GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Tag archive

#covid19

La Banca Centrale Europea aumenta il piano di acquisti anti Covid-19

EUROPA di

Il 4 giugno, la Banca Centrale Europea (BCE) ha annunciato che aggiungerà altri 600 miliardi di euro al suo piano straordinario anti-pandemia dal valore di 750 miliardi, raddoppiando la sua dimensione. Tra circa un anno, alla sua conclusione, il PEPP- Pandemic emergency purchase programme- avrà dunque un valore complessivo di circa 1350 miliardi di euro. I tassi di interesse rimarranno, invece, invariati. L’annuncio era atteso ed è stato accolto molto bene da osservatori ed investitori: lo spread tra titoli di stato italiani e tedeschi è sceso in pochi minuti di 15 punti ed è ora a poca distanza dal valore che aveva prima dell’inizio della pandemia. L’Italia sarà uno dei paesi che probabilmente beneficeranno maggiormente del piano di acquisti della BCE.

L’annuncio della BCE

Prima dell’annuncio del 4 giugno circa l’impiego di nuove risorse, il PEPP prevedeva acquisti di obbligazioni europee, pubbliche e private, dal valore di 750 miliardi e avrebbe dovuto concludersi alla fine del 2020. Con l’aggiunta di 600 miliardi di euro al piano, quest’ultimo è stato raddoppiato nella sua dimensione. Il tasso di interesse sarà, invece, invariato: il tasso principale rimane fermo a zero, il tasso sui depositi resta a -0,50% e il tasso sui prestiti marginali a 0,25%. La BCE ha altresì annunciato che gli acquisti proseguiranno fino al 2021 o fino a che vi sarà la necessità: tutti i titoli acquistati che dovessero giungere a scadenza saranno rinnovati almeno fino alla fine del 2022 ed in ogni caso il PEPP continuerà finché la BCE “non giudicherà che la crisi del coronavirus è finita”. Quest’ultima, sembra essere la più controversa tra le decisioni annunciate: su questo punto, il Consiglio direttivo della BCE non avrebbe raggiunto l’unanimità, probabilmente a causa del particolare vantaggio dei Paesi dell’Eurozona molto indebitati, come l’Italia. Continue reading “La Banca Centrale Europea aumenta il piano di acquisti anti Covid-19” »

Il piano francese per un’industria automobilistica più ecologica e più competitiva

EUROPA di

La crisi causata dalla diffusione del Covid-19 ha inferto un duro colpo al settore automobilistico francese. Per salvare questo importante settore economico e le centinaia di migliaia di posti di lavoro che rappresenta, il 26 maggio, il Governo di Emmanuel Macron ha presentato un vasto piano di supporto per rendere il settore automobilistico francese più ecologico e competitivo. Lo Stato stanzierà nel settore oltre 8 miliardi di euro di aiuti ed in cambio, le case automobilistiche francesi si impegnano a ricollocare la produzione del valore aggiunto in Francia nonché a consolidare e mantenere tutta la produzione industriale sui siti francesi.

Un piano di sovranità industriale automobilistica

Riavviare la domanda, ricollocare la produzione in Francia e ripristinare la competitività attraverso gli investimenti: queste le priorità rilanciate dal Presidente della repubblica francese Macron, annunciando un piano dal valore di 8 miliardi di euro di aiuti per sostenere la ripresa del settore automobilistico, rendendolo più verde e competitivo. Il piano è stato simbolicamente presentato a Etaples (Pas-de-Calais), nella grande fabbrica europea Valeo di macchine elettriche a 48 volt, in prima linea nella lotta alle emissioni di CO2.

I finanziamenti non saranno privi di condizioni: le case automobilistiche francesi sono chiamate ad impegnarsi nel ricollocare la produzione del valore aggiunto in Francia nonché nel consolidare e mantenere tutta la produzione industriale sui siti francesi.

“Questo è un piano di difesa per il nostro settore che dovrà affrontare una delle crisi più gravi della sua storia. Si tratta di un piano di sovranità industriale automobilistica che mira a ricollocare il valore aggiunto, lottare per quest’ultimo e per far sì che i settori del futuro si verifichino” queste le parole del Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron “è quindi un piano dell’automobile del 21 ° secolo”.

I nuovi aiuti sono entrati in vigore il primo giugno, ai sensi di un decreto pubblicato il 31 maggio nella Gazzetta ufficiale francese. Tra questi premi e bonus, alcuni sono temporanei e cesseranno il 31 dicembre 2020.

I tre obiettivi

Il piano di 8 miliardi coprirà tre obiettivi ambiziosi per conquistare la sovranità industriale automobilistica. Il primo è aumentare la domanda e rinnovare il settore affinché diventi più ecologica. Ad ogni cambio di un vecchio veicolo dovrà seguire l’acquisto di un veicolo alimentato dal nuovo diesel o benzina, a motore ibrido o ancora meglio elettrico. L’imperativo è ridurre le emissioni di CO2. L’acquisto di un nuovo veicolo ha un costo significativo ma subentrerà l’aiuto dello Stato francese. Per consentire a più persone di guidare in modo più pulito ed economico il bonus ecologico per un veicolo elettrico al 100% aumenterà da 6.000 a 7.000 euro dal primo giugno ed è in fase di creazione un bonus ecologico pari a 2.000 euro per l’acquisto di veicoli ibridi plug-in con oltre 50 chilometri di autonomia, in modalità completamente elettrica e che costino meno di 50.000 euro. Inoltre, il premio di conversione per le aziende è stato aumentato da 3.000 a 5.000 euro. Il massimale delle entrate fiscali che consente di beneficiare di premi più elevati è stato, invece, aumentato a 18.000 euro mentre il premio di demolizione assegnato per la sostituzione di un veicolo con un altro meno inquinante viene esteso ai veicoli classificati Crit’Air 3, ovvero veicoli a benzina immatricolati prima del 2006 ma anche diesel prima del 2011.

