L’Europa studia la possibilità di aumentare il commercio con l’Egitto

in AFRICA by

Secondo il capo della delegazione dell’Unione Europea in Egitto, Ivan Surkos, la Commissione UE sta conducendo un’indagine sulla possibilità di spostare l’Egitto a un livello superiore in termini di accordo di libero scambio. Questa ipotesi si potrebbe concretizzare già tra un paio di mesi e definirebbe ciò che può essere offerto alla parte egiziana per facilitare lo scambio commerciale; con tutta probabilità il nuovo accordo sarà una via di mezzo tra l’accordo di associazione UE-Egitto già firmato e il Fondo e Area di libero scambio completa (DCFTA).

L’accordo di associazione UE-Egitto riguarda essenzialmente la zona di libero scambio e si concentra principalmente sullo scambio di merci senza restrizioni, ha spiegato l’ambasciatore, sottolineando che l’UE ha un altro livello di accordo commerciale chiamato DCFTA e comprende servizi su accordi commerciali.

Lo studio dell’UE riguarda come armonizzare le procedure di appalto con l’Egitto, come integrare l’e-commerce e come raggiungere un riconoscimento reciproco delle norme tecniche, ha detto l’ambasciatore, aggiungendo che l’UE ha proposto un DCFTA alle autorità egiziane che pur non essendo pronte per il momento, hanno accettato di portare almeno l’accordo commerciale ad un altro livello.

I cluster commerciali ed economici del Consiglio di Accordo sull’associazione UE-Egitto si incontreranno al Cairo il 16 e 17 giugno per discutere le possibilità di ciò che può essere fatto al prossimo livello degli accordi commerciali congiunti, ha detto Surkos.

In aggiunta l’UE offre all’Egitto un enorme sostegno finanziario per il settore idrico che ammonta a 450 milioni di euro per progetti che coprono 12 governatorati e che miglioreranno la vita di circa 12,5 milioni di egiziani.

Non c’è dubbio che il vasto potenziale energetico non sfruttato dell’Egitto offre immense opportunità per i cittadini e le imprese di beneficiare appieno della transizione energetica sostenibile, ha affermato l’ambasciatore.

“Sappiamo tutti che la domanda di elettricità dell’Egitto sta crescendo rapidamente a causa della sua popolazione in crescita e dello sviluppo economico e industriale. Il governo egiziano sta agendo nella giusta direzione con la sua nuova “Strategia energetica sostenibile 2035”, che è stata finanziata dall’UE “, ha affermato l’ambasciatore. Finanziamenti che non si limitano al settore idrico, ma che ricomprendono lo sviluppo di un parco eolico da 240 MW nel Golfo di El Zayt e un altro da 250 MW in costruzione nel Golfo di Suez, ha aggiunto Surkos.

Inoltre, il gruppo politico dell’accordo di associazione UE-Egitto terrà riunioni il 23 e 24 giugno 2019 per discutere degli aggiornamenti delle questioni politiche, ha osservato l’ambasciatore, aggiungendo che l’UE ha concordato più di 60 milioni di euro (67 milioni di dollari) per le questioni legate alla migrazione un anno fa, ma che tuttavia devono ancora essere approvate dal Parlamento.

L’Egitto è un partner chiave per l’UE e uno dei paesi che svolge un ruolo cruciale nella regione, ha detto l’ambasciatore, aggiungendo che la stabilità e la sicurezza sostenibile dell’Egitto non sono importanti solo per gli egiziani, ma anche per l’intera regione e per l’Unione Europea.

L’UE è fermamente convinta che la democrazia, i diritti umani e le libertà fondamentali siano essenziali per raggiungere la stabilità sostenibile della regione, sottolineando l’importanza della società civile, che partecipa in modo determinante allo sviluppo economico, politico e sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*