GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Category archive

REGIONI - page 3

La sicurezza cibernetica nell’Unione Europea

EUROPA/Senza categoria/SICUREZZA di

Il tema della sicurezza cibernetica é di estrema importanza per enti pubblici, privati e della societá civile di tutto il mondo. La ragione é semplice: pressoché ogni elemento della societá odierna é ormai in contatto – in maniera diretta o indiretta – con il mondo digital-informatico, e che tu sia un singolo privato, una multinazionale o il capo di stato di una qualsiasi nazione, ci saranno informazioni, dati e infrastrutture da proteggere a tutti i costi. Continue reading “La sicurezza cibernetica nell’Unione Europea” »

Tra GDPR e rischi della rete. Il 24 maggio verrà presentato a Viterbo un libro sulla nuova normativa in materia di privacy.

La locandina dell’evento, che si terrà a Viterbo, alle ore 17.30 del 24 maggio, presso il Centro Studi Criminologici

 VITERBO: Tutti, ma proprio tutti, ormai, abbiamo sentito parlare del GDPR, ossia della General Data Protection Regulation. Chi non ha sentito parlare di questo acronimo, però, ha sicuramente percepito che “qualcosa” è cambiato. La privacy stessa, il suo concetto intrinseco, ontologico, ed il suo modo di manifestarsi, sono cambiati.

Una lezione dell’avv. Dell’Aiuto (a sinistra) presso il Centro Studi Criminologici sulla privacy per giornalisti. Fonte www.criminologi.com

Altrettanto, tutti sanno che la privacy non è solo qualcosa che riguarda chi utilizza il computer o si occupa di comunicazione. La privacy o, più correttamente, le leggi che regolano la privacy, ha permeato e sta permeando tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana, lavorativa, familiare.

Se la percezione che se ne trae è che la cosa riguardi solo il mondo di internet et similia, ciò è perché – di fatto – queste cose hanno profondamente mutato la nostra società: una cosa così importante nelle nostre vite non poteva mutare la “sua” privacy senza che ce ne accorgessimo. Parliamoci chiaro però: ai fini pratici, per chi si comporta da normale utente del web o da semplice consumatore, poco o nulla è cambiato. Almeno in apparenza. Perché, in realtà, anche per i singoli utenti, le cose sono ben diverse sia in termini di diritti sia, soprattutto, in relazione ai doveri che dalla nuova normativa derivano.

Totalmente diversa è la faccenda per chi ha un’azienda, svolge una professione, o – anche se soggetto pubblico – conserva e gestisce dati. Ma anche per chi gestisce un sito o per chi si occupa di ricerca. Insomma, chiunque venga a contatto o possa solo potenzialmente avere a che fare con delle informazioni altrui deve adeguarsi al nuovo regolamento europeo 679/2016.

Il regolamento di cui parliamo non abroga il c. d. “Codice della Privacy” italiano, ossia il d. lgs. 196 del 2003, ma lo integra e – parzialmente – lo modifica, essendo la normativa europea regolamentare direttamente applicabile negli Stati membri. Non è escluso che altri regolamenti nazionali attuativi dovranno implementare in Italia la normativa europea ma, in ogni caso, ne vedremo delle belle.

Di questo tema, e dei molti altri argomenti ad esso correlati, si occupa l’ultimo libro scritto dall’avvocato Gianni Dell’Aiuto: “La protezione dei dati personali. Tra GDPR e altri rischi della rete”, pubblicato per i tipi delle Edizioni Efesto nel mese di marzo 2019.

Il libro rappresenta un florilegio di articoli scelti dall’autore tra i numerosi interventi scritti per l’Accademia Italiana Privacye sulla riviste Futuro Europa oltre che, ovviamente, anche qui su European Affairs Magazine. Dell’Aiuto – legale e DPO (data protection officer) di origini toscane, ma appartenente al foro di Roma – tratta delle problematiche connesse al GDPR ed alla privacy in relazione alla comunicazione, alla sicurezza, alle problematiche sociali come lo stalking e la tutela dei minori, senza tralasciare l’impatto che la nuova normativa produrrà nell’uso domestico o professionale di internet, nell’ambito della cybesecurity e del cybercrime, nelle professioni forensi e giornalistiche.

