GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Author

admin

admin has 255 articles published.

Ad Hong Kong cresce la paura per il virus, Carrie Iam: “gli ospedali rischiano il collasso”

ASIA PACIFICO di

È stato un giorno di pioggia mercoledì ad Hong Kong e i social si sono popolati di foto raffiguranti lavoratori perlopiù del settore delle costruzioni e dei servizi di pulizia intenti a pranzare all’aperto sotto l’acquazzone estivo. Mangiare all’interno è infatti vietato dalle nuove leggi per contrastare il Coronavirus che comprendono anche l’obbligo di indossare le mascherine in tutti gli spazi pubblici e il permesso di incontri tra massimo due persone di famiglie diverse. Si tratta di norme particolarmente restrittive ma necessarie per affrontare la nuova ondata di contagi che sta affliggendo Hong Kong, che riporta ormai da giorni un numero di infezioni superiori alle 100 giornaliere, quando meno di un mese fa il numero non superava la decina. Continue reading “Ad Hong Kong cresce la paura per il virus, Carrie Iam: “gli ospedali rischiano il collasso”” »

Libia, la situazione aumenta il traffico d’armi

Senza categoria di

Secondo il protocollo delle Nazioni Unite, per commercio illegale sul traffico d’armi si intende “l’importazione, l’esportazione, l’acquisizione, la vendita, la consegna, il movimento o il trasferimento non autorizzato di armi da fuoco, di loro parti, componenti e munizioni da o attraverso il territorio di uno Stato verso quello di un altro Stato”.

Continue reading “Libia, la situazione aumenta il traffico d’armi” »

Graduation Ceremony del 136’ Senior Course al Nato Defense College

SICUREZZA di

Al NATO Defense College di Roma, presso la città militare della Cecchignola, si terrà la mattina del 17 di Luglio il Cambio di Comando e la Graduation Ceremony del Senior Course 136. Avverrà quindi il cambio di comando: la generale uscente è Chris Whitecross, Generale di Squadra Aerea in Canada, mentre al suo posto verrà insignito il Generale di Corpo d’armata di Francia Olivier Rittmann. Sarà inoltre presente il Direttore dell’International Military Staff della Nato, il Generale Hans-Werner Wiermann.


Continue reading “Graduation Ceremony del 136’ Senior Course al Nato Defense College” »

Il Coronavirus in America Latina: in Brasile il virus dilaga, a Cuba la pandemia è (quasi) un ricordo.

AMERICHE di

In Sudamerica il Covid-19 si è innestato su sistemi sanitari già fragili e profonde disuguaglianze sociali. Con qualche eccezione. Con lAsia e lEuropa che sembrano essere in via di faticosa e lenta guarigione, la corsa per linfausto primato mondiale nella terribile classifica dei contagi e delle morti per Covid si riduce ormai ad un macabro testa a testa tra Nord America e America Latina. Continue reading “Il Coronavirus in America Latina: in Brasile il virus dilaga, a Cuba la pandemia è (quasi) un ricordo.” »

L’espansione cinese del 5G

INNOVAZIONE di

Il 23 Marzo 2019 determina una svolta storica delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Cina, grazie all’adesione al progetto Belt and Road Iniziative. Una firma voluta sia dal presidente Xi Jinping sia dal  Ministro degli affari esteri Luigi di Maio, convinto che questo passo  sia un fatto puramente commerciale.

Ci troviamo di fronte a una nuova Geopolitica mondiale ,con la Cina che vuole espandersi, vuole dominare, creando nuove infrastrutture, telecomunicazioni, mezzi di trasporto. Nonostante le difficoltà insorte a causa del Covid-19, la Cina non si arrende, anzi, continua a progredire. Ma esattamente in che modo? Da un anno, c’è una parola che suscita timore in Europa ma soprattutto negli Stati Uniti: 5G. In generale, quali sono gli equilibri geopolitici legati allo sviluppo del 5G e perché sembrano così determinanti?

Per comprenderli, occorre partire da cosa sia il 5G e perché si distingue rispetto alle altre tecnologie precedenti. A partire dal 1982, grazie alla diffusione commerciale del primo standard tecnologico per la trasmissione dei dati mobile, circa ogni dieci anni si è assistito al passaggio a una nuova generazione, più efficace, più veloce. Ogni cambiamento ha comportato un incremento nelle potenzialità di queste nuove tecnologie.

Il 5G- acronimo di 5th Generation- rappresenta un mix di tecnologie di telefonia mobile e cellulare, i cui standard offrono prestazioni e qualità superiori rispetto al 4G. Questo permette un cambio nella concezione stessa della rete: mentre le infrastrutture precedenti sono state create considerando solamente l’utilizzo da parte dell’essere umano, il 5G è realizzato in modo tale da permettere la comunicazione tra quei sistemi digitali che necessitano di un enorme quantitativo di dati per funzionare in maniera automatica. In altre parole, questa tecnologia dovrebbe assicurare alle auto a guida autonoma, alle città smart e a tutti gli altri progetti innovativi di passare alla fase dell’applicazione e della diffusione su scala commerciale e locale. Dato il potenziale impatto sui trasporti, sull’industria, lo sviluppo di questa infrastruttura ha creato non poche preoccupazioni. Sia per la possibilità che dati e informazioni che viaggiano sul network possano essere intercettate, sia per il pericolo che i sistemi nascondano un codice in grado di bloccare le reti o controllare il funzionamento in caso di conflitto con i Paesi favorevoli alla ricerca e allo sviluppo. Un recente articolo di Bert Hubert, ricercatore britannico, riporta casi in cui operatori di telecomunicazioni non hanno idea di cosa accada nelle loro reti, in quanto non ne hanno più il controllo tecnologico. 

