GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Tag archive

migranti siriani

Crisi profughi: l’attività di Msf in Grecia

EUROPA di

La Grecia è il Paese europeo da cui transitano il maggior numero di migranti, in special modo profughi siriani e iracheni. Negli ultimi due mesi, essi hanno approfittato del lasciapassare dai confini turchi. Le isole del Mar Egeo costituiscono la prima tappa per raggiungere gli altri Paesi dell’Ue attraverso la rotta balcanica: 244 855 persone sono infatti transitate dalla Turchia alla Grecia da gennaio ad oggi. Per esaminare al meglio questa emergenza umanitaria, European Affairs ha intervistato Constance Theisen, Responsabile degli Affari Umanitari di Msf in Grecia. Tra i temi affrontati, le attività in loco della Ong, tra cui cure mediche e distribuzione di generi di prima necessità ai migranti.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Quali funzioni svolge Msf in Grecia?

“Il nostro scopo in Grecia e lungo la rotta dei Balcani (infatti, siamo attivi anche in Serbia), è di cercare di aiutare i migranti e i rifugiati appena arrivati, dove ce n’è necessità:

– Isola di Lesbo: acqua e servizi igienico-sanitari nel campo di Kara Tepe e nel campo informale di Moria. Abbiamo messo a disposizione due squadre mediche per le cliniche mobili nei campi e nel porto Mitilene, dove la gente dorme all’aperto. Abbiamo predisposto anche un servizio di sostegno alla salute mentale attraverso uno psicologo. In più, essite un servizio navetta dal nord al sud dell’isola, in modo che le persone non debbano percorrere 65 chilometri a piedi sotto il sole;
– Isola di Kos: rifugio, acqua, servizi igienici e cliniche mobili nel campo dell’hotel Captain e ovunque nel centro abitato di Kos, dove la gente dorme all’aperto. È stato istituito un sostegno alla salute mentale tramite uno psicologo. È stata inoltre allestita la distribuzione di kit con coperta, torcia, spazzolino da denti, dentifricio, barrette energetiche;
– Isole del Dodecanneso: una squadra medica è di base su una barca per cliniche mobili nelle isole di Simi, Leros, Tilos, Kalymnos. Esiste un centro di distribuzione di generi non alimentari: kit con coperta, torcia, spazzolino da denti, dentifricio, barrette energetiche. Abbiamo istituito un supporto, in tutte le isole, di attivisti locali e mediante il ricovero (tende di reti ombra) per creare uno spazio in cui le persone possano dormire;
– Atene: abbiamo un progetto per aiutare le persone che hanno subito maltrattamenti (torture …) con un supporto medico e psicologico e un assistente sociale;
– Al confine settentrionale tra la Grecia e la Macedonia: lavoriamo al valico di Idomeni, dove la gente viaggerà fino alla destinazione finale attraverso la croce balcanica in Macedonia. Qui esiste un gruppo di medici per le consultazioni, uno psicologo e abbiamo installato servizi igienici e docce. Il nostro team distribuisce anche articoli non alimentari: it kcon coperta, torcia, spazzolino da denti, dentifricio, barrette energetiche”.

 

La Grecia è divenuta a tutti gli effetti il punto principale di passaggio verso Germania, Svezia e Norvegia?

“La Grecia è divenuta la principale porta d’accesso all’Europa: 244855 persone sono arrivate finora (attraversando il tratto di mare dalla Turchia alle isole del Mar Egeo) contro i 119500 arrivi in Italia dall’inizio del 2015 (secondo le stime dell’Unhcr diffuse l’8 settembre 2015)”.

 

Qual è l’atteggiamento del governo greco nei confronti dei profughi?

“Il governo non ha dimostrato di possedere nessuna capacità di comando per rispondere alla crisi in modo costruttivo. L’unico modo per risolvere il problema di tante persone che arrivano sulle isole, costretti a dormire fuori per giorni prima che la polizia locale li registri e dare loro la carta necessaria per lasciare l’isola, è quello di avere più polizia di frontiera che operi nei campi di accoglienza/di transito in tutte le isole. Invece, le autorità greche hanno inviato più polizia antisommossa e non hanno messo in campo nessuna iniziativa per individuare spazi (campi, stadi …) in cui la ricezione a lungo termine possa essere organizzata. Essi hanno disatteso le proprie responsabilità: nessuna distribuzione di cibo organizzata nella maggior parte delle isole (Kos, Leros, Symi, Kalymnos) o insufficienti in tutti gli altri (Lesbo, per esempio). E hanno abusato dei migranti con un uso eccessivo della forza di polizia (la scorsa settimana, a Lesvos, il nostro team medico ha trattato oltre 10 persone che hanno riferito di essere stato picchiato da polizia)”.

 

Secondo il vostro punto di vista, quali sono le differenze con l’operato del governo italiano?

“Non posso parlare in maniera esaustiva del sistema italiano d’accoglienza, poiché non lo conosco così da vicino. Tuttavia, credo che l’Italia abbia messo in atto un sistema nazionale di accoglienza, in conformità con le norme dell’UE, fornendo due cose: all’arrivo uno screening medico e lo screening per le vulnerabilità a tutte le persone che arrivano; riparo (centri) e cibo in tutto il paese.

Invece, in Grecia:
– nessuno screening sanitario sistematico;
– nessuno screening per le vulnerabilità;
– nessun rifugio, eccetto in alcuni posti nelle isole di Lesbo e Chios;
– nessun approvvigionamento sistematico degli alimenti;
– nessun accesso ai servizi igienico-sanitari, tranne in alcuni posti nelle isole di Lesbo e Chios.

 

Quanto le rotte terrestri sono preferite a quelle marittime?

“La via utilizzata dai Siriani per raggiungere l’Unione europea è cambiata per una serie di motivi. La situazione attuale in Libia. Le restrizioni sui visti per i siriani in viaggio verso l’Egitto. Il soggiorno sempre più difficile in Giordania, Libano e Turchia, come riportato dall’Unhcr sull’accesso ai servizi di protezione e al mercato del lavoro locale. In Grecia, dal momento che i controlli negli aeroporti sono aumentati, sempre più persone scelgono la via di terra attraverso i Balcani per raggiungere la loro destinazione finale”.
Quali sono le vostre statistiche relative al 2015?

“ Gli interventi fino al 31 luglio sono stati:
– 3236 a Kos;
– 300 nelle vicine isole del Dodecaneso;
– 3000 a Idomeni.

I kit distribuiti fino al 31 luglio sono stati più di 20 000 in tutto il Paese”.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Giacomo Pratali
Vai a Inizio
× Contattaci!