Francia, lo stato del Covid-19 tra l’avvio dell’Operazione Resilienza e le dichiarazioni di Macron

in EUROPA by

Il Covid-19 continua a colpire duramente lo Stato francese. Il 25 marzo, Emmanuel Macron ha annunciato, a Mulhouse, il lancio dell’“Operazione resilienza”: una missione sanitaria e logistica, affidata all’esercito. Due giorni dopo, il 27 marzo, il Primo Ministro francese, Edouard Philippe, ha annunciato l’estensione del periodo di applicazione delle misure restrittive, imposte dallo scorso 17 marzo: le misure saranno prolungate-almeno-fino al 15 aprile, non cesseranno, dunque, a fine marzo, come era stato inizialmente annunciato dal Presidente della Repubblica, Emmanuel Macron. Quest’ultimo, ha accettato di rispondere alle domande formulate da alcune testate giornalistiche italiane, invocando una solidarietà europea nella gestione dell’emergenza.

“Operazione resilienza”

Inventato dagli psichiatri, il concetto di resilienza è ora utilizzato per battezzare una nuova missione dell’esercito francese. Sulla strada per l’ospedale militare di Mulhouse (Alto Reno), colpito duramente dalla pandemia, il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha annunciato l’Operazione chiamata “Resilienza”. Ai militari verrà affidata una triplice missione: salute, logistica e protezione, come sintetizzato dal Ministero delle forze armate.

L’ Operazione sarà interamente dedicata ad aiutare e sostenere la popolazione ed i servizi pubblici per affrontare l’emergenza, nella Francia continentale e nei territori di oltremare.

La direzione spetta al Capo dello stato maggiore, il Generale François Lecointre. Il 58enne ha avuto molte esperienze operative: nella Repubblica Centrafricana nel 1989, durante la Guerra del Golfo nel 1991, in Somalia nel 1993, in Gabon e poi in Ruanda nel 1994 ed a Sarajevo nel 1995.

L’Operazione sarà gestita sette giorni su sette dal Centro di pianificazione e gestione delle operazioni (CPCO), situato nei locali del Ministero delle Forze armate, a Balard, nel 15 ° arrondissement di Parigi. I militari non saranno responsabili dell’applicazione delle misure di contenimento della popolazione, ma potranno, di volta in volta, proteggere edifici o siti sensibili, come assicura il Ministro delle Forze armate, Florence Parly. “Gli eserciti non intendono emettere contravvenzioni in caso di inosservanza del confinamento (…) ma vi sono luoghi in cui sono immagazzinati attrezzature mediche, medicine e respiratori. Questi sono luoghi di importanza vitale. Proteggerli da possibili furti, che abbiamo visto moltiplicarsi negli ultimi giorni, è assolutamente essenziale”, ha dichiarato il Ministro. L’esercito verrà anche mobilitato per operazioni sanitarie e logistiche nelle zone di oltremare con meno risorse rispetto alla Francia continentale, dove il virus si sta propagando velocemente.

 

Le forze armate francesi sono state mobilitate dal 18 marzo per rimpatriare per via aerea 18 pazienti dall’Alsazia, 12 dalla Corsica in barca, nonché per installare una struttura ospedaliera dotata di 30 letti di rianimazione a Mulhouse: questi sforzi, tuttavia, prima dell’avvio dell’Operazione, sono stati fatti in ordine disperso. Avere un comando chiaro è positivo in termini di coordinamento e coerenza generale, guadagnando enormemente in velocità ed efficienza.

Tuttavia, regna l’incognita sul numero effettivo di uomini mobilitati. “Il nostro obiettivo è quello di essere in grado di soddisfare le esigenze espresse dalle prefetture regionali, che sollevano le richieste dei prefetti del dipartimento o delle agenzie sanitarie regionali”, ha affermato il Colonnello Frédéric Barbry, portavoce del Capo di Stato maggiore. “I numeri mobilitati dipenderanno dalle esigenze e quindi varieranno nel tempo” ha aggiunto.

Vi è chi mette in guardia da “aspettative non realistiche” e ritiene che manchino attrezzature e personale, sostenendo che lo strumento di difesa francese, nel 2020, non è più pensato per un’operazione nazionale di soccorso in caso di calamità. Il servizio sanitario militare ha subito, infatti, brutali tagli al bilancio negli ultimi vent’anni. All’inizio della crisi del coronavirus, un funzionario della difesa, interrogato su possibili rinforzi da impiegare, rispose: “Non li abbiamo”.

L’intervista a Macron

Il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha accettato di rispondere ad una serie di domande scritte dal “Corriere della Sera”, “la Repubblica” e “La Stampa”, nella sua prima intervista a media stranieri da quando è cominciata l’emergenza sanitaria, e nel momento cruciale in cui l’Europa si divide sulla risposta da dare all’emergenza. “Con Giuseppe Conte, Pedro Sánchez e altri sei capi di Stato e di governo abbiamo indirizzato, prima del Consiglio, una lettera a Charles Michel per inviare un messaggio chiaro: non supereremo questa crisi senza una solidarietà europea forte, a livello sanitario e di bilancio. Questo è il punto di partenza. Gli strumenti vengono in seguito e dobbiamo essere aperti: può trattarsi di una capacità di indebitamento comune, oppure di un aumento del bilancio Ue per permettere un sostegno reale ai Paesi più colpiti da questa crisi”- ha dichiarato il Presidente francese -“Preferisco un’Europa che accetti divergenze e dibattiti piuttosto che un’unità di facciata che conduce all’immobilismo. Se l’Europa può morire, è nel non agire. Come Giuseppe Conte, non voglio un’Europa del minimo comune denominatore. Il momento è storico: la Francia si batterà per un’ Europa della solidarietà, della sovranità e dell’avvenire”.

Sul tema del futuro dello spazio europeo senza frontiere Macron ha, poi, affermato “Dobbiamo fare tutto il possibile per fermare la diffusione del virus, ma sempre agendo da europei: coordinare le nostre misure sanitarie, chiudere le nostre frontiere esterne per evitare di esportare e di importare nuovamente il virus, mantenere il più possibile le nostre frontiere interne aperte per lasciar passare i lavoratori e i beni essenziali, dare prova di una solidarietà finanziaria e, domani, ridurre la dipendenza dell’Europa nei settori produttivi strategici, come le medicine e le attrezzature mediche. So che gli italiani e i francesi condividono questa battaglia e questa speranza nell’Europa”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*