La Cina, in questo contesto, vuole usufruire di questa tecnologia per ergersi, per controllare non solo il mondo asiatico ma anche l’Europa. Pertanto, il problema non è insito nella tecnologia in sè, ma nell’uso che se ne fa. Ed è questo il motivo principale dell’acuirsi della Cold War tra Stati Uniti e Cina. L’appello di Washington a interrompere le collaborazioni con Huawei, colosso mondiale e leader nel settore Ict ( Information and CommunicationTechnology), rappresenta un tentativo di indebolire la politica estera cinese. In queste ore, anche Londra ha escluso Huawei dalla sua rete 5G, avvicinandosi a Washington. Ma l’Europa, in particolare l’Italia, che posizione ha assunto? Se da una parte vediamo una Germania che continua a temporeggiare per non scontentare Pechino, dall’altra parte, troviamo l’Italia, che sebbene ancora in bilico, sceglie la moral suasion sugli operatori, adottando una presa di distanze soft. Non vi è ancora una compattezza sul da farsi: Tim ha deciso di escludere Huawei dalla gara per la core network 5G. Luigi di Maio ha più volte dichiarato che serve, in merito al 5G, una normativa europea. Resta dura, invece la posizione anti-Cina da parte di Forza Italia: “Dare la rete 5G in mani cinesi sarebbe come cedergli la banca d’Italia: non possiamo farlo” sostiene il vicepresidente Antonio Trajani“L’idea di un mercato europeo in cui far fiorire i fornitori tecnologici europei è nostro interesse e nostro obiettivo”.

Di Michela Chillemi

Gli Italoamericani si uniscono in difesa di Colombo

AMERICHE di

Le cinque maggiori organizzazioni di italoamericani uniscono le forze per difendere la memoria di Cristoforo Colombo. L’Ordine dei Figli d’Italia in America (www.osia.org), insieme alle altre importanti organizzazioni a supporto degli americani di discendenza Italia, la Columbus Citizens Foundation, l’ISDA, la NIAF ed UNICO National, hanno unito le forze per un’operazione senza precedenti finanziando la costituzione della National Columbus Education Foundation

Continue reading “Gli Italoamericani si uniscono in difesa di Colombo” »

Rotto il cessate il fuoco tra Azerbaijan e Armenia

ASIA PACIFICO di

Nuovi scontri sul confine tra l’Armenia e l’Azerbaijan, nel pomeriggio del 12 luglio un fitto fuoco di artiglieria ha colpito le posizioni dell’Azerbaijan violando di fatto il “cessate il fuoco” in vigore. L’immediata rispota delle forze in campo ha contenuto l’attacco senza perdita di posizioni.

Continue reading “Rotto il cessate il fuoco tra Azerbaijan e Armenia” »

Gaetano Armao confermato alla presidenza del gruppo interregionale per l’insularità del comitato europeo delle regioni

POLITICA di

Il Comitato europeo delle Regioni (CdR) a Bruxelles ha confermato per il nuovo mandato (2020-2025) il Gruppo interregionale per l’Insularità, confermando come suo Presidente Gaetano Armao, Vicepresidente ed Assessore all’economia della Regione Siciliana, come Vicepresidente Nanette Maupertuis, componente dell’esecutivo regionale della Corsica, e come segretario organizzativo Leonardo Di Giovanna, funzionario della Regione Siciliana. Continue reading “Gaetano Armao confermato alla presidenza del gruppo interregionale per l’insularità del comitato europeo delle regioni” »

UNIFIL Medal Parade al Sector West

MEDIO ORIENTE di

I caschi blu italiani ricevono la United Nations Medal. Oltre 250 le UN Medal consegnate ieri ai caschi blu del Sector West. Una rappresentanza degli oltre mille peacekeeper dell’Esercito Italiano e dei quasi tremila colleghi delle quindici nazioni impegnate nel sud del Libano sotto comando italiano.

La Medal Parade è la cerimonia che sancisce l’impegno di uomini e donne, il loro servizio sotto egida delle Nazioni Unite, la loro competenza e professionalità a favore della collettività.

“Il conferimento della UN Medal si arricchisce oggi di significato – ha ricordato il Comandante del Sector West, Gen. B. Diego Filippo Fulco – voi avete dimostrato spirito di sacrificio, flessibilità e capacità di adattamento, caratteristiche che vi hanno permesso, ci hanno permesso di tener fede al nostro mandato nonostante le difficoltà dettate dall’emergenza sanitaria che ci ha posto a confronto con problematiche nuove e imprevedibili.”

La UN Medal racchiude simbolicamente le oltre 250 attività quotidiane, le cinquanta pattuglie sulla Blue Line, i più di 1300 progetti di cooperazione civile-militare, il supporto alle Lebanese Armed Forces ma anche le tante esercitazioni multinazionali, l’aiuto alla popolazione, la salvaguarda della stabilità, l’impegno per la sicurezza, in una parola il peacekeeping.

1 2 3 26
admin
× Contattaci!
Vai a Inizio