GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Coronavirus, la Commissione europea presenta la strategia sui vaccini

in EUROPA by

La Commissione europea ha presentato il 17 giugno la strategia europea per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di vaccini contro la diffusione del Covid-19. La Commissione intende sostenere gli sforzi volti a garantire la disponibilità di vaccini sicuri ed efficaci in un lasso di tempo compreso tra 12 e 18 mesi. L’Unione europea riconosce l’importanza della sfida globale e garantisce la diffusione universale del vaccino, a garanzia della sicurezza mondiale. A tal fine, un importante passo è stato compiuto dalla formazione di un’alleanza sui vaccini: Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi si sono uniti in un’alleanza che mette in comune le risorse e le visioni di ognuno.

La strategia europea

La strategia dell’Unione europea per garantire l’accelerazione dello sviluppo, produzione e distribuzione di vaccini è stata presentata dalla Commissione europea e persegue diversi obiettivi. In particolare, si vuole assicurare la qualità, la sicurezza e l’efficacia dei vaccini; si mira a garantire agli Stati membri un accesso rapido al vaccino, guidando anche lo sforzo di solidarietà globale; si vuole offrire il prima possibile un accesso equo a un vaccino accessibile. La Commissione riconosce che lo sviluppo di un vaccino è un processo lungo e complesso, e con la strategia presentata si sosterranno gli sforzi volti ad accelerare lo sviluppo e la disponibilità di vaccini in un lasso di tempo compreso tra 12 e 18 mesi. La strategia europea poggia su due pilastri: garantire la produzione di vaccini nel territorio dell’Unione europea e forniture sufficienti ai suoi Stati membri grazie agli accordi preliminari di acquisto con i produttori di vaccini; adattare il quadro normativo dell’UE all’attuale situazione di emergenza e ricorrere alla flessibilità normativa esistente per accelerare lo sviluppo, l’autorizzazione e la disponibilità dei vaccini. Elemento fondamentale della strategia europea è l’importanza che si dà alla solidarietà globale. L’UE infatti, contribuisce con la propria strategia anche allo sforzo mondiale per test, trattamenti e vaccinazioni su base universale: si vogliono mobilitare risorse mediante impegni internazionali e unendo le forze con i paesi e le organizzazioni sanitarie mondiali anche attraverso il quadro collaborativo “Access To Covid-19 Tools Accelerator”.

“È il momento della scienza e della solidarietà. Nulla è certo, ma ho fiducia nella nostra capacità di mobilitare le risorse necessarie per sviluppare un vaccino capace di vincere questo virus una volta per tutte, dobbiamo essere pronti a produrlo e distribuirlo in Europa e nel mondo” – ha dichiarato la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – “Il vaccino segnerà una svolta nella lotta contro il coronavirus, a testimonianza di ciò che riusciamo a ottenere quando mettiamo insieme conoscenze, ricerca e risorse. L’Unione europea farà il massimo possibile affinché tutti, nel mondo, abbiano accesso a un vaccino, senza distinzione di luogo”.

Gli accordi con i produttori

La strategia della Commissione europea pone alla base l’istituzione di accordi con i produttori di vaccini anti-coronavirus in cambio dell’accesso garantito al diritto di acquisto di dosi per i paesi europei. Per sostenere tali accordi, la Commissione utilizzerà lo strumento di sostegno all’emergenza varato per il Covid-19 con una somma iniziale di 2,7 miliardi di euro, ma ancora adesso aperto alle donazioni. In cambio del diritto di acquistare un determinato numero di dosi di vaccino in un dato periodo, la Commissione finanzierà una parte dei costi iniziali sostenuti dai produttori di vaccini. Il tutto assumerà la forma di accordi preliminari di acquisto, quindi i finanziamenti verranno considerati come un acconto sui vaccini che poi gli Stati membri acquisteranno effettivamente. Quanto ai criteri di finanziamento, la Commissione prende in considerazione, in particolare: solidità dell’approccio scientifico e della tecnologia, velocità di consegna su scala, costi, condivisione del rischio, responsabilità, copertura di diverse tecnologie, dialogo tempestivo con le autorità di regolamentazione dell’UE, solidarietà globale.

L’alleanza sui vaccini

“Insieme ai Ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato nei giorni scorsi l’alleanza per il vaccino, ho sottoscritto un contratto con Astrazeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi di vaccino da destinare a tutta la popolazione europea”. A dichiarare la conclusione dell’alleanza è Roberto Speranza, Ministro della salute italiano. Entro la fine dell’anno, la multinazionale britannica AstraZaneca fornirà il vaccino anti-coronavirus all’Italia e agli altri tre paesi dell’alleanza, oltre che agli altri paesi europei. L’importanza dell’alleanza sta nel fatto che questi paesi riusciranno ad avere sufficienti razioni di vaccino per immunizzare tutta la fascia di popolazione più a rischio: per l’Italia, si tratta di essersi garantiti circa 30 milioni di dosi per coprire, entro l’anno, 14 milioni di over 65, immunodepressi, diabetici e malati sottoposti ad un elevato rischio di contagio. La produzione dei vaccini è affidata al colosso britannico, all’università di Oxford ed anche all’Irbm, società italiana con sede a Pomezia e operante nel settore della biotecnologia, che parteciperà tramite la sua divisione Advent per i vaccini innovativi. “All’Italia, che è stata la prima in Europa a conoscere da vicino questo virus, oggi è stato riconosciuto di essere tra i primi Paesi a dare una risposta adeguata. E anche con questa notizia oggi dimostriamo che vogliamo essere in prima linea nell’approvvigionamento di un vaccino, nella ricerca e nelle terapie che allo stato risultano essere più promettenti”, ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, commentando l’alleanza.

Molto soddisfatta si è mostrata anche la commissaria alla salute Stella Kyriakides, la quale commentando l’alleanza ha affermato “Siamo dalla stessa parte. Stiamo già lavorando insieme ai quattro Paesi, tutti stiamo cercando un modo flessibile e veloce di arrivare a un vaccino e i risultati dovranno convergere per il bene dei Ventisette”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

× Contattaci!
Vai a Inizio