Le capitali di European Affairs Magazine

Covid-19, il Portogallo dichiara lo stato d’emergenza

in POLITICA by

Il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, ha dichiarato mercoledì 18 marzo, alle 20, lo stato di emergenza in Portogallo, a seguito della pandemia di Covid-19. E’ la prima volta che accade negli ultimi 45 anni. Al momento il paese più occidentale d’Europa conta 458 contagiati e due morti.  Lo stato di emergenza, varato dal governo Costa con il voto favorevole del Palamento, durerà 15 giorni, al termine dei quali potrà essere rinnovato. Nel suo discorso alla nazione il Capo dello Stato ha detto che si tratta di una una misura eccezionale che è  indispensabile per vincere la guerra contro il nuovo coronavirus. Il decreto limita alcuni dei diritti costituzionalmente garantiti, impone restrizioni alla circolazione e agli assembramenti e istituisce la quarantena obbligatoria in determinati casi. Tuttavia il Capo dello Stato garantisce che non sono a repentaglio i diritti fondamentali dei cittadini.

Nel decreto sono previsti interventi anche estremi come quelli che hanno impatto sul diritto di sciopero.

La notizia è  su tutte le prime pagine dei giornali portoghesi.  Questi i punti essenziali del decreto presidenziale, approvato dal Parlamento:

Internamento obbligatorio in casa o in strutture sanitarie quando necessario

Restrizioni alla circolazione su strade pubbliche

Requisizione di immobili, unità commerciali, industriali

Requisizione civile di unità sanitarie private e sociali

Possono essere precettati professionisti pubblici e privati dei settori della sanità, della protezione civile, della sicurezza e della difesa

Il diritto di sciopero è sospeso

Possono essere imposte restrizioni alla libertà di culto

L’ufficio del procuratore generale e l’ufficio del difensore civico rimangono permanentemente in carica

In una importante dichiarazione che ha fatto al Paese, alle 20, il Presidente Marcelo Rebelo de Sousa ha spiegato che questa è una “vera guerra” che dura da un mese e che è compito di tutti contenerla, al fine di abbreviare l’epidemia e “salvare vite”.

Marcelo ha  messo in evidenza il ruolo degli operatori sanitari, classificando il loro lavoro come “eroismo quotidiano”. Ha poi ringraziato i portoghesi per la loro disciplina “esemplare” in una lotta che sarà molto dura e lodato il loro buon senso nel rispetto delle linee guida fissate dalle autorità sanitarie.

Il Primo Ministro António Costa, in una recente intervista, ha parlato del coronavirus, affrontando argomenti come le misure di restrizione per i negozi e centri commerciali, la risposta degli ospedali al Covid-19, la chiusura dei confini con la Spagna e l’impatto sull’economia. Costa ha anche parlato dell’impatto del Covid -19 sulla cultura, sullo sport e sul futuro del Portogallo dopo il coronavirus.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from POLITICA

× How can I help you?
Go to Top