Farmaci: Nuovo regime 2020

in ECONOMIA by

Sono oltre duecento i farmaci che subiranno un rincaro ed oltre dieci le più grandi aziende a detta di Reuters a delineare le percentuali che andranno dal 4% al 10%.

I nomi più importanti che decideranno il mercato sono: Pfaizer, Teva, Novartis Merck, Alergan e Sanofi. Solo Pfaizer stando all’agenzia britannica avrebbe scelto una cinquantina di prodotti, Amy Rose, portavoce dell’azienda ha confermato l’aumento del 27% del portfolio della società per un totale del 5,6% dei prezzi. Trenta i prodotti GSK, la compagnia aumenterà il prezzo del suo blockbuster per il trattamento respiratorio, l’aumento dovrebbe essere tra il l’1% e il 5%. Sanofi ha scelto dieci farmaci e l’aumento sarà sulla falsariga di quello pensato da GSK. Teva alzerà il prezzo di quindici medicinali proponendo un rincaro di oltre il 6%.

Per ciò che riguarda i farmaci di fascia C, ossia quelli da banco non soggetti a limiti univoci l’aumento si aggirerà al 5,7%, la stima dei farmaci che subiranno l’incremento sarà all’incirca di ottocento unità, che andranno dagli antinfiammatori ai colliri fino ad arrivare alle pomate.

F.B. Fumarola

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*