio, nato a Lisbona il 15 agosto 1195 e morto appunto a Padova  il 13 giugno 1231. Continue reading “Sant’Antonio: sì al basilico, no alle Marchas populares” »

Il Covid-19 e le mascherine d’artista

CULTURA by

Il 18 maggio si è celebrata in tutto il mondo la Giornata internazionale dei musei, promossa dall’International Council of Museums.  In Italia, però, niente eventi e aperture gratuite: la cultura ha trovato solo spazio sul web, con tante iniziative sotto l’hashtag ufficiale #IMD2020. Invece in Portogallo la Direção Geral do Património Cultural (DGPC) ha invitato tutta la rete museale statale a partecipare all’evento e si sono svolte in tutto il Paese più di 400 attività in 70 palazzi, musei e gallerie. In concomitanza con questo evento c’è stata la Notte dei Musei, per permettere ai visitatori l’esperienza non convenzionale della visita notturna al museo. Continue reading “Il Covid-19 e le mascherine d’artista” »

Un libro sul palazzo dei Conti di Pombeiro a Lisbona

CULTURA by

“Il Palazzo dei Conti di Pombeiro” a Lisbona, dal 1925 residenza dell’ambasciatore d’Italia in Portogallo, è l’ultima  sede diplomatica italiana entrata nella collana curata dall’ambasciatore Gaetano Cortese per l’editore Colombo. L’obiettivo è sempre quello di valorizzare il patrimonio architettonico e artistico delle ambasciate italiane all’estero, ma in Portogallo si associa una valenza particolare per la recente crescita delle relazioni bilaterali tra l’Italia e il Portogallo dove i residenti italiani, che nel 2004 erano appena 2500, oggi sono più di 15.000. Continue reading “Un libro sul palazzo dei Conti di Pombeiro a Lisbona” »

“I graffiti non sanno nuotare” nel parco rupestre del Coa

CULTURA by

Una meravigliosa visita tra natura e storia millenaria è ambientata nel nord-est del Portogallo, ai confini con la Spagna, tra due realtà Patrimonio Mondiale dell’Unesco: la Valle del Douro e quella del fiume Coa, uno dei suoi affluenti. E’ la regione del più grande Parco Rupestre  mondiale, un vero e proprio Santuario Arcaico ,con la più
estesa area  del ciclo Paleolitico più antico. Un luogo che attraversa tutte e fasi   della presenza umana, dalla
Preistoria fino al contemporaneo, includendo una forte presenza di città medioevali. Continue reading ““I graffiti non sanno nuotare” nel parco rupestre del Coa” »

Il Carnevale di Podence nella lista UNESCO

CULTURA by

Il Carnevale di Podence, nel Nord del Portogallo, è stato inserito nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’UNESCO, durante l’ultima sessione del Comitato, tenutasi a Bogotá, in Colombia.

Il carnevale di Podence è una tradizione delle festività invernali a Trás-os-Montes, associata alla celebrazione della fine dell’inverno e all’arrivo della primavera. Nel corso di tre giorni, i Caretos, vestiti con abiti sfrangiati di lana e nascosti sotto maschere di peltro o di pelle, vagano per le strade di Podence con i loro sonagli tintinnanti ed entrano nelle case degli abitanti del villaggio. Inizialmente funzionante come rito di passaggio per gli uomini, ora è riadattato al suo contesto contemporaneo. La candidatura del Carnevale di Podence è stata coordinata dal Comune di Macedo de Cavaleiros.

Sarà l’ottavo elemento portoghese nelle liste della Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale. Nell’ordine sono entrati in questa lista, il “Fado” (2011), la “Dieta mediterranea” (2013), il “Cante Alentejano, canto polifonico dell’Alentejo, regione del Portogallo meridionale” (2014). Nella lista ci sono anche la Falconeria, come patrimonio vivente dell’umanità” (2016) e la produzione figurativa nel Barro de Estremoz (2017).

Nel carnevale di Podence le maschere, ogni anno, percorrono le vie con costumi dall’ aspetto diabolico e misterioso. Spuntano da ogni parte, innumerevoli, fischiando e facendo rumore con i chiassosi campanacci legati alle frange colorate dei grossi mantelli. Percorrono a precipizio le vie del paese e non lasciano nessuno indifferente.Gli uomini mascherati inseguono le ragazze senza marito e sono a loro volta inseguiti dai ragazzi più giovani, chiamati “facanitos”, che cercano di imitarli. Le ragazze assistono dalle terrazze delle loro case, con un misto di entusiasmo e paura che i ragazzi si arrampichino sui muri di casa per raggiungerle. È una festa fantastica e affascinante, piena di mistero e seduzione.

