Crisi in Bielorussia: gli interessi e i benefici della Russia

in EST EUROPA by

Pubblicato su “Antikor” – La recente visita del primo ministro russo Mikhail Mishustin a un incontro con Lukashenko a Minsk può significare l’accordo preliminare degli accordi di integrazione con la Russia e la consegna di alcuni beni industriali a Mosca. Tutto il resto già scritto rischia di essere formalizzato direttamente durante i successivi colloqui tra Putin e Lukashenko al Cremlino.

Nonostante i colloqui dietro le quinte e il sostegno ufficiale di Lukashenko, Mosca non ridurrà le sue attività attive in Bielorussia. Per dirla più precisamente, Mosca non contribuirà alla liquidazione del movimento di opposizione della Bielorussia, il cui schermo è il «Consiglio di coordinamento» per il trasferimento di potere. La formulazione «Consiglio di coordinamento» non è di per sé nuova. È apparso nel 2012 durante le proteste in piazza Bolotnaya a Mosca, quando una parte insoddisfatta della popolazione è saliti per le strade della capitale russa.

Una situazione simile è ora in corso dal Cremlino in Bielorussia, dove il «Consiglio di coordinamento», con l’assistenza di – almeno – tecnologi politici russi, ha formato Svetlana Tikhanovskaya.  La situazione che si sta sviluppando nel campo di opposizione bielorusso è molto simile agli eventi della Russia nel 2012 – ognuna delle forze politiche sta cercando di sfruttare il vantaggio tattico e, agendo nell’interesse della Federazione russa, ritarda l’attenzione delle masse di protesta. È ovvio che le forze politiche all’interno del «Consiglio di coordinamento» hanno cominciato a competere tra loro e a risolvere pubblicamente le relazioni.

Ad esempio, un video pubblicato da Victor Babariko sull’inizio della formazione del nuovo partito di opposizione ‘Insieme’. Il Partito di Babariko è stato creato per due motivi. La prima è che Mosca ha bisogno di un partecipante legale al processo di negoziazione politica in Bielorussia. Il secondo è quello dei negoziati con le autorità, la creazione di un consiglio costituzionale seguendo l’esempio di quello russo, in cui saranno discussi gli emendamenti alla Costituzione della Bielorussia. È altresa importante che non vi sia un’unica visione di un ulteriore trasferimento di potere nel campo di opposizione.

Tikhanovskaya vede un periodo di transito senza Lukashenko, ma sotto un governo ad interim degli attuali ministri. Babariko vuole parlare con Lukashenko, ma non parlano del periodo di transito. Nonostante il gran numero di possibili leader del movimento di protesta, Mosca considera due – Babariko e Tsepkalo. Maria Kolesnikova (persona chiave dei media) fa parte del team di Babarico. Poco si può dire al riguardo, a parte la piccola biografia ufficiale relativa alla musica in Germania. Tuttavia, è evidente che in un paio di mesi è diventata un politico che, a differenza di Tikhanovskaya, è in grado di guidare la protesta. Anche le persone Babariko possono essere chiamati Maxima Sign (avvocato professionista), Pavel Latushko (ex ambasciatore della Bielorussia in Polonia, Portogallo, Francia, ex ministro della cultura), Svetlana Alekseevich (scrittore, premio Nobel).

Tutti i rappresentanti del team di Babariko, che fanno parte del Consiglio di coordinamento della Bielorussia, non riconoscono la Crimea come parte dell’Ucraina, non vogliono rispondere alle domande relative all’aggressione russa nel Donbass e allontanarsi dalle risposte relative all’integrazione approfondita della Bielorussia e della Russia, sostenendo che esiste un trattato dell’Unione tra i due paesi, che disciplina le questioni dell’interazione politica ed economica tra paesi.

Tuttavia, ora l’attenzione più attiva dovrebbe essere focalizzata su Valeria Tsepkalo. La sua strategia ricorda quella precedentemente scelta dall’ex presidente ucraino Petro Poroshenko. Ora Tsepkalo, così come l’ex capo dello stato ucraino, visita gli stati stranieri, comunica con i politici stranieri e si avvale del loro sostegno. È importante capire che è l’unico che ha promesso a Lukashenko e alle sue garanzie di sicurezza familiari in Bielorussia. Ed è stato Tsepkalo a promettere alla Russia la creazione dello Stato dell’Unione.

 

Articolo pubblicato su “Antikor”

International Press Release

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*