GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Category archive

EST EUROPA - page 3

  Primo summit tra Russia e Africa tra cooperazione e timori

EST EUROPA di

Al via il primo summit tra quasi 50 paesi africani e la Federazione russa, che si è tenuto dal 23 al 24 ottobre bella città di Sochi nella parte meridionale del paese. In questi 2 giorni si è parlato di vari argomenti, tra cui: cooperazione internazionale, relazioni economiche, creazione di forum di discussione, supporto diplomatico e progetti commerciali. Continue reading “  Primo summit tra Russia e Africa tra cooperazione e timori” »

Elezioni in Polonia, vittoria della destra, con un ritorno della coalizione di sinistra in parlamento

EST EUROPA di

Si sono svolte il 13 ottobre le elezioni per i due rami del Parlamento in Polonia, dove il partito di destra “Diritto e Giustizia (Prawo i Sprawiedliwość)”, rappresentato da Jaroslaw Kaczynski, ha ottenuto una chiara vittoria, bissando quella verificatasi solo qualche mese fa durante le elezioni europee. Continue reading “Elezioni in Polonia, vittoria della destra, con un ritorno della coalizione di sinistra in parlamento” »

Repubblica Ceca, i giovani fanno sentire la propria voce

EST EUROPA di

Era il 1968 quando Dubcek ha preso il potere nell’allora Repubblica Cecoslovacca: la sua esperienza politica, breve ma intensa, ha cambiato la storia del Paese. La serie di riforme attuate in favore di maggiori diritti e libertà ha comportato una rigida reazione da parte dell’Unione Sovietica, la quale ha fatto invadere il paese da un corpo di spedizione militare. Quest’ultimo è stato accolto a Praga da una serie di proteste e di manifestazioni di dissenso che sono culminate con il suicidio di Jan Palach, patriota simbolo della resistenza cecoslovacca. Esattamente 50 anni fa, nel 1969, Jan Palach si è immolato per il proprio paese, cospargendosi di benzina e appiccando lui stesso il fuoco; questo atto è stato ripetuto nei giorni seguenti anche da altri ragazzi, sacrificatisi per lo stesso motivo, con l’obiettivo di scuotere le coscienze dei proprio connazionali e convincere quante più persone possibili a porre fine al loro atteggiamento arrendevole verso il governo.

Continue reading “Repubblica Ceca, i giovani fanno sentire la propria voce” »

Ucraina, nuove sfide per il nuovo parlamento tra bilancio, infrastrutture e spazio

EST EUROPA di

Continuano i lavori per la nuova composizione del Parlamento ucraino (Verchovna Rada), scaturita dalle elezioni politiche anticipate del 21 luglio del 2019, al quale spetta l’arduo compito di portare avanti l’ondata riformista chiesta a gran voce dal popolo ucraino, durante le tornate elettorali presidenziali e politiche. Tutto è partito dall’ultima campagna elettorale che ha portato alla vittoria Volodymyr Zelens’kyj, ex comico e uomo dello spettacolo a diventare Presidente della Repubblica, sbaragliando i suoi avversari politici ottenendo un successo con la maggioranza del 73,22%, la più alta mai registrata dal 1991, quando l’Ucraina si è resa indipendente dall’Unione Sovietica. Continue reading “Ucraina, nuove sfide per il nuovo parlamento tra bilancio, infrastrutture e spazio” »

Importantissimo scambio di prigionieri di guerra tra Ucraina e Russia

EST EUROPA di

Il sette settembre, dopo lunghe e intense trattative, è avvenuto lo scambio tra le autorità ucraine e russe di 70 prigionieri di guerra (35 per parte), che potrebbe essere un primo ed importante passo verso una definitiva pace della guerra che ormai da anni affligge la regione della Crimea. Continue reading “Importantissimo scambio di prigionieri di guerra tra Ucraina e Russia” »

Anniversario della catena umana che ha attraversato i paesi baltici per chiedere l’indipendenza dall’Urrs e scenari odierni

EST EUROPA/EUROPA di

Il 23 agosto si celebra il trentesimo anniversario della catena umana lunga circa 600 chilometri che, nel 1989 ha collegato le tre capitali degli stati baltici: Tallinn, Riga e Vilnius. Organizzata come una protesta non violenta nata dai movimenti indipendentisti delle tre nazioni, per chiedere il distaccamento dall’Unione Sovietica, che iniziò ad avvenire circa 6 mesi più tardi. Questo atto di disubbidienza pacifica viene considerato come l’atto principale della cosiddetta “rivoluzione cantata”, cioè un movimento di liberazione non violento nato dal 1987 al 1991, il quale prende il nome da un articolo giornalistico a seguito delle proteste di massa durante il festival di musica della canzone estone tenutosi a Tallinn, che utilizzava canti popolari e inni nazionali vietati durante il regime sovietico. Continue reading “Anniversario della catena umana che ha attraversato i paesi baltici per chiedere l’indipendenza dall’Urrs e scenari odierni” »

Matteo Fontanieri
× Contattaci!
Vai a Inizio