Le capitali di European Affairs Magazine

Covid-19: 100 morti, 5.170 contagiati, 43 guariti

POLITICA by

In pieno stato di emergenza, e quattro settimane dopo la conferma dei primi casi di Covid-19 in Portogallo, il bollettino quotidiano della direzione generale della Salute (DGS) rivela che i numeri continuano ad aumentare.  Alla data di sabato 28 marzo i morti sono saliti a 100 e i casi di contagio a a 5.170. Sono 43 i guariti.

Continue reading “Covid-19: 100 morti, 5.170 contagiati, 43 guariti” »

SOS Covid per sapere quanta fila c’è al supermercato

ECONOMIA by

In Portogallo è stata lanciata una nuova piattaforma collaborativa chiamata SOS Covid per aiutare la popolazione a sapere dove sono aperti i supermercati, che cosa hanno ancora a disposizione e quanto è il tempo di attesa. L’obiettivo è aiutare la popolazione ad evitare code o viaggi inutili. Continue reading “SOS Covid per sapere quanta fila c’è al supermercato” »

Covid-19, il Portogallo dichiara lo stato d’emergenza

POLITICA by

Il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, ha dichiarato mercoledì 18 marzo, alle 20, lo stato di emergenza in Portogallo, a seguito della pandemia di Covid-19. E’ la prima volta che accade negli ultimi 45 anni. Al momento il paese più occidentale d’Europa conta 458 contagiati e due morti.  Lo stato di emergenza, varato dal governo Costa con il voto favorevole del Palamento, durerà 15 giorni, al termine dei quali potrà essere rinnovato. Nel suo discorso alla nazione il Capo dello Stato ha detto che si tratta di una una misura eccezionale che è  indispensabile per vincere la guerra contro il nuovo coronavirus. Il decreto limita alcuni dei diritti costituzionalmente garantiti, impone restrizioni alla circolazione e agli assembramenti e istituisce la quarantena obbligatoria in determinati casi. Tuttavia il Capo dello Stato garantisce che non sono a repentaglio i diritti fondamentali dei cittadini.

Nel decreto sono previsti interventi anche estremi come quelli che hanno impatto sul diritto di sciopero. Continue reading “Covid-19, il Portogallo dichiara lo stato d’emergenza” »

Un libro sul palazzo dei Conti di Pombeiro a Lisbona

CULTURA by

“Il Palazzo dei Conti di Pombeiro” a Lisbona, dal 1925 residenza dell’ambasciatore d’Italia in Portogallo, è l’ultima  sede diplomatica italiana entrata nella collana curata dall’ambasciatore Gaetano Cortese per l’editore Colombo. L’obiettivo è sempre quello di valorizzare il patrimonio architettonico e artistico delle ambasciate italiane all’estero, ma in Portogallo si associa una valenza particolare per la recente crescita delle relazioni bilaterali tra l’Italia e il Portogallo dove i residenti italiani, che nel 2004 erano appena 2500, oggi sono più di 15.000. Continue reading “Un libro sul palazzo dei Conti di Pombeiro a Lisbona” »

Covid-19: il Portogallo ha la sua prima vittima

POLITICA by

La ministra della Salute, Marta Temido, ha annunciato oggi, 16 giugno, la prima morte in Portogallo a causa del coronavirus. E’ un uomo di oltre 80 anni che è morto nel primo pomeriggio all’Hospital de Santa Maria a Lisbona.
Il paziente aveva “diverse patologie associate” ed era stato ricoverato in ospedale da diversi giorni. Marta Temido ha equiparato l’epidemia di coronavirus a “una guerra” e ha invitato tutti i cittadini a fare la loro parte. Continue reading “Covid-19: il Portogallo ha la sua prima vittima” »

“I graffiti non sanno nuotare” nel parco rupestre del Coa

CULTURA by

Una meravigliosa visita tra natura e storia millenaria è ambientata nel nord-est del Portogallo, ai confini con la Spagna, tra due realtà Patrimonio Mondiale dell’Unesco: la Valle del Douro e quella del fiume Coa, uno dei suoi affluenti. E’ la regione del più grande Parco Rupestre  mondiale, un vero e proprio Santuario Arcaico ,con la più
estesa area  del ciclo Paleolitico più antico. Un luogo che attraversa tutte e fasi   della presenza umana, dalla
Preistoria fino al contemporaneo, includendo una forte presenza di città medioevali. Continue reading ““I graffiti non sanno nuotare” nel parco rupestre del Coa” »

Il Carnevale di Podence nella lista UNESCO

CULTURA by

Il Carnevale di Podence, nel Nord del Portogallo, è stato inserito nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’UNESCO, durante l’ultima sessione del Comitato, tenutasi a Bogotá, in Colombia.

Il carnevale di Podence è una tradizione delle festività invernali a Trás-os-Montes, associata alla celebrazione della fine dell’inverno e all’arrivo della primavera. Nel corso di tre giorni, i Caretos, vestiti con abiti sfrangiati di lana e nascosti sotto maschere di peltro o di pelle, vagano per le strade di Podence con i loro sonagli tintinnanti ed entrano nelle case degli abitanti del villaggio. Inizialmente funzionante come rito di passaggio per gli uomini, ora è riadattato al suo contesto contemporaneo. La candidatura del Carnevale di Podence è stata coordinata dal Comune di Macedo de Cavaleiros.

