Faschion Week, Tecnologia e Coronavirus

in Senza categoria by

Il mondo della moda subisce il grande colpo del corona virus in occasione della faschion week di Milano.

L’ 80% degli acquirenti mancherà fisicamente intorno alle passerelle dell’ alta moda, più di mille cinesi saranno impossibilitati a partecipare alla grande vetrina della moda milanese, a sopperire perlomeno in parte sarà la tecnologia. La Camera lancia la campagna “China we are with you” gli addetti del settore e i compratori cinesi potranno essere presenti a Milano in diretta Steaming a tutte le sfilate in calendario, ma non solo, la tecnologia abbatterà tutte le barriere, dal 18 al 24 febbraio saranno online contenuti speciali, si potranno guardare interviste, osservare i backstage, interagire con ospiti stilisti e modelle.

Carlo Capasa, presidente della Camera della Moda, si dice molto orgoglioso di questa iniziativa in quanto è la prima volta che accade una cosa del genere, vuole dimostrare la vicinanza nei confronti del popolo cinese. Per questo a dare il via alle sfilate autunno-inverno sarà proprio uno stilista cinese, uno degli otto designer orientali che la Camera ha deciso di ospitare nel faschion hub iniziativa per proporre le collezioni di stilisti emergenti che verrà aperta venerdì 21 febbraio al Museo Pezzoli. A proposito della moda di questo millennio che prende spunto dalle Lezioni americane di Italo Calvino, per raccontare con parole e immagini la moda come metodo scientifico e, nel fascino del mondo della letteratura.

Si potranno ammirare abiti delle case di moda più importanti Dior, Chanel, Gucci Valentino Prada Armani tanti altri.

Sabato 22 invece si apriranno le porte per il flash mob Faschionable EcoArtShow a Palazzo dei Giureconsulti. I due eventi vogliono promuovere produzione e consumo responsabile nel rispetto del nostro pianeta.

Il sistema moda ha chiuso il 2019 con otre 90 miliardi, in crescita dello 0,8% trainato dall’export, il corona virus peserà sul primo trimestre del 2020 si prevede un calo dell’ 1,8% in attesa di vedere cosa succederà nelle prossime settimane.

F.B. Fumarola

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*