Al contempo, è stato accelerato il dispiegamento di terminali elettrici in tutto il paese, con l’obiettivo di raggiungere 100.000 terminali entro il 2021. La Francia mira, così, a diventare il primo paese europeo ad avere un sistema di supporto così ambizioso per i veicoli elettrici e ibridi.

Un altro pacchetto di misure è entrato in vigore il 1 ° giugno: il raddoppio da parte dello Stato del miglioramento del premio di conversione per le persone che vivono o lavorano in aree a basse emissioni, entro il limite di 1000 euro, nonché il pagamento da parte dello Stato degli stessi aiuti concessi per l’acquisto di una bicicletta assistita elettricamente, fino a 200 euro.

Il secondo obiettivo del piano francese per sostenere il settore automobilistico è quello di ricollocare la produzione in Francia. “Ora dobbiamo pensare a costruire il domani” ha dichiarato il Presidente Macron “La nostra industria automobilistica deve essere al centro della sfida della modernizzazione, dell’elettricità e dell’autonomia. In questa prospettiva, il nostro obiettivo è chiaro: rendere la Francia la prima nazione a produrre veicoli puliti in Europa portando a oltre 1 milione entro 5 anni la produzione annua di veicoli elettrici, ibridi plug-in o ibridi”.

Il terzo obiettivo che si pone la Francia è investire nella modernizzazione delle società francesi incrementando la competitività. A tal fine è in fase di creazione un fondo per il futuro dell’automobile dotato di: 200 milioni di euro in sovvenzioni destinate ad aiutare la digitalizzazione, la robotizzazione e l’industria, compresa la trasformazione ecologica di piccoli attori del settore che non possono permettersi questi cambiamenti; 150 milioni di euro a supporto dello sforzo di ricerca delle aziende del settore; 600 milioni di euro per sostenere la crisi che ha investito i produttori.

 

Francia, battuta d’arresto per l’ idrossiclorochina contro il Covid-19

EUROPA di

Dopo uno studio pubblicato sulla rivista “The Lancet” che evidenzia l’inefficacia e i rischi dell’uso di idrossiclorochina per curare il Covid-19, il 26 maggio, in Francia, l’Alto Consiglio per la sanità pubblica (HCSP) e l’Agenzia dei medicinali (ANSM) hanno dichiarato di essere contrari al suo uso come trattamento o in studi clinici. In Europa, il clamore nei confronti dell’uso di idrossiclorochina è nato proprio in Francia, soprattutto grazie ad uno studio condotto dall’infettivologo Didier Raoult. Qualche ora dopo l’annuncio francese, anche l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha sospeso l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina per il trattamento del Covid-19. Ciò fa eco all’annuncio dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) risalente al 25 maggio circa la sospensione temporanea dell’uso del medicinale nell’ambito del processo di solidarietà globale per la lotta al coronavirus.

Il “guru dell’idrossiclorochina”

Derivato dalla clorochina-un medicinale contro la malaria-l’idrossiclorochina è prescritta per combattere le malattie autoimmuni, il lupus o l’artrite reumatoide. Si tratta di uno dei tanti trattamenti testati dall’inizio dell’epidemia da coronavirus, ma il suo utilizzo è oggetto di molte controversie.

A marzo gli Stati Uniti hanno concesso l’autorizzazione di emergenza per l’uso del farmaco nella lotta al Covid-19 e Donald Trump ha dichiarato che lui stesso lo sta assumendo per scongiurare un contagio. In Europa il clamore nei confronti dell’uso di idrossiclorochina è nato in Francia, dove un piccolo studio svolto nella clinica di Marsiglia e condotto dall’infettivologo Didier Raoult ha rivelato di avere risultati promettenti. Sin dall’inizio dell’epidemia in Francia, si è creato uno scontro tra sostenitori e avversari dell’infettivologo Didier Raoult, rivelatosi il più noto portavoce dei presunti benefici dell’idrossiclorochina, attraverso studi realizzati sui suoi pazienti ricoverati nell’istituto Méditerranée Infection di Marsiglia. In particolare, Raoult utilizza l’ idrossiclorochina in pazienti con forme minori di coronavirus ed in combinazione con un antibiotico della famiglia dei macrolidi, l’azitromicina. Raoult, 68 anni, è diventato una star del web, parlando quasi esclusivamente attraverso video postati su YouTube. Sostenuto da alcuni politici locali della destra francese, come il sindaco di Nizza Christian Estrosi, Raoult è altresì diventato collaboratore della nuova rivista sovranista di Michel Onfray. Continue reading “Francia, battuta d’arresto per l’ idrossiclorochina contro il Covid-19” »

Il piano di Francia e Germania per la ripresa dell’economia europea

EUROPA di

Il 18 maggio, i governi di Francia e Germania hanno presentato un ambizioso piano congiunto per la condivisione in Europa dei costi della crisi dovuta alla diffusione del Covid-19. In una videoconferenza la Cancelliera tedesca, Angela Merkel ed il Presidente francese, Emmanuel Macron, hanno annunciato varie proposte per aiutare l’UE ad uscire dalla crisi attuale, la più importante delle quali è la creazione di un “fondo per la ripresa” europeo-Recovery fund- dal valore di 500 miliardi di euro, finanziato da emissioni di debito comune. Dopo mesi di negoziazioni difficili in cui la posizione del blocco di paesi dell’Europa settentrionale, guidati dalla Germania, si opponeva a quella dei Paesi dell’Europa meridionale, guidati dalla Francia, si aprono nuovi scenari.

