Algeria, proteste contro il quinto mandato: quasi un migliaio di avvocati in piazza

in AFRICA by

 Centinaia di avvocati, a Bareau, Algeri, e anche a Blida, Boumerdes, Tizi Ouzou, Biskra, Setif, Bouira, Tipaza, solo per citarne alcuni, hanno preso parte, giovedì, in una protesta contro il 5 ° mandato del presidente uscente, in risposta a un appello lanciato il giorno prima dal consiglio dell’ordine di Algeri.

Vestiti nei loro abiti neri, con molti striscioni e bandiere di sollevamento, hanno marciato verso la sede del Consiglio costituzionale cantando, “la difesa nega la violazione della Costituzione”, “gli avvocati non abdicano e non hanno paura”, ” non il 5 ° mandato”, ecc.

Alle 9:00 sono arrivati in piccoli gruppi prima di radunarsi su entrambi i lati del marciapiede di fronte al quartier generale del Ministero dell’Energia, Val d’Idra, Algeri. Con canti patriottici e slogan ostili che chiedevano “rispetto per la costituzione”, hanno lottato per sfondare il muro della polizia sulla strada. Un’ora dopo, il viale che porta al Consiglio costituzionale è invaso dai manifestanti. La decisione presa è di salire alla sede del consiglio istituzionale, situato a poche centinaia di metri. La polizia è sorpresa dal rapido progresso degli avvocati. Le barriere metalliche che isolano la parte superiore di questa grande strada, cadono a terra. La polizia è sopraffatta. Non possono più contenere la massa di avvocati, armati di bandiere, che improvvisamente avanzano verso il Consiglio.  Il primo gruppo arriva lì, con lo slogan “Algeria, repubblica e non regno”, “la difesa è infuriata”. Sono quasi mille ad aver aderito all’evento. Si riuniscono presso l’ingresso principale del terzo istituto del Paese, gridando a gran voce la loro rabbia nei confronti del 5 ° mandato. Vogliono consegnare un messaggio scritto al presidente, Tayeb Belaiz.

Due rappresentanti vogliono consegnare il messaggio. Una volta dentro, è ammesso solo. Tuttavia, torna indietro dopo che l’agente lo informa che l’intervista non sarà con il presidente del consiglio ma con un amministratore. In questa lettera, la barra di Algeri ricorda Tayeb Belaiz e i membri dell’istituzione che presiedono la loro responsabilità di fronte alla storia, e il loro dovere di garantire il rispetto della Costituzione “. Li mette in guardia contro qualsiasi convalida della candidatura del presidente in carica per un 5 °termine, che non rispondono ai criteri non solo per la questione della la salute, ma anche per il rispetto della procedura che richiede ai candidati di presentare loro anche il loro record.

In sindacato richiede “il ritiro di quest’ultima (la candidatura) dalle competizioni elettorali, il rispetto delle libertà collettive, in particolare quelle relative alle i diritti di manifestare pacificamente e di esprimersi, il rinvio delle elezioni per un periodo di transizione di un anno, durante il quale un tecnocrate governativo sarà responsabile dell’organizzazione di elezioni presidenziali trasparenti”.

Il sindacato ha anche annunciato uno sciopero di quattro giorni a tutte le giurisdizioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*