GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Tag archive

Norvegia

Elezioni in Norvegia, la disfatta dei laburisti

EUROPA/POLITICA di

Fino all’ultimo voto, l’elettorato norvegese é rimasto con il fiato sospeso per il testa a testa tra il premier uscente Erna Solberg (Høyre) e il leader del partito laburista Jonas Gahr Støre.

Nei giorni successivi non sono mancate le polemiche, soprattutto a sinistra. La prima fra tutte ha riguardato la scelta del candidato premier del partito laburista, ex ministro degli Esteri e della Sanitá, con una lunga esperienza politica, che non é bastata, tuttavia a difendersi dall’innegabile carisma della Solbeg, né dal non farsi trascinare nel campo avversario dalla retorica populista del Partito del Progresso. Quest’ultimo da anni detta l’agenda della politica nazionale, ha governato insieme alla destra durante l’ultima legislatura e é finito sotto i riflettori per la gestione del Ministero drll’Integrazione, diretto da Sylvi Listhaug.

I risultati elettorali non hanno dato una vittoria schiacciante a nessuno dei numerosi partiti e la formazione del governo è ancora incerta. L’ago della bilancia sarà, stavolta, il Partito Cristiano Popolare, disponibile a governare insieme al partito Høyre e al partito liberale Venstre (che solo per un pugno di voti ha superato lo sbarramento al 4%), ma non con il Partiti del Progresso, di cui non condivide la politica reazionaria in tema di immigrazione. É ancora da vedere se Erna Solberg riuscirà a formare un governo facendo a meno della componente cristiana.

Dall’altra parte i laburisti possono contare su due alleanze importanti: SV (i socialisti di sinistra) e il Partito di Centro, mentre la porta é chiusa al partito di sinistra Rødt. Quest’ultimo é rappresentato per la prima volta in Parlamento, con un delegato, mentre gli altri due sono stati i veri vincitori di queste elezioni, avendo quasi duplicato le preferenze ricevute. Magro successo per i Verdi, che rimangono un partito tematico aperto a varie alleanze, ma che manca del supporto popolare.

Il governo uscente può dirsi soddisfatto di un risultato che, di fatto, conferma il gradimento dell’elettorato per il lavoro fatto nell’ultima legislatura e nonostante non sia stato promosso a pieni voti, può ben gioire di aver lavorato abbastanza bene da evitare una rovinosa bocciatura. Tutto si giocherà nei prossimi giorni, nei quali Erna Solberg, dopo l’approvazione popolare, dovrà superare il test delle alleanze con gli altri partiti.

 

Foto Aftenposten

Norvegia, rifugiati: accoglienza e battaglia sui numeri

EUROPA di

Mentre milioni di siriani di spingono verso il nord Europa (destinazione ideale, la cui immagine di meta da raggiungere è stata creata nel tempo da reportage e trasmissioni media che ne hanno lodato il welfare e le politiche di accoglienza) con i mezzi più vari, spesso a piedi, varcando i confini delle nazioni centro-europee, la popolazione norvegese sembra voler confermare la sua reputazione alle urne delle ultime elezioni amministrative.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Il voto ha portato, infatti, il partito anti-immigrazione, membro dell’attuale coalizione di governo, al peggior risultato elettorale a livello locale degli ultimi ventidue anni. Il suo maggiore oppositore, il partito laburista (Arbeidsparti), il quale ha preso una chiara e esplicita posizione a favore dell’accoglienza dei rifugiati siriani, è il grande vincitore delle elezioni amministrative del 13 settembre scorso.

Il risultato delle elezioni, che sono coincise con l’esplodere della crisi migratoria del popolo siriano (e non solo), non ha trovato, però, un riscontro pratico (apertura delle frontiere ai richiedenti asilo), quando l’Europa, geograficamente intesa, si è trovata a dover decidere sul numero degli immigrati da accogliere. In base alla grandezza del territorio, delle risorse disponibili a livello statale e al numero degli abitanti, la Norvegia ha aperto le frontiere a un numero estremamente ridotto di richiedenti asilo, mentre avrebbe potuto accogliere 100.000 rifugiati. Un numero stimato anche da Victor D. Norman, professore di economia sociale presso l’Alta Scuola del Commercio di Oslo, come riporta il giornale Dagens Næringsliv. Norman sottolinea le conseguenze economiche positive che l’afflusso dei migranti siriani porterebbe: “I migranti che arrivano sono preparati, innovatori e hanno voglia di lavorare, nonché di spendere”. Certo, non manca il timore della ghettizzazione anche da parte dei più favorevoli all’accoglienza, ma Norman prosegue “se i comuni e le istituzioni locali riceveranno risorse e libertà di gestione del fenomeno migratorio all’interno dei loro territori, si potrebbe ottenere il risultato di ridurre al minimo il problema della ghettizzazione”.

Il numero degli accolti in Norvegia, invece, non supera i duemila. Una cifra che appare decisamente ridotta se si pensa che il Libano, paese con una popolazione di poco inferiore alla norvegia, ha accolto al suo interno 1,5 milioni di rifugiati dalla Siria. Il primo ministro libanese Tamman Salam ha dichiarato, il 26 settembre scorso, ai microfoni dell’emittente norvegese NRK che “il Libano apprezzerà un eventuale sforzo della Norvegia ad accogliere al suo interno un maggior numero di rifugiati”.

Un esempio di diversa attitudine verso il fenomeno lo da la confinante Svezia, che con una popolazione che conta poco meno del doppio degli abitanti della Norvegia, ha accolto quest’anno 90.000 rifugiati. Anders Danielsson, a capo dell’Istituto nazionale per l’Immigrazione, dichiara al giornale svedese Aftonbladet che “la situazione dei migranti è indubbiamente una crisi, ma non per la Svezia. E’ una crisi soprattutto per coloro che scappano”. La istituzioni svedesi fanno sapere che il numero dei richiedenti asilo oggi è superiore a quello che venne accolto in occasione della guerra dei Balcani negli anni novanta, ma non maggiore delle richieste di asilo ricevute già lo scorso anno.

Il governo norvegese, rappresentato da Erna Solberg, ha dato, per il momento, la disponibilità a ospitare una conferenza internazionale sul tema, nonché l’utilizzo di mezzi navali adeguati, in accordo con i paesi che si affacciano nel mediterraneo, al fine di evitare il problema delle morti in mare.

La discussione sul numero delle accoglienze all’interno del proprio territorio nazionale rimane, però, ancora aperta.
Carla Melis

[/level-european-affairs]

Redazione
Vai a Inizio
× Contattaci!