Un compromesso concreto

Quello raggiunto da Francia e Germania è il primo compromesso concreto per la condivisione del debito europeo, dopo le varie proposte circolate nelle ultime settimane e parzialmente discusse in seno all’ultimo Consiglio europeo, l’organo dell’Unione Europea che comprende i capi di stato e di governo degli Stati membri. Si tratta di un passo importante per la tanto discussa creazione degli eurobond, nonché del tentativo più significativo di affrontare la crisi economica congiuntamente a livello europeo e non unilateralmente da parte dei singoli stati.

La Cancelliera tedesca, Angela Merkel ed il Presidente francese, Emmanuel Macron hanno presentato il piano in una videoconferenza in cui hanno sottolineato la necessità di aiutare i paesi ed i settori economici maggiormente colpiti dalla crisi e l’importanza di farlo rafforzando l’Unione europea, creando un’unione più forte e coesa. Le proposte riguardano la creazione di un fondo per la ripresa europeo, una maggiore cooperazione tra i Paesi dell’UE in ambito sanitario, al fine di avere strategie comuni in caso di emergenza e una maggiore collaborazione nella ricerca e nella produzione di vaccini, maggiori investimenti per la digitalizzazione e per il rilancio del Green Deal europeo, nonché uno sforzo congiunto per rafforzare il mercato unico europeo e la libera circolazione tra i Paesi membri.

Il fondo per la ripresa

Il fondo per la ripresa, con un valore di 500 miliardi di euro, finanziato da emissioni di debito comune, rappresenta la proposta più rilevante del piano Merkel-Macron. Il fondo permetterebbe all’UE di avere uno strumento da poter impiegare a breve termine per sostenere la ripresa dall’attuale crisi dovuta al coronavirus ed al contempo pone al centro il bilancio settennale dell’UE per il 2021-2027.

A differenza del MES, il fondo proposto dalla Francia e dalla Germania, non prevederebbe prestiti da parte dell’Unione ai paesi in maggiore difficoltà, bensì sussidi a fondo perduto, da impiegare direttamente per sollevare l’economia europea. Affidato alla Commissione europea e finanziato a partire dai mercati finanziari a nome dell’Unione europea-costituendo dunque un debito pubblico comune- il fondo sarebbe ripagato equamente da tutti gli Stati membri negli anni successivi. Il meccanismo di finanziamento sarebbe così simile a quello discusso per i cosiddetti eurobond-i “titoli di stato europei” invocati dai paesi dell’Europa meridionale per aiutare le economie dei paesi più colpiti dalla pandemia- che aveva trovato, tuttavia, l’opposizione da parte dei paesi dell’Europa settentrionale, Germania compresa. Si tratta, infatti, della prima volta in cui la Germania sostiene la possibilità di creare debito pubblico comunitario. Infine, rileva che il fondo proposto da Merkel e Macron avrebbe un valore minore rispetto a quanto chiesto in passato- si era, infatti, parlato di 2.000 miliardi di euro- e nella nuova proposta la gestione spetterebbe alla Commissione europea e non direttamente agli stati membri, come ipotizzato inizialmente.

La Presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha accolto con interesse la proposta: “Accolgo con favore la proposta costruttiva fatta da Francia e Germania. Riconosce la portata e le dimensioni della sfida economica che l’Europa deve affrontare e giustamente pone l’accento sulla necessità di lavorare su una soluzione con il bilancio europeo al centro” ha dichiarato.

La controproposta dei “frugal four”

I due leader hanno dichiarato di essere giunti alla proposta dopo aver discusso a lungo sia con i Paesi dell’Europa meridionale che con quelli dell’Europa settentrionale. In tale ottica, il fondo si pone come un compromesso da cui partire per trovare un accordo tra tutti gli Stati membri dell’UE: il passaggio dal meccanismo di prestiti a quello dei sussidi dovrebbe trovare l’approvazione di paesi come Italia e Spagna, mentre le dimensioni ridotte del fondo per la ripresa e la gestione da parte della Commissione europea rappresenteranno una garanzia per i paesi scettici agli eurobond come Olanda ed Austria. Tuttavia, dopo la proposta franco-tedesca, proprio l’Austria si è posta come leader dell’opposizione dei “frugal four”- Austria, Danimarca, Olanda e Svezia- mostrando ostilità al piano di Merkel e Macron e con l’obiettivo di tornare all’originaria proposta del meccanismo di prestiti e scongiurare l’allargamento del budget europeo 2021-2027. Il Cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, ha, così, annunciato che lavorerà ad una controproposta rispetto al piano franco-tedesco insieme agli altri paesi del “club dei frugali”. La proposta dovrebbe essere presentata in tempi stretti e comunque prima del 27 maggio, la data di presentazione del “vero” fondo per la ripresa da parte della Commissione, l’istituzione incaricata di fare sintesi fra le posizioni dei vari paesi in un’unica proposta.

La posizione dell’Italia e dell’Europa meridionale

All’estremo opposto dei “frugal four” vi sono i Paesi che invocano proprio la misura più avversata dal gruppo guidato da Kurz: uno sforzo comune per l’Unione europea, che si concretizza nel sostegno alla mutualizzazione del debito sotto forma di bond emessi a livello comunitario. Tra questi, l’Italia, tramite il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha ricordato di aver inviato una lettera al Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in favore dei cosiddetti coronabond e di aver ottenuto l’adesione di otto paesi: Belgio, Francia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo, Slovenia e Spagna. Conte ha invitato la Commissione europea a dar vita ad un piano ancora più ambizioso di quello prospettato da Merkel e Macron, in quanto la loro proposta non esplicita la dimensione attesa per il recovery fund. Quanto alla modalità di erogazione degli aiuti, il Presidente del Consiglio italiano ha insistito sul ricorso ai “grants”, le sovvenzioni, criticando gli stereotipi sulla spaccatura Nord-Sud Europa ed evidenziando come la caduta verticale dell’economia Ue richieda una risposta congiunta ed immediata dei 27.

