GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Tag archive

kfor

Kosovo; Il contingente Italiano del MNBG-W, prosegue nelle operazioni di supporto alle fasce deboli della popolazione

Difesa di

Il 22 novembre scorso, i militari appartenenti al contingente italiano del Multinational Battle Group West(MNBG-W), hanno effettuato una consegna di materiale sanitario all’ambulatorio di Decane e una fornitura composta da 45 bastoni e 12 mascherine all’associazione non vedenti di Istok. Le mascherine serviranno per coprire gli occhi durante la pratica di attività sportive.

In particolare, presso l’ambulatorio è stato consegnato un defibrillatore, acquistato con i fondi della Difesa Italiana. Sarà utile al centro di primo soccorso per fornire un servizio di salvataggio tempestivo a favore della popolazione di Decane nei casi di imminente pericolo di vita.

Il direttore dell’ambulatorio, Dr Selman Berisha, ha ringraziato l’Italia, come si legge nel comunicato stampa del contingente italiano in Kosovo, per il suo impegno, che da oltre 18 anni, garantisce lo sviluppo e il miglioramento della capacità di intervento in un settore delicato come quello sanitario.

Il supporto alla popolazione,  realizzato grazie ai fondi della Difesa assegnati ai progetti della Cooperazione Civile e Militare (CIMIC), è una delle attività che si affianca a quella di monitoraggio della libertà di movimento e della vigilanza del Monastero di Decane, in prossimità della linea di  confine tra Kosovo e Serbia.

CIMIC è l’acronimo che indica la Civil Military Cooperation, una funzione operativa che presiede all’interazione tra le forze militari e le componenti civili presenti nelle aree di crisi, con attività di supporto alle fasce deboli delle popolazioni.  Il contingente italiano del MNBG-W, in questo paese, opera nell’ambito delle missioni KFOR a guida NATO. Le Kosovo Force (KFOR) hanno l’obiettivo di ristabilire l’ordine e la pace in Kosovo, paese che si è autoproclamato indipendente dalla Serbia nel 2008.

Kosovo: Kfor, esercitazione per garantire sicurezza al monastero di Decane.

SICUREZZA di

Nei giorni scorsi presso Belo Polje, il quartier generale della Kososvo Force(KFOR), si è tenuto un intenso addestramento per il Multinational Battle Group West(MNBG-W).

KFOR è una forza militare internazionale guidata dalla NATO, responsabile di ristabilire l’ordine e la pace in Kosovo, regione che ha dichiarato la propria indipendenza dalla Serbia nel 2008. Il 15 novembre scorso, inoltre, è stata la data del passaggio di consegne al comando, con il generale Salvatore Cuoci che è subentrato al generale Giovanni Fungo.

In particolare, i militari sono stati impegnati in un’esercitazione volta ad intensificare le procedure di controllo della folla e dell’ordine pubblico in occasione  di disordini o di concentrazione di masse ostili in prossimità di un sito protetto come il Monastero di Decane.

Come riportato dal comunicato dell’ufficio stampa del contingente italiano delle Kosovo Force, Il Battaglione di manovra multinazionale, su base 3° Reggimento Artiglieria da Montagna della Brigata Alpina “Julia” ha dislocato, nell’area di esercitazione di Camp “Villaggio Italia”,  un posto di comando e unità di manovra composto da militari Italiani, austriaci, sloveni e moldavi. L’obbiettivo era quello di preparare le unità del Multinational Battle Group West, che  risponde come primo responsabile, nei casi di disordini e violenze provocate dall’avvicinamento di una potenziale massa ostile in prossimità di un’ area sensibile e a rischio come quella del monastero di Decane.

L’operazione rientra nell’ambito delle attività autorizzate dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Esso prevede, oltre a garantire la sicurezza del Monastero di Decane, di mantenere la libertà di movimento, di impedire il ricorso alla violenza e di sviluppare progetti della Cooperazione Civile e Militare tesi a supportare il processo di crescita economica grazie allo sviluppo delle istituzioni locali.