Il fatto che la sua ultima fatica sia un’antologia di articoli non ci deve sorprendere: non possiamo infatti omettere che l’avvocato, oltre a possedere una caratura professionale forense di altissimo livello – che si estrinseca principalmente nell’ambito della contrattualistica e del diritto per l’impresa e la sua internazionalizzazione – ha completato il suo profilo con un’intensa attività di pubblicazione, sia hobbystica che professionale, su numerose riviste ed è anche autore di due romanzi.

il logo della biblioteca internazionale “Scripta Hic Sunt” del Centro Studi Criminologici

Il suo libro verrà presentato a Viterbo, il 24 maggio 2019 alle ore 17.30, presso il Centro Studi Criminologici Giuridici e Sociologici, sito in Piazza San Francesco n. 2, ovviamente a ingresso libero. E anche questo non è casuale.

Come noto, il Centro Studi sta ormai ampliando i suoi interessi ad ambiti sempre più diversificati del diritto, e delle scienze umane e sociali. La trasversalità della trattazione nel testo di Dell’Aiuto, nonché della tematica “privacy” stessa, che permea ormai ogni aspetto della società, non poteva non attirare l’interesse del CSC.

Il Centro, infatti, sta recentemente sviluppando una sensibilità  sia per le questioni internazionali – cosa che il GDPR rappresenta, in quanto norma giuridica sovranazionale – sia proprio per la tutela della privacy: è recentissimo un seminario deontologico tenuto proprio dall’avvocato Dell’Aiuto ed organizzato gratuitamente dall’area giornalismo del CSC in favore di 25 giornalisti, ai fini della formazione professionale continua.

E, inoltre, non è escluso che in futuro il Centro possa avviare un percorso formativo dedicato proprio al GDPR ed alla privacy. La figura del Data Protection Officer, ormai indispensabile nelle aziende e nella Pubblica Amministrazione, è sempre più ricercata nel mondo del lavoro. 

Nel Centro Studi le presentazioni dei libri – e ne sono stati presentati parecchi – sono normalmente organizzate e pianificate dalla dottoressa Maria Assunta Massini Tarsetti, membro del comitato scientifico e direttore della Biblioteca Internazionale “Scripta Hic Sunt” del CSC, che sarà presente insieme all’autore, per accogliere gli appassionati della materia e non solo.

La biblioteca, ove si terrà la presentazione, raccoglie alcune migliaia di volumi attinenti alle materie scientifiche di interesse del Centro e – costantemente aperta al pubblico – è anche inserita nel circuito internazionale del prestito interbibliotecario e nell’anagrafe delle biblioteche italiane.

L’evento sarà moderato da chi scrive, ma questo non è un particolare importante.

La copertina del libro che verrà presentato a Viterbo

 

 

Il Vertice di Sibiu sul futuro dell’Europa

EUROPA di

In un momento cruciale per l’Unione europea, a pochi giorni dalle elezioni del 23-26 maggio, il 9 maggio si è tenuto un vertice informale tra i leader degli Stati membri dell’UE a Sibiu, in Romania, in onore della presidenza rumena del Consiglio dell’UE. Il vertice è stato ospitato da Klaus Iohannis, il Presidente della Romania ed è stato presieduto da Donald Tusk, il Presidente del Consiglio europeo, con la presenza del Presidente della Commissione europea Juncker e del Presidente del Parlamento europeo Tajani. Si tratta di un vertice pensato inizialmente per celebrare i successi della Commissione Juncker e per consolidare un’Europa forte e coesa dopo le vicissitudini della Brexit e prima della tornata elettorale. Tuttavia, la questione Brexit è ancora in sospeso, la Gran Bretagna ha annunciato la sua partecipazione alle elezioni europee e in sede europea persistono difficoltà e frammentazioni, accentuate rispetto a cinque anni fa quando si insediò la Commissione Juncker. Continue reading “Il Vertice di Sibiu sul futuro dell’Europa” »

Elezioni europee: i programmi dei partiti politici italiani

EUROPA di

Il 26 maggio si voterà In Italia per il rinnovo del Parlamento europeo. Verrà utilizzato il sistema previsto dalla legge n. 18 del 1979, un sistema elettorale proporzionale con soglia di sbarramento al 4% e possibilità di voto di preferenza. In particolare, i cittadini andranno a rinnovare i seggi italiani del Parlamento influenzando anche la formazione della Commissione europea. Il numero totale degli eurodeputati è di 751, di cui 73 saranno eletti in Italia; tale dato è stato incerto fino a qualche giorno fa a causa della partecipazione del Regno Unito alle elezioni, che tuttavia è stata confermata.