 

 

 

 

 

 

Francia, un “Piano Marshall” per la ripresa del turismo

EUROPA di

“I francesi potranno andare in vacanza in Francia”: il 14 maggio il Primo ministro Edouard Philippe ha presentato un “massiccio” piano di incentivazione turistica, che rappresenta per le finanze pubbliche un impegno di 18 miliardi di euro. Il deconfinamento continua così in Francia con l’annuncio da parte del governo di un “Piano Marshall” per il turismo: un piano senza precedenti che mira alla ripresa ed al rilancio di un settore duramente colpito dalla crisi dovuta alla diffusione del Covid-19. La Francia è la destinazione turistica numero uno al mondo e per sviluppare questo settore strategico, il Governo ha fatto del turismo una priorità della sua azione.

Continue reading “Francia, un “Piano Marshall” per la ripresa del turismo” »

Turismo e trasporti: il pacchetto della Commissione europea per il rilancio del settore

EUROPA di

Il 13 maggio la Commissione europea ha presentato un pacchetto di orientamenti e raccomandazioni per aiutare gli Stati membri dell’UE, dopo mesi di lockdown, ad eliminare gradualmente le restrizioni ai viaggi, consentire la riapertura delle imprese turistiche e rilanciare il settore turistico europeo, nel rispetto delle precauzioni sanitarie. L’obiettivo è garantire che l’Europa continui ad essere la prima destinazione dei turisti. “L’Europa sta riaprendo, passo dopo passo. Oggi la Commissione europea fornisce indicazioni su come riprendere a viaggiare in modo sicuro e responsabile e rimettere in piedi il turismo europeo” ha scritto su Twitter la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Misure per turisti e viaggiatori

La libera circolazione e gli spostamenti transfrontalieri sono fondamentali per il turismo e rappresentano un pilastro fondamentale dell’Unione europea. Man mano che gli Stati membri riusciranno a limitare la diffusione del Covid-19, le restrizioni generalizzate alla libera circolazione dovrebbero essere sostituite da misure più mirate. Qualora la situazione sanitaria non giustifichi un’eliminazione generalizzata delle restrizioni, la Commissione europea propone un approccio graduale e coordinato che inizi con l’eliminazione delle restrizioni tra zone o Stati membri che presentano situazioni epidemiologiche sufficientemente simili. L’approccio deve, inoltre, essere flessibile e comprendere la possibilità di reintrodurre determinate misure restrittive qualora la situazione epidemiologica lo richieda. Nel dettaglio, gli Stati membri dovrebbero agire sulla base di tre criteri: epidemiologico, focalizzandosi nelle zone in cui la situazione sanitaria è in miglioramento, in virtù degli orientamenti del Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie nonché con l’ausilio della relativa mappa regionale; capacità di applicazione di misure di contenimento durante i viaggi, ivi comprese cautele e misure ulteriori nei casi in cui sia difficile garantire il distanziamento sociale; considerazioni di natura economica e sociale, dando priorità in un primo momento agli spostamenti transfrontalieri nelle principali zone di attività.

Di particolare importanza è il principio di non discriminazione: uno Stato membro che decida di consentire i viaggi nel proprio territorio o in regioni e zone specifiche all’interno del proprio territorio dovrebbe farlo in modo non discriminatorio e consentendo i viaggi da ogni zona, regione o paese dell’UE che presenti condizioni epidemiologiche simili. Le restrizioni devono, dunque, essere eliminate senza discriminazioni, per tutti i cittadini dell’UE e per tutti i residenti dello Stato membro interessato, indipendentemente dalla cittadinanza.

 

Gli orientamenti, presentanti dalla Commissione europea il 13 maggio, illustrano principi generali per il ripristino sicuro e graduale del trasporto dei passeggeri per via aerea, ferroviaria, stradale e per vie navigabili. A tal proposito la Commissione ha formulato una serie di raccomandazioni, quali ad esempio la necessità di limitare il contatto tra i lavoratori del settore e i passeggeri, nonché tra i passeggeri stessi, e la riduzione, qualora possibile, della densità dei passeggeri. Inoltre, è stato stabilito un quadro comune che fissa i criteri per la ripresa graduale e in sicurezza delle attività turistiche e sviluppa protocolli sanitari per gli alberghi e gli altri tipi di strutture ricettive con l’obiettivo di proteggere la salute degli ospiti e dei dipendenti.

Gli Stati membri, con il sostegno della Commissione, hanno altresì concordato gli orientamenti per garantire l’interoperabilità transfrontaliera delle applicazioni di tracciamento, in modo che i cittadini possano essere allertati in caso di potenziale contagio da coronavirus anche quando viaggiano nell’UE. I requisiti di queste applicazioni sono volontarietà, trasparenza, carattere temporaneo, cibersicurezza, uso di dati anonimizzati e della tecnologia Bluetooth, interoperabilità transfrontaliera e tra sistemi operativi.

Ai sensi della normativa UE, in caso di annullamento di titoli di trasporto o di pacchetti turistici, i viaggiatori hanno il diritto di scegliere tra ricevere dei buoni o il rimborso in denaro. Confermando questo diritto, la raccomandazione della Commissione mira al tempo stesso a garantire che i buoni diventino un’alternativa valida e più attraente rispetto al rimborso per i viaggi annullati nel contesto dell’attuale pandemia, che ha comportato un grave onere finanziario anche per gli operatori turistici. I buoni dovrebbero essere protetti in caso di insolvenza di chi li ha emessi, avere un periodo minimo di validità di 12 mesi ed essere rimborsabili dopo al massimo un anno, se non utilizzati. Dovrebbero inoltre offrire flessibilità sufficiente, consentire ai passeggeri di viaggiare sulla stessa tratta alle stesse condizioni di servizio, permettere ai viaggiatori di concludere un contratto per un pacchetto turistico con servizi dello stesso tipo o di qualità equivalente e dovrebbero anche essere trasferibili a un altro viaggiatore.