Il comunicato ha reso noto che l’esercitazione è stata svolta sotto gli occhi del Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate ungheresi, il Generale Zoltán Mihócza

Il monastero, appartenente alla Chiesa Ortodossa Serba, dal 2006 è stato inserito nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

 

 

Kosovo: Conclusa operazione di addestramento da parte del Multinational Battle Group West

SICUREZZA di

Nei giorni scorsi a “camp Vrelo”, in Kosovo, si è conclusa un’importante operazione di addestramento da parte del contingente italiano del Multinational Battle Group West (MNBG-W), con la partecipazione all’esercitazione “Silver Sabre”. Il MNBG-W è composto da 650 militari provenienti da Italia Austria Moldavia e Slovenia. L’esercitazione “Silver Sabre” rientra nelle operazioni condotte dalla forza Nato “kosovo Force”, responsabile di ristabilire l’ordine e la pace nella regione del Kosovo. E’ mirata per valutare la capacità di risposta immediata contro la sicurezza e la libertà di movimento per la popolazione. In questa occasione, nel particolare le unità di manovra del MNBG-W hanno sviluppato delle procedure di controllo della folla e più in generale di gestione dell’ordine pubblico in occasione di disordini, di concentrazione di masse ostili e di una potenziale escalation di violenza nei pressi di una struttura, gestita dal personale della Liaison Monitoring Team (LMT). Quest’ultimo è uno dei nuclei di collegamento che opera con operazioni di monitoraggio nei territori municipali del Kosovo, sotto il controllo e la gestione dei Joint Regional Detachment. Nel proseguo dell’esercitazione, le unità di manovra in assetto anti-sommossa hanno applicato le procedure tecnico-tattiche tese al controllo della manifestazione, a respingere l’ammassamento di una folla ostile intenzionata ad introdursi all’interno dell’edificio e ad evacuare il personale LMT in una zona sicura. L’operazione rappresenta un’importante occasione di addestramento che apre a importanti margini di miglioramnto a livello di interoperabilità tra i diversi attori multinazionali. Rientra inoltre, nell’ambito delle attività autorizzate dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che prevede di garantire la sicurezza al Monastero di Decane, di impedire il ricorso alla violenza e di sviluppare progetti di Cooperazione Civile e Militare tesi a supportare il processo di crescita economica grazie allo sviluppo delle istituzioni locali.

KFOR: La cellula CIMIC dona  materiale tecnico ai vigili del fuoco in Kosovo

SICUREZZA di

I militari del contingente Italiano “Multinational Battle Group West”(MNGB-W) , in particolare quelli appartenenti alla cellula CIMIC, hanno effettuato una consegna di equipaggiamenti e materiali tecnici, forniti dalla croce rossa, a favore dei vigili del fuoco della Municipalità di Dakovica, in Kosovo. L’operazione rientra, oltre che nell’ambito generale delle missioni KFOR, appartenenti alla NATO, con l’obiettivo di ristabilire l’ordine e la pace in Kosovo, in particolare nell’ambito dei progetti CIMIC sviluppati a favore delle fasce deboli delle popolazioni. CIMIC è l’acronimo che indica la Civil Military Cooperation, una funzione operativa che presiede all’interazione tra le forze militari e le componenti civili presenti nelle aree di crisi.

A seguito dei gravi danni provocati dalle alluvioni negli anni scorsi, il contingente Italiano ha istruito i vigili del fuoco Kosovari sull’impiego e l’utilizzo dei materiali donati, in caso di necessità di allestimento di un campo per sfollati a seguito di calamità naturali. L’operazione è stata  possibile grazie all’impegno di cooperazione tra la cellula CIMIC, con il capo settore Roberto Faccani, e il comando operativo di vertice Interforze dello Stato Maggiore della Difesa .

La consegna è stata effettuata con una significativa cerimonia, dove il dottor Faccani ed il colonnello Enzo Ceruzzi, comandante del “Multinational Battle Group West”, hanno ufficializzato il passaggio dei materiali all’ente locale Kosovaro. In questa sede le autorità hanno comunicato, di comune accordo, che ci sarà nei prossimi mesi la necessità di effettuare un ulteriore intervento nel quale si fornirà all’ente locale il materiale necessario per completare un Posto Medico Avanzato, in modo da portare il personale sanitario direttamente sulle zone calamitose e a rischio. Quest’attività si inserisce in un ambito di cooperazione più ampio e funzionale chiamato “Sistema Paese” e sottolinea l’importanza dell’ormai imprescindibile interazione tra componenti civili e militari in tutti gli scenari operativi.

 

Il Ministro della Difesa della Slovenia Andreja Katič al MNBG WEST di KFOR

Difesa di

Il Ministro della Difesa della Slovenia Andreja Katič ha fatto visita oggi al Multinational Battle Group West (MNBG-W)  a guida italiana, su base 3° Reggimento Artiglieria da Montagna della Brigata Alpina Julia.