Continue reading “Elezioni europee: i programmi dei partiti politici italiani” »

8 maggio giornata mondiale della Croce Rossa

EUROPA di

– L’umanitarismo moderno muove i suoi passi oltre 150 anni fa, grazie alla visione di Henry Dunant che, tutt’oggi, guida nel mondo l’operato di milioni di volontari i quali, quotidianamente, contribuiscono alla crescita della più grande organizzazione umanitaria del mondo. L’8 maggio festeggiamo questo impegno attraverso la Giornata Mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, istituita in occasione dell’anniversario della nascita del suo fondatore. Continue reading “8 maggio giornata mondiale della Croce Rossa” »

Venezuela: aria di Guerra Fredda

AMERICHE di

Il Venezuela è la nuova Cuba? Se notiamo quello che sta succedendo nelle relazioni bilaterali tra Usa e Russia, le somiglianze sono tante. Mentre il Paese sudamericano si avvicina ad una possibile guerra civile dalle conseguenze imprevedibili, le tensioni crescono tra le due potenze. Incroci di accuse, minacce, interferenze nelle politiche nazionali, cospirazioni con la leadership militare, ecc. Mosca e Washington ridanno vita in un territorio familiare alle rivalità che hanno segnato i decenni della Guerra Fredda. Mentre il governo di Vladimir Putin sostiene l’attuale presidente Nicolas Maduro, inviandogli aiuti economici e militari per risollevare un’economia la cui crisi lo vede come principale responsabile, l’amministrazione Trump difende i tentativi  da parte del presidente incaricato Juan Guaidò per scalzare dal trono Maduro, tentando di far cadere il regime boicottando il petrolio venezuelano, senza escludere la possibilità di prendere ulteriori misure. Nel frattempo, la popolazione affronta la peggiore crisi umanitaria della storia recente del subcontinente americano.

Forse è John Bolton, il consulente americano per la sicurezza nazionale, che ha chiaramente espresso la sua preoccupazione per la presenza russa in America Latina affermando che tutte le opzioni per rovesciare Maduro, incluse quelle militari, sono sul tavolo. Sul New Yorker, Dexter Filkins descrive  il profilo di quello che è senza dubbio il più grande falco dell’amministrazione Trump. Lo stesso presidente aveva le sue riserve  prima di assumerlo, scherzando sul fatto che il consulente volesse “bombardare il mondo intero”. Il veterano Bolton, dice Filkins, è un uomo umile, autodidatta e disprezzato dall’élite liberali che hanno condiviso con lui la classe alla Yale University. Un’esperienza che lo ha rianimato nella lotta per la causa conservatrice, rendendolo un patriota esaltato. Con una larga carriera nelle amministrazioni repubblicane, da Nixon a Bush jr, Bolton afferma che la Dottrina Monroe è più viva che mai: “America agli americani”. Dal 1823, tale Dottrina stabilì che qualsiasi intervento degli europei in America sarebbe stato visto come un atto di aggressione che avrebbe richiesto l’intervento degli Stati Uniti. L’interferenza russa in Venezuela richiede quindi una risposta. E non necessariamente con un consenso internazionale. Bolton concorda col suo capo nel disprezzo per l’architettura dei trattati e delle alleanze emerse alla fine del secondo conflitto mondiale. Calcola che sono circa 20.000 i cubani presenti in Venezuela agli ordini di Mosca e un centinaio i soldati russi e mercenari disposti a garantire che Maduro continui al potere. “Per espellere i russi devi cambiare regime”, dice fermamente. Questo neoconservatore è riuscito a portare al centro dell’attenzione di Washington il caso sulla presenza di Putin in Venezuela, nonostante i legami tra quest’ultimo e Trump. Bolton accusa Maduro di formare insieme a Cuba e al Nicaragua la “troika della tirannia nell’emisfero occidentale”. Nel subcontinente, con una storia di violenze legata soprattutto alle azioni statunitensi nella regione, questa affermazione suscita tremendi dubbi, causando chissà qualche problema in più a Guaidò, riconosciuto dall’Unione Europea, dal Canada e dalla maggior parte dei Paesi sudamericani (eccetto Messico, Bolivia e Cuba), nella sua corsa alla legittimazione dell’opposizione al regime, difesa con massicce proteste  nelle strade delle principale città venezuelane, nonostante la repressione militare avviata da Maduro. E mentre Washington e Mosca mantengono le proprie posizione, il resto del mondo è preoccupato per la possibilità di un’esplosione del conflitto civile. Come ai vecchi tempi.