Durante la festa sii celebrano “pulhas casamenteiras” (finti matrimoni goliardici), si leggono testamenti farseschi. Con l’occasione si possono assaggiare le specialità gastronomiche di Macedo de Cavaleiros: gli insaccati di maiale e cime di rapa, lo spezzatino di cinghiale e funghi, il riso con pernice e il budino di castagne. Macedo de Cavaleiros ospita anche la Fiera della Caccia l’ultimo fine settimana di gennaio e il Festival Internazionale di Musica Tradizionale il primo venerdì e sabato di settembre.

Nel 1985, i “Caretos de Podence” si sono organizzati, trasformando il gruppo in associazione culturale, il cui obiettivo principale è preservare le tradizioni locali. I “mascherati” sono stati invitati a partecipare a numerosi eventi culturali e ricreativi in tutto il paese, in qualità di simbolo della cultura del nordest transmontano.

Freschi di stampa: “Lisbona, il mio Altrove”

CULTURA by

Pubblichiamo un brano del racconto di Maria Cristina Mannocchi su Lisbona tratto da AA.VV., Madame Europa. Intrecci di donna. Racconti. FusibiliaLibri 2019, antologia di storie al femminile in Europa a cura di Anna Bertini e Dona Amati. Si ringrazia la casa editrice per la gentile concessione.  

Quando arrivo per la prima volta alla segreteria dell’università di Lisbona sono affannatissima, sono finita in una grigia terra di mezzo di carte burocratiche tra l’Italia e il Portogallo e non so come uscirne. Continue reading “Freschi di stampa: “Lisbona, il mio Altrove”” »

Cucina italiana, a Lisbona è di scena il Cilento

CULTURA by

Gianfranco Vissani ha perso una stella Michelin, ma resta foltissima (374 nomi) la rappresentanza italiana tra i ristoranti stellati nella storica Guida. Ma, grandi chef a parte, è assolutamente di vertice il posto della cucina italiana nella gastronomia mondiale e non mancheranno di confermarlo, a tutte le latitudini, le iniziative della IV Edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo  che si svolgerà dal 18  al 24 novembre 2019. Il tema di quest’anno è Educazione Alimentare: Cultura del gusto”. A Lisbona (dove si comincia il 13 novembre) il programma delle manifestazioni è particolarmente ricco. Sarà protagonista la Dieta mediterranea, quale stile di vita sano e modello di alimentazione equilibrato alla portata di tutti. Non dimentichiamo che il Portogallo è uno dei principali Paesi (insieme a Italia, Croazia e Marocco) che hanno attivato musei e luoghi di promozione e didattica sul tema.

L’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona ha predisposto per l’occasione un ampio programma di eventi che intende offrire un quadro, il più diversificato possibile, della gastronomia italiana, spaziando dalle conferenze ai workshop di cucina, dalle degustazioni di prodotti tipici regionali alla promozione dei territori, agli itinerari enogastronomici incentrati proprio sulla Dieta Mediterranea.

Sulla scia delle iniziative di formazione portate avanti dall’IIC sin dalla prima edizione della Settimana della Cucina, ritorna l’appuntamento con le Scuole Alberghiere Italiane a fare da anteprima alla presente edizione della manifestazione con il workshop di cucina cilentana che si terrà martedì, 13 novembre dalle 11 alle 13 presso lo Spazio Cucina Salitre, sito all’interno della sede dell’Istituto Italiano di Cultura.

Il workshop sarà tenuto dallo Chef Michele Giaquinto, docente presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Ancel Keys” di Castelnuovo Cilento (Salerno) il quale, assistito dallo studente Carmine Giaquinto, proporrà piatti tipici della migliore tradizione culinaria del Cilento, come le lagane e ceci, il tortino di alici, il riso con fagioli borlotti ed altri. I posti sono limitati e per le modalità di iscrizione rivolgersi alla segreteria dell’Istituto. Il giorno seguente il workshop verrà realizzato in esclusiva per gli alunni della Escola de Hotelaria e Turismo di Lisbona.