Il Comandante del contingente multinazionale, il Colonnello Enzo Ceruzzi, ha accolto il Ministro presso la base militare di Villaggio Italia e nel corso dell’incontro ha fornito un punto di situazione sulle attività in atto nel settore occidentale del Kosovo connesse al mandato della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

In particolare, il Comandante ha sottolineato l’importanza della sinergia tra i quattro contingenti che costituiscono il MNBG-W (Italia, Austria, Slovenia e Moldavia) tesa a garantire la sicurezza del Monastero di Decane e a monitorare la libertà di movimento nel settore di competenza.

Al termine dell’incontro, il Ministro sloveno ha espresso parole di apprezzamento per la meritoria opera svolta dal contingente multinazionale di KFOR evidenziando il successo e l’elevato profilo della missione.

Il Multinational Battle Group West, è composto al momento da circa 650 uomini e donne e dallo scorso dicembre ha effettuato circa 1500 pattuglie appiedate, circa 6500 posti di osservazione e quasi 3000 pattuglie motorizzate per un totale di oltre 170.000 chilometri percorsi.

KFOR – Joint Regional Detachment Centre, intervista al Colonnello Randacio

Video di

Nell’ambito della missione Kosovo Force una delle attività importanti che vengono svolte ha come obiettivo è quella di mantenere i rapporti con la popolazione locale, una mansione importante quanto delicata.

Tastare il polso della situazione, interpretare le esigenze delle varie comunità con lo scopo di mantenere un buon livello di comunicazione con i leader delle comunità.

Questa attività viene svolta con grande attenzione perché permette di avere sempre un quadro aggiornato della situazione e di fare previsioni a breve e medio termine sullo scenario locale.

Ce ne parla il Colonnello Francesco Randacio comandante del Joint Regional Detachment Centre della Kosovo Force.

%CODE1%

KFOR, I compiti del Multi National Battle Group West

Difesa/Video di

Il Multinational Battle Group West (MNBG WEST) nell’ambito della missione NATo della Kosovo Force ha il compito di assicurare protezione e sicurezza nel quadrante West del Kosovo. Oggi il comando di questa unità è affidato al Colonnello Stefano Imperia e la componente italiana è su base 32° Carri, con lui parliamo dei compiti operativi dell’Unità.

%CODE1%

Il Multinational Battle Group opera dalla base denominata “Villaggio Italia” che ospita da ormai diciotto anni le unità delle varie nazioni che partecipano alla missione.

La responsabilità principale nell’ambito della loro operatività è la protezione dello storico monastero ortodosso di Decane che rappresenta un simbolo per i serbi della zona e quindi un obiettivo sensibile ogni qualvolta la situazione dell’area diventa critica.

Questo settore del Kosovo è stato in passato uno dei più caldi e la presenza delle forze NATO ha permesso di ristabilire la pace e la sicurezza in tanti villaggi che sono stati teatro di atti di violenza durante il periodo di guerra e immediatamente successivo.

Oggi tutta l’area gode di una generale tranquillità assicurata dalla presenza della missione NATO che ha visto l’Italia tra i suoi più importanti contributori e la cui efficacia è testimoniata dalla buona accoglienza che le unità italiane ricevono sia dai Serbi che dagli albanesi Kosovari.

 

Kosovo: I medici militari italiani nelle scuole di Pec/Peja per parlare di droga e alcol

Difesa/EUROPA di
​Il 28 aprile 2017 si è concluso un ciclo di lezioni tenuto dai medici militari del Contingente italiano mirante a sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori di Pec/Peja sui gravi rischi circa il consumo di sostanze stupefacenti e l’abuso di alcool.
Il progetto, è frutto della collaborazione tra l’assessorato all’ istruzione e il Multinational Battle Group West (MNBG-W), è stato realizzato grazie all’impegno profuso dagli ufficiali italiani che operano nell’ambito delle operazioni civili – militari.
Le lezioni che si sono svolte in sei scuole della municipalità a partire dal mese di marzo, sono state tenute dal capitano Marco Romano, direttore dell’infermeria di Campo Villaggio Italia e hanno riscosso grande interesse da parte degli studenti. L’Assessore all’Istruzione Besim Avdimetaj nel discorso pronunciato in occasione della conclusione del progetto, si è detto entusiasta della collaborazione con i militari italiani di KFOR e ha affermato la grande utilità delle problematiche trattate. Il MNBG-W è un’Unità a leadership italiana attualmente su base 32 Reggimento Carri con cui operano anche militari austriaci, sloveni e moldavi.
Redazione
Vai a Inizio
WhatsApp chat