Una soluzione negoziata del conflitto è fondamentale: i diritti umani devono stare al di sopra dell’ideologia. I dati del dramma venezuelano sono in questo senso incontestabili: secondo la Banca Mondiale, il PIL del Paese precipiterà del 25% nel 2019 dopo aver accumulato un calo del 60% dal 2013, il tasso di povertà è del 90% e l’inflazione raggiunge il 10.000.000% (o per dirla in altri termini, i prezzi aumentano del 280%). L’Unicef stima che 3,2 milioni di bambini nel paese abbiano bisogno di aiuti umanitari per malnutrizione e malattie. Come il milione di minorenni che hanno abbandonato il paese insieme ai tre milioni di adulti in un esodo paragonabile a quello avvenuto per il conflitto siriano.

Ma la retorica bellicosa di Bolton va oltre il Venezuela. Esperto nell’accumulare, e se necessario produrre, prove per giustificare attacchi come l’invasione dell’Iraq nel 2003, Bolton è uno dei più fedeli sostenitori della guerra all’Iran, all’interno dell’Amministrazione Trump. Una sua ossessione da anni. Quello che sarebbe il sogno del principale alleato americano nella zona, l’Arabia Saudita, visto che indebolirebbe il suo più grande rivale regionale, è una pazzia per molti, incluso alcuni suoi sostenitori. Anche se Trump nella sua campagna elettorale ha promesso di non imbarcarsi più in guerre in Medio Oriente, ritirando le sue truppe da Siria, Arabia Saudita e Israele, entrambi sono favorevoli ad un’azione militare per forzare un cambiamento del regime iraniano. E l’idea guadagna terreno alla Casa Bianca.

Per il premio nobel Joseph Stiglitz il modus operandi di Trump, bellicoso e isolazionista, lascerà un’eredità oscura: “individuare la cosa peggiore del governo Trump non è facile”, afferma in un articolo pubblicato da Project Syndicate, “una politica di immigrazione terribile, la sua misoginia, volgarità e crudeltà, il chiudere un occhio ai suprematisti bianchi, abbandonare il Trattato di Parigi sul clima, come l’Accordo sul nucleare con l’Iran, il disprezzo per l’ambiente, ecc., la lista è devastante”. Ma, per l’economista, il danno più preoccupante è quello fatto alle istituzioni a causa del suo egoismo ed egolatria. “L’attacco che Trump e il suo governo hanno intrapreso contro ciascuno dei pilastri della società americana, e la demonizzazione aggressiva delle istituzioni giudiziarie, minaccia la prosperità degli Stati Uniti e la loro democrazia”.

Di Mario Savina

Accordo Italia-Myanmar per elettrificazione del paese

ASIA PACIFICO di

Un importante Soft Loan Agreement tra l’Italia e il Myanmar del valore di 30 milioni di euro è stato firmato nei giorni scorsi a Nay Pyi Taw, nell’ambito del progetto varato dalla Banca Mondiale per l’elettrificazione del paese. Grazie al contributo italiano – focalizzato soprattutto sullo Stato Chin e sulle aree circostanti, tra le più povere e remote – almeno 100.000 nuclei familiari, per un totale di circa mezzo milione di persone, potranno avere accesso all’energia elettrica.

Continue reading “Accordo Italia-Myanmar per elettrificazione del paese” »

Nigeria, chiesto dal tribunale dell’Aja che il processo contro Shell vada avanti

AFRICA di

Il 1° maggio il tribunale distrettuale dell’Aia, in Olanda, ha emesso una sentenza provvisoria nel ricorso di Esther Kiobel e altre tre donne contro il gigante petrolifero Shell per l’arresto illegale, la detenzione e l’esecuzione dei loro mariti da parte della giunta militare nigeriana negli anni Novanta.  Continue reading “Nigeria, chiesto dal tribunale dell’Aja che il processo contro Shell vada avanti” »

admin
Vai a Inizio