Il programma della Settimana della Cucina a Lisbona, dedicato interamente al Cilento, continua con un focus sulla Dieta Mediterranea

Lunedì 18 novembre alle ore 19.00 il direttore del Museo Vivente della Dieta Mediterranea e del Mare di Pioppi, Valerio Calabrese sarà ospite dell’Istituto Italiano di Cultura per presentare il Museo intitolato a Ancel Keys, il medico epidemiologo americano che ha vissuto oltre quarant’anni a Pioppi, studiando il rapporto tra alimentazione locale e l’incidenza sulle malattie cardiovascolari e dimostrando le qualità benefiche della Dieta Mediterranea. Coordinatore della rete internazionale dei Musei della Dieta Mediterranea, Calabrese è tra gli estensori della Carta dei Valori della Dieta Mediterranea dell’Unesco e membro del tavolo permanente presso il Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), sul mantenimento del riconoscimento Unesco della Dieta Mediterranea quale patrimonio immateriale dell’umanità (http://www.ecomuseodietamediterranea.it/).

Nella stessa serata verrà inaugurata presso l’IIC la mostra fotografica “Equilibrio Mobile – La persistenza del cibo nella food photography” alla presenza del fotografo Stefano Delìa.

Martedì 19 novembre presso l’esclusivo circolo letterario portoghese, Grémio Litérario (per ulteriori informazioni e modalità di pagamento seguire il link http://www.gremioliterario.pt/boletim.php), in collaborazione con la Delegazione di Lisbona dell’Accademia Italiana della Cucina, l’Istituto ha previsto una cena realizzata da Cristian TorsielloChef stellato del Ristorante Osteria Arbustico sito nell’Hotel Royal di Paestum. Cuoco campano classe ’83, una carriera solida e importante con nomi come Nino Di Costanzo, Mauro Uliassi, Valeria Piccini, Gennaro Esposito ma soprattutto Niko Romito, di cui è stato sous-chef per diversi anni al ristorante Reale di Castel di Sangro, Cristian Torsiello è docente e Coordinatore Didattico della Scuola di Alta Formazione Gastronomica In Cibum in Campania. Una cucina concreta e di sostanza quella dello Chef Cristian Torsiello, che guarda e valorizza i prodotti del territorio e lo rivisita con fine maestria, associando al concetto di km zero quello di km vero che consente di offrire prodotti unici per specificità e filiera di produzione rintracciabile e che gli vale, nel 2015, la prestigiosa Stella Michelin (https://www.osteriaarbustico.it/).

Giovedì 21 novembre alle ore 19 il giornalista Luciano Pignataro interverrà presso l’IIC con la conferenza “Metodo Cilento e Dieta Mediterranea: lentezza e longevità”. Vincitore del premio Veronelli nel 2008 come giornalista emergente, ambasciatore della Dieta Mediterranea, nominato dal Comune di Pollica, Pignataro è responsabile degli inserti gastronomici de Il Mattino di Napoli per il quale cura dal 1994 la rubrica di vino. A lungo responsabile per il Sud della Guida Ristoranti Espresso, cura adesso le guide 50TopPizza e 50TopItaly e, dal 2004, il blog www.lucianopignataro.it tra i più cliccati in Italia. Tra i suoi libri: “I dolci napoletani” (2008, Newton Compton), “101 vini da bere almeno una volta nella vita” (2009, Bur), “La cucina napoletana” e “La Pizza” (2016 e 2018, Hoepli) e “Il Metodo Cilento, i cinque segreti dei centenari” (in corso di pubblicazione con Mondadori).

Conclude la Settimana della Cucina l’abituale appuntamento dedicato ai bambini dei corsi di italiano dell’IIC che, nella mattinata di sabato 23 novembre, potranno cimentarsi nel laboratorio culinario “Viva gli gnocchi” con il Prof. Enrico Ranaldi.

 

Italiano sul palcoscenico: di scena Marcorè col “Signor G”

CULTURA by

Applausi scroscianti e tutto esaurito (anche nei posti in piedi) all’ Auditorium Fundação Arpad Szenes-Vieira da Silva per Neri Marcorè e il suo “IL SIGNOR G”, un omaggio a Giorgio Gaber, presentato a Lisbona nell’ambito della XIX Settimana della Lingua Italiana nel Mondo. Continue reading “Italiano sul palcoscenico: di scena Marcorè col “Signor G”” »

1 2 3
Redazione Lisbona
× How can I help you?
Go to Top