Misure per le imprese turistiche

Continue reading “Turismo e trasporti: il pacchetto della Commissione europea per il rilancio del settore” »

Coronavirus, le novità in Francia

EUROPA di

Il 2 maggio, dopo un Consiglio dei Ministri straordinario, il Governo francese ha annunciato di voler estendere lo stato d’emergenza sanitaria fino al 24 luglio. Quest’ultimo non si concluderà dunque con il déconfinement programmato dall’11 maggio e paradossalmente, all’occorrenza, potrebbero essere adottare delle misure più restrittive rispetto a quelle già imposte. Nel frattempo, lo stesso piano di déconfinement, dopo esser stato approvato dall’Assemblea Nazionale è stato respinto dal Senato, sebbene i due voti siano simbolici e non abbiano alcun impatto sull’avvio della strategia del governo. In una Francia impegnata a fronteggiare l’emergenza emerge poi un dato che potrebbe riscrivere la cronologia della pandemia: è stato, infatti, accertato un caso di Covid-19 risalente al 27 dicembre, quasi un mese prima del primo contagio ufficiale-24 gennaio- registrato Oltralpe.

 Il nuovo disegno di legge

Dopo un Consiglio dei ministri straordinario, tenuto sabato 2 maggio, il Ministro della sanità Olivier Véran ed il Ministro dell’interno, Christophe Castaner, hanno chiarito il contenuto del Disegno di legge che estende lo stato d’emergenza fino al 24 luglio e specifica le misure che si applicheranno in merito alla quarantena ed all’isolamento delle persone risultate positive. Il testo, che contiene sette articoli, mira a “consolidare il quadro giuridico” e ad ampliarlo per “integrare le questioni del deconfinamento”, che dovrebbe iniziare l’11 maggio. I due ministri hanno pertanto chiarito la strategia nazionale per la prossima fase della gestione del virus, le cui linee principali erano state presentate all’Assemblea nazionale il 28 aprile dal Primo Ministro, Edouard Philippe.

Olivier Véran ha sottolineato che non sarà “un semplice passo indietro: dovremo vivere per un po’ con il virus”. Il Ministro ha poi dichiarato che non è il momento di rilassarsi nella lotta contro il virus, in caso contrario “tutti questi sforzi fatti mirabilmente dai francesi sarebbero stati vani”. Inizialmente, il Ministro della Salute ha annunciato che la quarantena sarà obbligatoria per “chiunque entri nel territorio” ma il Palazzo dell’Eliseo ha poi chiarito che questa misura non riguarderà i viaggiatori provenienti dall’Unione Europea, dalla zona Schengen o dal Regno Unito, qualunque sia la loro nazionalità. “Un decreto, su proposta degli scienziati, definirà la durata, le condizioni di accesso ai beni essenziali, il follow-up medico che sarà organizzato” ha aggiunto Véran specificando che la misura riguarderà gli asintomatici, mentre per coloro che sviluppano sintomi, l’isolamento sarà obbligatorio. D’altro canto, saranno imposte misure di isolamento per le persone risultate positive già presenti sul territorio francese, ma il governo non ha adottato misure coercitive in caso di mancato rispetto di tale isolamento. “I francesi continueranno ad essere responsabili; non è necessario introdurre misure nella legge per costringerli a rimanere a casa” ha dichiarato Véran. Lo stesso Edouard Philippe, il 28 aprile aveva spiegato: “Lasceremo la scelta alla persona testata positiva di isolarsi a casa, il che comporterà il confinamento di tutta la casa per quattordici giorni, oppure isolarsi in un luogo messo a sua disposizione, in particolare in hotel requisito”. Il Ministro della Salute ha inoltre annunciato che la tracciabilità dei contatti delle persone risultate positive non verrà effettuata con un’applicazione telefonica. “A partire dall’11 maggio no, non ci sarà alcuna applicazione StopCovid disponibile nel nostro paese e il Primo Ministro è stato molto chiaro: se questo tipo di applicazione dovesse vedere la luce del giorno, ci sarebbe un dibattito specifico in Parlamento , nulla è cambiato da quel punto di vista” ha dichiarato il Ministro distinguendo quattro tipologie di “contact tracing” esercitate dal personale sanitario, dall’assicurazione sanitaria, dalle Agenzie regionali e infine dalla sanità pubblica francese con la direzione generale della sanità.

“L’11 maggio, se le condizioni saranno soddisfatte, la regola generale tornerà ad essere la libertà di movimento e i francesi non dovranno più produrre un certificato per uscire per strada” ha dichiarato il Ministro dell’Interno, Christophe Castaner, confermando altresì la sua intenzione di rendere obbligatoria l’uso delle mascherine nel trasporto pubblico. Per quanto riguarda i negozi, il Ministro ha avvertito che riapriranno solo se verranno rispettate le misure di precauzione: “Stiamo lasciando la scelta binaria tra apertura e chiusura: sarà ora possibile assoggettare l’apertura di uno stabilimento a condizioni specifiche”. Al fine di applicare queste regole, il disegno di legge prevede altresì l’estensione dei poteri di verbalizzazione a diverse categorie di agenti che potrebbero, a partire dall’11 maggio, “riconoscere il mancato rispetto delle norme di emergenza sanitaria e punirlo”. “È un contributo considerevole, è un segno di fiducia. È per darci tutte le possibilità affinché il deconfinamento avvenga nelle migliori condizioni sanitarie possibili” ha precisato Christophe Castaner, appellandosi al “civismo dei francesi”.

Il testo del disegno di legge, dopo l’analisi del Senato e dell’Assemblea Nazionale, passerà all’adozione definitiva prima del fine settimana.

