Il bando Digital Transformation del Mise per la trasformazione digitale e tecnologica delle PMI

in ECONOMIA by

Considerando il particolare periodo di crisi economica che stiamo attraversando, è opportuno essere aggiornati rispetto a quelle che sono le agevolazioni economiche, poste in essere dal nostro Governo, per le piccole e medie imprese italiane (PMI), al fine di fronteggiare questa peculiare fase storica. A tal proposito, tra gli incentivi che sono stati disposti dal Ministero dello sviluppo economico (Mise) figura il bando di Digital Transformation, che comprende un insieme di agevolazioni a sostegno della trasformazione digitale e tecnologica dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese.

Da un punto di vista normativo, tutti i dettagli del bando in questione, vale a dire termini e modalità di presentazione delle domande, le condizioni di partecipazione, i criteri per la determinazione e rendicontazione delle attività nonché gli elementi utili a definire i dettagli per l’attuazione delle agevolazioni, sono disciplinati con il Decreto direttoriale del 1 ottobre 2020, nonostante il Decreto in questione riprenda, per la maggior parte, il Decreto direttoriale del 9 giugno 2020. Nello specifico, il Decreto del 9 giugno disciplina l’intervento agevolativo del bando di Digital Transformation istituito dall’articolo 29, commi da 5 a 8, del Decreto Crescita che ha l’obiettivo di supportare i processi di trasformazione tecnologica e digitalizzazione all’interno delle PMI.

L’intervento agevolativo legato al bando in questione rientra all’interno del Piano Nazionale Impresa 4.0 che individua i progetti diretti all’implementazione di tecnologie abilitanti nonché identifica le altre tecnologie utili relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera. Il Piano Nazionale Impresa 4.0, considerato come un’evoluzione del Piano Nazionale Industria 4.0, non è altro che un pacchetto di incentivi che ha l’obiettivo di agevolare gli investimenti in tecnologie digitali da parte delle aziende per sostenere il processo di transizione al paradigma 4.0 delle imprese. Questo Piano, in cui rientrano le agevolazioni legate al bando di Digital Transformation, è spinto dalla consapevolezza che esiste un profondo gap, in termini di sviluppo digitale e tecnologico, rispetto alla media dei paesi europei; come tale, l’obiettivo ultimo sarebbe quello di ridurre il gap attualmente esistente.

Come riportato sul sito del Mise, per il bando di Digital Transformation è stato disposto un ammontare pari a 100.000.000 EUR e possono fare domanda le imprese che presentano le seguenti caratteristiche:

  • essere iscritte come attive nel Registro delle imprese;
  • operano in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • hanno conseguito, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 100.000,00;
  • dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese;
  • non sono sottoposte a procedura concorsuale e non si trovano in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Approfondendo il secondo punto del precedente elenco, al fine di ricevere le agevolazioni legate alla Digital Transformation, le PMI devono operare all’interno di uno dei settori sotto elencati, così da supportare il processo di innovazione e crescita di competitività dell’intero settore produttivo del nostro Paese:

  • settore manifatturiero e/o nel settore diretto per il servizio alle imprese manifatturiere;
  • settore turistico per tutte quelle imprese che vogliono avviare un processo di digitalizzazione della fruizione dei beni culturali;
  • settore commerciale.

La percentuale delle agevolazioni è concessa, secondo quanto riportato dal Mise, sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili pari al 50%e si divide in: 10%sotto forma di contributo mentre il restante 40%sotto forma di finanziamento agevolato.

È importante tenere in considerazione che sarà possibile presentare domanda per ottenere le agevolazioni unicamente per via telematica, a partire dalle ore 12.00 del 15 dicembre 2020.

 

 

A seguire, il bando di Digital Transformation spiegato dal Dottor Marco Croella, esperto nel settore della Finanza Agevolata e dell’Innovazione.

Iscriviti al Canale di European Affairs Magazine

Per ulteriori approfondimenti sul bando Digital Transformation cliccare qui

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*