UE-Turchia: Charles Michel incontra Erdoğan ad Ankara

in EUROPA by

Il 4 marzo, ad Ankara, il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha incontrato il Presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan. Anche l’alto rappresentante Josep Borrell ha partecipato all’incontro.
Sul tavolo la situazione migratoria alle frontiere marittime e terrestri dell’Unione europea e la crisi in Siria.

Il contesto

L’incontro del 4 marzo tra Michel ed Erdoğan si inserisce in un quadro complesso, in continua evoluzione.
Nel dettaglio, negli ultimi giorni si è aperto un nuovo flusso di migranti dalla Turchia: solo nei primi due giorni di marzo sono arrivate dalla Turchia 1.200 persone. Ciò ricorda il flusso di circa un milione di richiedenti asilo che nel 2015 partì dalla Turchia e risalì l’Europa orientale, attraverso la cosiddetta “rotta balcanica”. Questo incide su una situazione già di per sé difficilissima con oltre 40 mila migranti, di cui più di 13 mila minori, bloccati nei campi sovraffollati delle isole greche in condizioni allarmanti, aggravate dalle tensioni scaturite recentemente. Save the Children ricorda che nelle isole greche “i bambini, vivono in condizioni disumane, dormendo anche all’aperto nei rigori invernali e sono esposti a rischi per la salute e a violenze e stanno pagando un prezzo altissimo”.
Alle frontiere dell’Unione europea, dunque, la situazione rischia di precipitare. Anche i principali leader europei temono che la situazione possa diventare di nuovo molto complicata: il Primo Ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, ad esempio, ha sospeso l’esame delle richieste di protezione dei migranti in arrivo dalla Turchia, mentre diversi suoi colleghi hanno parlato della necessità di rinforzare le frontiere estere dell’UE.
La partnership tra Unione europea e Turchia relativa alla questione migratoria è stata siglata nel 2016, quando, a seguito dell’incremento notevole dei flussi nel corso dell’anno precedente, le due parti hanno deciso di fermare la migrazione irregolare dalla Turchia verso l’UE. Questa decisione ha seguito il Piano d’azione comune UE-Turchia avviato il 29 novembre 2015 ed una dichiarazione UE-Turchia. L’accordo in questione mira a colpire il modello di business dei trafficanti di esseri umani ed elimina gli incentivi a percorrere rotte irregolari per raggiungere l’UE, nel pieno rispetto della legislazione europea ed internazionale.
In seguito all’accordo raggiunto nel 2016 , è stato stabilito il ritorno in Turchia di tutti i migranti irregolari in viaggio verso le isole greche. Gli Stati membri dell’UE, in quell’occasione, hanno altresì deciso di fornire tempestivamente alla Grecia i mezzi necessari per fronteggiare i flussi, tra cui guardie di frontiera, esperti in materia di asilo ed interpreti.⁹

L’incontro tra Michel ed Erdoğan

L’incontro del 4 marzo è stato definito “franco” ma “necessario”.
Relativamente alla questione migratoria, il Presidente del Consiglio europeo ha ribadito il suo sostegno a Grecia, Bulgaria e Cipro, riconoscendo altresì gli sforzi della Turchia nell’ospitare milioni di rifugiati. La dichiarazione UE-Turchia rimane la base del partenariato nel settore ed è stata concordata la necessità di continui sforzi da entrambe le parti.
Una nota del Consiglio precisa che “ridurre le attuali tensioni migratorie ai confini dell’Europa è essenziale” e che l’Unione europea si definisce “pronta ad accelerare il sostegno ai siriani in Turchia e alle loro comunità ospitanti”. L’UE, inoltre, si è detta disposta a fornire assistenza aggiuntiva agli sfollati a Idlib. Infine, si ribadisce la necessità di “un cessate il fuoco sostenibile e una soluzione politica duratura alla crisi siriana” e che “tutti gli attori rispettino il diritto internazionale umanitario”.
In giornata la Commissaria Ue per gli aiuti umanitari, Ylva Johannson, aveva dichiarato: “I confini dell’Unione europea non sono aperti e non devono esserlo. Siamo di fronte a una pressione straordinaria ai confini perciò serve solidarietà da parte di tutti gli Stati. Occorre proteggere i confini ma nel pieno rispetto dei diritti umani; e non c’è contraddizione tra difendere i nostri confini e difendere i diritti umani”.
“Gli Stati europei devono agire immediatamente per porre fine alle condizioni disumane in cui si trovano migliaia di bambini e adolescenti intrappolati sulle isole di approdo in Grecia, garantendo la loro accoglienza e protezione attraverso il ricollocamento, dando seguito all’appello del presidente del Parlamento europeo Sassoli sulla protezione dei minori più vulnerabili in condizioni di emergenza in Grecia” queste le parole di Raffaela Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children. Quest’ultima ha sottolineato che la situazione che rischia di peggiorare ulteriormente ed in tale contesto, il richiamo alla responsabilità dei singoli stati non può rimanere inascoltato mettendo così a rischio la vita e il futuro di tanti minori. “Occorre immediatamente mettere in atto un meccanismo di responsabilità condivisa, che tuteli rifugiati e richiedenti asilo, anziché chiudersi in egoismi nazionali” ha proseguito la Milano“anche di fronte alla grave emergenza umanitaria con migliaia di persone al confine di Edirne, dove secondo le stime il 40% sono donne e bambini, gli Stati Europei non possono comportarsi come se la cosa non li riguardasse. Non si gioca con la vita dei bambini”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*