La posizione del Senato e la scoperta di un caso positivo a dicembre

Il 4 maggio, il Senato francese, con una maggioranza di seggi appartenenti ai partiti di destra, non ha convalidato la strategia di deconfinamento del governo con un’astensione “massiccia” da parte dei senatori di Les Républicains (LR) e un voto contrario dei gruppi socialisti e comunisti. Presentato dal Primo Ministro, il piano è stato, invece, approvato il 28 aprile dall’Assemblea Nazionale, a maggioranza di deputati appartenenti a La République en Marche. I due voti all’Assemblea Nazionale ed al Senato rimangono prettamente simbolici e non hanno alcun impatto sull’avvio del déconfinement, ciò che conta è il cambio di atteggiamento da parte del Senato francese: inizialmente conciliante nell’ affrontare l’epidemia, l’istituzione francese ha poi cambiato tono, ponendo persino la minaccia di un rinvio al Consiglio costituzionale se la questione della responsabilità delle autorità locali nella gestione del deconfinamento non fosse risolta.

 

In un quadro già di per sé complesso si aggiunge un ulteriore dato rilevante: è stato infatti accertato un caso di Covid-19 risalente al 27 dicembre, quasi un mese prima del primo contagio ufficiale-24 gennaio-registrato nel territorio francese. Il caso è stato scoperto dall’ospedale Jean-Verdier di Bondy, nella banlieue parigina, dove sono stati riesaminati i tamponi di pazienti ricoverati con polmonite nel mese di dicembre. Sarà, dunque, necessario riscrivere la cronologia dell’epidemia in Francia, primo Paese europeo a dichiarare il ricovero di pazienti Covid 19.

L’ISIS approfitta dell’emergenza sanitaria per guadagnare terreno

MEDIO ORIENTE di
Con i soldati iracheni mobilitati contro l’emergenza Covid19 e il ritiro di alcune truppe della coalizione, i jihadisti intensificano i loro attacchi.

In piena pandemia l’Iraq ha messo in campo una parte del proprio esercito per sostenere le misure adottate contro il coronavirus e ha sospeso i programmi di addestramento anti-jihadisti ricevuti dalla coalizione internazionale. Molti membri di quest’ultima hanno ritirato le truppe impegnate in questa missione. Contemporaneamente, gli Stati Uniti hanno ritirato i propri militari da due basi a causa degli attacchi delle milizie filo-iraniane. Gli osservatori avvertono che lo Stato Islamico (ISIS) sta cercando di sfruttare questa crisi sanitaria per guadagnare terreno.

“Il coronavirus ha fortemente influenzato le operazioni contro l’ISIS, poiché la maggior parte delle truppe irachene si sono trasferite dalle valli e dai deserti ai centri urbani per imporre e gestire il coprifuoco”, secondo Hisham al Hashemi, consigliere del governo di Baghdad nella lotta ai gruppi terroristici. Tuttavia, Al Hashemi sottolinea che la riduzione delle forze straniere era già iniziata prima della diffusione del Covid19 e che i militanti dello Stato Islamico avevano ricominciato l’avanzata già dallo scorso anno.

In concomitanza con il declino delle attività di controinsurrezione, l’organizzazione jihadista è stata particolarmente attiva nel mese di marzo. A Khanaqin,  nel Governatorato di Diyala e vicino al confine iraniano, ha attaccato diversi basi delle forze di sicurezza causando alcune vittime. Ha anche attaccato con mortai in alcuni quartieri delle città di Tuz Khurmatu e Amirli (entrambe nel Governatorato di Saladino), cosa che non accadeva da un paio d’anni. Il timore è quello di un inizio di un nuovo ciclo di omicidi di leader locali con lo scopo di intimidire la popolazione.

Gli stessi propagandisti dell’ISIS si sono vantati delle loro intenzioni, come ha evidenziato nel suo blog Aymenn al Tamimi, ricercatore alla George Washington University. Al Tamini, che analizza dettagliatamente le pubblicazioni del gruppo, osserva un incoraggiamento verso i seguaci e sostenitori “a non mostrare misericordia nell’organizzazione di evasioni da prigioni e nel lancio di attacchi”. Secondo il ricercatore, l’ISIS “vede la pandemia come un’opportunità per sfruttare le divisioni e le debolezze dei suoi nemici; e allo stesso tempo, fornisce consigli utili sulla salute dei propri membri al fine di evitare il contagio.

Sebbene Daesh affermi di aver intensificato il numero di attacchi, in realtà non vi è stato alcun aumento significativo. Gli attacchi sono passati dalle centinaia lanciati nel 2014, quando il governo iracheno ha richiesto assistenza internazionale per fermare l’avanzata dei jihadisti, a una decina a settimana nell’ultimo periodo. Inoltre, con il supporto della coalizione si è riusciti a recuperare il territorio conquistato dall’ISIS precedentemente.

La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che la minaccia non è la stessa. “C’è una ripresa dell’ISIS in alcune zone del’Iraq e della Siria,  ma è improbabile che possa lanciare una campagna territoriale come quella del 2014; è possibile inquadrarla come un’insurrezione di basso livello in particolare aree vulnerabili come Diyala”, sottolinea Hafsa Halawa, ricercatrice presso il Middle East Institute, in un recente seminario online, aggiungendo che “quello che abbiamo visto nel lavoro degli ultimi anni sul campo è che la popolazione è contro il settarismo”.

Secondo Farhad Alaaldin, presidente del Consiglio Consultivo iracheno (un’ong che fornice consulenza al governo iracheno), le operazioni dell’ISIS “sono limitate alla terra di nessuno rimasta tra le forze irachene  e i Peshmerga (truppe curde), che vanno da una dozzina di chilometri in alcune aree a poche centinaia di metri in altre”. Secondo Alaaldin, “il problema  non è l’assenza  delle forze statunitensi sul campo, dal momento che crede che l’Iraq abbia abbastanza truppe da combattimento, ma la condivisione delle informazioni e il supporto logistico, che deve continuare ed essere rafforzato”.