Sarà l’ottavo elemento portoghese nelle liste della Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale. Nell’ordine sono entrati in questa lista, il “Fado” (2011), la “Dieta mediterranea” (2013), il “Cante Alentejano, canto polifonico dell’Alentejo, regione del Portogallo meridionale” (2014). Nella lista ci sono anche la Falconeria, come patrimonio vivente dell’umanità” (2016) e la produzione figurativa nel Barro de Estremoz (2017).

Nel carnevale di Podence le maschere, ogni anno, percorrono le vie con costumi dall’ aspetto diabolico e misterioso. Spuntano da ogni parte, innumerevoli, fischiando e facendo rumore con i chiassosi campanacci legati alle frange colorate dei grossi mantelli. Percorrono a precipizio le vie del paese e non lasciano nessuno indifferente.Gli uomini mascherati inseguono le ragazze senza marito e sono a loro volta inseguiti dai ragazzi più giovani, chiamati “facanitos”, che cercano di imitarli. Le ragazze assistono dalle terrazze delle loro case, con un misto di entusiasmo e paura che i ragazzi si arrampichino sui muri di casa per raggiungerle. È una festa fantastica e affascinante, piena di mistero e seduzione.

Durante la festa sii celebrano “pulhas casamenteiras” (finti matrimoni goliardici), si leggono testamenti farseschi. Con l’occasione si possono assaggiare le specialità gastronomiche di Macedo de Cavaleiros: gli insaccati di maiale e cime di rapa, lo spezzatino di cinghiale e funghi, il riso con pernice e il budino di castagne. Macedo de Cavaleiros ospita anche la Fiera della Caccia l’ultimo fine settimana di gennaio e il Festival Internazionale di Musica Tradizionale il primo venerdì e sabato di settembre.

Nel 1985, i “Caretos de Podence” si sono organizzati, trasformando il gruppo in associazione culturale, il cui obiettivo principale è preservare le tradizioni locali. I “mascherati” sono stati invitati a partecipare a numerosi eventi culturali e ricreativi in tutto il paese, in qualità di simbolo della cultura del nordest transmontano.

Freschi di stampa: “Lisbona, il mio Altrove”

CULTURA by

Pubblichiamo un brano del racconto di Maria Cristina Mannocchi su Lisbona tratto da AA.VV., Madame Europa. Intrecci di donna. Racconti. FusibiliaLibri 2019, antologia di storie al femminile in Europa a cura di Anna Bertini e Dona Amati. Si ringrazia la casa editrice per la gentile concessione.  

Quando arrivo per la prima volta alla segreteria dell’università di Lisbona sono affannatissima, sono finita in una grigia terra di mezzo di carte burocratiche tra l’Italia e il Portogallo e non so come uscirne. Continue reading “Freschi di stampa: “Lisbona, il mio Altrove”” »

Web Summit 2019, un bilancio controverso

ECONOMIA by

“Il Web Summit è stato un flop”: questo il titolone del settimanale “Sol” che dedica due pagine critiche all’ evento di Lisbona appena terminato,  che il governo portoghese continua a considerare una vetrina dello sviluppo tecnologico del paese e della sua capacità di attrarre start-up e imprese di web-comunicazione. Fondato in Irlanda nel 2010 da Paddy Cosgrave, Daire Hickey e David Kelly, il Web Summit è considerato uno dei maggiori eventi tecnologici, di innovazione e imprenditorialità al mondo. Sarà un appuntamento fisso nella capitale portoghese fino al 2028. Continue reading “Web Summit 2019, un bilancio controverso” »

Cucina italiana, a Lisbona è di scena il Cilento

CULTURA by

Gianfranco Vissani ha perso una stella Michelin, ma resta foltissima (374 nomi) la rappresentanza italiana tra i ristoranti stellati nella storica Guida. Ma, grandi chef a parte, è assolutamente di vertice il posto della cucina italiana nella gastronomia mondiale e non mancheranno di confermarlo, a tutte le latitudini, le iniziative della IV Edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo  che si svolgerà dal 18  al 24 novembre 2019. Il tema di quest’anno è Educazione Alimentare: Cultura del gusto”. A Lisbona (dove si comincia il 13 novembre) il programma delle manifestazioni è particolarmente ricco. Sarà protagonista la Dieta mediterranea, quale stile di vita sano e modello di alimentazione equilibrato alla portata di tutti. Non dimentichiamo che il Portogallo è uno dei principali Paesi (insieme a Italia, Croazia e Marocco) che hanno attivato musei e luoghi di promozione e didattica sul tema.

L’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona ha predisposto per l’occasione un ampio programma di eventi che intende offrire un quadro, il più diversificato possibile, della gastronomia italiana, spaziando dalle conferenze ai workshop di cucina, dalle degustazioni di prodotti tipici regionali alla promozione dei territori, agli itinerari enogastronomici incentrati proprio sulla Dieta Mediterranea.

