GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Category archive

REGIONI - page 3

L’UE verso le elezioni del Parlamento

EUROPA di

Le elezioni europee di maggio sono uno degli appuntamenti più importanti del 2019: si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo, l’unica assemblea transnazionale al mondo a elezione diretta che rappresenta gli interessi dei cittadini a livello europeo. In particolare, l’europarlamento elegge il Presidente della Commissione europea, nomina i suoi commissari, adotta le norme e approva i bilanci. Tra il 23 e il 26 maggio tutti i cittadini europei con età superiore ai 18 anni sono chiamati ad esprimere la loro opinione votando i loro rappresentanti all’europarlamento. Nelle elezioni è fondamentale che vi sia quanta più partecipazione possibile da parte dei cittadini che si troveranno a scegliere il destino del PE.

Continue reading “L’UE verso le elezioni del Parlamento” »

Repubblica della Macedonia del Nord: la fine della disputa con la Grecia

EUROPA di

È arrivata l’approvazione del Parlamento greco all’accordo di Prespa, raggiunto lo scorso giugno tra il Primo Ministro greco, Alexis Tsipras ed il Primo Ministro macedone, Zoran Zaev, per dare un nuovo nome alla Macedonia. “Repubblica della Macedonia del Nord” è il nuovo nome ufficiale dello Stato balcanico.

Continue reading “Repubblica della Macedonia del Nord: la fine della disputa con la Grecia” »

Trattato di Aquisgrana: la rinascita dello spirito europeo tramite l’accordo franco-tedesco

EUROPA di

56 anni dopo la firma del Trattato dell’Eliseo, firmato nel 1963 da Konrad Adenauer e Charles de Gaulle, il 22 gennaio, Angela Merkel ed Emmanuel Macron hanno sottoscritto il Trattato di Aquisgrana, con caratteri diversi, adattati al contesto odierno. Continue reading “Trattato di Aquisgrana: la rinascita dello spirito europeo tramite l’accordo franco-tedesco” »

La vendita della cittadinanza nell’UE

EUROPA di

Il 23 gennaio 2019 la Commissione europea ha affrontato la questione dei programmi di vendita della cittadinanza e dei sistemi di residenza nei confronti degli investitori non europei da parte di Stati membri europei. La Commissione, in particolare, si è soffermata sui rischi di tali programmi, a partire da problemi quali la sicurezza degli Stati, il riciclaggio di denaro, l’evasione fiscale, la corruzione e così via. Continue reading “La vendita della cittadinanza nell’UE” »

Naufragio nel Mediterraneo: 117 dispersi

EUROPA di

Il Mediterraneo Centrale è tornado ad essere un enorme cimitero per i migranti che cercano di arrivare dal Nord Africa in Europa. Un gommone, con a bordo 120 persone proveniente da Tripoli, è naufragato nella giornata di venerdì. Con praticamente nessuna ONG che pattuglia l’area, a causa della politica  dei porti chiusi e della criminalizzazione dei soccorsi che il governo italiano ha portato avanti, sono passati circa tre ore prima che un aereo della marina militare italiana arrivasse in aiuto delle vittime. Solo tre persone (due sudanesi e una gambiana) sono sopravvissute, per quanto ne sappiamo, e sono state trasportate a Lampedusa in grave stato di ipotermia. Ci sono 117 dispersi.

La ricerca dei dispersi, in un’area a 45 miglia da Tripoli, nel bel mezzo di una zona SAR (una zona di ricerca e salvataggio in cui nessuna  nave straniera  può entrare  senza il permesso delle autorità libiche) continua ininterrottamente. Anche se non è stato possibile trovare nemmeno i resti del gommone. Secondo La Repubblica, tra i dispersi risulterebbero circa dieci donne, di cui una incinta e due bambini piccoli, uno di solo dieci mesi.

La situazione è stata molto confusa fino all’ultimo momento. Inizialmente era stato riferito che dispersi fossero solo 20, quelli avvistati da diversi mezzi aerei mentre l’imbarcazione stava affondando. “Sfortunatamente le dimensioni di questa tragedia è molto più grave di quanto sembrava in principio. C’è stata una certa confusione sul numero di sopravvissuti, ma ci hanno confermato che 120 soggetti sono partiti a bordo del gommone”, ha detto Flavio Di Giacomo, rappresentante dell’IOM (International Organization for Migration). Di Giacomo ha anche sottolineato che i sopravvissuti hanno riferito che dopo undici ore di navigazione il gommone in cui viaggiavano ha iniziato a sgonfiarsi e a poco a poco le persone iniziavano a cadere in mare.

L’ONG tedesca Sea Watch, che ha avuto un conflitto con il governo italiano solo due settimane fa quando non è stato permesso di sbarcare i 49 migranti salvati e che sono rimasti a bordo della nave per quindici giorni, aveva già segnalato venerdì che uno dei suoi aerei di controllo aveva avvistato questa chiatta nella quale erano presenti 25 persone a bordo.

Proprio quest’ultimo naufragio si verifica in un momento in cui c’è solo una nave con missione umanitaria, la Sea Watch 3, che era anche lontana dalla zona in questione, pattugliando il Mediterraneo, perché le nave della ONG spagnola Open Arms è bloccata in Spagna dalle autorità e la Sea Eye è alla ricerca di un porto per il cambio di equipaggio.