Il portavoce dell’esercito statunitense, il Colonnello Myles B. Caggins, sottolinea come le misure adottate dalla coalizione internazionale in seguito all’emergenza coronavirus possano comportare una diminuzione del sostegno alle forze irachene. Consapevoli della battaglia politica a Baghdad sulla presenza delle truppe straniere, i militari insistono sul fatto che il successo contro Daesh dipende dalla cooperazione tra le truppe locali e la coalizione.

Di Mario Savina

Covid-19, la Repubblica Ceca tra riaperture, aiuti europei e prevenzione

EUROPA di

La Repubblica Ceca, colpita dalla pandemia del Covid-19 già dai primi di marzo, sta attraversando ora una fase molto simile a quella degli altri paesi europei: pianificare le prime riaperture ma continuare a prevenire l’ulteriore diffusione del virus, senza recare eccessivi danni all’economia. Un’impresa non da poco che Praga affronta grazie alle misure di aiuti di Stato approvati dalla Commissione europea e dal prestito della Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa, ed inoltre estendendo la “smart quarantine”, provata nella Moravia meridionale, in tutto il paese.

Le ultime misure del governo

In vista di un futuro allentamento delle misure di lockdown ma con la volontà di scongiurare l’ulteriore diffusione del coronavirus, il governo di Praga ha preso molteplici misure. Il ministro della Sanità Vojtech ha annunciato il 21 aprile il lancio di un test su larga scala di persone selezionate in modo casuale in determinate località del Paese. “Stiamo lanciando uno studio unico sull’immunità collettiva. 27.000 persone saranno testate per la presenza di coronavirus. Vogliamo scoprire quanta parte della popolazione ha riscontrato l’infezione e quale immunità hanno i diversi gruppi di età. Di conseguenza, saremo in grado di comprendere meglio la situazione e creare una previsione per lo sviluppo futuro”, ha dichiarato Vojtech su Twitter. Lo studio avrà luogo a Praga, Brno e dintorni, Olomouc e dintorni, Litoměřice, Litovel e Uničov. La partecipazione è volontaria, ma i partecipanti non devono avere alcun sintomo associato al Covid-19, né possono essere stati precedentemente contagiati dal virus.
Inoltre, a partire dal 20 aprile è stato possibile riaprire diverse attività: negozi di artigiani (evitando comunque il diretto contatto con i clienti), rivenditori di automobili e mercati all’aperto. Gli studenti universitari potranno tornare all’università per avere colloqui individuali con i docenti in caso di necessità; si possono celebrare matrimoni (con un massimo di 10 persone come ospiti) e gli atleti professionisti potranno tornare ad allenarsi all’aperto.
Un’altra importante misura riguarda gli aiuti che lo Stato fornisce alla popolazione: i lavoratori autonomi colpiti dalla pandemia riceveranno a maggio un pagamento di 15.000 corone dallo stato, secondo quanto ha dichiarato il Primo Ministro Babiš. “Il governo è anche pronto per i pagamenti a giugno, se necessario”, ha poi aggiunto. Già ad aprile era stata approvata una politica di aiuti, una somma forfettaria di 25.000 corone. Per accedere al pagamento, i richiedenti devono dimostrare di soddisfare due condizioni: essere un lavoratore autonomo; l’attività autonoma del richiedente deve essere la sua attività principale.

L’estensione della Smart Quarantine

Come ulteriore forma di prevenzione, a partire dal 20 aprile, il progetto di “quarantena intelligente” testato sulla regione della Moravia meridionale è stato esteso a tutto il paese. Si tratta di un progetto che prevede di rintracciare tutti i contatti avuti dalle persone che risultano positive al virus nei cinque giorni precedenti al tampone, creando delle mappe per ricostruire i loro movimenti con l’aiuto di banche e operatori di telefonia mobile. Tutti coloro con cui sono entrati in contatto i positivi verranno testati e messi in quarantena per evitare l’ulteriore diffusione del virus. La quarantena intelligente contribuirà all’accelerazione nel processo di identificazione dei nuovi casi di coronavirus, nonché nel processo di riapertura delle attività del Paese. Secondo quanto previsto, tutti i dati dovranno essere definitivamente cancellati dopo che la ricerca è stata completata, ed inoltre solo gli epidemiologi potranno accedere ai dati.

Aiuti dall’Europa

La Commissione europea ha approvato un regime di aiuti di Stato per la Repubblica ceca fino a 1 miliardo di CZK (circa 37 milioni di euro). Il Paese ha notificato alla Commissione, sotto il Temporary Framework, uno schema per sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese nella produzione di prodotti rilevanti per l’epidemia di coronavirus; lo schema iniziale prevede un budget di 300 miliardi di corone ceche, approssimativamente 11 milioni di euro, per poi poter essere incrementato fino a 37 milioni di euro. Il sostegno pubblico avverrà attraverso delle sovvenzioni dirette: coprirà il 50% dei costi ammissibili che le aziende devono sostenere per produrre i prodotti ora fondamentali. L’obiettivo è proprio migliorare e accelerare la produzione per contrastare la diffusione del coronavirus e curare chi è già stato contagiato attraverso ventilatori, indumenti, attrezzature protettive e strumenti diagnostici. Nell’ambito del regime, i progetti di investimento saranno completati entro sei mesi dalla data di concessione dell’aiuto. L’approvazione della Commissione è dovuta alla vitale importanza che ricoprono gli aiuti per il paese, essenziali al raggiungimento di un obiettivo di comune interesse; inoltre, il regime è necessario, appropriato e proporzionato per combattere la crisi sanitaria.
Infine, la Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa, ha approvato un prestito di 300 milioni di euro alla Repubblica Ceca per finanziare le spese sanitarie per combattere la diffusione e l’impatto della pandemia. Si tratta del primo prestito del governo con questa banca, supporterà il governo ceco nel proseguire i suoi sforzi per mitigare la diffusione e le conseguenze del Covid-19 coprendo il 90% del costo totale richiesto a breve termine. Consentirà l’acquisizione di materiale e attrezzature mediche, inclusi test, ventilatori e respiratori, nonché dispositivi di protezione per il personale in prima linea. Il prestito può anche coprire la riabilitazione e la conversione di spazi, unità mediche e ospedali per soddisfare le attuali esigenze di assistenza sanitaria di emergenza.