Sulla scia delle iniziative di formazione portate avanti dall’IIC sin dalla prima edizione della Settimana della Cucina, ritorna l’appuntamento con le Scuole Alberghiere Italiane a fare da anteprima alla presente edizione della manifestazione con il workshop di cucina cilentana che si terrà martedì, 13 novembre dalle 11 alle 13 presso lo Spazio Cucina Salitre, sito all’interno della sede dell’Istituto Italiano di Cultura.

Il workshop sarà tenuto dallo Chef Michele Giaquinto, docente presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Ancel Keys” di Castelnuovo Cilento (Salerno) il quale, assistito dallo studente Carmine Giaquinto, proporrà piatti tipici della migliore tradizione culinaria del Cilento, come le lagane e ceci, il tortino di alici, il riso con fagioli borlotti ed altri. I posti sono limitati e per le modalità di iscrizione rivolgersi alla segreteria dell’Istituto. Il giorno seguente il workshop verrà realizzato in esclusiva per gli alunni della Escola de Hotelaria e Turismo di Lisbona.

Il programma della Settimana della Cucina a Lisbona, dedicato interamente al Cilento, continua con un focus sulla Dieta Mediterranea

Lunedì 18 novembre alle ore 19.00 il direttore del Museo Vivente della Dieta Mediterranea e del Mare di Pioppi, Valerio Calabrese sarà ospite dell’Istituto Italiano di Cultura per presentare il Museo intitolato a Ancel Keys, il medico epidemiologo americano che ha vissuto oltre quarant’anni a Pioppi, studiando il rapporto tra alimentazione locale e l’incidenza sulle malattie cardiovascolari e dimostrando le qualità benefiche della Dieta Mediterranea. Coordinatore della rete internazionale dei Musei della Dieta Mediterranea, Calabrese è tra gli estensori della Carta dei Valori della Dieta Mediterranea dell’Unesco e membro del tavolo permanente presso il Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), sul mantenimento del riconoscimento Unesco della Dieta Mediterranea quale patrimonio immateriale dell’umanità (http://www.ecomuseodietamediterranea.it/).

Nella stessa serata verrà inaugurata presso l’IIC la mostra fotografica “Equilibrio Mobile – La persistenza del cibo nella food photography” alla presenza del fotografo Stefano Delìa.

Martedì 19 novembre presso l’esclusivo circolo letterario portoghese, Grémio Litérario (per ulteriori informazioni e modalità di pagamento seguire il link http://www.gremioliterario.pt/boletim.php), in collaborazione con la Delegazione di Lisbona dell’Accademia Italiana della Cucina, l’Istituto ha previsto una cena realizzata da Cristian TorsielloChef stellato del Ristorante Osteria Arbustico sito nell’Hotel Royal di Paestum. Cuoco campano classe ’83, una carriera solida e importante con nomi come Nino Di Costanzo, Mauro Uliassi, Valeria Piccini, Gennaro Esposito ma soprattutto Niko Romito, di cui è stato sous-chef per diversi anni al ristorante Reale di Castel di Sangro, Cristian Torsiello è docente e Coordinatore Didattico della Scuola di Alta Formazione Gastronomica In Cibum in Campania. Una cucina concreta e di sostanza quella dello Chef Cristian Torsiello, che guarda e valorizza i prodotti del territorio e lo rivisita con fine maestria, associando al concetto di km zero quello di km vero che consente di offrire prodotti unici per specificità e filiera di produzione rintracciabile e che gli vale, nel 2015, la prestigiosa Stella Michelin (https://www.osteriaarbustico.it/).

Giovedì 21 novembre alle ore 19 il giornalista Luciano Pignataro interverrà presso l’IIC con la conferenza “Metodo Cilento e Dieta Mediterranea: lentezza e longevità”. Vincitore del premio Veronelli nel 2008 come giornalista emergente, ambasciatore della Dieta Mediterranea, nominato dal Comune di Pollica, Pignataro è responsabile degli inserti gastronomici de Il Mattino di Napoli per il quale cura dal 1994 la rubrica di vino. A lungo responsabile per il Sud della Guida Ristoranti Espresso, cura adesso le guide 50TopPizza e 50TopItaly e, dal 2004, il blog www.lucianopignataro.it tra i più cliccati in Italia. Tra i suoi libri: “I dolci napoletani” (2008, Newton Compton), “101 vini da bere almeno una volta nella vita” (2009, Bur), “La cucina napoletana” e “La Pizza” (2016 e 2018, Hoepli) e “Il Metodo Cilento, i cinque segreti dei centenari” (in corso di pubblicazione con Mondadori).

Conclude la Settimana della Cucina l’abituale appuntamento dedicato ai bambini dei corsi di italiano dell’IIC che, nella mattinata di sabato 23 novembre, potranno cimentarsi nel laboratorio culinario “Viva gli gnocchi” con il Prof. Enrico Ranaldi.

 

1 2 3 5
Go to Top
WhatsApp chat