Il ritiro forzato delle navi di soccorso delle ONG che operavano nel Mediterraneo prima della chiusura dei porti avviata dall’Italia ha causato un blackout totale nella sorveglianza dell’area, quindi è difficile sapere cosa sta accadendo esattamente in alto mare. Inoltre, il presunto trasferimento della competenza dei soccorsi alla Guardia Costiera libica si è rivelato un fallimento: a causa della mancanza di risorse e, in molti casi, volontà.

Gli arrivi in Italia sono diminuiti nel 2018 di oltre l’80%. In Italia sono arrivati 28.210 persone via mare nel 2018, rispetto ai quasi 120.000 del 2017. Tuttavia, nello stesso anno, sono annegati nel Mediterraneo 2242 persone che cercavano di raggiungere l’Europa, rispetto alle 3139 del 2017 e alle 5143 dell’anno precedente.

Di Mario Savina

Israele distrugge i tunnel di Hezbollah al confine con il Libano

MEDIO ORIENTE di

L’esercito israeliano termina la cosiddetta operazione Scudo del Nord lanciata lo scorso dicembre per distruggere i tunnel costruiti dal partito della milizia sciita di Hezbollah sul confine libanese. “Abbiamo scoperto un sesto tunnel lungo ottocento metri sul versante libanese che è ha sconfinato in Israele per decine di metri”, ha confermato l’esponente dell’esercito israeliano Jonathan Conricus in un’intervista per fornire dettagli sulla fine dell’operazione.

Il passaggio, il cui ingresso si troverebbe in una casa nella città di confine di Ramyeh, sarebbe alto due metri, un metro di larghezza e penetrerebbe per circa 55 metri nel territorio controllato da Israele. Secondo l’esercito sarà distrutto “nei prossimi giorni” in quanto, a detta di Conricus, è il tunnel “più lungo e accurato” fra tutti quelli costruiti da Hazbollah, perché dotato di binari di trasporto, luce elettrica e scale in alcune sezioni. “Secondo le nostre stime ormai non esiste più alcun tunnel che penetra nel territorio israeliano”, ha detto il portavoce militare, confermando anche che Hezbollah mantiene ancora infrastrutture sotterranee sul lato libanese del confine e che l’esercito continuerà a monitorare i movimenti della milizia sciita per evitare futuri attacchi e identificare nuove minacce.

I militari ebrei dicono di aver informato della nuova scoperta l’operazione di pace in Libano delle Nazioni Unite (UNIFIL), incaricata di sorvegliare il “cessate il fuoco” raggiunto dopo la guerra del 2006. Israele, che dà la responsabilità al Libano delle attività di Hezbollah sul confine, intende anche proteggere i 120 chilometri che confinano con il suo vicino settentrionale con un muro di cemento del quale ha già costruito un decimo. Proprio questo fine settimana, il capo dello stato maggiore dell’esercito israeliano, il generale Gadi Eisenkot, ha detto in un’intervista a due stazioni televisive locali, che una delle  principali motivazioni che hanno portato ad una maggiore attività di controllo e ricerca sono stati gli sforzi dell’Iran di aprire un nuovo fronte contro Israele, l’impegno a consolidare la sua posizione in Siria e quello di rafforzare Hezbollah. Eisenkot ha detto che alla fine della guerra nel 2006, il gruppo sciita libanese ha avuto il sostegno iraniano e forgiato “un piano sofisticato per conquistare zone di Israele (in una futura battaglia)”. Uno degli obiettivi, per Eisenkot, era “il progetto faro di Hezbollah” che comprendeva anche lo sviluppo di armi precise per raggiungere obiettivi specifici su larga scala in Israele e che è stato annullato con l’Operazione Scudo del Nord e con gli attacchi ebraici in Siria. Su quest’ultimo punto, il capo dello staff ha anche confermato in dichiarazioni al New York Times che negli ultimi anni Israele ha effettuato migliaia di attacchi in territorio siriano. “Abbiamo raggiunto migliaia di obiettivi senza assumerci responsabilità o chiedere credito”, ha ammesso al giornale nordamericano, affermando che solo nel 2018 l’aviazione ha lanciato più di duemila bombe. Proprio lo scorso venerdì sera c’è stato un altro bombardamento israeliano nei pressi dell’aeroporto di Damasco. Un attacco riconosciuto poche ore dopo dal Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, in un gesto insolito. “Nelle ultime 36 ore l’Air Force ha attaccato i depositi di armi iraniani in Siria. Siamo più determinati che mai  ad agire contro l’Iran in Siria, come abbiamo promesso”, ha ammesso Netanyahu durante l’incontro settimanale del suo Gabinetto.

Di Mario Savina

Migrati: il caso Sea Watch e Sea Eye

EUROPA di

“Tra due ore sbarchiamo, è finita”: così un volontario della nave Sea Watch3 ha annunciato la fine della lunghissima impasse iniziata il 22 dicembre, che ha coinvolto gli Stati europei nell’ennesimo tentativo di trovare una soluzione alla questione dei flussi migratori. I 49 migranti a bordo delle due navi delle ONG tedesche Sea Watch e Sea Eye sono sbarcati a Malta. La notizia dello sbarco è stata data mercoledì 9 gennaio dal primo ministro di Malta, Joseph Muscat, durante una conferenza stampa.

Continue reading “Migrati: il caso Sea Watch e Sea Eye” »

Francesca Scalpelli
Vai a Inizio