Abbattimento PS752: l’Ucraina rilascia comunicazioni intercettate sulla torre dimostrando che l’Iran era a conoscenza del lancio di missili

in EST EUROPA by

L registrazioni dimostrano che gli iraniani hanno visto il missile dal momento in cui è stato lanciato e nel momento in cui ha colpito l’aereo ucraino.

Nelle ultime notizie dall’Ucraina, TSN ha intercettato comunicazioni intercettate.Tyzhden tra la torre dell’aeroporto di Teheran e il secondo pilota del volo iraniano Aseman Airlines al momento dello schianto del volo Ukraine International Airlines PS752.

Il pilota dell’aereo civile iraniano ha visto sia il lancio del missile che l’esplosione, le registrazioni audio, dimostrano TSN che sono state ricevute dai servizi di intelligence. “Ma soprattutto, il record mostra che i servizi aerei iraniani non hanno semplicemente nascosto la vera causa dell’incidente aereo dell’UIA. Il record dimostra che gli iraniani hanno visto il missile dal momento del lancio e fino al momento in cui ha colpito l’aereo ucraino “, afferma il rapportoIl volo Ukraine Airlines PS752 è decollato dall’aeroporto di Teheran alle 6:20 l’8 gennaio 2020. Allo stesso tempo, il volo iraniano Shiraz-Tehran, EP3768, operato da Aseman Airlines si stava preparando ad atterrare a Teheran. In circa tre minuti, un pilota iraniano ha visto il lancio di un missile. Leggi anche Reuters: l’Iran punta a esaminare le scatole nere dell’aereo abbattuto, non è ancora stato pianificato di inviarle all’estero.

Di seguito è riportata una trascrizione completa delle comunicazioni intercettate tra la torre di Teheran e il volo 3768 (incluso un po ‘tra la torre e PS752).

Torre: – Dopo 6000 piedi a Paroch.

Pilota EP3768: – Ci stiamo avvicinando da nord, 3768.

Torre: – Buongiorno, 3768.

Torre: – Aseman 3768 (non udibile), identifica 3343 a sinistra, livello 110.

Pilota EP3768: – Volo 3768, entra.

Pilota EP3768: – Ci stiamo avvicinando da nord, 3768.

Pilota EP3768: – No, signore?

Pilota EP3768: – Zona 320, attiva per il passaggio?

Torre: – GPS (non udibile).

Pilota EP3768: – Razzi sul percorso, come da un missile. Dovrebbe succedere qualcosa del genere lì?

Torre: – Zona 320? A quante miglia di distanza? Dove?

EP3768 Pilota: – Non posso dirlo con certezza. Ma penso che sia vicino (campo aereo) Payam, (città) Karaj. Torre: – Quante miglia? Dove?

Pilota EP3768: – Ora vedo la luce mentre vola via da lì.

Torre: – Non ne eravamo informati.

Torre: – Com’è? Che aspetto ha questa luce?

Pilota EP3768: – Quella è sicuramente la luce di un missile.

Torre: – Non sta volando verso la città (Teheran), vero?

Pilota EP3768: – Potrebbe essere … Oh, no, volava dalla direzione della città.

Torre: – Non siamo stati informati, ma continua a guardare.

Pilota EP3768: – Va bene. Sto salendo sulla pista di atterraggio.

Torre: – “Ukraine International Airlines” 752, leggi?

Torre: – “Ukraine International Airlines” 752, leggi?

Torre: – “Ukraine International Airlines” 752, leggi ?! (messaggio ripetuto più volte dalle 02:27 alle 04:25, senza risposta)

Torre: – “Aseman” 3768, 9000 (non udibile), pista di atterraggio.

Tower: – “Aseman” 3768, tutto, non vedi nient’altro lassù?

Pilota EP3768: – Signor ingegnere, abbiamo visto un’esplosione, un grande bagliore dall’esplosione, non capiamo di cosa si tratti.

Torre: – Non lo sappiamo con certezza …

Pilota EP3768: – Il nostro corso è OK?

torre: – Sì, non credo che ci saranno problemi per te. Pilota EP3768: – Dio non voglia!

“Come riferito da UNIAN, la mattina dell’8 gennaio, un aereo passeggeri ucraino operato da Ukraine International Airlines, il volo PS752 Teheran-Kiev si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran. Tutti i 167 passeggeri e nove membri dell’equipaggio a bordo sono morti nell’incidente. L’intero equipaggio e due passeggeri erano cittadini ucraini. Il giorno successivo, 45 esperti ucraini in vari settori sono partiti per Teheran per esaminare le circostanze dell’incidente. Tutti i vettori ucraini hanno sospeso i voli nello spazio aereo Iran e Iraq in attesa di sondaggi.Fin dall’inizio, gli iraniani hanno affermato che è stato un problema tecnico a causare l’incidente. Tuttavia, la sera del 9 gennaio, diverse importanti edizioni e canali TV statunitensi hanno riferito che il Boeing 737-800 gestito da Ukraine International Airlines era stato erroneamente abbattuto dall’Iran poco dopo essere decollato dall’aeroporto di Teheran. Foto e riprese video che mostrano missili che potrebbero aver abbattuto l’aereo, così come i video del momento dell’incidente, sono stati condivisi sui social media e sono arrivati ​​alle notizie globali. Il primo ministro canadese Justin Trudeau e il primo ministro britannico Boris Johnson, citando intelligence e alleati, hanno dichiarato che l’aereo è stato colpito da un missile terra-aria iraniano. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritenuto sospetto l’incidente aereo, aggiungendo che credeva che l’aereo potesse schiantarsi su determinati “errori” commessi in Iran. Il giorno successivo, gli esperti ucraini, che lavorarono sulla scena e alla fine ottennero l’accesso al relitto della parte anteriore del jet, trovarono anche prove del colpo missilistico.

La mattina dell’11 gennaio, l’Iran ha riconosciuto ufficialmente che il jet passeggeri ucraino è stato abbattuto da un missile. La dichiarazione ufficiale affermava che la tragedia era avvenuta a seguito di un “errore umano”. L’aereo civile è stato scambiato per un oggetto ostile dopo che si è rivolto verso una struttura militare gestita dal Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha definito la tragedia “un errore imperdonabile” e ha dichiarato che il Paese continuerà a indagare sull’incidente.

A sua volta, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che “Non è stato un buongiorno ma ci ha portato la verità”. Zelensky ha risposto alla dichiarazione dell’Iran confermando che l’UIA è stata colpita da un missile, dicendo che l’Ucraina si aspetta che l’Iran riconosca pienamente il senso di colpa per aver abbattuto l’aereo UIA, indagare sull’incidente e rimpatriare i corpi delle vittime.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*