Francia, a Parigi “tracce minime” di Covid-19 nell’acqua non potabile

EUROPA di

Il 19 aprile, nella capitale francese, il laboratorio dell’azienda comunale “Eau de Paris”, in collaborazione con l’Università Inserm-Sorbonne, ha scoperto “tracce minime” di Covid-19 su 4 dei 27 punti testati della rete idrica non potabile. In virtù del principio di precauzione, è stato immediatamente sospeso l’uso della rete idrica in questione. Secondo il Comune di Parigi non vi è alcun rischio per l’acqua potabile: questa dipende da un’altra rete idrica indipendente e non presenta alcuna traccia del virus, pertanto ne è stato confermato l’uso senza alcun rischio.

Le reti idriche parigine e il principio di precauzione

A Parigi coesistono due reti idriche indipendenti, quella dell’acqua potabile (2.000 km) e quella dell’acqua non potabile (1800 km), una specificità ereditata dal XIX secolo e dal barone Haussmann.

L’acqua potabile proviene da due origini: dalle acque sotterranee e da due impianti di epurazione, dove subisce trattamenti permanenti multi-barriera, intesi a rimuovere tutte le tracce di inquinamento ed agenti patogeni, compresi i virus. “La rete idrica non potabile è fornita dalla cosiddetta acqua grezza, prelevata dalla Senna e dal canale Ourcq, ed instradata senza pesanti trattamenti” ha spiegato il Comune di Parigi, il quale ha precisato che la rete contaminata “viene utilizzata per innaffiare alcuni parchi e giardini, per pulire le strade e per far funzionare i laghi e le cascate di parchi e boschi, nonché alcune fontane ornamentali in parchi o giardini attualmente chiusi al pubblico”.

“Queste sono piccole tracce ma comunque tracce, quindi abbiamo deciso di applicare il principio di precauzione in modo da analizzare i possibili rischi” ha spiegato Célia Blauel, vicesindaca di Parigi, responsabile per le questioni ambientali e presidente del consiglio di amministrazione di Eau de Paris. “Nel contesto di crisi sanitaria, abbiamo rafforzato il nostro programma di monitoraggio sull’acqua potabile e acqua non potabile” ha aggiunto la vicesindaca.

Nel frattempo, con la chiusura della rete idrica dell’acqua non potabile, per disinfettare la città, le strade saranno pulite con acqua potabile mescolata con candeggina (cloro), con il disappunto di molti, poichè l’acqua di deflusso finisce nelle stazioni di purificazione, quindi nei fiumi e negli oceani.

Le indicazioni degli esperti

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il mantenimento del Covid-19 nell’acqua potabile non è impossibile. Studi su virus simili dimostrano una durata di due giorni in acqua non clorata a 20 ° C. Tuttavia, il rischio di contaminazione tramite le reti di acqua potabile è considerato “basso”. A metà marzo, l’OMS ha, infatti, riferito che ad oggi non vi sono prove della persistenza del virus né nell’acqua potabile né nelle acque reflue, così come non vi è alcuna prova che il coronavirus possa essere trasmesso attraverso l’acqua potabile contaminata.

Nonostante la persistenza del Covid-19 nell’acqua potabile non possa essere definita impossibile, l’OMS avverte che i metodi di trattamento delle acque “dovrebbero annullare il Covid-19”. “I trattamenti forniti dalle fabbriche di acqua potabile eliminano qualsiasi rischio di contaminazione”, ha sottolineato anche Antoine Frérot, CEO di Veolia, un gigante globale del settore. Eau de Paris, che serve tre milioni di utenti nella capitale, ha spiegato che le sue fabbriche hanno istituito “diversi trattamenti successivi per eliminare tutti i virus, in particolare attraverso l’ozonizzazione, la disinfezione UV e clorazione”.

La concentrazione del virus è molto bassa nell’acqua e non si può affermare se sia contagioso o meno a questo livello. Su questo punto, Karine Lacombe, Capo del dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Saint-Antoine di Parigi, è fiduciosa. Anche se “sappiamo che c’è materiale genetico, il virus non può moltiplicarsi nell’ambiente, perché ha bisogno di cellule umane e di prendere gli enzimi” ha dichiarato.

Portando avanti le loro indagini, i ricercatori hanno capito che la quantità di virus rilevata nelle acque reflue potrebbe essere un “buon indicatore per monitorare il numero di malati”, come ha spiegato Laurent Moulin, capo del laboratorio di ricerca e sviluppo di Eau de Paris. “Dal 5 marzo abbiamo effettuato un test al giorno per lo screening del virus nelle acque reflue in tre impianti di trattamento (misurazione del carico vitale mediante la cosiddetta tecnica PCR) e abbiamo scoperto che la quantità del genoma virale stava diminuendo” ha dichiarato Vincent Maréchal, professore di virologia alla Sorbona e ricercatore all’Inserm. “Ciò conferma indirettamente una minore circolazione del virus, e quindi l’efficacia del contenimento” ha sottolineato. Essendo semplice, veloce, economico, tale studio è un buon potenziale strumento per trasmettere ai paesi che non hanno i mezzi per testare le persone asintomatiche in ospedale, ha dichiarato Maréchal. Quest’ultimo sta cercando di attuare questo metodo con urgenza, in particolare in Africa, con l’aiuto dell’OMS e dell’Armed Biomedical Research Institute (IRBA).

Francesca Scalpelli
× Contattaci!
Vai a Inizio