Italia, 27 carceri in rivolta, emergenza sicurezza

in SICUREZZA by

Domenico Mastrulli Segretario Generale Nazionale della Federazione Sindacale CO.S.P. COORDINAMENTO SINDACALE PENITENZIARIO da Trani ci ilustra la situazione da fuori dal carcere ormai in rivolta.

“ A Trani la situazione è sfuggita di mano,tutti i detenuti 300 circa hanno preso il carcere in mano,una 40 di loro sono sui tetti e gettano indumenti e carte infuocate,forze dell’ordine circondano il carcere ed elicotterio polizia e carbinieri sorvolano tutto il carcere, stessa situazione a Matera, a Foggia dove sembra che i 600 rivoltosi hanno buttato fuori la Polizia Penitenziaria 50 di loro sono fuggiti di cui 30 già riarrestati. si parlerebbe di 6 morti nel carcere e di feriti tra gli agenti.

Quali Iniziative? Non siamo assolutamente d’accordo con la linea del Ministro Bonafede che poco ha fatto per risolvere i problemi del dipartimento penitenziario.

Si rende invece necessario dare la responsabilità Delle carceri alle prefetture, richiamare 7.000 agenti dalla pensione come gia stato fatto per la sanita, togliere dai servizi amministrativi gli agenti che invece sarebbero necessari nelle carceri, abolire la Vigilanza dinamica e altre soluzioni senza efficacia e in questa fase di crisi chiedere il supporto dell’esercito per l vigilanza perimetrale.”

Stessa situazione di crisi stessa a Matera, Roma Rebibbia, Frosinone, Salerno e Palermo in tutte e due le carceri.

Una emergenza cosi non su vedeva dagli anni 70 durante l’emergenza terrorismo ma oggi in contemporanea all’emergenza virus rappresenta un grave pericolo per la sicurezza nazionale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*