GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Tag archive

dea

Agenti Federali rubano  800.000 $ di moneta elettronica

INNOVAZIONE di

La tecnologia ha cambiato anche il mondo criminale, la moneta virtuale comincia a fare gola quanto il verde dei dollari.

Negli Stati Uniti una coppia di agenti federali sono stati accusati di riciclaggio e frode telematica perché durante una indagine  su una organizzazione criminale che operava on line si sono appropriati di ingenti volumi di Bitcoin,  la moneta virtuale molto utilizzata sul web.

Bitcoin è una moneta elettronica creata nel 2009 da un anonimo conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. A differenza della maggior parte delle valute tradizionali, Bitcoin non fa uso di un ente centrale: esso utilizza un database distribuito tra i nodi della rete che tengono traccia delle transazioni e sfrutta la crittografia per gestire gli aspetti funzionali come la generazione di nuova moneta e l’attribuzione di proprietà dei bitcoin.

I due agenti stavano indagando sulle attività illecite del famigerato sito SILKROAD nell’ambito delle indagini sul traffico di droga, armi tradizionali e di distruzione di massa, l’uomo accusato di gestire il sito, Ross Ulbricht, è stato condannato a febbraio, e i pubblici ministeri hanno sostenuto che aveva  guadagnato circa $ 18 milioni in Bitcoin dall’operazione.

Il Dipartimento di Giustizia (DoJ) americano  sostiene che Shaun Ponti rubato più di $ 800.000 (540.000 £) in Bitcoin invece il  suo collega, Carl Force  è stato accusato di riciclaggio di denaro e frode telematica.

L’agente  Force, che ha lavorato per la Drug Enforcement Administration (DEA), aveva il compito di infiltrarsi nell’organizzazione durante l’indagine  uno dei suoi compiti era quello di comunicare  con il capo dell’organizzazione,  Ulbricht,  conosciuto on-line come “Dread Pirate Roberts”.

Il DoJ sostiene che “senza autorità”, Force “ha sviluppato ulteriori personaggi online e impegnati in una vasta gamma di attività illegali calcolati per portarlo guadagno economico personale”.

“In tal modo,-  la denuncia sostiene – Force ha utilizzato diversi “personaggi “ digitali  che hanno realizzato  false transazioni on line molto complesse  con l’obiettivo di rubare la moneta virtuale.”

“In una tale operazione,- recita il comunicato stampa della DEA –  Force avrebbe venduto informazioni sulle indagini del governo al target delle indagini.” L’uomo di quarantasei anni  è accusato di frode telematica, il furto di proprietà del governo, il riciclaggio di denaro e  conflitto di interessi.

Shaun Bridges, che ha lavorato per i servizi segreti degli Stati Uniti, è accusato di frode filo e riciclaggio di denaro. L’accusa  sostiene che ha  trasferito più di $ 800.000 in Bitcoin in un conto presso MtGox, un cambio valuta giapponese digitale che ha presentato istanza di fallimento nel mese di febbraio.

“Ha avrebbe successivamente collegato i fondi ad un suo conto di investimento personale negli Stati Uniti. Entrambi gli uomini sono stati giudicati da un tribunale federale a San Francisco  e sono ora in custodia in un carcere federale americano.

 

Alessandro Conte

Alessandro Conte
Vai a Inizio
× Contattaci!